Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Long Covid: le pandemie disabilitano le persone, una lezione di storia che i politici ignorano

Reading Time: 7 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO:   EMERGENZE SANITARIE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: SANITA’
parole chiave: Long Covid, Covid 19, precauzioni, andamento statistico

 

In questo caldo inizio di estate, tutti si lamentano delle temperature e dell’aumento dei costi e, dopo due anni di pandemia, il ricordo di quei giorni bui è passato. Ma ne siamo proprio sicuri?

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è diving-post-covid-1024x576.png

si può ma .. attenzione al Long Covid … NEL DUBBIO RIVOLGIAMOCI A SPECIALISTI DI MEDICINA SUBACQUEA

La gestione del ministero della sanità mi ha sempre lasciato molto perplesso sin dall’inizio dell’epidemia; scavando erano emerse inefficienze, burocrazie ottocentesche che avevano causato incertezza nella gestione dell’emergenza costringendo le maestranze a lavorare in affanno e difficoltà. Poi intervennero i militari, che unirono le loro forze ad una ormai stremata sanità, portando un valore aggiunto non trascurabile: il metodo. La cosa funzionò ma fu fumo negli occhi per una classe antimilitarista, avvezza a ricordarsi di loro solo nei momenti di bisogno. Il generale Figliolo ed il suo staff riuscirono a traghettare con pragmatismo i centri di immunizzazione ad una necessaria efficienza con il concorso del personale sanitario di tutte le Forze Armate.

È tutto finito? Così ci vogliono far credere. Come si diceva una volta, se hai un problema fanne nascere un altro, per distogliere l’opinione pubblica. Chiodo scaccia chiodo e guardandosi intorno i problemi purtroppo non mancano mai.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è covid-esercito-italiano.jpg

personale dell’Esercito italiano in supporto durante i mesi del lockdown

Come ho scritto altre volte, io non sono un sanitario e non mi permetterei mai di entrare nel merito a valutazioni specialistiche, tantomeno nel campo medico dove scelte errate possono causare perdite di vite umane. Mi occupo di analisi dei problemi e di ottimizzazione delle soluzioni per cui le mie critiche possono essere dirette solo al metodo di lavoro.

Per quanto riguarda la gestione dell’emergenza COVID 19 se ne dovrebbero occupare gli specialisti del ministero (e non mi riferisco a immunologi e sanitari vari) ma ai loro analisti che, valutando i dati scientifici raccolti, dovrebbero essere in grado di suggerire soluzioni adeguate, giustamente impattanti sul tessuto sociale e sufficientemente efficaci per contrastare l’epidemia.

 EFFICACIA  SOSTENIBILITA’  ADEGUATEZZA

Si parla di valutazione del rischio, un dato numerico che dovrebbe aiutarci nelle scelte. Purtroppo non è così semplice perché i soggetti della valutazione non sono elementi semplici ma molto complessi, sono esseri umani. L’unico modo di avvicinarsi a valori largamente condivisibili è aumentare il campione, cosa non semplice in quanto nel nostro Paese esistono sistemi di raccolta dati apparentemente diversi e non facilmente confrontabili. Parlando con un dirigente medico di un certo livello è emerso un fattore che mi ha incuriosito. Sembrerebbe che diverse politiche di offerta regionale di “testing” e l’uso di test alternativi al test molecolare nelle Regioni/PP.AA. non rendano di fatto pienamente comparabili le statistiche che leggiamo sul web.

Dopo due anni è cambiato qualcosa?
In questo periodo, purtroppo, l’attenzione pubblica è dirottata verso altri tipi di emergenze, nazionali ed internazionali. Questo garantisce di dare un colpo al cerchio ed uno alla botte, alleggerendo il peso sulla pandemia (quasi fosse un ricordo passato), ed accontentare quella massa di italiani che non ne hanno mai compreso pienamente l’impatto sociale, sentendosi obbligati a prendere decisioni poco piacevoli come il doversi vaccinare senza aver ancora compreso la sua importanza. La disinformazione, come sempre, ha fatto poi il suo gioco in un senso  o nell’altro. Tranquilli, non voglio tornare al discorso vaccinazioni, che mi pare di aver affrontato con sufficiente chiarezza nei miei articoli precedenti. Continuo a pensare che sia il minore dei mali a fronte alla possibilità di subire le conseguenze di un contagio pernicioso che potrebbe avere conseguenze lunghe e dolorose, in particolare per coloro che hanno una vita sportiva o problemi di salute.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è vaccines_0-1024x439.jpg

Dall’ultima analisi settimanale del ministero della Sanità del mese di giugno, il numero di casi riportati alla protezione civile negli ultimi 14 giorni è in aumento ovunque (tranne che in Calabria) con valori di trend che vanno da 10 al 50%. Lo stesso andamento si riscontra nel trend dei numeri nel Sistema di Sorveglianza integrata COVID-19 dell’Istituto  Superiore della Sanità (ISS).

Praticamente lungo la penisola il numero dei casi sta aumentando, ma non se ne parla. Considerando che purtroppo il COVID 19 può essere ripreso anche da persone che lo hanno già avuto, che le nuove varianti Omicron sono estremamente contagiose e, non ultimo, il fatto che la protezione dei vaccini (anche per coloro che hanno effettuato la terza vaccinazione) scende naturalmente nel tempo, ci aspetteremmo un richiamo a mantenere determinate regole di precauzione non alla loro sospensione. A questo punto ci dobbiamo domandare se effettivamente erano necessarie o se si tratta di un irragionevole provvedimento per garantire il quieto vivere estivo. Non fa piacere parlare di queste cose, tutti vorremmo avere una vita meno “costretta” ma l’alternativa è sempre la stessa: accettare il rischio di contrarre la malattia che potrebbe causarci problemi anche di lunga durata oppure cercare di mitigarlo attraverso un idoneo distanziamento e l’uso di mascherine, questo sempre in attesa del famoso vaccino annunciato da Speranza, di cui tra l’altro non sappiamo più nulla? 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è long-covid.jpg

infermieri monitorano una paziente in fase di recupero in una palestra per il recupero post a Genova, Italy. Photo Credit: Marco Di Lauro/Getty

Long Covid, non se ne parla abbastanza
Oltre al rischio sanitario causato dal Covid 19 alle categorie più deboli, esiste quello legato alla prosecuzione per lungo tempo dei sintomi del COVID. Questo argomento è oggetto di un recente studio apparso su Nature sul cosiddetto Long COVID, ovvero quella condizione subdola in cui le persone continuano a manifestare sintomi, anche invalidanti, per mesi dopo essere stati colpiti da un’infezione acuta di SARS-CoV-2 . Dall’articolo emerge che i ricercatori hanno scoperto che un corretto protocollo vaccinale purtroppo può ridurre il rischio di sviluppare il Long COVID solo del 15%, un valore sostanzialmente inferiore rispetto ad altre stime precedenti che erano decisamente più ottimistiche. La differenza percentuale (da oltre il 50% iniziale al 15%) è stata analizzata ed è emerso un dato sconcertante: esiste, a livello globale, una definizione diversa di Long Covid per cui i tipi di dati utilizzati per studiarlo analizzarlo non sono correlabili. Questo influisce ovviamente sulle metodologie di cura discendenti che si riducono nella maggior parte dei casi al trattamento dei sintomi.

Questo ha comportato confusione sia per il pubblico che i responsabili politici alle prese con risposte dal mondo scientifico così disparate. Ci si domanda in particolare quanto sia frequente il Long COVID e quanto influisca la vaccinazione o la reinfezione (magari con l’ultima variante SARS-CoV-2) sul rischio di svilupparlo? Per quanto possa sembrare assurdo, parte del problema è proprio dare una definizione univoca per questa malattia di lunga durata la cui gravità può variare da semplici fastidi a condizioni debilitanti per mesi o forse anche anni.

Le manifestazioni cliniche (sintomi) più comuni associate al Long COVID sono diverse (ne sono stati segnalate circa 200). Le più diffuse sembrano essere:
stanchezza cronica (astenia)
affanno
problemi di memoria e concentrazione
depressione e ansia
annebbiamento mentale
perdita dell’olfatto (anosmia) o del gusto (ageusia)
dolore o senso di oppressione al petto
difficoltà a dormire (insonnia)
palpitazioni, dopo il minimo sforzo
vertigini
formicolii
dolori articolari
debolezza muscolare
fischi o ronzii o male all’orecchio
diarrea
dolori di stomaco
perdita di appetito
febbre
tosse
mal di testa
mal di gola
eruzioni sulla pelle (cutanee)

Per assurdo, nemmeno l’OMS (Organizzazione mondiale della sanità), a cui fu proposto il termine Long Covid, è stato in grado arrivare ad una definizione universalmente condivisibile.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è long-covid-english-1024x731.png

Secondo l’articolo citato, l’epidemiologo clinico Ziyad Al-Aly, avendo l’accesso a milioni di cartelle cliniche elettroniche del Dipartimento per gli affari dei veterani (VA) degli Stati Uniti, un Ente che fornisce assistenza sanitaria ai veterani militari, ha avuto il modo di valutare le cartelle sanitarie di oltre 13 milioni di persone. Sebbene il 90% di queste persone fossero uomini (solo 1,3 milioni donne) per la prima volta è stato possibile attingere ad una quantità di dati sanitari vastissima, preziosi per effettuare una analisi così complessa. 

Gli stessi ricercatori hanno però compreso che, da un punto di vista statistico, riguardavano una comunità omogenea abituata a comportamenti sociali similari.  Essendo ex militari, addestrati a “soffrire”, si è notato che  a volte preferivano tenersi i fastidi senza volerli rendere pubblici, nascondendo quindi aspetti che sarebbero potuti essere importanti in una visione eterogenea. Un altro problema emerso è stato che le informazioni contenute nelle cartelle cliniche elettroniche erano molto soggettive ovvero legate alle metodologie dei vari medici compilatori. Un problema non trascurabile in quanto la registrazione dei dati sembra essere ancora molto soggettiva a livello internazionale e non esiste un codice identificativo unico per i sintomi, cosa che rende poi complesso fare raffronti e valutazioni.

Secondo l’Office for National Statistics (ONS) del Regno Unito, nello sviluppo del Long COVID, in un periodo compreso tra quattro a otto settimane dopo l’infezione, la variante Omicron BA.1 di SARS-CoV-2 potrebbe influire circa il 50% in meno rispetto alla famigerata Delta. Bisognerebbe capire se questo dipende dagli effetti della vaccinazione o sono una peculiarità della variante Omicron.

Anche se è difficile quantificare con precisione l’effetto della campagna vaccinale sul rischio di Long COVID, un’analisi su dati più correlabili potrebbe far comprendere le tendenze in atto (a seguito delle varianti) e quindi predisporre misure e terapie più adeguate. Di fatto, secondo Al-Aly, “il filo conduttore è che i vaccini sono (ancora) meglio di nessun vaccino“.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cara-menggunakan-masker-memakai.jpg

vale la pena di rischiare? Comportamenti più coscienziosi possono aiutarci ad uscire da questo incubo senza strascichi

Per quanto possa sembrare banale, il modo migliore per prevenire il Long COVID per tutti è evitare di contrarre l’infezione da virus SARS-CoV-2 indossando la mascherina correttamente, mantenendo il distanziamento di almeno un metro dalle altre persone, lavandosi spesso le mani con acqua e sapone o con prodotti a base di alcol per almeno 40 secondi, evitando i luoghi affollati e scarsamente ventilati. Tutte azioni che richiedono una certa disciplina comportamentale, poco gradita a tutti e, in particolare, a più giovani. Il rischio è che, con la diminuzione delle restrizioni concesse dal Governo, l’aumento dei casi già in corso, porti ad un aumento dei casi di Long Covid. Siate prudenti, godetevi l’estate ma sempre in sicurezza.

 

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

print
(Visited 51 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

15 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »