If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

AIS, questo sconosciuto

Reading Time: 6 minutes


livello elementare
.
ARGOMENTO: NAUTICA
PERIODO: XX SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: sicurezza navigazione


La crisi di Hormuz ha sollevato alcuni dubbi sull’impiego di sistemi commerciali di controllo del traffico come l’AIS. Se da un lato essi consentono il monitoraggio delle navi, dall’altro offrono liberamente ad eventuali avversari la possibilità di scegliersi comodamente i bersagli. Spegnerli non è una soluzione … ma gli ultimi eventi pongono una nuova sfida al controllo del traffico mercantile mondiale. Per capire meglio parliamo oggi dell’A.I.S., Automatic Information system, ormai in dotazione a tutto il traffico mercantile. 

Parliamo di SICUREZZA MARITTIMA
Essa si distingue in sicurezza da eventuali attentati o azioni criminali come, tra tutte, la pirateria (SECURITY) e in quella legata ad incidenti che possono occorrere ai lavoratori a bordo  o al di fuori della nave (SAFETY). Sebbene ambedue necessitino di un accurato controllo dei mercantili le procedure da applicare sono ovviamente differenti. In ogni caso, oggigiorno conoscere la  posizione di una nave, cosa trasporta e dove si dirige sono informazioni vitali per intervenire in caso di necessità, evitando in caso di incidente conseguenze drammatiche in campo ambientale ma anche economico. Ad esempio, un intervento rapido può evitare che la nave affondi in un area di intenso traffico, bloccando l’accesso ad un porto, evento che causerebbe danni economici a 9 cifre.

Nel 2004, l’International Maritime Organisation (IMO) stabilì che tutte le navi civili con tonnellaggio maggiore di 300 tonnellate ed i cargo superiori alle 500 tonnellate dovessero essere equipaggiate con uno strumento di tracciamento automatico. In realtà una precedente convenzione, la Safety of Life at Sea (SOLAS), già prevedeva nel V capitolo la necessità di un sistema automatico di identificazione per le medesime ragioni. Vale la pena darne un accenno storico.

Come nacque SOLAS?
Nel 1914, a seguito della tragedia del Titanic, l’IMO pubblicò le prime norme internazionali per garantire la salvaguardia della vita umana in mare

La convenzione subì nel tempo molti  aggiornamenti ed ancor oggi viene periodicamente sottoposta ad aggiornamenti per disciplinare gli aspetti fondamentali della sicurezza delle navi. Ad esempio, vengono regolamentate le norme sulla stabilità, sui macchinari e gli impianti elettrici di bordo, le attrezzature per la protezione antincendio ed i mezzi di salvataggio, specificando standard minimi per la costruzione, l’equipaggiamento e l’esercizio delle navi. Una sicurezza intesa quindi al mondo del lavoro. Inutile dire che il passo avanti più importante per il controllo delle navi in alto mare, dopo l’impiego delle radio, fu la creazione di  una rete complessa, chiamata AIS.

L’AIS garantì di fatto un passo importante per la sicurezza del traffico mercantile. Attraverso la trasmissione delle posizioni delle navi ai Centri di monitoraggio a terra, questi possono valutare comportamenti anomali del traffico mercantili (come ad esempio cambiamenti repentini di rotta), facilitando la messa in atto di rapide misure di intervento. 

Tecnicamente parlando, l’AIS è un architettura di sistema di comunicazione basata sull’impiego delle radio frequenze. Il suo funzionamento non è molto dissimile da quello dei sistemi di navigazione che usiamo nelle nostre automobili. Il sistema è interfacciato al GPS per il dato di posizione e possiede moduli di ricezione e trasmissione dei dati, poi rappresentati su un sistema di rappresentazione. Il problema è che la portata VHF è limitata per cui quando le navi sono in alto mare il sistema non potrebbe essere usato. La regola 19-1 del capitolo V dell’International Convention for the Safety of Life at Sea (SOLAS), introdotta con risoluzione MSC 202, adottata il 19 Maggio 2006 dal Maritime Safety Committee (MSC) dell’IMO nel corso della sua 81^ riunione, stabilisce che le navi soggette alla convenzione stessa devono essere dotate di un apparato satellitare, il Long-Range Identification and Tracking (LRIT), in grado di trasmettere automaticamente le seguenti informazioni:
– identità
– posizione (latitudine e longitudine)
– data e orario

L’architettura del sistema LRIT a copertura mondiale, come stabilita dal Maritime Safety Committee con risoluzione MSC 263 ed adottata il 16 maggio 2008, prevede:
la presenza a bordo delle unità soggette alla convenzione SOLAS di un apposito transponder satellitare conforme ai requisiti stabiliti dal comitato MSC con la propria circolare MSC 1/circ 1307;

In pratica i dati di identità, posizione e orario del LRIT vengono mandati alle stazioni  terra quando la nave è fuori della portata VHF … grazie a questa soluzione la copertura è pressoché completa

Gli scambi informativi avvengono tramite messaggi di vario tipo:
Classe A
Le stazioni di Classe A riportano la loro posizione (messaggio 1/2/3) in modo autonomo ogni 2-10 secondi in base alla velocità dell’imbarcazione e/o ai cambiamenti di rotta (ogni tre minuti o meno quando sono ancorati o ormeggiati); e le informazioni statiche e relative al viaggio della nave (messaggio 5) ogni 6 minuti.
Classe B
simile alle stazioni di Classe A, la Classe B riporta ogni tre minuti o meno quando all’ancora o ormeggiata, ma la loro posizione (messaggio 6/8) viene riportata meno spesso e con una potenza inferiore. Allo stesso modo, riportano i dati statici della nave (messaggio 18/24) ogni 6 minuti, ma non alcuna informazione relativa al viaggio.
Search and Rescue per aeromobili
Sul principio dell’uso di un trasmettitore di ricerca e salvataggio AIS.

Inoltre, nel sistema entrano in gioco i messaggi scambiati dalle stazione mobili o fisse di terra che forniscono la posizione e lo stato di un aiuto alla navigazione (ATON).

da sistema Raymarine

Riepilogando
In realtà, sebbene possa sembrare simile ai sistemi TOM TOM e GARMIN,  nel caso dell’AIS la posizione (calcolata dal ricevitore GPS) e i dati di moto del mercantile non sono sono rcevuti ma anche trasmessi ai Centri di controllo. Sulla nave è infatti installato un transponder (rice-trasmettitore) che lavora generalmente su frequenze VHF per la trasmissione dei dati. Le informazioni sono inviate con trasmissioni periodiche agli enti a terra di controllo che monitorano il tracciamento delle navi  al fine di evitare collisioni in mare tra navi dotate dello stesso sistema.

Va compreso che il sistema AIS fornisce informazioni solo offerte da navi provviste del sistema che lo mantengono in funzione. Per cui, se una nave per qualche motivo non trasmette più la propria posizione (ad esempio spegnendo il trasmettitore) non può essere più monitorizzata e non può comparire nello schermo dell’altra. Questo comporta che a maggior ragione l’anti-collisione (procedura per evitare gli abbordi in mare) deve essere assicurata sui ponti comando delle navi da sistemi asserviti ai radar di navigazione e di scoperta e … dal sempre affidabile vecchio binocolo.

Cattura navigazione ais

Ma cosa avviene sulle navi?
I movimenti delle navi sono visualizzati su dei sistemi GIS (geographic information system), geo-referenziati grazie alla  integrazione del programma con i dati forniti dal GPS di bordo. Ogni simbolo (sulla figura in alto ne vedete di varie tipologie) rappresenta una nave ed è possibile, cliccando sul simbolo, leggere le sue caratteristiche cinematiche (rotta e velocità). Lo scambio informativo consente quindi un efficiente controllo del traffico dando la possibilità di valutare comportamenti anomali (perdite di propulsione, cambiamenti di rotta repentini) che sono necessari per  il coordinamento dei mezzi di soccorso nelle operazioni di search and rescue (SAR). Per curiosità, se volete avere un idea del traffico marittimo attuale, cliccate su questo link e magicamente potrete vedere cosa succede in mare. 

pirati

operazioni di anti pirateria in acque internazionali presso la Somalia … queste operazioni sono coordinate attraverso lo scambio informativo dei movimenti del traffico mercantile arricchito dalle informazioni offerte dalle navi e da gli aerei impiegati in compiti di polizia in alto mare. 

L’AIS ha quindi una funzione importante per incrementare la sicurezza in mare sia per gli aspetti della sicurezza della navigazione che per quelli legati al controllo delle rotte. In un prossimo articolo vedremo come i sistemi geografici di informazioni (GIS) possano consentire l’ottimizzazione dello svolgimento delle operazioni di unità navali in compiti di polizia in mare (constabulary) nell’antipirateria, antidroga, antimmigrazione clandestina ma anche nel semplice contrasto dei crimini in mare (che ancor oggi avvengono con una certa frequenza), di fatto consentendo uno scambio automatico di informazioni essenziali con le Centrali Operative Marittime (Maritime Operation Center).

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

 
print
(Visited 304 times, 1 visits today)
Share

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »