Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Overfishing in Francia e in Europa – articolo di Jean Francois Marailhac

tempo di lettura: 3 minuti

..
livello elementare
.
ARGOMENTO: PESCA

PERIODO: ODIERNO
AREA: EUROPA
parole chiave: overfishing, surpêche, pesca eccessiva

 

Questo articolo tratta un grave problema, l’overfishing, ovvero la pesca eccessiva. In ogni mare del mondo gruppi industriali della pesca stanno depauperando le risorse ittiche creando instabilità economica nei paesi più poveri. In altre parole aprono la strada a fenomeni criminali come la pirateria ed il contrabbando attingendo da risorse umane senza un futuro. La pesca è un’attività umana importante, sia dal punto di vista economico sia per la nostra sopravvivenza, bisognerà sicuramente razionalizzarla con leggi condivise e ecocompatibili ma non deve essere criminalizzata. L’articolo, scritto dall’ONG francese Scaph Pro Recherche Océanographique, va in qualche punto  oltre … per cui alcune posizioni non sono sempre condivisibili, ma fornisce molti punti di riflessione su questo grave problema.

La pesca eccessiva in Francia e in Europa: il fallimento politico.
Il fallimento di una politica comune della pesca è inconfutabile. Per stessa ammissione dei funzionari europei, la PCP è un fallimento. Il doppio fallimento della PCP è prima ecologico, poi economico. Non è il mare che si sta svuotando è l’uomo che svuota il mare; l’88% degli stock comunitari è sfruttato oltre il RMS (Produzione Massima Autorizzata), e il 30% è addirittura al di fuori dei limiti biologici di sicurezza. Di conseguenza, il settore della pesca mina le proprie fondamenta economiche. L’aumento del prezzo del carburante e la riduzione delle catture dovute al calo degli stock (o alle restrizioni europee…) a volte portano i marinai (che partecipano alle spese sostenute) a finire in negativo.

 

 

Sovrasfruttamento, sussidi, lassismo e deroghe
In un certo senso, l’Unione europea è in parte responsabile di questa situazione. Così, fino al 2006, erogava più aiuti per l’ammodernamento della flotta che premi alla demolizione! Il 29% dei 4,9 miliardi di euro pagati tra il 2000 e il 2006 è stato utilizzato per il rinnovamento delle navi, mentre solo il 17% è stato utilizzato per ridurre la capacità di pesca. Di conseguenza, la flotta si è ridotta solo del 2% all’anno dal 2000, quando il progresso tecnico ha aumentato la produttività delle navi di circa il 2-3% all’anno. Anche gli Stati sono stati irresponsabili. Dal 2006 l’Unione Europea non impone più misure di riduzione della flotta ma si accontenta di indicare le quote a disposizione di ciascun membro della Comunità, che poi è l’unico a decidere quale politica nazionale applicare. Tuttavia, gli Stati non hanno esitato a chiedere deroghe regionali di ogni genere. Inoltre, in un rapporto pubblicato nel 2007 (relazione speciale 7/2007), l’UE denunciava la mancanza di rigore e regolarità dei controlli effettuati dalle agenzie nazionali, nonché la leggerezza delle sanzioni irrogate.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è PESCA-STRASCICOOld_Trawling_Nets.jpg

Vecchio disegno della pesca a strascico in acque superficiali e in acque profonde e sul fondo. NotaRE i “grovigli” con tutta la vita marina intrappolata in essi. Tavola I. In: “Risultati delle campagne scientifiche del Principe di Monaco”, vol. 84. Autore NOOA – permesso US Gov. https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Old_Trawling_Nets.jpg

La necessaria riforma della pesca. Europa e pescatori in prima linea. Cosa fare?
Creare molte riserve, santuari, programmi di barriera corallina artificiale. Le riserve subacquee spagnole sono un flagrante esempio di successo.

Chiedere il 50% degli oceani nei santuari.

Ridurre la sovraccapacità della flotta, in particolare attraverso l’applicazione di meccanismi di mercato (come già avviene per le emissioni di CO2).

Dare capacità decisionali a un organismo ecologico indipendente: una ONG che, come Scaph Pro Oceanographic Research, ha una visione a lungo termine ed esperienza internazionale. La Commissione Ue potrebbe acquisire più potere, sotto il controllo del Parlamento e la sorveglianza degli Stati.

Scoraggiare le professioni della pesca.

Educare i consumatori come abbiamo fatto per la prostituzione.

Diffondere il diritto degli animali nelle scuole della repubblica fin dalla prima infanzia. Colpa delle lobby della pesca sportiva… (uccidere non è uno sport, né un gioco, né una distrazione).

Sovraccaricare il commercio della pesca per finanziare riserve e programmi di barriera artificiale e infine incoraggiare e sovvenzionare qualsiasi iniziativa vegetariana (ristorante, mensa).

Con tali misure possiamo sperare che i nostri figli vivano gli oceani con i pesci altrimenti non vale la pena sognare.

Jean Francois Marailhac

in anteprima: Pescherecci a strascico a Stephens Passage, Alaska, USA, Autore David Csepp, NOAA/NMFS/AKFSC/Auke Bay Lab
https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Setting_a_trawl_in_Stephens_Passage_,_Alaska.jpg
 

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 617 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
1 Comment
più recente
più vecchio più votato
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti
trackback

[…] FONTE FOTO […]

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

26 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
26 visitatori online
26 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 33 alle 08:24 am
Mese in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
1
0
Cosa ne pensate?x