If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

E’ possibile prevedere in anticipo le variazioni climatiche locali per ridurre le instabilità politiche regionali?

Reading Time: 9 minutes

.
livello elementare
.

ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: PIANETA TERRA
parole chiave: cambiamenti climatici, oscillazioni nord atlantico, flussi migratori
.

Un cambiamento climatico può modificare un equilibrio geopolitico?
Un recente studio multidisciplinare ha dimostrato come le variazioni climatiche agirono in passato su fenomeni migratori che sconvolsero gli equilibri geopolitici del tempo. Questa risultanza di fatto conferma quanto espressi in una mia conferenza ad Abu Dhabi (Towards a better future) nel 2014, sottolinendo la necessità di considerare anche i cambiamenti climatici tra i fattori che potranno causare future situazioni di crisi geopolitiche.

Partiamo dall’inizio
Lo studio ha individuato nell’Oscillazione Nord Atlantica (in inglese NAO, per North Atlantic Oscillation), un fenomeno di circolazione atmosferica localizzato nell’Oceano Atlantico settentrionale, un fattore di spinta dei movimenti migratori euro-asiatici. Come è noto, l’oscillazione Nord Atlantica interessa la depressione islandese ed il noto anticiclone delle Azzorre, generando le forti perturbazioni dell’Atlantico settentrionale. Questi movimenti atmosferici, scoperti negli anni venti del XX secolo da Gilbert Thomas Walker, sono fortemente correlati all’Oscillazione artica con tutti gli annessi e connessi. Nello studio sono state correlate le variazioni dell’oscillazione atlantica con i cambiamenti climatici della storia recente del nostro pianeta, notando che in corrispondenza delle sue variazioni si verificarono fenomeni meteorologici estremi. Un esempio  quelle avvenute tra il I secolo avanti Cristo e il V secolo dopo Cristo alla periferia dell’impero romano, con innalzamenti di temperature e fenomeni di siccità che comportarono la migrazioni forzata dei popoli indigeni.  

Mappa dell’Impero Romano nella sua espansione territoriale nel 117 d.C.  Le posizioni sono evidenziate per (a) i Cimbri e Teutones prima del 117 aC, (b) i Marcomanni e Quadi prima del 160 d.C., c) posizione ipotizzata per tribù che alla fine sarebbero diventate i Goti prima del 370 D.C., ed il possibile percorso migratorio degli Unni intorno al 400 d.C., e (e) dei gruppi di lingua slava prima del periodo della migrazione (500 d.C.). C’è poca certezza nella collocazione di gruppi linguistici prima del Periodo di Migrazione. Mentre i territori linguistici erano ampi, le popolazioni erano probabilmente concentrate in aree più piccole. Mappa generata in R (3.3.2) 40 utilizzando i riquadri delle mappe di Stamen Design (in CC BY 3.0. Dati di OpenStreetMap, in ODbL). estratto dallo studio in riferimento

 In particolare, i ricercatori hanno associato alcune migrazioni, che furono particolarmente invasive per l’Impero romano, con i fenomeni citati nelle fonti e confermati dalle analisi climatologiche dei secoli passati, partendo da quella dei Cimbri e dei Teutoni dal 113-101 a.C., dei Marcomanni e Quadi dal 164 al 180 d.C., dei Goti nel 376 d.C., che furono poi seguite da quelle dei Visigoti, Ostrogoti, Unni e Slavi dal 500 al 600 d.C.. Gli indici climatici di quei periodi hanno indicato con certezza un peggioramento climatico dopo il 200,  fino alle condizioni gelide della piccola glaciazione del V secolo d.C.

Un breve quadro politico
Al suo apice, l’impero romano controllava una vasta regione che copriva una grande parte dell’Europa dell’Africa occidentale fino al Medio Oriente. Un territorio enorme che raccoglieva oltre il 20% della popolazione mondiale. Il declino dell’impero romano ebbe luogo a seguito delle invasioni dei popoli europei esterni che, come vedremo,  avvennero in due fasi. La prima iniziò nel 376 d.C. con il movimento delle tribù gotiche in risposta alla migrazione degli Unni dall’Asia centrale. L’incapacità di controllare questa migrazione portò al collasso la struttura di controllo romana, sempre meno efficiente in un Impero decadente. Le successive ondate migratorie di Vandali, Alemanni, Franchi, Alani e Goti e la conseguente caduta dell’Impero non furono che la logica conseguenza a questo stato di debolezza. La seconda ondata di migrazioni incluse anche popoli di lingua slava e turca, che si sostituirono in determinate aree mutando la connotazione politica dell’Impero ed il paesaggio linguistico dell’Europa orientale. 

Nello studio vengono inquadrati quattro eventi significativi di migrazione proto-germanica / germanica in territori associati prima alla Repubblica e poi all’Impero romano.

Dagli estremi confini verso il cuore dell’impero
La prima grande migrazione interessò i Cimbri e i Teutoni provenienti dalla penisola dello Jutland che si spinsero verso l’Italia settentrionale, sconfiggendo a più riprese le legioni romane nel 112 a.C., nel 109 a.C. e nel 105 a.C.. I Romani, sotto Gaius Marius (157-86 d.C.) riorganizzarono le legioni e risposero con una fortunata campagna militare contro Cimbri e Teutoni nel 101 a.C.. La riorganizzazione delle legioni necessitò di allargare il servizio militare alla plebe, potenziando il potere dei comandanti militari. Nel giro di pochi anni, i generali marciarono su Roma per prendere il potere. La conseguente instabilità che ne derivò erose le norme democratiche della Res Pubblica finché il potere non fu centralizzato da Ottaviano con la riorganizzazione della Repubblica in un Impero.

Il secondo evento avvenne dopo circa due secoli di relativa stabilità, quando numerose tribù germaniche, tra cui i Marcomanni ed i Quadi, attaccarono con violenza inaudita il confine settentrionale. Le tribù attraversarono il fiume Danubio e penetrarono a sud, fino ad Aquileia, sulla costa settentrionale del Mare Adriatico. L’imperatore Marco Aurelio (121-180 d.C.) alla fine respinse gli invasori, e suo figlio Lucio Aurelio Commodo (161-192 d.C.) finalizzò gli accordi di pace. Di fatto la guerra fu sanguinosa e dimostrò l’inefficienza dell’autorità militare di Roma, con conseguenze economiche significative per le casse dell’impero. Il periodo seguente ne risentì con una sequenza di episodi di ricorrente instabilità che ebbero termine con Diocleziano (244-312 d.C.) che riorganizzò con la forza l’Impero.

Nel 376 d.C., secondo Ammianus Marcellinus, i popoli gotici chiesero il permesso di attraversare il Danubio, nel confine sud dell’Impero Romano, in risposta alla migrazione degli Unni. L’incapacità di nutrire tutti i rifugiati all’interno dei confini portò ad una rivolta, ed i Goti incominciarono a razziare i villaggi. Fu l’inizio della terza migrazione. L’imperatore d’Oriente Flavio Giulio Valente (328-378 d.C.) cercò di fermarli  militarmente ad Adrianopoli, ma i Romani furono sconfitti. Senza nessun freno, le tribù gotiche continuarono a spingersi all’interno dell’Impero fino a saccheggiare Roma nel 410 d.C. L’invasione dei Goti distrusse definitivamente l’egemonia romana in Occidente e, dopo il saccheggio di Roma, le tribù germaniche si spostarono in Gallia, Tracia, Iberia e Nord Africa.

L’ultimo imperatore romano, Romulus Augustulus fu deposto nel 476 d.C. da Odoacre. Non ultimo, un quarto periodo migratorio europeo interessò le tribù slave, che si spostarono sia nelle aree precedentemente popolate da popolazioni germaniche sia in quelle orientali dei Traci e Daci. In contemporanea, altre migrazioni avvennero nell’area meridionale della Gran Bretagna a causa  dell’invasione degli Angli e dei Sassoni. E’ importante comprendere che tutte queste migrazioni trasformarono il paesaggio politico e culturale della tarda antichità e costituirono la base delle attuali differenze linguistiche. Questo mescolarsi di popoli diversi non provocò solo importanti impatti culturali ma anche la diffusione di malattie, un tempo endemiche solo nelle aree di origine, che vennero  poi portate in Europa. Accadrà qualcosa di simile con la colonizzazione delle Americhe.

Cambiamenti climatici e politici: una relazione nota ma complessa da analizzare
La teoria che questi mutamenti geopolitici fossero stati influenzati dai cambiamenti climatici era stata postulata già nel XVIII secolo però mancava una chiara connessione tra clima e migrazioni individuali. Per quanto concerne le migrazione del V-VI secolo dopo Cristo, vi sono dei riscontri climatologici che hanno confermato che in quei periodi vi furono fenomeni meteorologici estremi con aree decisamente fredde ed altre soggette ad una maggiore aridità. I dati palinologici in tutta Europa indicano che vi fu un avanzamento delle terre boschive ed una diminuzione delle colture di cereali dovute al freddo intenso. Questo periodo migratorio avvenne in contemporanea con il fenomeno climatico chiamato LALIA (Late Antique Little Ice Age) che spinse i popoli per necessità di sopravvivenza verso occidente con gli esiti che ho accennato. Possiamo quindi affermare con una certa sicurezza che l’oscillazione nord atlantica (NAO) fu un driver climatico per le migrazioni storiche in Europa per quasi 7 secoli.

Analizziamo ora più da vicino il fenomeno dell’oscillazione nord atlantica (NAO – North Atlantic Oscillation)
Come ho accennato il NAO deriva dalla differenza di pressione atmosferica tra la cella ad alta pressione esistente sulle Azzorre e quella di bassa pressione islandese. Ora come allora, queste due celle di pressione creano un condotto per venti umidi che facilitano lo sviluppo delle tempeste in tutta Europa; esse  modificano la circolazione zonale con condizioni più umide in Europa centrale e condizioni più secche nel Mediterraneo quando il NAO è positivo, o condizioni contrarie quando il NAO è negativo. Dalle analisi climatologiche, è emerso che vi furono oscillazioni del NAO in contemporanea con le migrazioni europee storiche nell’antichità, con dei minimi intorno al 150 a.C., 190 a.C., 375 a.C.. e 500 a.C.. Poiché le condizioni di siccità in certe aree persistettero per decenni, l’incentivo alla migrazione fu decisamente elevato.

Nella Fig. 2 (di seguito riportata) si evince come in ogni periodo in cui il NAO aumentò (da 0 a 1) avvennero  delle significative migrazioni germaniche o proto-germaniche. Queste valutazioni climatologiche trovano riscontro con le fonti antiche dove i cronisti dell’epoca riferirono le gravi condizioni di siccità nei territori esterni, che spinsero le tribù a migrare oltre i confini romani (vedi Fig. 3). 

Analisi bayesiana del punto di cambio di NAO, probabilità e resoconti storici di siccità e carestia con eventi di migrazione primaria. Figura generata in R (3.3.2) – Fig. 2 da studio citato

Spostamento storico (1900-2014 AD) nell’indice di sensibilità alla siccità Palmer auto-calibrato (scPDSI) dall’indice NAO che varia da 1-2 a un indice NAO compreso tra 0-1. Le aree vicino al Mediterraneo vedono uno spostamento verso condizioni più umide mentre l’Europa centro-settentrionale e le fasi del Pontic spostano verso condizioni più aride. Mappa generata in R (3.3.2) utilizzando i riquadri delle mappe di Stamen Design (in CC BY 3.0. Dati di OpenStreetMap, in ODbL) e record scPDSI storici – Fig. 3 da studio citato

Ma non fu sempre così
Non sempre a fenomeni climatici estremi ci furono risposte similari. Sebbene siano dei driver  importanti la risposta sociale dipese anche dalla solidità sociale dei Paesi che vi si contrapponevano. Questo fattore è molto interessante e ci pone questo interrogativo.
I modi in cui una società risponde alle mutevoli condizioni climatiche influenzano il fenomeno migratorio?
Di fatto i cambiamenti climatici sono solo fattori di spinta che contribuiscono alle migrazioni. Se i Paesi che subiscono la migrazione reagiscono con coerenza e decisione, l’impatto sociale viene mitigato. Dove non esiste coesione e comunione di intenti, la migrazione, anche quella più pacifica va a scardinare il tessuto connettivo della società, non portando ad un integrazione ma alla contrapposizione di diverse culture. 

Questi fenomeni climatologici non sono protagonisti solo del passato ma si stanno ripetendo, sempre più invasivi, anche ai giorni d’oggi. 
In tempi recenti la siccità, che ha colpito la Siria dal 2007-2010, ne influenzò la produttività agricola locale e, di conseguenza, vi fu un aumento dei prezzi alimentari che colpì le fasce più povere. L’instabilità che si generò contribuì alla contrapposizione interna e portò alla successiva guerra civile e alle crisi migratoria dei rifugiati. Ovviamente ci furono altre cause ma concomitanti al problema economico. Un altro esempio è l’effetto devastante della siccità nei Paesi arabi, poi interessati dalla primavera araba. L’indisponibilità degli alimenti di base colpì i centri di produzione alimentare, portò all’aumento dei prezzi dei generi alimentari, esacerbando la tensione politica interna esistente e causando l’indebolimento dei poteri politici.

In sintesi, la relazione tra cambiamenti climatici, disponibilità alimentare e flussi di approvvigionamento influenza l’aumento dell’instabilità sociale, colpendo in primis le fasce più deboli.
Il “successo” del fenomeno migratorio è direttamente proporzionale alla capacità di risposta degli Stati che lo subiscono.

interessante tabella delle variazioni di temperature, della disponibilità alimentare, dallo studio

Prevedere  in anticipo le variazioni climatiche locali per ridurre l’instabilità regionale
In sintesi, lo studio citato fornisce uno strumento di valutazione aggiuntivo per la previsione delle aree di crisi future. Non è un fattore da trascurare; i cambiamenti climatici in atto genereranno nei prossimi vent’anni la perdita di vaste aree produttive con spostamenti demografici importanti. I fenomeni migratori non si limiteranno alle aree limitrofe ma si estenderanno anche a paesi lontani. Di fatto, le statistiche mostrano che molti emigranti attuali vengono da Paesi interessati da gravi fenomeni di siccità. Occorre quindi fare un piano mondiale di condivisione delle risorse non solo per motivi umanitari ma anche utilitaristici. 

Sebbene ogni individuo esprima bisogni ed esigenze in modi diversi, questi trovano una razionalità nel luogo di origine, a causa della cultura della propria civiltà. Cercare di soddisfare queste necessità basilari (in altre parole la sopravvivenza) nei luoghi di origine porta ad una riduzione degli attriti sociali che, anche in strutture mature, creano rotture a volte insanabili. Un grave errore è cercare di globalizzare le esigenze. Le civiltà sono il frutto di processi lentissimi e assimilano molto male variazioni drammatiche del modus vivendi locale. Si generano quindi ribellioni interne legate ad un senso di appartenenza a concetti etici e religiosi soffocati dal nuovo ambiente in cui gli emigranti sono costretti ad abitare. Questo fenomeno sembra si acuisca nelle seconde generazioni che crescono in ambienti familiari spesso male integrati che trasmettono ai figli una cultura in contrasto a quella che li circonda. Non si ha talvolta un arricchimento ma un attrito continuo che porta a fenomeni di rivolta che a  loro volta provocano instabilità sociale

L’analisi delle variazioni climatologiche e l’identificazione di aree sensibili può quindi aiutare a prevenire movimenti migratori che potrebbero catalizzare situazioni di instabilità che, propagandosi a palla di neve, ci porterebbe alla distruzione della nostra civiltà.

Andrea Mucedola

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 371 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »