Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Gli zaffiri di mare, il segreto dell’invisibilità

Reading Time: 3 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: BIOLOGIA MARINA
PERIODO: NA
AREA: NA
parole chiave: copepodi

 

Nel nostro viaggio tra gli organismi del mare abbiamo spesso citato i Copepodi (dal greco kope, remo, e podos, piede), piccolissimi crostacei  presenti sia nella acque marine che in quasi tutte le acque dolci (laghi, fiumi ma anche pozze e ghiacciai). Essi rappresentano la più grande fonte di proteine (e quindi di nutrizione per gli altri esseri) presente negli oceani. Essi sono infatti i crostacei più numerosi come numero di specie dopo i decapodi. Possiedono un corpo cilindrico od ovale, con un unico occhio centrale e grandi antenne  che vengono usate per il nuoto. Il torace possiede arti bi-ramificati, l’addome spesso è sottile e non ha appendici. Il corpo termina in genere con alcune appendici o terminali. In molte specie le femmine trasportano le uova fecondate in sacche molto vistose.

330px-harpacticoid_copepod_glerl_1Come abbiamo detto, i Copepodi sono esclusivamente acquatici ma non sono limitati all’ambiente marino anzi potremmo dire “basta che ci sia acqua“. La maggioranza delle loro specie sono planctoniche ma ne esistono anche bentoniche. Di fatto i Copepodi costituiscono un anello potremmo dire fondamentale nella catena trofica dei mari e degli oceani. In genere, essi si nutrono di fitoplancton ma ne esistono anche specie che vivono come parassiti, attaccati  ad altri animali acquatici. Per i biologi la loro presenza è un buon indicatore biologico in quanto consentono lo sviluppo ed il mantenimento di stock di pesci di importanza commerciale.

Zaffiri di mare
Ma il motivo che ci ha dato l’occasione per parlarne non è la loro importanza biologica ma una scoperta decisamente curiosa. Esistono alcuni copepodi che, senza troppa fantasia, potrebbero essere ispiratori, se non parenti, dell’immaginario mitico uomo invisibile.
sapphiridiQuesti minuscoli animali vivono in acque tropicali e subtropicali ed appartengono ai copepodi, piccoli crostacei in possesso di  un solo occhio e delle dimensioni di formiche. Questi esseri sono chiamati Zaffiri di mare (Sea Sapphires) per il fatto che i maschi possono risplendere con tonalità brillanti di colore, talmente cangianti che possono poi mimetizzarsi improvvisamente nell’invisibilità. Ne esistono diverse specie che producono una gamma di tonalità da un vivido blu al rosso all’oro, colore che dipende, come vedremo,  dall’angolo con cui  la luce solare si riflette sui loro corpi. 

Questo fenomeno avviene solo negli esemplari maschi per cui si ritiene che possa essere un richiamo di natura sessuale. Gli scienziati hanno scoperto che i copepodi possiedono un derma composto da strati microscopici di cristalli disposti a nido d’ape. E’ questa conformazione che fa riflettere la luce in maniera diversa in funzione dell’angolo di incidenza della stessa. Alcuni ricercatori ne hanno misurato la riflessione ed hanno scoperto che lo spessore degli strati di cristallo risulta costante ma variano le quantità di citoplasma annidate nel mezzo. Considerando che lo spessore degli strati di cristallo dei diversi  copepodi è di circa 70 nanometri, la variabilità luminosa è dovuta allo spessore variabile del citoplasma che, negli esemplari studiati, va tra i 50 ai 200 nanometri.

zaffiriMa non è finita qui. I ricercatori hanno pubblicato sul Journal of American Chemical Society una scoperta incredibile. Quando la luce colpisce questi crostacei con una inclinazione di 45°, il colore che viene generato esce della gamma visibile entrando nell’ultravioletto e rende l’animale quasi invisibile (vedete il video). I risultati di questo studio potrebbero portare a nuovi sviluppi delle tecnologie ottiche come nuovi rivestimenti riflettenti e specchi ottici.

Per conoscere di più seguite questo articolo LINK

(Credito del video: American Chemical Society)

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 457 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »