Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Le scogliere emerse

tempo di lettura: 5 minuti

 

livello elementare
.
ARGOMENTO: ECOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: scogliere, falesie, biologia
.

Sulle rocce costiere, laddove l’azione del mare fa sentire i propri effetti, riescono ad insediarsi poche specie vegetali in grado di adattarsi a condizioni così estreme. La vegetazione costiera è quindi principalmente costituita da arbusti, in prevalenza sempreverdi, muniti di foglie rigide e coriacee per impedire l’essiccamento.

Un tempo chiamata adlitorale, la zona più vicina al mare è colonizzata da un’associazione vegetazionale tipica, definita vegetazione delle rupi costiere, che è costituita essenzialmente dallo statice (Limonium spp.) e dal finocchio di mare (Crithmum maritimum).

Il barba di giove (Anthyllis barbajovis) è uno degli elementi della macchia mediterranea che si spinge più in basso lungo le scogliere.

Allontanandosi maggiormente dal mare si sviluppa una macchia mediterranea vera e propria caratterizzata in questa fascia principalmente da rosmarino (Rosmarinus officinalis), lentisco (Pistacia lentiscus), erica (Erica arborea), fillirea (Phillyrea angustifolia), mirto (Myrtus communis), cisti (Cistus monspeliensis, C. incanus, C. salvifolius), barba di Giove (Anthyllis barba-jovis) e ginestra spinosa (Calycotome villosa).

In aree maggiormente impervie si stabilizza una gariga, cioè una vegetazione a piccoli arbusti, caratterizzata dalla presenza di erba gatta (Teucrium marum), elicriso (Helichrysum litoreum) e cineraria marittima (Senecio cineraria).

Le falesie rocciose rappresentano un vero ambiente di passaggio tra il dominio marino e quello terrestre.

statice (Limonium sp.)

Sulle scogliere più meridionali è possibile trovare anche la palma nana (Chamaeropsis humilis). I piani sopralitorale e mesolitorale rappresentano un ambiente alla portata di tutti, dal momento che non è necessario entrare in acqua per osservare gli organismi che li abitano, e estremamente interessante da un punto di vista ecologico.

Infatti costituiscono la zona di transizione tra l’ambiente terrestre e quello marino e per questo motivo sono colonizzati da organismi adattati a condizioni di vita estreme e caratterizzati da morfologie e meccanismi fisiologici unici. Questi organismi si distribuiscono in cinture alte pochi centimetri ma presenti lungo la costa ovunque si verifichino condizioni ambientali a loro favorevoli.

I balani sono anche chiamati “denti di cane” per via della loro forma aguzza che risulta essere molto tagliente. I balani posseggono entrambi i sessi (sono ermafroditi) e possono procreare sia quando sono in folti gruppi, sia quando si ritrovano isolati

Le principali cinture che possiamo osservare lungo le coste rocciose mediterranee sono costituite, dall’alto verso il basso dai balani, i cosiddetti “denti di cane”, crostacei cirripedi del genere Chthamalus, dalle alghe rosse Rissoella verruculosa, dal Nemalion helmintoides, detta anche spaghetto di mare e da un’alga rossa calcarea, chiamata Lithophyllum byssoides.

Rissoella verruculosa

.
Quest’ultima, in particolari condizioni di luce, idrodinamismo e purezza delle acque, può edificare, fissando il carbonato di calcio, delle ampie strutture rilevate dalla scogliera. Queste strutture, sempre più rare nelle aree continentali sottoposte a pressione antropica, sono ancora presenti in molte zone dell’Arcipelago Toscano, della Corsica occidentale o delle isole sarde. Si possono osservare nei distretti più remoti di Montecristo, lungo le scogliere di Scandola o attorno alle isole dell’Arcipelago della Maddalena dove è possibile ammirare dei marciapiedi di Lithophyllum byssoides spessi alcuni decimetri. Questa alga si sviluppa su substrato roccioso formando pulvini emisferici, che possono saldarsi tra loro. Quando l’acqua è calma queste biocostruzioni possono emergere completamente, fino a 20-30 cm al di sopra del livello del mare e formare cornici che vengono normalmente definite con il termine francese “trottoir”.

Quando la pendenza della scogliera è meno forte, nella zona del mesolitorale si formano pozze che rimangono isolate dal mare aperto durante le ore di bassa marea. Queste pozze rappresentano piccoli mondi a sé, caratterizzati da forti variazioni di temperatura e salinità e abitate da organismi capaci di sopportare tali variazioni, come piccoli crostacei, molluschi ed alcune specie di ghiozzi e bavose.

I litorali rocciosi sono anche luoghi ideali per l’osservazione degli uccelli marini. Il gabbiano reale (Larus cachinnans), in particolar modo, rappresenta un elemento costante dei litorali rocciosi mediterranei. L’immagine di una scogliera è immancabilmente associata al volo dei gabbiani e alle loro grida stridule. Per quanto possa essere affascinante, il gabbiano reale rappresenta oggi una specie invasiva: estremamente adattabile, ha reagito molto bene alla presenza umana, riuscendo abilmente a sfruttare i rifiuti della nostra civiltà. Le popolazioni di questa specie sono fortemente incrementate nell’ultimo decennio, andando a compromettere, per competizione, popolazioni di specie meno adattabili: la presenza umana, spesso causa, anche indirettamente e inconsapevolmente, rotture negli equilibri naturali.

La specie più in pericolo per la distruzione degli habitat e per la competizione con il gabbiano reale è il gabbiano corso (Larus auduinii) la cui distribuzione è oggi limitata alle isole Baleari, Corsica, Sardegna e Arcipelago Toscano. Altro uccello tipico delle scogliere mediterranee è il marangone dal ciuffo (Phalacrocorax aristotelis), uccello tuffatore, compie lunghe apnee per catturare i pesci di cui si nutre e può rappresentare un piacevole incontro anche per il seawatcher.

Durante l’inverno molti sono gli uccelli marini che frequentano le coste del Mar Ligure e del Tirreno, come sule (Sula bassana), sterne (Sterna spp.) e anatre di mare (Somateria, Bucephala, Melanitta), mentre nel periodo riproduttivo le scogliere più remote sono utilizzate dalle berte (Puffinus puffinus, Procellaria diomedea) per la deposizione delle uova all’interno di fessure nella roccia.

Le scogliere sono habitat di elezione anche per uccelli meno legati al mare, come i corvi imperiali (Corvus corax), i rondoni pallidi (Apus pallidus), i piccioni selvatici (Columba livia) e alcuni rapaci, come il falco pescatore (Pandion haliaetus) e il falco pellegrino (Falco peregrinus).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è UCCELLI-FALCO-PELLEGRINO-Spinus-peregrine-falcon-2014-11-n017575-w.jpg

falco pellegrino (Falco peregrinus)  – autore Spinus Nature Photography  Spinus Nature PhotographySpinus-peregrine-falcon-2014-11-n017575-w.jpg – Wikimedia Commons

Nel prossimo articolo parleremo delle scogliere sommerse superficiali.

Luigi Piazzi 

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
.
,

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 385 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
5 visitatori online
5 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 20 alle 12:08 am
Mese in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Anno in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x