Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

Svelato il mistero dell’acqua morta, un enigma irrisolto da oltre 100 anni

tempo di lettura: 5 minuti

 

.

livello medio

.

ARGOMENTO: OCEANOGRAFIA
PERIODO: XX-XXI SECOLO
AREA: OCEANI
parole chiave: Acqua morta, Nansen, Ekman

 

Nelle fonti storiche si riportano fenomeni marini inspiegabili di imbarcazioni che incontravano nella navigazione una resistenza al moto eccezionale. Oggi questo fenomeno, noto come acqua morta, è stato finalmente giustificato matematicamente.

Negli anni il mistero aveva affascinato gli scienziati che, analizzando il fenomeno da diversi punti di vista, hanno ora finalmente dimostrato la sua causa legata all’influenza delle diverse densità nel volume della massa d’acqua. La rivista scientifica Proceedings of National Academy of Sciences ha pubblicato i risultati di uno studio effettuato da esperti di meccanica dei fluidi di diversi istituti di ricerca francesi che sono riusciti a classificare matematicamente le diverse onde interne, dando una giustificazione a questo curioso fenomeno.

Partendo dall’assunto che una nave che naviga in un fluido stratificato può essere rallentata o accelerata rispetto ad una analoga situazione in un fluido omogeneo, gli scienziati hanno analizzato due fenomeni di resistenza raggruppati sotto il nome di acqua morta.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Fridtjof-Nansen.jpg

l’esploratore norvegese Fridtjöf Nansen, durante la sua spedizione al polo nord nel 1893, riportò sul diario di bordo la presenza di una forza misteriosa che permetteva a malapena di manovrare la nave impedendone l’avanzamento – Autore Henry_Van_der_WeydeFridtjof Nansen LOC 03377u-3.jpg – Wikimedia Commons

Questo fenomeno marino fu riportato per la prima volta dall’esploratore norvegese Fridtjöf Nansen, mentre stava navigando tra le acque della Siberia Settentrionale, durante la sua spedizione al polo nord nel 1893. Durante la navigazione la sua nave sembrò essere fermata da una forza misteriosa che permetteva a malapena di manovrarla e ne impediva l’avanzamento. L’esploratore capì subito che il fenomeno avrebbe avuto da un punto di vista oceanografico una certa rilevanza e trascrisse la sua esperienza nel diario di bordo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è OCEANOGRAFIA-Ekman_Vagn.jpg

il fisico e oceanografo svedese Vagn Walfrid Ekman, 1874-1954 – autore e fonte foto sconosciuto – Ekman Vagn.jpg – Wikimedia Commons

Nel 1904, il fisico e oceanografo Vagn Walfrid Ekman fu il primo a studiare in laboratorio l’origine fisica del fenomeno notando che nell’interfaccia tra l’acqua salata e l’acqua dolce, le onde interne si propagano e generano una resistenza. In pratica, dimostrò, con prove di laboratorio, cosa avviene sotto la superficie dell’Oceano Artico, in quelle zone di confine in cui l’acqua dolce incontra quella salata. L’interazione provocava delle onde che, propagandosi sotto la superficie, rallentavano il moto della nave a causa del loro impatto sulla carena immersa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è onde-interne.jpg

onde interne, come quelle nell’immagine nel Mare delle Andamane, al largo della costa del Myanmar, possono essere alte centinaia di metri e lunghe da decine a centinaia di chilometri. Fonte: NASA Ground Observatory

In particolare, notò che questo fenomeno si verificava quando due fluidi, con diversa densità, si incontravano nel volume d’acqua. Da un punto di vista oceanografico, questo può accadere per molteplici motivi come la vicinanza con una risorgenza profonda (upwelling) di acque meno dense o l’interazione di masse d’acqua in prossimità della foce di un fiume dove le variazioni di densità possono essere molto importanti.

Gli effetti sulla nave sono molteplici
Oltre al rallentamento della nave, contrastata dal moto della massa d’acqua opposto, si possono osservare oscillazioni evidenti dello scafo anche in presenza di mare calmo. Un fenomeno che in antichità spaventò non poco i naviganti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è acqua-motrta.png

notare come in presenza delle onde (a destra) si ha un calo della velocità (a sinistra) – da studio citatoThe dual nature of the dead-water phenomenology: Nansen versus Ekman wave-making drags (pnas.org)

Gli scienziati hanno finalmente dimostrato le ragioni fisiche del mistero dell’acqua morta.
Riproducendo in laboratorio le caratteristiche ambientali e morfologiche tipiche di un fiordo artico, sono riusciti infatti a riprodurre il fenomeno. Si è verificato che la nave soggetta al fenomeno dell’acqua morta non avanza anche dando massima potenza ai motori, indipendentemente dalla forma della carena. Si tratta di un fenomeno temporaneo, che può durare da pochi minuti a molte ore, in virtù delle correnti del luogo e della morfologia del fondale. Ad esempio, nel caso di Nansen, come riportato nel suo resoconto, durò solo per poche ore. Ekman dimostrò che le oscillazioni armoniche prodotte svanivano con la variazione dell’intensità della corrente profonda. Un’osservazione non banale in quanto legava il fenomeno dell’acqua morta alla geometria dell’intercetto tra la rotta della nave e la direzione della corrente. Si trattava ora di definirne le caratteristiche matematicamente, cosa che è stata dimostrata dallo studio citato. In estrema sintesi, “le variazioni di velocità dipendono dalla generazione di onde che agiscono come un nastro trasportatore ondulato su cui la nave si muove avanti e indietro”.

Questo fa ipotizzare che, dove questo fenomeno occorre, si possano verificare situazioni tali da modificare il corso degli eventi. Un’ipotesi intrigante è che anche le navi di Cleopatra e di Marco Antonio subirono questo fenomeno durante la Battaglia di Actium (31 a.C.). Come ricorderete essa fu combattuta tra le due grandi flotte di Marco Antonio e di Marco Vipsanio Agrippa all’esterno di un ampio golfo chiuso, quasi un fiordo.

Sebbene molti aspetti dello scontro siano ancora controversi, alcuni storici riportarono che le navi di Cleopatra furono per un momento incapaci di manovrare, come bloccate da una forza misteriosa. Svantaggio abilmente sfruttato da Agrippa che, contando su navi più manovriere ed essendo a conoscenza delle correnti marine locali, vinse lo scontro navale. Un’ipotesi difficile da provare ma che ha spinto gli scienziati a voler approfondire possibili correlazioni, ripercorrendo altri episodi storici navali e marittimi in cui questo fenomeno, ormai svelato, potrebbe aver svolto un ruolo chiave.

 

 

Riferimenti
Johan Fourdrinoy, Julien Dambrine, Madalina Petcu, Morgan Pierre, and Germain Rousseaux, The dual nature of the dead-water phenomenology: Nansen versus Ekman wave-making drags, 2020, https://doi.org/10.1073/pnas.1922584117

Nansen, O. Sverdrup, Farthest North (Archibald Constable, 1897), vol. 1.

Grue, “Calculating FRAM’s dead water” in The Ocean in Motion: Circulation, Waves, Polar Oceanography, M. G. Velarde, R. Y. Tarakanov, A. V. Marchenko, Eds. (Springer Oceanography, 2018), pp. 41–53.

Delefortrie, M. Vantorre, “Ship manoeuvring behaviour in muddy navigation areas: State of the art” in 4th MASHCON, K. Uliczka et al., Eds. (Bundesanstalt für Wasserbau, 2016), pp. 26–36.

W. Ekman, “On dead water” in Norwegian North Polar Expedition 1893–1896, F. Nansen, Ed. (Longmans, Green and Co.), pp. 1–150 (1904).

E. Gill, Atmosphere-Ocean Dynamics (International Geophysics Series, Academic Press, 1982).

Miloh, M. Tulin, G. Zilman, Dead-water effects of a ship moving in stratified seas. J. Offshore Mech. Arctic Eng. 115, 105–110 (1993).

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 3.018 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

Chi c'é online

21 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
21 visitatori online
21 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 23 alle 09:01 am
Mese in corso: 27 alle 01-03--2024 02:29 pm
Anno in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x