If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

L’affondamento dell’HMS Laurentic, una storia del mare dimenticata

Reading Time: 6 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: Relitto, mine navali, U80 

 

Poco dopo lo scoppio della guerra, la S.S. Laurentic, una nave di lusso della White Star Line, fu requisita e trasformata in nave da trasporto truppe per la Canadian Expeditionary Force. Nel novembre 1914 La nave, denominata HMS Laurentic, fu trasformata un incrociatore mercantile armato in servizi di pattugliamento e trasporto in Estremo Oriente, sulla costa occidentale dell’Africa, nelle Indie orientali ed occidentali, in Cina ed  in Nord America.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è hma-laurentic-3.jpg

La S.S. Laurentic fu varata il 10 settembre 1908 e costruita da Harland & Wolff a Belfast, lo stesso cantiere navale che, solo pochi anni dopo, avrebbe varato il Titanic. Era una nave di lusso della White Star Line, la stessa del Titanic, costruita per il traffico passeggeri transatlantico. Con un dislocamento di circa 15.000 tonnellate e una lunghezza di oltre 170 metri, la nave poteva trasportare 1660 passeggeri e raggiungere una velocità massima di 20 nodi. Il suo viaggio inaugurale iniziò il 29 aprile 1909 sulla rotta da Liverpool a Montreal. Il primo di tanti nei mari degli oceani.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è hms_laurentic.jpg

Poco dopo lo scoppio della prima guerra mondiale nel 1914, la S.S. Laurentic, come tante altre navi civili, fu requisita in servizio di guerra come nave da trasporto per il trasporto di truppe e materiale bellico e rinominata HMS Laurentic.

L’ultimo viaggio
In suo ultimo tragico viaggio iniziò il 24 gennaio 1917, quando la nave salpò da Liverpool per Halifax, Canada, trasportando 475 uomini, e circa 3.200 lingotti d’oro. L’oro, valutato all’epoca in circa cinque milioni di sterline, sarebbe stato utilizzato per acquistare le munizioni necessarie per la guerra in Europa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è hms-laurentic-0.jpg

Mentre navigava lungo la costa settentrionale dell’Irlanda, Laurentic ricevette l’autorizzazione ad entrare a Lough Swilly, un’insenatura riparata nella contea di Donegal. Il capitano della nave, Reginald Norton, doveva sbarcare a Buncrana quattro marinai che avevano contratto la febbre gialla. Nelle acque sicure dello Swilly, Norton concesse una breve franchigia a terra per alcuni membri dell’equipaggio prima di riprendere la navigazione transatlantica che si preannunciava piuttosto dura viste le condizioni meteo.

Lough Swilly, grazie alle sue caratteristiche di riparo, era una fiorente base navale al servizio delle navi dirette verso l’Atlantico che in passato aveva ospitato anche la British Grand Fleet. Un ottimo obiettivo per i sommergibili tedeschi che si aggiravano in agguato lungo la costa, posando delle mine navali per affondare l’affollato traffico marittimo.  In quei giorni l’Ammiragliato aveva diffuso la notizia che in zona si trovavano degli U Boote tedeschi ed uno era stato avvistato nei pressi dell’accesso del Lough Swilly. Sembra che la HMS Laurentic avrebbe dovuto ricevere una scorta di cacciatorpediniere da Fanad Head, ma il comandante Norton scelse di salpare indipendentemente, forse sperando nel mal tempo che avrebbe inficiato le capacità di manovra del sommergibile. Nel tardo pomeriggio di un freddo 25 gennaio, la HMS Laurentic uscì dal Lough Swilly, verso il mare aperto lasciando sulla dritta le batterie difensive di Dunree Fort e sulla sinistra il faro di Fanad Head.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Laurentic_map_voyage-720x543-1.png

Era buio e faceva un freddo pungente con una brina nera e ondeggiante … La nave aveva aumentato la velocità a sedici nodi e dirigeva verso il largo. Erano circa le 18:00, con violente raffiche di neve che battevano le sue strutture. Ci fu un’esplosione improvvisa, seguita rapidamente da una seconda. Dal resoconto del Comandante Norton subito dopo l’esplosione della prima mina, circa 20 secondi dopo, avvenne una seconda esplosione in corrispondenza della sala macchine, disabilitando la dinamo e le sue pompe.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è glasenapp_alfred.jpg

Kapitänleutnant Alfred von Glasenapp

La HMS Laurentic aveva urtato due mine tedesche posate dal U boat tedesco U 80 comandato dal Kapitänleutnant Alfred von Glasenapp (Royal House Order of Hohenzollern). Ci vollero solo venti minuti al ​​grande transatlantico per iniziare ad affondare, tempo insufficiente perché le scialuppe di salvataggio fossero tutte calate nelle acque buie e gelide dell’Oceano Atlantico. Inoltre entrambe le esplosioni avvennero sul suo lato sinistro cosa che accelerò l’inclinazione sul suo fianco. Circa 354 uomini morirono a seguito delle ferite, per annegamento o per congelamento. Tutto fu reso più drammatico dal peggioramento rapido delle condizioni meteorologiche, che al momento dell’incidente si trasformarono in una tempesta di neve con una temperatura di 13 gradi sotto zero. Il comandante fece in tempo a lanciare un razzo di soccorso e ordinare l’abbandono nave. Norton percorse la nave alla ricerca di sopravvissuti, prima di lasciare, per ultimo, la grande nave ormai inclinata di 20 gradi. Mentre il dramma si consolidava in quella terribile notte, la grande nave si adagiò su un fondale di 40 metri.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è laurentic-4-a.jpg

Molti dei naufraghi morirono per ipotermia nonostante i pescherecci locali mossero immediatamente al soccorso dei sopravvissuti. Ormai esausti e con principi di congelamento solo 121 di essi riuscirono a raggiungere in salvo il porto … mentre i corpi dei periti furono spiaggiati sulle coste per settimane. 

Le operazioni di recupero iniziarono subito

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Laurentic_august-Dent_prepareDive-primi-recuperi.png

Il diario di bordo della Laurentic riporta che il 23 dicembre a Birkenhead erano stati imbarcati oltre 3300 lingotti d’oro che doveva trasportare segretamente per comprare munizioni dal Canada e dagli Stati Uniti. U tesoro che aveva un valore strategico. Le operazioni di recupero iniziarono subito dopo la guerra quando i palombari della Royal Navy  tornarono sul posto per il loro complesso e rischioso lavoro. Operando dalla nave di salvataggio, HMS Racer, e usando esplosivi, sezionarono il relitto pezzo per pezzo, rimuovendone enormi parti e riportandole in superficie alla ricerca spasmodica dell’oro perduto. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è laurntic-4.jpg

La maggior parte del tesoro fu recuperato nel periodo 1917-1924, poi altre tre tonnellate furono trovate negli anni ’30. Le ricerche proseguirono nel tempo ma si ritiene che nelle profondità siano conservate ancora 22 lingotti. Un sogno per i ricercatori di tesori che però, dal 2017, non si possono avvicinare al relitto in quanto protetto dalla legge irlandese. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è laurentic-1.jpg

Immergersi sul relitto
Le caldaie a vapore scozzese della SS Laurentic sono il punto più alto di questa immersione e sono facilmente individuabili grazie ai segnali di transito sia su Fanad Head che su Dunaff Head a Lough Swilly. I resti del relitto sono sparsi su una vasta area a causa delle varie operazioni di recupero effettuate nel corso degli anni. Le caldaie si trovano a circa 30 metri di profondità e la parte più profonda del sito si trova a soli 40 metri.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è laurentic-2.jpg

Sebbene le profondità in gioco non siano proibitive, non è un’immersione facile e necessita, come sempre, un’attenta pianificazione. Il problema maggiore sono le condizioni meteorologiche e i permessi necessari per immergersi nel relitto. Chissà forse in futuro sarà riaperto alla subacquea ricreativa per tutti … Ulteriori informazioni sulle immersioni nel relitto possono essere visualizzate sul sito.

 


Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e / o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 570 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »