If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Scoperto nelle profondità della California una discarica di oltre 27.000 bidoni tossici

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: DDT, Scripps

 

Ci sono notizie del mare che non ci fa piacere di raccontare, anche perché sono simboli del nostro fallimento come esseri umani. La nota rivista on line LiveScience ha pubblicato la notizia di un drammatico ritrovamento sul fondo del mare della California meridionale di migliaia di barili di sostanze tossiche e di rifiuti industriali.

Non è la prima volta nelle acque della California
Nel 2011 e nel 2013 furono rilevate nei sedimenti oceanici, tra la costa di Los Angeles e l’isola Catalina, delle alte concentrazioni di DDT (diclorodifeniltricloroetano), un insetticida ampiamente utilizzato per il controllo dei parassiti durante gli anni ’40 e ’50. Per la sua pericolosità venne finalmente vietato nel 1972 ed i materiali chimici contenenti DDT furono seppelliti in terra ed in mare. Per quanto possa essere assurdo, tale pratica era legale, e sono stati ritrovati documenti che ne confermano l’avvenuto rilascio in mare in quegli anni.

Una pratica nota a cui si tentò di rimediare un decennio fa quando l’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti sperimentò il seppellimento dei depositi sui fondali di Palos Verdes, seminando sabbia pulita dalla superficie. Questo a seguito  della scoperta ed identificazione di 60 barili (contenenti DDT e altri rifiuti tossici) sui fondali e la relativa contaminazione dei sedimenti marini nell’area.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SeaFloor-barrels4-1.jpg

La nave di ricerca Sally Ride ha supervisionato il rilevamento sottomarino, trasmettendo continuamente segnali ai veicoli subacquei autonomi in modo da correlare la posizione dei veicoli ai dati della mappatura sonar (azione necessaria per la geolocalizzazione dei contatti sul fondo). Durante la ricerca, la nave ha mantenuto un costante scambio dati via satellite con gli scienziati dello Scripps a terra. Credito di illustrazione: Scripps Institution of Oceanography presso UC San Diego.

Ricercatori del Scripps Institution of Oceanography dell’Università della California, hanno rivelato che le ultime ricerche hanno portato alla scoperta di un tratto di fondo oceanico letteralmente costellato di rifiuti indistriali. Un numero che potrebbe essere approssimato ad almeno 27.000 barili.

Dal 10 al 24 marzo 2021, la nave di ricerca dello Scripps, la Sally Ride, ha mappato acusticamente con immagini ad alta risoluzione il fondo marino nel bacino di San Pedro, coprendo una superficie di 146 chilometri quadrati a circa 12 miglia dalla costa della California meridionale ed a nord dell’isola di Catalina.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è barili-ddt-californi.png

uno dei bidoni tossici, parzialmente infangato – Credito immagine: David Valentine, UC Santa Barbara / ROV Jason

Due veicoli autonomi subacquei, REMUS 6000 e Bluefin, hanno poi esplorato i fondali fino alla profondità di 900 metri per individuare le posizioni esatte dei barili e la loro distribuzione. I bidoni, delle dimensioni di meno di tre piedi di altezza, erano in parte infangati ma gli scienziati non escludono si tratti solo della parte superiore di un cimitero molto più vasto. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mappatura-ddt-nord-catalina-1024x627.png

Una prima restituzione dei dati che mostra le concentrazioni dei contatti rilevati nel bacino di San Pedro. Ci sono diversi tracciati distinti nell’area esaminata, suggerendo che lo scarico è stato ripetutamente effettuato da una piattaforma in transito come una nave o una chiatta in movimento. Credito: Scripps Institution of Oceanography presso UC San Diego.

Dopo aver calibrato i sonar, sulla base degli echi acustici dei bidoni ritrovati nel 2011 e nel 2013, i ricercatori hanno potuto automatizzare il processo di identificazione dei contatti che sono stati poi geolocalizzati con alta precisione. In particolare, dall’analisi delle scansioni sonar ad alta frequenza degli AUV, hanno scoperto che oltre il 90% della discarica conteneva una quantità di detriti (stimati in 100.000), di cui un sottoinsieme è probabilmente composto da barili contenenti DDT ed altri tipi di rifiuti industriali.

Questo accumulo di discariche sul fondo marino non è avvenuto dall’oggi al domani
Un tempo il petrolio e il gas erano industrie fiorenti nella zona e gran parte dei rifiuti derivanti dall’estrazione e dalla sua lavorazione sono finiti nell’oceano. Lo scarico di rifiuti industriali nell’oceano iniziò effettivamente negli anni ’30 e continuò fino all’inizio degli anni ’70, ha detto Eric Terrill, chief scientist della spedizione e direttore del Marine Physical Laboratory dello Scripps. Negli ultimi anni, le aziende agricole scaricarono in mare i rifiuti della produzione agricola contenenti DDT.

Una cosa tra l’altro nota in quanto, nel 1985, il Consiglio di Controllo della qualità dell’acqua di Los Angeles aveva denunciato in un rapporto preoccupante i “decenni di trascuratezza sistematica nella supervisione ufficiale dello smaltimento dei rifiuti tossici con il risultato di danni irreversibili a l’ambiente marino“,  una denuncia che fu poi pubblicata dal Los Angeles Times.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è scripps-remus.jpg

I ricercatori dello Scripps a bordo del Research Vessel Sally Ride si preparano a partire per la spedizione nel marzo 2021. I veicoli subacquei autonomi REMUS 6000 e Bluefin (AUV) sono stati utilizzati per ispezionare il fondo marino alla ricerca di barili DDT scartati. (Credito immagine: Scripps Institution of Oceanography presso UC San Diego)

Secondo le stime, per quasi quattro decenni, le aziende scaricarono una quantità di rifiuti compresa tra 386 a 772 tonnellate in mare solo nel bacino di San Pedro.  Ciò che non era noto era la posizione e l’estensione della discarica e se i contenitori che contenevano i rifiuti avessero delle perdite.

Nell’ottobre 2020, il Los Angeles Times rivelò che, dai registri di spedizione della Montrose Chemical Corporation of California, il più grande produttore di DDT negli Stati Uniti, risultava che migliaia di bidoni contenenti DDT venivano trasportati mensilmente e rilasciati nelle acque profonde vicino a Catalina, a volte forandoli per farli affondare più velocemente.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è DDT_struttura.pngIl DDT è un insetticida così stabile che possono volerci generazioni per abbatterlo. Non si dissolve realmente in acqua ma si immagazzina facilmente nel grasso. Ad aggravare questi problemi c’è ciò che gli scienziati chiamano “biomagnificazione” ovvero la tossina si accumula nei tessuti degli animali in concentrazioni sempre maggiori man mano che risale la catena alimentare. Basta considerare il fitoplancton (alghe microscopiche che sono la base di quasi tutte le catene alimentari dell’oceano). Quando vengono contaminate dal DDT diventano vettori di questo avvelenamento nella catena alimentare superiore attraverso il zooplancton, che a sua volta viene consumato da pesci e mammiferi marini. Nel 1969, ad esempio, fu sospeso il consumo di una specie ittica (jack mackerel) nella California meridionale perché i livelli di DDT erano saliti fino a 10 parti per milione, il doppio di ciò che la Food and Drug Administration degli Stati Uniti (US FDA) considerava il limite sicuro per il consumo. Inoltre, iniziarono ad apparire su alcuni pesci, come l’ombrina bianca, dei tumori. (da Los Angeles Times)

Sebbene il team di ricerca non sappia ancora quanti dei 27.000 barili stimati sul fondo contengano effettivamente DDT, l’indagine è stata un importante punto di partenza per valutare l’impatto ambientale locale e la minaccia che potrebbe rappresentare per gli ecosistemi oceanici e la vita marina.

.

in apertura di pagina: immagine di un barile di DDT trovato al largo della costa dell’isola di Santa Catalina in California – Credito immagine: David Valentine, UC Santa Barbara / ROV Jason 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

,

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 1.015 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »