Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà


Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Nuove tensioni sulla sovranità delle isole Falkland: l’Argentina sfida nuovamente il Regno Unito

tempo di lettura: 4 minuti

.

ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: Malvinas. Falkland

 

In un precedente articolo abbiamo parlato della guerra delle Malvine-Falkland, un conflitto avvenuto 40 anni fa dall’altra parte del mondo tra un paese europeo, la Gran Bretagna, ed uno stato sudamericano, l’Argentina. Poco più di dieci settimane, un ultimo respiro di un “Impero britannico” ormai in dissoluzione ed indebolito internamente da una profonda crisi economica per la riprendersi la sovranità su delle isole sperdute. Sembrava tutto risolto ma, nonostante gli attori siano cambiati, l’incubo di un nuovo conflitto sembra essersi risvegliato. Ce ne parla Antonino Lombardi di DIFESA ONLINE. 

.

Tensione sulla sovranità delle isole Falkland: l’Argentina sfida il Regno Unito
A margine dell’ultimo vertice dei ministri degli esteri del G20 a Nuova Delhi, il ministro degli esteri argentino Santiago Cafiero ha formalmente reso noto al suo omologo britannico, James Cleverly, che l’Argentina pone fine al “patto Foradori-Duncan” del 2016. 

In quel patto le due parti stabilirono di non essere d’accordo sulla sovranità ma di cooperare su questioni come lo sfruttamento delle risorse energetiche, la navigazione, la pesca e sull’identificazione dei resti dei soldati argentini morti nella guerra del 1982.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1024px-Falkland_Islands_topographic_map-es_argentinian_names_places.svg.png

mappa delle Isole Falkland (Islas Malvinas) con toponimi argentini: un avamposto roccioso, con poche risorse, al centro di una disputa di secoli,teatro di una non tanto lontana guerra tra UK e l’Argentina.File:Falkland Islands topographic map-es (argentinian names places).svg – Wikimedia CommonsLa mappa è una traduzione, modificata ed estesa daFalkland Islands topographic map-en.svgoriginariamente realizzata da Eric Gaba

 

Cafiero ha twittato di aver proposto una serie di punti che dovrebbero far parte del processo di negoziazione in conformità alla risoluzione ONU 2065 rispettando in questo modo il mandato dell’Assemblea Generale e del Comitato delle Nazioni Unite per la decolonizzazione. Perentoria la risposta di Cleverly che, sempre sullo stesso social network, ha affermato le Isole Falkland sono britanniche. Gli isolani hanno diritto di decidere il proprio futuro: hanno scelto di rimanere un territorio britannico d’oltremare autonomo, riferendosi, evidentemente, al voto del 2013 quando il 99,8% degli abitanti si espresse in tal senso. David Rutley, ministro britannico per le Americhe, proprio mentre era in visita in Argentina ha commentato la notizia come una decisione deludente.

La disputa Regno Unito-Argentina è sempre stata viva
Ricordiamo che nel settembre scorso, all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il presidente argentino Alberto Fernandez dichiarò: Desidero riaffermare i legittimi e imprescrittibili diritti di sovranità dell’Argentina sulle Malvinas, la Georgia del Sud, le Isole Sandwich Australi e gli spazi marittimi adiacenti. Sono territorio nazionale argentino e sono illegalmente occupati dal Regno Unito, da quasi 190 anni“, contestando al Regno Unito di non voler ascoltare le offerte di rinegoziazione e di aver aggravato la controversia con la richiesta di sfruttamento illegale di risorse naturali rinnovabili e non rinnovabili nell’area1.

Il 16 dicembre 1965, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite adottò la risoluzione 2065 (XX), con la quale riconosceva l’esistenza di una disputa di sovranità tra Argentina e Regno Unito, invitando i due Paesi a negoziare per trovare una soluzione pacifica e definitiva alla controversia, tenendo conto degli interessi degli isolani. A tal fine la risoluzione invitava le due parti a negoziare. Da qui è iniziato il processo di negoziazione che, secondo gli argentini, è stato ostacolato dalla riluttanza della Gran Bretagna. In particolare, l’esplorazione e lo sfruttamento di risorse rinnovabili e non rinnovabili nelle isole Malvinas, Georgia del Sud e Isole Sandwich meridionali e nelle aree marittime circostanti sono incompatibili con la risoluzione 31/49 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

L’Argentina sostiene che quando iniziò il suo processo di indipendenza, il Regno di Spagna esercitò la piena sovranità sulle Isole Malvinas e nominò 32 governatori fino al 1810. L’Argentina ereditò i titoli della Spagna per successione di Stati secondo il principio uti possidetis juris del 1810. Da allora si reputa legittima erede dei territori continentali, insulari e marittimi che erano appartenuti alla Spagna ed ha esercitato la sua sovranità su questi arcipelaghi e le aree marittime attraverso vari atti di governo. Il 3 gennaio 1833, tale effettivo esercizio di sovranità fu interrotto quando il Regno Unito occupò le isole, espellendo l’Argentina e distruggendo l’integrità territoriale Paese.

La guerra del 1982 non ha alterato la natura della controversia tra Argentina e Regno Unito, né ha posto fine alla disputa sulla sovranità, che è rimasta irrisolta, come riconosciuto dall’Assemblea Generale nel novembre 1982 quando, pochi mesi dopo la fine del conflitto, ha adottato la Risoluzione 37/9.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è hms-antelope-falklands-1024x810.jpg

La fregata britannica della Royal Navy HMS Antelope esplode nella baia di San Carlos al largo di East Falkland durante la guerra delle Falkland. – autore Martin Cleaver/Pool/Getty Images – CC 4.0 internazionale – Fonte: https://www.argentina.gob.ar/armada/gesta-de-malvinas/la-aviacion-naval Explosión de la bomba en la fragata HMS Antelope.jpg – Wikimedia Commons

Il conflitto del 1982 fu guidato dall’allora dittatore argentino Leopoldo Galtieri, durò 74 giorni e causò la morte di 649 soldati argentini, 255 britannici e tre civili. L’attuale volontà dell’Argentina per recuperare Las Malvinas può sembrare legittima e come affermò il presidente Kirchner il recupero di Las Malvinas è una “lotta contro la colonizzazione”. Londra ha chiaramente ignorato gli sforzi diplomatici compiuti da Buenos Aires e ha dichiarato che non negozierà sulla sovranità a meno che gli abitanti delle isole non lo desiderino non riconoscendo, altresì, la risoluzione 1514 delle Nazioni Unite – la Dichiarazione sull’indipendenza dei paesi e dei popoli coloniali – che stabilisce che qualsiasi tentativo di rompere l’unità nazionale e l’integrità territoriale di un paese è incompatibile con i principi e gli scopi delle Nazioni Unite.

Antonino Lombardi
.

1 Dal sito dell’Istituto Analisi Relazioni Internazionali (IARI), un Think Tank, di analisi specializzate in ambito geopolitico e di politica internazionale.

 

immagine in anteprima affondamento dell’HMS Antelope (F170), una fregata di tipo 21 della Royal Navy durante la guerra delle Falkland. Fu affondato dall’Argentina il 24 maggio 1982.

pubblicato originariamente su DIFESAONLINE

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 274 times, 1 visits today)
Share
5 2 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
4 visitatori online
4 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 17 alle 12:32 am
Mese in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x