If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Reportage: viaggio alle isole Cocos parte I di Francesco Cinelli

Reading Time: 4 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: REPORTAGE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: Isla de Cocos, immersioni
.

Nell’angolo più a nord-est della baia di Wafer, in una piccola grotta ai piedi della rupe a tre punte, duecento piedi dietro della linea di marea”. Così era scritto su una delle tante mappe del tesoro che August Gissler, alla fine del 1800, aveva comprato nelle bettole della costa americana antistante. Chi era questo signore? Nient’altro che un tedesco che, invece di diventare un direttore di cartiera, preferì diventare marinaio e giungere all’isola del Cocco per cercare, inutilmente, i tanti tesori che la leggenda voleva che fossero sepolti laggiù.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cocos-island-20170514-095539.jpg

L’isola, lontana più di 550 miglia dalla più vicina terraferma, era creduta il rifugio dei tanti pirati che avevano infestato quelle acque e che, nell’isola, fossero sepolti i tesori di Benito Bonito o quelli di Edward Davis o, addirittura, il tesoro di Lima, una statua a grandezza naturale della Madonna con in braccio Gesù in oro massiccio e pietre preziose.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Gissler-cocos-island.jpg

August Gissler

Lui e sei famiglie tedesche decisero di stabilirvisi e dare origine alla Cocos Plantation Company che produsse caffè, tabacco e canna da zucchero. Ma l’attività diuturna era quella di scavare per trovare i tesori nascosti, ed alla fine, neanche un doblone! Gissler rimase solo con la moglie. Gli altri, delusi, se ne erano già andati ed anche loro, nel 1905, lasciarono per sempre l’isola del tesoro. Il magro bottino fu costituito da trenta ducati d’oro ed un guanto dorato. Le sue ultime parole a New York, nel 1935 furono ” Sono certo che sull’isola ci siano grandi tesori. Ma ci vorrà tempo e denaro per trovarli. Se fossi ancora giovane, ricomincerei daccapo”.

Alla ricerca dei tesori di Cocos
Per me e la mia allegra compagnia di subacquei bolognesi l’isola di Cocos era una delle mete più ambite a cui un subacqueo più o meno attempato e giramondo avesse mai potuto aspirare. Alla partenza ci si mise di mezzo la grande eruzione del vulcano Eyjafjöll.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Eyjafjoll-1024x576.jpg

il vulcano Eyjafjöll nell’eruzione del 2010

Questo piccolo vulcano si trova nella lontana Islanda. Per di più è coperto dal ghiacciaio Eyjafjallajökull, uno dei più piccoli e impronnunciabili ghiacciai dell’Islanda. Si trova a nord di Skógar ed a ovest del più grande ghiacciaio di Mýrdalsjökull. La “crosta” di ghiaccio ricopre il vulcano Eyjafjöll, alto 1666 metri, attivo dall’era glaciale. Nonostante ciò, la mattina di un giorno dell’aprile 2010 ci trovammo, armi e bagagli, all’aeroporto “Marconi di Bologna” per spiccare il volo per Madrid e, da qui, a S. José di Costa Rica da dove avremmo trovato, fatti pochi chilometri verso ovest, un comodo imbarco sulla Sea Hunter, una delle poche barche abilitate a trasportare subacquei all’isola di Cocos. Ma mal ce ne incolse. Quel disgraziato di un vulcano aveva ricominciato ad eruttare nuvole di fumo e di ceneri che si erano andate disperdendo sopra i cieli di quasi tutta l’Europa e, al momento dell’imbarco, l’aeroporto di Bologna, come molti degli aeroporti europei, fu chiuso. Il volo da Madrid per S. José, per fortuna, era previsto a mezzogiorno del giorno dopo e l’aeroporto di Madrid era rimasto aperto.

Dopo un rapido consulto ed un paio di telefonate, mezz’ora dopo eravamo seduti comodamente su un pullman all’uopo noleggiato che ci avrebbe portato, via terra, fino a Madrid. Giungemmo all’aeroporto di Madrid Barajas la mattina dopo verso le otto. Stanchi ma felici di avercela fatta, senza aver dormito praticamente mai.

Andammo al banco accettazione, facemmo check-in e poi una rapida corsa al bar per rifocillarci. La partenza fu in perfetto orario come l’arrivo a S. José verso le cinque del pomeriggio. Il fuso orario era dalla nostra parte e, anche se fummo accolti da una pioggia torrenziale calda e di breve durata, arrivammo in albergo dimentichi delle peripezie subite a causa di quel impronunciabile stramaledetto vulcano islandese. Eravamo in Costa Rica e ci attendevano, in ordine cronologico: una bella doccia, una cena come si deve ed un buon sonno riparatore.

Il primo pomeriggio del giorno dopo, un altro pullman ci caricò e ci condusse fino a Puntarenas, l’unico porto da cui partano le imbarcazioni dirette all’Isola di Cocos. Qui dovemmo traghettare su una specie di zattera che ci portò, ormai quasi all’imbrunire, a fianco della Sea Hunter, una bella imbarcazione di quasi 35 metri di lunghezza, con otto cabine di varie dimensioni e due imbarcazioni ausiliarie di oltre 12 metri, ognuna dotata di due motori fuoribordo che ci avrebbero portato nei punti d’immersione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è DSC01060-1024x768.jpg

la Sea Hunter – photo credit Francesco Cinelli

A suo interno un salone ampio e confortevole ed una zona per le attrezzature subacquee a poppa, dotata di una miriade di prese di corrente per la ricarica delle batterie dei flash, delle macchine fotografiche o delle telecamere. Eravamo pronti per la nostra caccia ai tesori sommersi di Cocos.

Fine I parte – continua

Francesco Cinelli

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

PARTE I PARTE II
print
(Visited 156 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

1 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »