If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Unione Europea e Libano, una situazione esplosiva

Reading Time: 6 minuteslivello elementare

 

ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: LIBANO
parole chiave: Libano, Siria, Israele, Hezbollah, Iran, Sciti, Sunniti, Unione Europea

Unione Europea e Libano
Ne abbiamo parlato spesso: il nesso sicurezza-stabilità è fondamentale per ogni Stato e Alleanza per modulare la politica estera verso le sfide del III millennio. Un recente saggio analizza le Politiche dell’UE riguardanti il Libano e la cooperazione bilaterale in materia di migrazione e sicurezza, politiche urgenti per affrontare una situazione esplosiva. Il Libano è come una pentola a pressione che è sottoposta ad un calore costante; quando la pressione raggiungerà il suo massimo esploderà con conseguenze importanti in tutta la Regione.

Nel Mediterraneo vediamo una linea di frattura fra due mondi separati culturalmente da secoli di incomprensioni e guerre fratricide. Un ruolo fondamentale per mitigare queste linee di instabilità dovrebbe venire da un concreto impegno dell’Unione Europea, scevro da interessi degli Stati membri. Quanto siano cambiate le politiche e pratiche dell’UE negli ultimi anni è dibattuto e aprirebbe un vaso di Pandora che va oltre gli scopi di questo breve articolo. Nel novembre 2016 è stato avviato il patto UE-Libano e istituiti nuovi sistemi e pratiche istituzionali per la cooperazione in settori in cui di fatto esistono interessi comuni. Teoricamente l’assetto istituzionale dell’UE in relazione al Patto rappresenta un approccio pragmatico che, in situazioni di crisi, può favorire azioni concrete e tangibili.

La destabilizzazione del Libano non è di convenienza di nessuno
Un problema concreto e l’integrazione dei rifugiati siriani nella società libanese ma il loro peso politico non può essere trascurato. Nella dichiarazione congiunta in seguito alla riunione del Consiglio di associazione UE-Libano del luglio 2017 è stato affermato che “Riconoscendo l’impatto della crisi siriana sul Libano e lo straordinario ed eccezionale sforzo del Paese nell’ospitare più di un milione di rifugiati siriani registrati dall’UNHCR […] , l’UE ha confermato la sua disponibilità a mantenere il livello di sostegno assegnato per il periodo 2016-2017 nel 2018 e si è impegnato a raggiungere un livello simile per il 2019 “(Consiglio europeo, 2017b, p.1).

La crisi siriana è fattore catalizzante per il futuro del Libano, la cui economia, indebolita da anni di dissidi interni, ha raggiunto nelle zone rurali livelli importanti di povertà. Questa situazione è aggravata da migrazioni politiche ed economiche nel Medio Oriente e nel Nord Africa. Nel 2016 è stata avviata una nuova strategia per mitigare gli effetti della migrazione e dei rifugiati per “fornire un ambiente vantaggioso per il Libano, le comunità di accoglienza e i gruppi vulnerabili” (Consiglio Ass. UE-Libano, 2016, p.12). Al di là degli aspetti umanitari, che andrebbero analizzati in maniera olistica al fine di affrontarli in maniera pragmatica, il fenomeno della migrazione, se mal gestito, può essere destabilizzante per la nostra società occidentale. Invece di invocare soluzioni al problema bisognerebbe andare alla radice di esso. Gli attuali sforzi, sostenuti a tratti dalla UE, dovrebbero mirare sia al contrasto del contrabbando e tratta di esseri umani che a prevenire le morti di questi disperati nel Mar Mediterraneo con azioni politiche concrete nei territori di origine.

La politica europea dovrebbe mirare a rimpatriare i migranti senza un diritto legale di rimanere in Europa sostenendo politiche di sviluppo nei loro Paesi o più vicini alla loro origine. L’idea di guardare alla gestione delle migrazioni dell’UE da una prospettiva di stabilità della sicurezza è stata suggerita da Roberto Roccu e Benedetta Voltolini (vedi riferimento), sostenendo che il mantenimento della stabilità nella regione Mediterranea del Nord Africa al fine di massimizzare la sicurezza dell’UE sia stato a lungo identificato come “la principale ambizione delle politiche dell’UE nei confronti del Mediterraneo meridionale” (Roccu e Voltolini 2017, p.1).

Nel 2013 l’UE ha deciso di inserire l’ala armata degli Hezbollah nella lista dei movimenti terroristici dell’UE (Black, 2013), riferendosi sia ad un presunto coinvolgimento di Hezbollah in un attacco terroristico in Bulgaria nel 2012, sia alla loro partecipazione alla guerra civile in Siria. Un passo importante in quanto la sicurezza è un elemento importante nel quadro della cooperazione UE-Libano. Si rende particolarmente necessario incrementare l’organizzazione interna di sicurezza, promuovendo misure contro la radicalizzazione.

Facile a dirsi ma non a farsi. Di fatto divisioni politiche profonde non consentono tutt’oggi di intravedere una precisa volontà libanese di combattere le fazioni oltranziste. La Conferenza di Londra del febbraio 2016, ha cercato un passo verso la soluzione della crisi interna. La “Dichiarazione di intenti” afferma che gli aiuti internazionali dovrebbero esser impiegati per riprendere l’istruzione, creare nuove opportunità economiche e posti di lavoro per i Libanesi ma anche per i rifugiati siriani ivi residenti che, secondo la Banca Mondiale, richiedono fondi per 11 miliardi di dollari US per il periodo 2016-20, tra sovvenzioni (5 miliardi) e prestiti (6 miliardi). In particolare, il Libano si impegna a “continuare a cercare, in conformità con le leggi libanesi, modi per facilitare la razionalizzazione delle norme che disciplinano la loro permanenza, compresa la rinuncia periodica delle tasse di residenza e la semplificazione dei requisiti documentali come l’impegno a non lavorare …  “, al fine di facilitare il loro accesso controllato al mercato del lavoro in settori in cui non sono in concorrenza diretta con i libanesi, come l’agricoltura, la costruzione e altri settori ad alta intensità di manodopera “(Consiglio, 2016, 12).

Il Patto presenta introduce un insieme di impegni per le due parti (Consiglio, 2016, pp. 13-19), che si riassumono in:
Miglioramento della stabilità: sicurezza e antiterrorismo con il sostegno dell’UE coinvolgendo le agenzie europee per la sicurezza e giustizia;
Governance e stato di diritto, che implica da parte dell’UE la volontà di mantenere un approccio non invasivo, garantendo i diritti dello Stato;
Promuovere la crescita e le opportunità di lavoro, tenendo conto lo sbilanciamento tra locali e migranti;
Migrazione e mobilità fornendo un “ambiente benefico per il Libano, le comunità di accoglienza e i gruppi vulnerabili”.

Un documento molto politico che lascia aperte diverse porte ma che di fatto si mantiene ad un livello interlocutorio se non generico 
Forse il fattore più significativo è la dichiarazione di volontà di creare 300.000-350.000 nuovi posti di lavoro in Libano, di cui il 60% dovrebbe essere riservato ai migranti siriani. Nella dichiarazione congiunta del 18 luglio 2017 di Federica Mogherini e Gebran Bassil alla riunione del Consiglio di associazione UE-Libano, è stato riportato che il “Consiglio di associazione ha anche convenuto di proseguire le discussioni verso la firma di un partenariato per la mobilità”.

Nel giugno 2017, l’UE ha presentato un rapporto sulle relazioni UE-Libano che valuta la cooperazione tra i due partner nel periodo da marzo 2015 ad aprile 2017, affermando che il parternariato è diventato più vicino, più strategico e più mirato a rendere possibili pratiche concrete e tangibili, che possono aiutare a mantenere il nuovo assetto istituzionale, il cosiddetto Compact UE-Libano.

Soldati dell’esercito libanese esultano dai loro veicoli militari nella città di Ras Baalbek, il 21 agosto 2017 dopo aver sconfitto l’ISIS. REUTERS/ Ali Hashisho

Le principali aree di interesse della cooperazione nel contesto delle gravi crisi regionali, come indicato da Federica Mogherini nel comunicato stampa rimangono sicurezza, antiterrorismo e stabilità, volte a contrastare gli sviluppi della situazione siriana in Libano. Considerando le nuove sfide legate alla presenza di oltre un milione di rifugiati siriani in Libano, in un contesto di sicurezza precario a causa delle pre-esistenti divisioni nella politica libanese, la sempre più forte posizione di Hezbollah filo iraniani, questo interesse comune, citato dal rapporto UE potrebbe restare solo un bel proposito o quanto più un desiderio comune.

I fiorenti porti libanesi e le strutture bancarie, che ne facevano un riferimento nel Medio Oriente negli anni ’60, sembrano ricordi lontani in un Paese con una multiforme identità, schiacciato da sempre da fazioni interne, ora anche esacerbate dalla migrazione siriana. L’Unione Europea dovrebbe quindi prendere una posizione più decisa per consentire a questo tormentato Paese di rifiorire. Va compreso che un Libano controllato e stabile sarebbe di utilità per tutti, compreso Israele. Non ultimo va considerato che un Libano instabile diventerebbe una nuova  spina nel fianco per tutti in un Mar Mediterraneo in cui gli equilibri politici stanno mutando.

Andrea Mucedola

Letture consigliate
Black I
(2013, July 22) EU resists Hezbollah ban but lists armed wing as terrorist group. The Guardian

Roccu R, Voltolini B (2017) Framing and reframing the EU’s engagement with the Mediterranean: Examining the security-stability nexus before and after the Arab uprisings. Mediterr Polit 23(1):1–22

European Commission (2017b) Joint Staff Working Document. Report on EULEBANON relations in the framework of the revised ENP, SWD (2017) 251 final.

   

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 111 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
astronomia e astrofisica
Astronomia e Astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »