If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Nella sfida strategica e planetaria sul Pacifico, un virus clandestino a bordo di Renato Scarfi

Reading Time: 6 minutes

 

livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: US navy, China navy, forze in gioco
.

Le vicissitudini dell’equipaggio e del Comandante della portaerei nucleare statunitense USS Roosevelt nel Pacifico, alle prese con il contagio da Covid-19 a bordo, sono apparse drammaticamente sulle news mondiali. Una distrazione da ‘pandemia’ ma il confronto strategico armato continua, soprattutto nell’oceano Pacifico, un’area fondamentale per l’equilibrio dei rapporti politici e commerciali tra Asia e Occidente.

Protagonisti nel Pacifico
Da una parte troviamo la potente US Navy, tradizionalmente forza navale di superficie e subacquea a cui va aggiunta una potentissima componente aerea della Marina. Da decenni ormai, la flotta statunitense assicura una politica che potremmo chiamare delle “ali di farfalla”, dove la parte continentale degli Stati Uniti rappresenta il corpo, mentre le ali si estendono verso Est (Atlantico) e verso Ovest (Pacifico).

sommergibile cinese

Dall’altra parte abbiamo la Marina cinese, traduzione della visione geopolitica della nuova Cina post-comunista del presidente Xi Jinping, convertito all’economia di mercato. Una liberalizzazione economica non seguita da quella politica, che resta saldamente nelle mani della dirigenza cinese. Un vertice che vuole per la Cina nuovi ruoli e responsabilità oltre gli ormai ristretti confini continentali.

la nuova flotta cinese

Una grande flotta mercantile ma non solo. Nasce un programma di modernizzazione e potenziamento della Marina militare che ha avuto un’accelerazione nel 2013, con l’ascesa al potere del presidente Xi. Con la Marina che è rapidamente diventata la Forza Armata più importante della Cina.

Un oceano Pacifico molto armato
Usa e Cina, i due principali protagonisti navali nel Pacifico, ma non sono i soli. Recita la propria parte anche la marina russa, declassata da attore globale a potenza regionale ma ultimamente in forte crescita qualitativa. Dopo i problemi degli ultimi decenni, che avevano portato alla riduzione di un terzo della flotta nel Pacifico e alla distruzione di tutti i missili ICBM a est degli Urali, la flotta russa si è riorganizzata con nuove navi, tant’è che la ‘Voenno-morskoj Flot’, nonostante recentemente sia stata superata dalla Marina cinese, rappresenta ancora una delle più potenti e numerose marine da guerra del mondo.

la rinnovata flotta russa presenta unità, relativamente costiere, con un alto potere offensivo. ndr

A questa si aggiunge la Marina del Giappone, altro attore marittimo regionale in significativa ascesa, con una flotta moderna e competitiva, non ancora dotato di portaerei ma, essendo ormai indispensabile un’adeguata e pronta copertura aereonavale per ogni operazione in mare, potrebbero presto arrivare.

Cambio di oceano strategico
Nel Pacifico, strategie sempre più “navaliste” per sostenere i rispettivi commerci col mondo, in un periodo nel quale anche la pirateria rappresenta una reale minaccia agli scambi globali. Con le flotte militari impegnate nel sostegno delle rispettive economie, la loro missione principale, ma anche ingaggiate nel confronto per la ridistribuzione delle forze nel bacino del Pacifico e per la revisione dei relativi concetti geopolitici e geostrategici. Al momento la Cina non sembra avere l’obiettivo di proiettare la sua forza politico-militare dall’altra parte del globo, ma quello più limitato di proteggere le acque di suo interesse strategico e di impedire l’accesso delle navi avversarie ai tratti di mare contesi. Parallelamente alla propria crescita qualitativa la Marina cinese ha, infatti, mostrato un atteggiamento sempre più determinato nelle controversie per le numerose isole del Mar Cinese, importanti sia per le enormi riserve di risorse energetiche ma, soprattutto, per il loro valore strategico, essendo situate in posizione tale da permettere il controllo delle importanti rotte dell’area.


Arcipelaghi e l’isola che non c’è
Le disabitate isole Senkaku (o Diaoyu, come le chiamano i cinesi) contese con il Giappone, e le isole dell’arcipelago delle Spratly, contese da Vietnam, Filippine, Cina, Malaysia, Taiwan e Brunei, ma trasformate dalla Cina in una base militare con piste aeree e missili antinave. Aerei e navi cinesi, inoltre, pattugliano quelle acque in maniera sempre più aggressiva, proprio per sconsigliare la navigazione da parte di unità “non gradite”. Non si può tuttavia escludere che, una volta ottenuto il risultato (per alcuni analisti già raggiunto) e averlo consolidato, la Cina non desideri allargare i propri orizzonti strategici, intervenendo con la propria flotta militare in aree sensibili a lei completamente nuove.
Un assaggio, in fondo, c’è già stato con la recente esercitazione navale avente lo scopo di approfondire le capacità navali congiunte, anche per operazioni antipirateria, che si è svolta nelle acque dell’Oceano Indiano e del Golfo di Oman lo scorso dicembre 2019, con la partecipazione di unità militari iraniane, russe e, appunto, cinesi. Una crescita della flotta che va vista anche in un’ottica di lungo periodo, nel quale questo efficace mezzo di pressione potrà far aumentare la capacità della Cina di ottenere dei vantaggi diplomatici o di volgere le controversie internazionali a suo favore.

Us Navy prima, salvo virus e Trump
Ciò nonostante, la US Navy oggi continua a non avere rivali in grado di contrastarla sul mare. Può, infatti, schierare undici portaerei a propulsione nucleare (le più grandi e potenti navi militari oggi esistenti), contro le due convenzionali della Cina (di cui una varata lo scorso anno). In sostanza, ne possiede più di tutte le altre marine del mondo messe insieme, tenuto conto che se ne possono contare solo nove, di cui otto convenzionali (tra cui le due italiane, Cavour e Garibaldi) e una nucleare (la francese Charles de Gaulle).

La portaerei nucleare USN Gerard Ford in accostata, un gigante con oltre 4000 membri di equipaggio, 75 aerei … rappresenta una punta di diamante della forza statunitense  

Le unità statunitensi più recenti, classe Gerald Ford (ne sono previste dieci complessivamente e la prima è stata varata nel 2013), hanno un dislocamento di oltre 100.000 tonnellate a pieno carico, vantano un’autonomia limitata solamente dalle forniture di viveri, armi e dal carburante per gli aerei e imbarcano 75 F-35B STOVL, oltre ad altri velivoli ed elicotteri. Una potenza impressionante. La capacità degli Stati Uniti di inviare entro pochi giorni in ogni parte del mondo una di queste navi, con il suo convoglio di unità d’appoggio, è uno dei segni più visibili dell’attuale superiorità navale statunitense.

‘Show the flag’ e interessi nazionali
La superiorità navale, per essere utile, va ovviamente mostrata sui mari, con unità in piena capacità operativa. Come si dice nell’ambiente “show the flag”. Dal 2015, la Marina statunitense sta effettuando dei pattugliamenti ravvicinati nel Mar Cinese, portandosi al limite delle 12 miglia nautiche dagli isolotti rivendicati dalla Cina. Nel solo 2019 sono state effettuate otto esercitazioni di questo tipo, con la giustificazione di garantire la libertà di navigazione in quelle acque. La portaerei Roosevelt era impegnata proprio in questo tipo di attività, la prima del 2020. Partita con la sua scorta a metà gennaio da San Diego, aveva sostato a Guam per poi effettuare una lunga crociera nel Mar Cinese Meridionale, sostando a Da Nang (Vietnam) per poi fare rientro a Guam, dove il Comandante ha chiesto, in via precauzionale, di sbarcare una consistente parte del suo equipaggio contagiato da Covid-19.

USN Roosvelt, recentemente colpita da casi di COVID 19

Da parte sua, lo scorso mese di marzo la Cina ha approfittato dei problemi causati nell’area dalla pandemia per effettuare alcune manovre navali nelle acque del Mar Cinese, manovre che hanno comportato, a quanto si apprende dalle agenzie, anche delle penetrazioni nella Air Defence Identification Zone giapponese.

Nodo di interessi economici e strategici
Si comprende, quindi, come questa delicata area oggi rappresenti uno dei punti caldi del mondo, con nuovi contrasti che si sommano ai vecchi rancori della guerra fredda, accrescendo i rischi dell’attuale nuovo contesto geopolitico, ancora in fase di transizione. In prospettiva futura essa rappresenta, quindi, il nodo di grandi interessi economici e strategici che potrebbero aver conseguenze su altre aree a noi più prossime, o su questioni di nostro diretto interesse.  Il resto è sulle ginocchia di Giove.

Renato Scarfi

articolo pubblicato precedentemente su www.remocontro.it sulla pagina 

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 334 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »