If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Logistica militare marittima: non solo soluzioni tecniche ma una rivoluzione culturale

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA

parole chiave: Logistica
.

Se il fattore tecnico può ovviare ad un più efficiente Supporto Logistico delle Forze Armate è evidente che gli ostacoli rimangono di tipo culturale, organizzativo e normativo, evidenziando lacune in termini di cooperazione, integrazione e fondi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è logistica-schema-923x1024.jpg

Sarebbe auspicabile dare maggiore impulso a strutture organizzative che compiano Ricerca Operativa in campo logistico, e soprattutto adeguare e rendere compatibili le normative amministrativo contabili dello Stato al nuovo panorama politico industriale (vedi Contabilità Generale dello Stato [1] e normazione in fieri per i contratti).

È qui, e non altrove, che sarebbe necessario intervenire in via interforze per permettere condivisibilità, interscambiabilità, esternalizzazione, evitamento ridondanze, anche in chiave internazionale, puntando ad una reale modernizzazione che incoraggi soluzioni tecnologicamente avanzate, riducendo i costi di produzione e migliorando la sostenibilità.

Perché si possa giungere a questi risultati, è tuttavia necessario che la cooperazione medi gli interessi nazionali, normando gli MoU che, se considerati come contratti tra governi, impongono cicli di approvazione eccessivamente lunghi e poco flessibili. In termini macro andrebbe poi rivista un’azione che valorizzi la popolazione dei dati offerti da tutti i campioni sul campo, ottimizzando la dislocazione territoriale delle risorse in base ad una valida Ricerca Operativa, studiando gli orientamenti già consolidati presso i Paesi alleati.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è military-logistics-2-1024x576.jpg

Si tratta, in sintesi, di operare una serie di scelte coraggiose, guardando ai successi del privato, e non alle inefficienze interne. In termini di efficientamento bisognerebbe passare dalla visione attuale ad una forma affine, concettualmente, al loger.

Sulla base dei dati ricavati sia in via contrattuale che sul campo, si potrebbero sviluppare attività di analisi e condivisione delle informazioni capaci di fornire sia previsioni logistiche attendibili sulle necessità, sia sulla distribuzione delle risorse sia sulla valutazione operata sull’impiego effettivo dei beni. Le idee generali che si stanno presentando si ispirano a concetti più moderni di procurement e di acquisizione di beni e servizi secondo la filosofia del “Just in time” piuttosto che di quella del “Just in case”.

A esempio, secondo le linee strategiche dello Stato Maggiore della difesa, in futuro si dovrà limitare l’accantonamento dei materiali (Just in case), privilegiare l’uso di Sistemi/Apparati commerciali (COTS [2]), incentivare le acquisizioni di beni e servizi “secondo esigenza” (Just in time), dare impulso ad una esternalizzazione dei servizi (outsourcing), aderire a più forme di cooperazione internazionale [3].

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è logistic-plannong-1024x768.jpg

Premesso che sia sempre il comparto Difesa a rappresentare il segmento di maggiore produttività e redditività,  nel coltivare i propri vicendevoli e leciti interessi, le Forze Armate e l’Industria devono poter rappresentare al decisore politico la necessità/opportunità di disporre più agevolmente di fondi, anche se allocati su più dicasteri.

Sarebbe quindi auspicabile definire politiche di intervento basate su di un’analisi preventiva del Supporto Logistico che consentano di ridurre gli accantonamenti delle scorte, adottando criteri manutentivi tesi a garantire l’efficienza dei Sistemi in funzione delle tipologie di impiego degli apparati stessi; la manutenzione deve quindi diventare di tipo produttivo, centrata sull’affidabilità dei sistemi e minimizzando i costi complessivi del Ciclo di Vita.

A questa visione si associano quattro fondamenti:
il Supporto Logistico Integrato (ILS) [4],
la Gestione della Configurazione,
il Concurrent Engineering
e la Gestione Totale della Qualità 

sempre preceduti da un’analisi delle risorse necessarie/disponibili, ed utilizzando gli strumenti della Ricerca Operativa volti ad ottimizzare i costi del Ciclo di Vita dei materiali (CALS – Life Cycle Integration [5]).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ILS-large-1024x529.jpg

matrice del ILS che include il Life cycle ma si estende a tutti gli aspetti della gestione integrata logistica (supporto, manutenzione, disponibilità, garanzie, addestramento, documentazione tecnica, supporto e controllo di configurazione delle apparecchiature) – da Integrated Logistics Support | CHAND

In sintesi, laddove si volesse davvero impiantare una nuova Logistica, sarebbe necessario concretizzare sinergicamente innovazione scientifica, organizzativa e culturale, ottimizzando e razionalizzando l’impiego delle risorse finanziarie, tecniche, umane disponibili, in una visione complessiva. A questa visione non è estranea la concezione di comando e controllo integrata nella ForceNet [6], in particolare applicando la Network Centric Warfare al fine di valutare il valore dell’automazione nella costruzione del quadro operativo comune.

Se il principio di potere marittimo definisce tre concetti fondamentali (attacco, scudo difensivo, basi) va da sé che l’integrazione verticale e joint di forze combattenti, sensori, comando e controllo, piattaforma ed armi deve essere costantemente supportata da una base logistica agile, ben fornita, sempre pronta e, soprattutto, al seguito. Insomma, un deciso go! per la digitalizzazione, ma a patto che le risorse finanziarie siano disponibili e soprattutto gestite secondo paradigmi logistici più evoluti e razionali.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è spiral-development-schema.gif

Un’ipotesi possibile è quella di seguire la metodologia del Defence Procurement della NATO, adottando il cosiddetto approccio a Spirale (spiral model), per il quale un programma negoziale viene strutturato per fasi per consentire flessibilmente risultati graduali con eventuali correzioni in corso d’opera. In realtà incombe sempre la difficoltà di disporre al momento opportuno delle risorse necessarie, cosa che porterebbe a differire sugli esercizi finanziari successivi gli oneri di spesa che non risultano al momento sostenibili. Il trend che si viene a creare vede dunque, sulle milestone dei contratti approvati, per i periodi temporalmente più vicini, importi relativamente più bassi, per poi sforare negli anni successivi, andando a cumulare volumi finanziari sempre più onerosi e creando una situazione di costante aleatorietà.

Progetti e modalità attuative sono dunque molto accattivanti, ma male si attagliano alla realtà, dato che non si riescono ancora a spuntare risorse sufficienti, che l’evoluzione tecnologica non è statica, e che esistono ancora visioni ed aree di antagonismo tra le Forze Armate.

Gino Lanzara

     

[1] Sarebbe auspicabile, ad esempio, che le cessioni di materiali producessero proventi riassegnabili alla Difesa e non genericamente all’Erario.

[2] Commercial Off-the-Shelf component, componenti non militarizzati e quindi con caratteristiche di durabilità non standard NATO (STANAG) ma di costo inferiore e maggiore facilità di approvigionamento

[3] Occar, NATO, WEAG

[4] Il supporto logistico integrato (ILS) è una tecnologia nell’ingegneria di sistema per ridurre i costi del ciclo di vita del prodotto e ridurre la domanda di logistica mediante l’ottimizzazione del sistema di manutenzione per facilitare il supporto del prodotto. 

[5] processo di Analisi del Supporto Logistico, avviato dalle prime fasi acquisitive ed aggiornato durante tutte le successive fasi, e la conseguente progettazione della sua manutenibilità e mantenibilità. Perché si possa parlare di Supporto Logistico Integrato, è necessario che la progettazione del supporto interagisca con la progettazione del sistema, e viceversa

[6] FORCEnet è un’architettura operativo nell’ambito della Naval Warfare nell’era dell’informazione che integra personale, sensori, reti, comando e controllo, piattaforme e armi in una rete distribuita, scalabile. Fin dal suo inizio, FORCEnet ha migliorato il coordinamento e il consolidamento degli sforzi di comando, controllo, comunicazioni, computer e intelligence, sorveglianza e ricognizione (C4ISR) in tutti i servizi navali della USN. 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE
.

PARTE I
PARTE II
PARTE III
PARTE IV

print

(Visited 138 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

8 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »