If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Relitti subacquei: il recupero degli artefatti del CSS Alabama

Reading Time: 12 minutes

 

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XIX SECOLO
AREA: ARCHEOLOGIA

parole chiave: CSS Alabama, USS Kearsarge, battaglia di Cherbourg

 

Una delle tante storie del mare, ben documentate che, seguendo la vecchia regola che il mare nasconde ma non ruba, racconta il ritrovamento dopo circa un secolo del relitto di una nave corsara confederata, il CSS Alabama. La sua scoperta e quel primo recupero non furono semplici ed oggi ve li raccontiamo.

Il CSS Alabama era uno sloop-of-war costruito nel 1862 per la Marina degli Stati Confederati a Birkenhead, Inghilterra, dalla John Laird Sons and Company. 220 piedi complessivi con un pescaggio di 17 piedi ed un dislocamento di 1.050 tonnellate, con i suoi due motori a vapore ed  un unica elica poteva fare 13 nodi. Per l’armamento velico, era fornita di bompresso e due alberi, leggermente inclinati verso poppa, armati con vele auriche, un particolare tipo di vela con forma trapezoidale che si stende a poppavia degli alberi. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è css-alabama.jpg

piano velico da https://timlennoxonline.blogspot.com/

L’Alabama servì come nave corsara confederata, attaccando navi mercantili e miliari dell’Unione nel corso dei suoi due anni di carriera. La nave condusse parecchie missioni al comando di un celebre comandante, Raphael Semmes, affondando o catturando ben 65 mercantili e navi dell’Unione. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è On-Watch-Captain-Raphael-Semmes-Alabamas-commanding-officer-standing-by-his-ships.jpg

il Comandante Semmes sul ponte del CSS Alabama appoggiato ad uno dei suoi sei cannoni da 32 libbre

Tra le sue vittime più famose la USS Hatteras, un piroscafo con scafo in ferro da 1.126 tonnellate acquistato dalla Marina dell’Unione all’inizio della guerra civile americana. Equipaggiato come cannoniera e assegnato al blocco dell’Unione dei porti e dei corsi d’acqua degli Stati Confederati d’America fu colto di sorpresa e affondato dal CSS Alabama al largo della costa di Galveston, Texas.  

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è css-alabama-bandiera-1024x662.png

bandiera confederata che si dice fosse appartenuta alla CSS Alabama,  e poi passata di padre in figlio .. è stata venduta all’asta a New York per 180000 dollari

L’ultima battaglia
Dopo sette missioni la CSS Alabama fu affondata nel giugno 1864 dal USS Kearsarge. La nave corsara si trovava nel porto di Cherbourg, Francia, poiché necessitava di numerose riparazioni in seguito alle varie operazioni portate a termine nei mesi precedenti. Poche ore dopo il proprio arrivo fece scalo nello stesso porto la nave federale USS Kearsarge, che aveva ricevuto il preciso compito di affondare la CSS Alabama. Sebbene le due navi si trovassero in ​​un porto neutrale, la tensione della situazione incominciò a degenerare ed il comandante Raphael Semmes decise di uscire in mare, pur nella consapevolezza di non essere in grado di combattere.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è uss-kearsarge-e-css-alabama-1024x603.gif

lo scontro in mare tra la CSS Alabama e la USS Kearsarge

Il USS Kearsarge la inseguì, accompagnata da due pirofregate francesi e sembra anche da diverse imbarcazioni civili incuriosite della situazione. Una volta giunte in acque internazionali iniziò lo scontro. Di fatto non ci fu storia ed il USS Kearsarge in breve tempo affondò il CSS Alabama. L’equipaggio della nave confederata venne tratto in salvo dalle imbarcazioni che si erano radunate sul luogo dello scontro. Si racconta che Semmes decise di affondare con la propria nave ma, prima di essere travolto fuori bordo dalle onde, gettò la propria sciabola in mare per evitare che cadesse in mani nemiche. Nonostante tutto sopravvisse al naufragio e tornò in Virginia, evitando la cattura attraverso l’Inghilterra, Cuba e il Texas. Lo promossero contrammiraglio ed in seguito anche generale dell’esercito. Alla fine della guerra Semmes si arrese al generale William T. “War is Hell” Sherman. Semmes fu l’unico uomo in Nord America a ricoprire contemporaneamente entrambi i gradi di ammiraglio e generale. Per completezza è interessante leggere il suo racconto delle ultime ore del CSS Alabama, confermate da molti testimoni.

” Sir:– I have the honor to inform you, that, in accordance with my intention as previously announced to you, I steamed out of the harbor of Cherbourg between nine and ten o’clock on the morning of the 19th of June, for the purpose of engaging the enemy’s steamer Kearsarge, which had been lying off, and on the port, for several days previously. After clearing the harbor, we descried the enemy, with his head off shore, at the distance of about seven miles. We were three quarters of an hour in coming up with him. I had previously pivotted my guns to starboard, and made all preparations for engaging the enemy on that side. When within about a mile and a quarter of the enemy, he suddenly wheeled, and, bringing his head in shore, presented his starboard battery to me. By this time, we were distant about one mile from each other, when I opened on him with solid shot, to which he replied in a few minutes, and the action became active on both sides. The enemy now pressed his ship under a full head of steam, and to prevent our passing each other too speedily, and to keep our respective broadsides bearing, it became necessary to fight in a circle; the two ships steaming around a common centre, and preserving a distance from each other of from three quarters to half a mile. When we got within good shell range, we opened up on him with shell. Some ten or fifteen minutes after the commencement of the action, our spanker-gaff was shot away, and our ensign came down by the run. This was immediately replaced by another at the mizzen-masthead. The firing now became very hot, and the enemy’s shot, and shell soon began to tell upon our hull, knocking down, killing, and disabling a number of men, at the same time, in different parts of the ship. Perceiving that our shell, though apparently exploding against the enemy’s sides, were doing him but little damage, I returned to solid-shot firing, and from this time onward alternated with shot, and shell. After the lapse of about one hour and ten minutes, our ship was ascertained to be in a sinking condition, the enemy’s shell having exploded in our side, and between decks, opening large apertures through which water rushed with great rapidity.

For some few minutes I had hopes of being able to reach the French coast, for which I gave the ship all steam, and set such of the fore-and–aft sails as were available. The ship filled so rapidly, however, that before we had made much progress, the fires were extinguished in the furnaces, and we were evidently on the point of sinking. I now hauled down my colors, to prevent the further destruction of life, and dispatched a boat to inform the enemy of our condition. Although we were now but 400 yards from each other, the enemy fired upon me five times after my colors had been struck. It is charitable to suppose that a ship of war of a Christian nation could not have done this, intentionally. We now directed all our exertions toward saving the wounded, and such of the boys of the ship as were unable to swim. These were dispatched in my quarter-boats, the only boats remaining to me; the waist-boats having been torn to pieces. Some twenty minutes after my furnace-fires had been extinguished, and when the ship was on the point of settling, every man, in obedience to a previous order which had been given the crew, jumped overboard, and endeavored to save himself. There was no appearance of any boat coming to me from the enemy, until after my ship went down.

Fortunately, however, the steam-yacht Deerhound, owned by a gentleman of Lancashire–Mr. John Lancaster–who was himself on board, steamed up in the midst of my drowning men and rescued a number of both Officers and men from the water. I was fortunate enough myself thus to escape to the shelter of the neutral flag, together with about forty others all told. About this time, the Kearsarge sent one, and then, tardily, another boat. Accompanying, you will find lists of the killed and wounded, and of those who were picked up by the Deerhound; the remainder, there is reason to hope, were picked up by her enemy and a couple of French pilot boats, which were also fortunately near the scene of action. At the end of the engagement, it was discovered by those of our officers who went alongside of the enemy’s ship, with the wounded, that her mid-ship section, on both sides, was thoroughly iron-coated; this having been done with chains, constructed for the purpose, placed perpendicularly, form the rail to the water’s edge, the whole covered over by a thin outer planking, which gave no indication of the armor beneath. This planking had been ripped off, in every direction, by our shot and shell, the chain broken, and indented in many places, and forced partly into the ship’s side. She was effectually guarded, however, in this section, from penetration. The enemy was much damaged, in other parts, but to what extent it is now impossible to say. It is believed he is badly crippled. My officers and men behaved steadily and gallantly, and though they have lost their ship, they have not lost honor. Where all behaved so well, it would be invidious to particularize, but I cannot deny myself the pleasure of saying that Mr. Kell, my first lieutenant, deserves great credit for the fine condition in which the ship went into action, with regard to her battery, magazine and shell-rooms, and that he rendered me great assistance, by his coolness, and judgement, as the fight proceeded. The enemy was heavier than myself, both in ship, battery, and crew; but I did not know until the action was over, that she was also ironclad. Our total loss in killed and wounded, is 30, to wit: 9 killed, and 21 wounded.”

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è circe-chausseur-de-mine-1024x683.jpg

il cacciamine francese Circe

Il ritrovamento
Nel 1984, durante una survey, il relitto fu scoperto ed identificato dal cacciamine francese Circe al comando del comandante Guérout. A seguito della scoperta fu finalizzato un accordo tra Francia e Stati Uniti relativo alla proprietà e alla gestione del relitto. Venne creata da Guérout anche un’associazione senza scopo di lucro per il recupero del CSS Alabama che fu poi autorizzata congiuntamente da Francia e Stati Uniti nel 1988. L’associazione comprendeva volontari subacquei, archeologi e storici che lavoravano in collaborazione con il comandante Guérout sul relitto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è CSS-ALABAMA-002.png

Il ritrovamento della ruota dell’Alabama, con il motto della nave “Aide-toi et Dieu t’aidera“, fornì l’assoluta identificazione del relitto. Nel 1999, dopo una pausa di due anni nella ricerca sul campo, fu organizzata una nuova spedizione un’indagine sempre organizzata dall’Associazione CSS Alabama, con la collaborazione del Association of the Friends of CSS Alabama, un’organizzazione sorella americana con una sovvenzione del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Tale ricognizione fu effettuata il 19 e 21 giugno 1999 sotto la direzione del Dr. Gordon. P. Watts, Jr che pose le basi per un’indagine più complessa,  organizzata nell’estate del 2000. Sotto la direzione del Dr. Watts, archeologi americani e francesi con sommozzatori volontari e personale della marina francese effettuarono un nuovo esame del relitto avvenuto, realizzando una accurata documentazione del relitto, scavi di prova e recupero di artefatti. Sebbene i problemi meteorologici e delle attrezzature complicarono l’attività di ricerca, l’indagine fu molto fruttuosa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è CSS-ALABAMA-002.png

Il relitto della CSS Alabama
I resti della nave confederata si trovano in un canyon sommerso al largo della Normandia (Figura 1). Il sito si trova a circa 5,5 miglia da Nacqueville e 6 miglia nord-nord-est di Cherbourg Fort de L’Ouest. I manufatti del relitto giacciono ad una profondità di circa 61 metri di acqua, fattore che rende il lavoro subacqueo sul sito complesso e pericoloso. Inoltre, la temperatura media dell’acqua è di circa 5°C in estate, per cui il freddo aumenta sensibilmente i rischi durante le immersioni per i subacquei. La visibilità varia da praticamente zero a circa 20 metri, ma il problema maggiore sono le correnti. Durante il ciclo di marea, il flusso d’acqua sul relitto raggiunge i quattro nodi.

Oltre a limitare l’attività di ricerca in loco, le correnti hanno avuto un effetto importante sul relitto. L’Alabama giace su un fondale duro costituito da rocce, ciottoli, conchiglie e sabbia per cui la maggior parte dello scafo è rimasta esposta alle intemperie, contribuendo al deterioramento delle strutture esposte.

Di fatto è rimasto intatto solo lo scafo inferiore, non esposto, e parti del lato di dritta dell’Alabama (figura 2). Lo scafo appare inclinato di circa 30 gradi a dritta ed è orientato perpendicolare alla direzione di corrente prevalente (Figura 3).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è CSS-ALABAMA-003.png

Figura 3. Proiezione dell’inclinazione sul lato di dritta (Guérout 1994).

Il maggiore accumulo di materiale è al centro del relitto ed è probabilmente costituito dai macchinari e delle caldaie dell’Alabama. Verso poppa, la profondità del deposito diminuisce rapidamente fino al livello approssimativo dell’asse. A poppa, è visibile poco meno della metà dell’elica.

Una mappa preliminare del sito fu preparata da Guérout e dai subacquei ASAM nel 1988 e fu migliorata da successive indagini (Figura 4). Di fatto le caratteristiche strutturali più dominanti del relitto risultarono le caldaie e il fumaiolo, sezioni dello scafo a centro barca, elica e timone elevabile. Ciascuna delle caldaie, di forma rettangolare, misurava circa 6 metri di lunghezza e 3 metri di altezza, ed era collegata al fumaiolo da un comune sistema di canna fumaria.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è css-alabama-elica.png

l’elica del CSS Alabama

A poppa l’elica esposta e il timone elevabile confermarono che lo scafo si deteriorò al livello dell’asse dell’elica e del mozzo. Una singola pala dell’elica in ottone era ancora esposta sopra la superficie inferiore. Sebbene non fu identificata alcuna prova dell’arco di prua, due ancore Trotman confermarono la sua vicinanza. Un’ancora si trovava lungo l’estremità di dritta della struttura dello scafo e la seconda si trova a sinistra del relitto. Lo sviluppo del piano del sito rivelò parte dell’albero maestro in ferro, un argano, diversi set di bitte e la catena dell’ancora. Furono trovati anche tre servizi igienici ognuno con una ciotola di porcellana inglese.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cannone-da-32-libbre.png

Durante le indagini furono identificati sei cannoni pesantemente cementati. Era noto che il CSS Alabama trasportava sei cannoni: due erano un modello tradizionale della Royal Navy e i restanti quattro erano stati costruiti specificamente per il CSS Alabama. La ricerca condotta da Andrew Bowcock rivelò che quei quattro cannoni erano stati prodotti da Fawcett, Preston & Company a Liverpool. I restanti due cannoni furono trovati a circa dieci metri davanti al fumaiolo: il primo situato approssimativamente sulla linea centrale della nave e l’altro adiacente al lato di dritta della nave.Il più grande immediatamente a prua e a tribordo della canna fumaria era ancora associato al suo affusto. Un secondo cannone fu individuato subito a proravia ed a dritta dell’elica. Circa 10 m davanti all’elica ed a tribordo dei due anelli di rinforzo in ottone dai timoni della nave, fu identificata la volata di un terzo cannone. Immediatamente a poppa ed a sinistra del fumaiolo fu ritrovato un quarto cannone sulla caldaia di poppa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è css-alabam-cannone-da-33-libre.png

I restanti due cannoni furono trovati a circa dieci metri davanti al fumaiolo, uno approssimativamente sulla linea centrale della nave e l’altro adiacente al lato di dritta della nave. Oltre al cannone, il sito conteneva proietti, binari e gli affusti.

Metodo di scavo
Le immersioni nel sito dovevano svolgersi durante i periodi di marea più ideali e furono posizionate boe di riferimento su uno dei cannoni da 32 libbre vicino a poppa e su una delle ancore Trotman a prua.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Ancora-trotman.png

esempio di un’ancora di Trotman simile a quelle imbarcate sul CSS Alabama

A causa della limitata disponibilità della nave della Marina francese Vulcain, la documentazione ed il recupero del cannone da 32 libbre, dell’ancora Trotman e della pompa antincendio di poppa furono programmati come priorità. Al fine di effettuare tutti i sollevamenti pesanti mentre il Vulcain era disponibile, i subacquei della Marina francese iniziarono immediatamente gli scavi per liberare l’ancora Trotman di dritta.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è bateau-Vulcain-marina-francese.png

Il Vulcain (M611) è un battello appoggio per i sommozzatori delle forze di sminamento (BBPD) della Marina francese

Lo scavo intorno all’ancora fu necessario per esporre la catena per la sua rimozione, operazione necessaria per il recupero. Altri archeologi americani si concentrarono sull’identificazione di uno dei cannoni da 32 libbre per il suo recupero. A causa delle forti maree fu predisposto un calendario di immersioni e l’indagine in loco fu avviata posizionando le boe di riferimento su uno dei cannoni da 32 libbre vicino a poppa e su una delle ancore Trotman Patent a prua. Le boe fornivano riferimenti per le correnti sopra il relitto e le linee di discesa per i subacquei. I volontari francesi e gli archeologi americani operarono dalla nave Little Pocket mentre i subacquei della Marina francese dal FS Vulcain e da una vedetta di 60’.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è css-alabama-ceramica.png

Giara recuperata nel relitto

La ricerca archeologica sulla CSS Alabama nel mese di giugno e luglio 2000 generò nuove informazioni sul relitto che furono poi utili nel 2002, quando una nuova spedizione subacquea recuperò la campana della nave insieme a più di 300 altri manufatti, tra cui cannoni, campioni strutturali, stoviglie, comò decorati e numerosi altri oggetti che rivelarono molto sulla vita a bordo della nave da guerra confederata. Molti dei manufatti sono ora ospitati nel laboratorio di conservazione di archeologia subacquea della storia navale e del patrimonio. Ma la ricerca continua. 

 

Fonti
Investigation of CSS Alabama, DoD Legacy Project, 2000 (navy.mil)

High-Seas Duel: CSS Alabama vs. USS Kearsarge, by Don Hollway

Warship Wednesday June 3, 2015 Roll Tide, Roll | laststandonzombieisland

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

.

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 106 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »