If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Might is Right?

Reading Time: 6 minutes

 

livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIRITTO INTERNAZIONALE
parole chiave: Cina, mar cinese meridionale

 

Le controversie nel Mar cinese meridionale a fronte della decisione della Corte permanente di arbitrato dell’Aja.

The Tribunal finds that China’s claims in the South China Sea do not include a claim to ‘historic title’”. Con giudizio unanime, il 12 luglio 2016, la Corte permanente di arbitrato ha stabilito l’inconsistenza giuridica della giustificazione addotta dalla Cina a sostegno della sua politica nel Mar cinese meridionale.

WO-AX398_CHINAU_9U_20150805163313

Per quanto sopra, la cosiddetta Nine-Dash Line, violerebbe le regole della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare andando ad intaccare la sovranità che altri Stati, come le Filippine, possiedono di diritto nelle loro zone economiche esclusive (ZEE). L’annosa controversia del Mar cinese meridionale riguarda una porzione di mare che, per la sua posizione geografica, la sua notevole pescosità e ricchezza di risorse energetiche, desta grande interesse negli Stati che la rivendicano. L’area contesa include tra le altre le isole Spratly e Paracel e il bassofondo di Scarborough, rivendicati al contempo da Cina, Filippine, Vietnam, Malesia, Taiwan e Brunei.

spratly3

Haiphong, Vietnam, il 21 ottobre 2011. Un marinaio vietnamita  mostra un plastico del Truong Sa lon, un isola delle Spratley rivendicata anche da Hanoï.© AFP PHOTO/HOANG DINH NA

Le rivendicazioni territoriali della Cina nell’area fanno riferimento alla cosiddetta Linea dei nove punti che, comparsa per la prima volta in una mappa ufficiale cinese del 1948, si estende per circa 1.800 Km a sud della Cina continentale, assegnando quindi alla Cina diverse porzioni di acque internazionali nonché la sovranità su zone economiche esclusive di Paesi come le Filippine. Il problema nasce nel momento in cui dalla mera speculazione teorica la Cina decide di passare alla pratica imponendo, in forza di tale principio, la sua presenza in queste aree attraverso esplorazioni marine nella zona economica esclusiva filippina, attraverso la costruzione di isole artificiali a largo delle Spratly Island e impedendo la pesca a largo dello Scarborough Shoal ai pescatori filippini.

mischief-guard-600x426

Dopo la sentenza dell’Aja quale sarà la risposta della Cina alla sentenza internazionale?
Le isole Spratly sono importanti sia per ragioni economiche che strategiche. Al di la’ delle risorse, ancora in parte inesplorate, queste isole sono nel mezzo di una delle zone più trafficate del traffico marittimo commerciale che raggiunge il Giappone e gli altri paesi dell’Estremo Oriente. II possesso di queste isole fornirebbe la possibilità di vantare una piattaforma continentale maggiormente estesa e posizioni avanzate per il monitoraggio dell’attività marittima nel Mar Cinese Meridionale e, potenzialmente, per estendere il braccio delle sue forze militari. Nel 2014, la Cina ha attirato l’attenzione internazionale sviluppando ulteriormente la propria presenza militare nella zona. Nel 2015 immagini satellitari hanno confermato che la Cina stava rapidamente costruendo un aeroporto su Fiery Croce Reef e costruendo avamposti militari di supporto su isole artificiali. Il dragone sta agitando la coda.Interrogata dalla comunità internazionale la Cina ha chiarito la sua posizione richiamando i suoi diritti storici nell’area derivanti proprio dalla suddetta linea e ha dichiarato di voler definire la situazione attraverso negoziati e accordi bilaterali come stabilito nel Code of Conduct on the South China Sea.

Tutto ciò sarebbe auspicabile se in realtà nella Convenzione sul diritto del mare, ratificata dalla Cina nel 1996, non fosse già previsto, per casi del genere, un sistema di risoluzione pacifica delle controversie che nella parte XV della Convenzione prevede il ricorso alla Corte di arbitrato,  le cui decisioni hanno carattere definitivo e obbligatorio secondo quanto stabilito dall’articolo 296 dell’UNCLOS. È proprio nel carattere mandatorio di tale decisione che bisognerebbe porre l’accento in quanto, consapevole delle conseguenze soprattutto politiche che un giudizio sfavorevole avrebbe arrecato alla Cina, quest’ultima, nel momento in cui le Filippine hanno deciso di adire la Corte in merito alla situazione, ha chiarito di non voler prendere parte all’arbitrato ritenendolo illegittimo in quanto concernente questioni di sovranità, fattispecie esclusa dalle regole UNCLOS. Le Filippine in realtà, chiedendo alla Corte di esprimersi circa la validità giuridica internazionale dei pretesi diritti storici della Cina, hanno brillantemente superato il limite della sovranità rendendo del tutto legittimo l’arbitrato.

In particolare quando, il 22 gennaio 2013, le Filippine hanno aperto una procedura d’arbitrato  contro la Cina, alla Corte  è stato chiesto di esprimersi su diversi aspetti, sintetizzati da quest’ultima nella sentenza del 12 luglio in quattro punti:

  • che la corte chiarisse che l’unica fonte di diritto giuridicamente vincolante nell’ambito del diritto del mare è l’UNCLOS, stabilendo quindi l’illegittimità giuridica della linea dei nove punti;
  • che fosse chiarito che le Spratly Island e lo Scarborough Shoal non essendo all’interno delle 200 miglia nautiche dalla costa cinese non possono essere parte né della zona economica esclusiva né della piattaforma continentale cinese;
  • che fossero riconosciute le violazioni della Convenzione attuate dalla Cina, nel non rispettate la ZEE delle Filippine, nel non sanzionare l’overfishing dei pescatori cinesi e nel costruire isole artificiali nelle Spratly Island;
  • che la Corte tenesse conto dell’atteggiamento non collaborativo e non improntato alla risoluzione della controversia da parte della Cina, rea di aver impedito l’accesso ad un distaccamento della marina filippina al Second Thomas Shoal e di aver continuato a costruire isole artificiali per imporre la propria presenza militare, durante il periodo di arbitrato.

Con la storica sentenza la Corte ha sostanzialmente accolto tutti i punti portati avanti dalle Filippine stabilendo l’illegittimità dal punto di visto del diritto internazionale dell’atteggiamento cinese. Dal canto suo la Cina ha però immediatamente chiarito di non voler accettare tale giudizio ritenendolo in sostanza privo di valore vincolante, chiedendo e ottenendo l’appoggio internazionale di Paesi come la Russia e i Paesi della Lega araba, tra gli altri.

Spratly-claims

La questione pare a questo punto spostarsi su tutt’altro piano, in altre parole contano ancora le regole del diritto internazionale, le convenzioni delle Nazioni Unite e le Nazioni Unite stesse se le grandi potenze possono a loro piacimento decidere di rispettarne o no le regole a seconda della convenienza del momento?

Prendendo in prestito le parole dell’ex Segretario agli Affari esteri filippino Albert Del Rosario l’importanza di tale arbitrato stava anche nella possibilità di far valere il “right vs might” nell’ambito del diritto internazionale. Ma a ben vedere nessuna delle grandi potenze del Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha mai accettato una sentenza di una Corte internazionale che andasse a sfavore dei propri interessi, né gli Usa nel caso contro il Nicaragua, né la Russia nel caso contro l’Olanda per citare alcuni esempi. Resta quindi da vedere se nell’evolversi della situazione cinese la sentenza sarà fatta valere, se sarà la volta buona per sostenere che in realtà ”right is might”, come ha entusiasticamente sostenuto Del Rosario all’indomani del verdetto.

Nunzia Merola

 

nunzia merolaNunzia Merola (Vallo della Lucania, 1992) possiede un Master in Studi europei presso l’Università degli studi Roma Tre con lode con una tesi in Diritto privato comparato sulla tematica delle Alternative Dispute Resolution. Dopo aver conseguito la laurea triennale in Relazioni internazionali presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale” con specializzazione in Vicino e Medio Oriente, ha seguito corsi di formazione in Peacekeeping e Peacebuilding presso la Scuola di aggiornamento e alta formazione “G. Arcaroli” di Roma e in International Commercial Arbitration presso l’ICC  International Court of Arbitration di Parigi. È stata tirocinante presso l’Istituto di Alti Studi in Geopolitica e Scienze Ausiliarie. Si occupa di Diritto internazionale, Diritto dell’Unione europea e Diritto islamico.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 276 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »