If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Cosa sta succedendo nella Turchia di Erdogan, tra neo ottomanesimo e laicismo radicale?

Reading Time: 7 minutes

 

livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Turchia, Erdogan, equilibri strategici

 

L’amarezza negli occhi del Santo Padre per Santa Sofia non è che l’ultimo schiaffo al mondo cristiano da parte del presidente Recep Tayyip Erdogan, il capo di stato turco che si era classificato al primo posto nell’edizione 2019 dei 500 musulmani più influenti del mondo. Dopo aver assistito ad uno sviluppo sociale straordinario di questo grande Paese mediterraneo ci domandiamo cosa sta succedendo al suo interno.

Santa Sofia torna una moschea

Chi è Recep Tayyip Erdogan?
Erdogan, fondatore nel 2001 del Partito per la Giustizia e lo Sviluppo, è diventato il primo presidente eletto dalla Turchia nell’agosto 2014, assicurandosi poi un secondo mandato alle elezioni del 2018 con il 52,5% dei voti, con un’affluenza alle elezioni del 86 percento. Di fatto, sotto la sua abile presidenza, la Turchia ha avuto una crescita economica senza precedenti, una riforma costituzionale mostrando le premesse di voler rinascere a grande potenza regionale ma anche globale.

Il presidente turco Tayyip Erdogan scende le scale tra i soldati che indossano le uniformi dell’esercito tradizionale dell’Impero ottomano. © Adem Altan / Reuters

Una crescente ambizione che trova le sue radici nell’impero ottomano che godette per molti secoli della supremazia su gran parte del mondo islamico, ostacolata solo dai Cristiani. Erdogan, durante il vertice straordinario su Gerusalemme dell’Organizzazione per la cooperazione islamica di Istanbul, 13 dicembre 2017, sottolineò il risveglio della Turchia  “Perché lo sanno che se la Turchia si risveglia la storia risorge, la regione risorge, il mondo musulmano risorge, le nostre antiche città si rivitalizzano. Se la Turchia si risveglia Gerusalemme viene protetta, Mecca e Medina vengono protette … “. Concetto ribadito dal ministro degli Interni turco Suleyman Soylu che sembra aver ha dichiarato: “Non siamo solo la Turchia, ma anche Damasco, Aleppo, Kirkuk, Gerusalemme, Palestina, La Mecca e Medina“. Un’affermazione decisamente forte che trova conferma in tante azioni concrete che preoccupano non poco l’Occidente, andando a cancellare l’eredità laica storica di Mustafa Kemal (Atatürk) che fondò la Turchia moderna nel 1923 dalle ceneri dell’impero ottomano.

Cosa significa?
La Turchia si unì alle Nazioni Unite nel 1945 e nel 1952 divenne uno dei più fedeli alleati membri della NATO. Il rapido sviluppo economico con un’intelligente acquisizione delle nuove tecnologie ed una pulizia dirigenziale interna ha consentito a Erdogan di acquisire sempre più potere. Questa trasformazione interna è stata definita come un rilancio del neo-ottomanismo, per trasformare il sistema parlamentare in uno presidenziale, favorendo una forte leadership centralizzata simile all’era ottomana. Nel 1964, la Turchia divenne un membro associato della Comunità Europea, intraprendendo molte riforme per rafforzare la sua democrazia ed economia; nel 2005 ha iniziato i colloqui di adesione con l’Unione Europea, osservata con ammirazione ma anche con qualche sospetto.

Che cosa è cambiato?
Nei secoli la Turchia ebbe sempre un ruolo centrale nel mondo euroasiatico e continua ancora oggi ad essere al centro del conflitto in Medio Oriente. Il grande impero ottomano fu di fatto un grande impero islamico, dominato dai Turchi con i quali le nazioni europee dovettero spesso venire a patti. In tempi moderni la sua apparente stabilità interna sostenuta prima da forze armate imponenti e poi da un’economia importante (la 17esima  a livello mondiale) ne hanno favorito l’influenza nelle regioni limitrofe caratterizzate da grande instabilità politica. La rivalità mai sopita con l’Arabia Saudita, che risale all’inizio del XIX secolo, ha portato Erdogan a dichiarare che “la Turchia è l’unico paese in grado di guidare il mondo musulmano“. Forse un rifiuto diretto sia della pretesa di una leadership islamica a livello globale da parte dei Sunniti dell’Arabia Saudita e di conseguenza degli Sciti dell’Iran? Certamente un fine disegno machiavellico con cui Erdogan ha lentamente consolidato il suo potere politico, diventando primo ministro nel 2003 e poi Presidente della Turchia nel 2014, un ruolo che manterrà ufficialmente fino al 2023. Nel luglio 2016, Erdogan ha approfittato di un tentativo di colpo di stato per eliminare alla radice le gerarchie militari a lui contrarie. Si stima che l’epurazione ha colpito oltre 100.000 impiegati del servizio pubblico, incarcerando oltre 50.000 persone tra cui molti giornalisti.

Il caso dell’ammiraglio ammiraglio Cihat Yaycı
Recentemente hanno suscitato molta attenzione, sia in Turchia che all’estero, la rimozione dell’ammiraglio Cihat Yaycı, comandante dello staff militare, da parte del presidente turco Recep Tayyip Erdoğan. Per le sue implicazioni nella politica di sicurezza marittima, Yaycı non può essere considerato un ammiraglio qualunque ma il principale architetto della dottrina dell’espansione navale turca della “Patria Blu” (Mavi Vatan) attraverso il Mediterraneo.

ammiraglio Cihat Yaycı

Nel suo libro “Le esigenze della Grecia: i problemi nell’Egeo con domande e risposte“, Yaycı ha affermato che la Turchia ha il diritto a rivendicazioni territoriali su oltre 150 tra scogli e piccoli isolotti, attualmente appartenenti alla Grecia, al largo della costa turca, rivendicando una vasta zona navale tra le acque turche e libiche, a spese di Creta e Cipro. Problematiche che potrebbe alimentare le mai sopite problematiche con Atene che in passato avevano portato anche a scontri navali fra i due membri della NATO. La dottrina navale di Yayci, che potremmo definire aggressiva e nazionalista, ha portato al controverso accordo marittimo con il governo di accordo nazionale della Libia, di cui abbiamo parlato in un precedente articolo, cosa che ha notevolmente aumentato le tensioni tra Atene e Ankara ma anche con Tel Aviv.

La rimozione di Yayci fa pensare ad una lotta di potere in corso con i militari (per lo più in pensione) che potrebbero essere identificati come “euroasianisti” un concetto geopolitico interessante. In realtà l’Eurosianesimo trovò origine in Russia, all’interno della “bianca” comunità di emigranti russi, che riteneva che la civiltà russa non apparteneva alle categorie “europea” o “asiatica”, ma ad un concetto geopolitico dell’Eurasia, basato su differenze culturali ed etniche che creano sotto un certo aspetto un’unicità storico politica.

i militari turchi sono dislocati in divesi teatri di guerra, dalla Siria alla Lybia, per sostenere le politiche estere di Erdogan

I militari turchi pro Erdogan, che sotto un certo aspetto potrebbero ispirarsi allo stesso principio, ebbero il sopravvento durante il tentativo di colpo di stato a metà luglio 2016 quando gli alti ranghi filo-americani e filo-NATO, vennero estromessi dai ranghi più alti. Gli eurasianisti turchi appoggiarono quindi Erdoğan, il ministro della Difesa Hulusi Akar e l’attuale capo di stato maggiore Yaşar Güler.

gli uomini forti di Erdogan da www.pes24.com 

Queste visioni interne tra un nazionalismo laico duro ed un neo ottomanismo potrebbe lasciare aperto un possibile confronto tra islamisti e laici di linea dura che non facilita gli equilibri interni di Erdogan. Se da un lato la politica della “Patria blu” è stata assolutamente favorevole ad Erdogan, sia a livello regionale che per uso domestico, dall’altro esistono delle visioni diverse e profonde che, da abile sultano machiavellico, utilizza sul principio del “usa, abusa e getta via” con il supporto del generale Akar. Un uomo fedele che, oltre ad assicurargli l’appoggio del grande esercito, è il suo contatto privilegiato per mantenere aperte le relazioni con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ed il Pentagono, che si erano incrinate dopo la dichiarazione di Erdogan sul New York Times, quando minacciò che se gli USA non avessero invertito “la tendenza all’unilateralismo e alla mancanza di rispetto” la Turchia sarebbe stata ” costretta ad iniziare a cercare nuovi amici e alleati“. Derive interne nazionaliste troppo aggressive potrebbero quindi essere pericolose ed è fondamentale che il generale Akar mantenga un controllo sulle gerarchie militari. In questa ottica, la rimozione di Yaycı potrebbe essere vista come un avvertimento al fianco più nazionalista di stare al suo posto.

Questo non vuol dire che avverrà l’arresto delle mosse espansionistiche della Turchia nel Mediterraneo orientale. Le perforazioni al largo della costa di Cipro, l’escalation sulle isole del Mar Egeo e l’incursione in Libia continueranno nella visione di una grande Turchia, in una politica di ridurre la dipendenza energetica, ma, soprattutto, di esportare il jihadismo neo ottomano stabilendo nel Mediterraneo un punto d’appoggio in Libia, confrontando Egitto e Tunisia ma anche la linea meridionale dell’Unione Europea.

Un fattore geopolitico che l’Italia dovrebbe osservare con grande attenzione, considerando il fattore destabilizzante delle migrazioni clandestine, spesso paventate come arma demografica da Erdogan come la questione non ancora chiaramente risolta dei pozzi ENI. Con questa azione di forza Ankara ha mandato un messaggio chiaro a tutte le compagnie straniere che operano nelle acque di Cipro. La Turchia, attraverso lo Stato turco-cipriota, reclama  il blocco 3 delle acque esclusive di Cipro, e, secondo Ankara, le perforazioni Eni diventano ‘una minaccia per Cipro nord’.

aree di interesse economico ENI – da Remo contro

In sintesi, l’affare Yaycı potrebbe essere l’ennesimo sintomo di una lotta di potere che si svolge nei corridoi di Ankara, in cui l’ago della bilancia oscilla pericolosamente tra estremismi di ogni genere ma sempre nelle mani di Erdogan. Con i gülenisti e le gerarchie militari pro-NATO estromesse, la Turchia si ritrova in una posizione di incertezza tra restare l’alleato da sempre fedele degli Stati Uniti e la sempre più presente Russia nel Mediterraneo. E l’Italia, unica Marina mediterranea in grado di deterrere eventuali derive ed instabilità nella Regione, cosa  fa per difendere i propri interessi politici ed economici?

Andrea Mucedola

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 293 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

12 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »