If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Torniamo a riveder le stelle: le ultime scoperte sulla Via Lattea

Reading Time: 6 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: ASTRONOMIA

PERIODO: XXI SECOLO
AREA: GALASSIE
parole chiave: Via Lattea, Grande Nube di Magellano, Milky Way
.

Esistono momenti nella vita di ognuno che ci fanno sentire vicini all’Universo, una piccola parte di un insieme che ci appare infinito. Nei miei anni di imbarco, ho passato tante notti nelle plance oscurate delle navi, illuminate solo da flebili lucette colorate. Nei mesi estivi, quando il mare finalmente si placava dopo gli screzi primaverili, mi piaceva sedermi sulle alette di plancia ed osservare la via lattea che attraversava come una pennellata il cielo notturno. Un qualcosa di magico che si può apprezzare in mare o in alta montagna, lontani dai disturbi luminosi delle città. La curiosità, che mi attanaglia colorando la mie giornate, mi ha spinto questa volta ad investigare su questo spettacolo della natura ed ho scoperto che la prima mappa della Via Lattea fu pubblicata nel 1834 dall’astronomo William Herschel. L’astronomo, aiutato da sua sorella Caroline, per quasi cinque decenni mappò pazientemente il cielo notturno, elencando migliaia di stelle e nebulose. La mappa rivelò il disegno e le dimensioni della Via Lattea, che aveva sorprendentemente la forma di disco.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Herschel-galaxy-1024x534.jpg

la mappa della nostra galassia di Herschel

Di questo insieme di stelle, la nostra stella, il Sole, si ritrova in una zona periferica ben lontano dal centro. Dopo quasi due secoli, la Via Lattea ci riserva sempre nuove sorprese. Dagli ultimi studi, sembrerebbe che il mistero della sua formazione potrebbe essere svelato dallo studio delle orbite delle stelle più antiche della galassia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Milky-Way-Galaxy-225-million-year-galactic-cycle-1024x768.jpg

da UniversalifeTools.com

Recentemente i telescopi australiani hanno collaborato con il satellite Gaia dell’Agenzia Spaziale Europea ed hanno scoperto che alcuni dei giganti stellari più poveri di metalli della galassia viaggiano nello spazio seguendo traiettorie sorprendenti. Secondo l’astronomo Gary Da Costa della Australian National University “Le stelle povere di metalli – contenenti meno di un millesimo della quantità di ferro trovata nel Sole – sono alcuni degli oggetti più rari della galassia“,”Ne abbiamo studiati 475 e abbiamo scoperto che circa l’11% orbita nel piano quasi piatto che è il disco della Via Lattea. Queste stelle, a similitudine del nostro Sole, seguono un percorso quasi circolare.”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è image_7453e-Milky-Way-3D-Map-766x1024.jpg

Sopra: una vista del cielo della Via Lattea in coordinate galattiche, con un campione di Cefeidi classiche nella Via Lattea e nelle Nubi di Magellano. Le Cefeidi sono stelle variabili, che “pulsano” come lucciole e sono mostrate nell’immagine con punti gialli a differenza delle altre stelle rappresentate con punti blu. In basso: una vista della nostra galassia con tutte le 2431 Cefeidi contrassegnate da punti verdi. L’immagine di sfondo è un modello a quattro eliche della Via Lattea, coerente con le misurazioni dell’idrogeno neutro nella nostra Galassia. Il sole è contrassegnato dal punto giallo. da link

Una parte del loro studio è stata pubblicata sulla rivista Monthly Notice of the Royal Astronomical Society. E’ emerso che queste stelle, che sono quasi esclusivamente nell’alone e nel rigonfiamento della Via Lattea, hanno grandi orbite sferiche attorno all’alone. Una cosa curiosa è che alcune hanno un orbita retrograda attorno alla galassia e circa il 5% sono in procinto di fuggire dalla galassia. Secondo l’autore principale dell’articolo, l’astronomo italiano Giacomo Cordoni dell’Università italiana di Padova, trovare delle stelle povere di metalli in orbita attorno al disco è un fatto particolarmente intrigante. “Gli scenari futuri per la formazione della nostra galassia dovranno tenere conto di questa scoperta – che cambierà le nostre idee in modo abbastanza drammatico“, dice. “Questa scoperta non è coerente con il precedente scenario di formazione galattica e aggiunge un nuovo tassello al puzzle che è la Via Lattea … “ inoltre “ … Le loro orbite sono molto simili a quella del Sole, anche se contengono solo una minuscola frazione del suo ferro. Capire perché si muovono, nel modo in cui lo fanno, probabilmente richiederà una significativa rivalutazione dello sviluppo della Via Lattea nel corso di molti miliardi di anni “.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è via-lattea-milky-way-stelle-1024x1024.jpg

Il progetto Gaia-ESO dimostra che le stelle più antiche si trovano al centro della Via Lattea. Crediti: Amanda Smith/Institute of Astronomy

Ma le sorprese non sono finite. Secondo uno studio di due ricercatori dell’Università di Edimburgo, Michael S. Petersen e Jorge Penarrubia, la Via Lattea non è statica ma viene distorta e deformata dalla forza gravitazionale dei corpi con cui viene in contatto. In realtà non siamo mai nello stesso posto: la Terra si muove intorno al Sole che a sua volta ha la sua traiettoria nella galassia che subisce le influenze di altre galassie.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Solar-System-animation-1.gif

Secondo gli studiosi la nostra galassia viene rimodellata dalla Grande Nube di Magellano (LMC), una galassia satellite della Via Lattea, a circa 168.000 anni luce dalla Terra. “Le nostre scoperte richiedono una nuova generazione di modelli della Via Lattea, per descrivere l’evoluzione della nostra galassia“, ha affermato Michael Petersen, riferendo che la Grande Nube di Magellano ha attraversato il confine della Via Lattea circa 700 milioni di anni fa. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è magellano.jpg

La Grande Nube di Magellano (fonte: NASA, ESA, M. Livio,STScI)

A causa del grande contenuto di materia oscura, la misteriosa “colla” che tiene insieme le galassie, la Grande Nube di Magellano ha fortemente sconvolto il suo tessuto e il suo movimento. La materia oscura è invisibile, perché non emette, nè riflette o assorbe la luce, ma se ne deducono gli effetti sulla Via Lattea, che dovrebbero portare una revisione delle ipotesi sulla nascita della nostra galassia. La Grande Nube di Magellano è visibile come una debole nuvola nei cieli notturni dell’emisfero meridionale e sembra che, come la Via Lattea, sia circondata da un alone di materia oscura. Lo studio, pubblicato su Nature Astronomy, descrive come l’enorme attrazione dell’alone di materia oscura della Grande Nube di Magellano stia spingendo il disco della Via Lattea a 71.600 mph nella direzione opposta rispetto alla costellazione di Pegaso, nel cielo settentrionale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cluster-ngc-121-magellano.jpg

NGC 121, un ammasso globulare situato nei pressi della Piccola Nube di Magellano (SMC), galassia satellite della Via Lattea nella costellazione del Tucano. Si tratta di un ammasso di stelle molto antiche che orbitano al centro delle loro galassia. Foto scattata dall’Advanced Camera for Surveys (ACS) montata sul telescopio spaziale NASA/ESA Hubble

Soprendentemente, sembra che la Via Lattea non si stia muovendo nella direzione dell’attuale posizione dell’LMC, come si pensava in precedenza, ma verso un punto della sua traiettoria passata. I ricercatori pensano che sia dovuto al fatto che la Grande Nube di Magellano, spinta dalla sua massiccia forza gravitazionale, stia fluttuando ad una velocità ancora più veloce di 800.000 mph. In sintesi questa scoperta “rompe l’incantesimo che la nostra galassia è in uno stato di equilibrio” “Siamo stati in grado di dimostrare che le stelle a distanze incredibilmente grandi – fino a 300.000 anni luce di distanza – conservano un ricordo della struttura della Via Lattea prima che l’LMC cadesse e formano uno sfondo sul quale abbiamo misurato il disco stellare che vola nello spazio, trainato dalla forza gravitazionale dell’LMC … ”, ha affermato Petersen. Gli astronomi ora intendono scoprire la direzione da cui proviene la Grande Nube di Magellano per comprendere meglio la quantità e la distribuzione della materia oscura nella Via Lattea e nell’LMC. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è via-lattea-sul-amre.jpg

La Via Lattea sul mare photo credit Nick Venton


Nel frattempo, in questa ultima notte del 2020, possiamo tornare a rivedere le stelle in un nuovo cammino di luce e di speranza, dopo questi giorni bui che tutto ci possono togliere ma non i sogni. Auguri a tutti.

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 149 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »