If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

SMX 31E, un sottomarino visionario per i teatri operativi subacquei dei prossimi vent’anni

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare
.
ARGOMENTO: MARINE MILITARI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OVUNQUE
parole chiave: Sottomarini, SMX, Group Naval
.

Come saranno i sottomarini del III millennio? Su molti giornali e siti specialistici è stato presentato un progetto di sottomarino realizzato dal Naval Group francese che integra le ultime tecnologie digitali per una maggiore efficienza operativa e una significativa versatilità di utilizzo. Un mezzo subacqueo che si preannuncia decisamente furtivo, grazie alla sua caratteristica copertura biomimetica a squame, e che beneficerà di una capacità di accumulo di energia elettrica senza pari per un nuovo sistema di propulsione. Vi ho incuriosito abbastanza? 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SMX31E-Naval-Group.jpg

Fantascienza?
No, gli architetti e gli ingegneri progettisti navali francesi stanno lavorando ad un progetto proiettato nel futuro, immaginando scenari militari diversi in cui la necessità di sorveglianza continua degli oceani non potrà più essere un optional. Possiamo immaginare che nei prossimi vent’anni si genereranno degli equilibri fluidi tra le vecchie e nuove superpotenze in continua competizione per le risorse energetiche. Scenari complessi che saranno caratterizzati da minacce asimmetriche dove la information superiority dovrà assicurare flussi dati veloci e sicuri al fine di permettere alle forze navali di superficie e subacquee di operare con fermezza e rapidità dove necessario. In estrema sintesi, l’arma subacquea sarà quindi sicuramente una componente importante negli scenari marittimi futuri.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è teatro-iii-millenio-navale-1024x724.jpg

Dalle informazioni apparse in rete appare che il SMX31E possa essere una soluzione visionaria ai requisiti operativi marittimi, al fine di ottenere la superiorità di impiego necessaria nei futuri scenari di crisi negli oceani ma anche nei mari minori del mondo. L’automazione svolgerà sicuramente una parte importante (riducendo il manning) ma la componente decisionale e operativa umana sarà sempre necessaria. La sua dichiarata maggiore invulnerabilità è il risultato della forma biomimetica e del materiale di rivestimento che lo renderanno più invisibile alle emissioni dei sonar attivi. L’autonomia è l’altro vantaggio dichiarato dell’SMX31E, che consentirà al sottomarino di essere immerso per quasi due mesi grazie alle elevate capacità energetiche e all’efficiente sistema di gestione dell’energia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Fr_SMX31_control-1024x547.jpg

Saranno così le plance comando dei sottomarini del XXI secolo?

Secondo il Naval Group il sottomarino utilizzerà una tecnologia avanzata di intelligenza artificiale, fornendo la massima connettività far i vari mezzi coinvolti sia per interagire con il resto della flotta sia con i suoi mezzi autonomi in una rete sottomarina distribuita. In particolare, questo nuovo design tecnologico consentirà all’equipaggio di raccogliere ed elaborare i dati in modo efficiente anche con sensori remoti (droni UUV) che consentiranno loro di valutare meglio la situazione tattica di superficie e subacquea. E’ stato valutato che il sottomarino dovrà essere in grado di monitorare, a parità di tempo, aree dieci volte più grandi di oggi con la stessa efficienza dei sitemi attuali.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SMX31E-2.jpg

In questo disegno possiamo intravedere le piastrelle acustiche, ispirate alle squame di pesce. I tubi siluro / UUV di poppa possono essere visti tra i timoni a X. Nel mezzo del sottomarino, ci sono due grandi baie di missione per UUV extra-large.

Questo sottomarino (ma forse dovremmo dire sistema d’arma subacqueo)  intelligente manterrà sempre l’Uomo nel processo decisionale e diventerà un moltiplicatore di forza grazie all’integrazione dei diversi tipi di droni, compresi droni di grandi dimensioni. La rete subacquea, costituita dal sottomarino e dai suoi UUV, collegati tra di loro, contribuirà a controllare il teatro sottomarino, allargando il braccio operativo del battello subacqueo.

Il design, già presentato all’Euronaval 2018, è decisamente innovativo, con l’eliminazione della tradizionale vela e dell’elica di poppa ed una forma biomimetica complessiva che ricorda quella di una megattera. Secondo le fonti, lo scafo incorporerà direttamente i sensori e ci sarà un grande hangar per veicoli subacquei senza pilota (UUV) verso poppa con all’interno un ampio spazio di manutenzione per gli UUV/AUV all’interno.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è f21-torpedo_orig.png

L’F21 è un siluro francese pesante del diametro di 534 mm filoguidato. Si tratta di un sistema d’arma prodotto dall’azienda Francese DCNS e sviluppato nell’ambito del Programma Artémis.

L’armamento potrebbe comprendere 24 siluri armi pesanti F 21 lanciabili dai tubi frontali, laterali e posteriori. In particolare i tubi lanciasiluri di poppa potranno essere utilizzati anche per lanciare e recuperare fino a sei veicoli subacquei autonomi (droni a propulsione, glider) ed i sistemi di sorveglianza (sono-boe) necessari per creare la rete informativa subacquea.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è smx-31e-covert-shore-hi-sutton-1024x512.jpg

Immagine pittorica che mostra le diverse parti del sottomarino da HI HUTTON Covert Shores

Caratteristiche tecniche dell’SMX 31E (dichiarate)

Dislocamento sommerso 3 200 tonnellate
Lunghezza c.a. 80 metri
Larghezza c.a 14 metri
Altezza c.a 14 metri
Profondità operativa oltre 250 metri
Velocità 20 kts
Mezzi autonomi  6 UUV (533 mm) + 2 XLUUV
Strutture dedicate SOF container per gli SDV, magazzini, veicoli e armi
Propulsione Due motori elettrici
Equipaggio 15 membri dell’equipaggio e dai 12 ai 20 operatori (SOF)
Durata della Missione oltre 40 giorni di autonomia alla velocità di 8 nodi

Non sappiamo se questo design verrà realizzato come presentato ma il suo decisamente innovativo concetto ingegneristico ed operativo influenzerà sicuramente le prossime classi di sottomarini francesi per quelli che saranno gli scenari futuri.

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 336 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

1 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »