If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Aumento dei livelli di radiazioni nei cieli della Scandinavia: un nuovo incidente nucleare?

livello elementare
.
ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: NORD EUROPA – SCANDINAVIA – RUSSIA
parole chiave: radioisotopi, radiazioni, fughe radioattive, centrali nucleari

 

Secondo un’agenzia olandese, che ha analizzato i dati provenienti dai centri di monitoraggio della radioattività ambientale e atmosferica del Nord Europa, nel giugno 2020 i livelli di radionuclidi nei cieli della Scandinavia sono aumentati sensibilmente. Secondo Associated Press (AP), il picco radioattivo potrebbe essere stato dovuto ad un danno ad un elemento di combustibile nucleare di una non ben identificata centrale nucleare nel territorio della Federazione russa. La notizia è stata negata da parte russa. L’operatore nucleare Rosenergoatom ha infatti smentito la possibilità che ci siano stati problemi negli impianti di Kola e Leningrado, le due centrali nucleari russe operanti nella regione. Nonostante questo diniego, diverse agenzie di sorveglianza scandinava hanno misurato un aumento sensibile dei livelli di isotopi radioattivi nell’aria. Si saprà mai la verità?

Da cosa potrebbe dipendere?
Innazitutto vediamo di cosa stiamo parlando. I radionuclidi misurati in atmosfera possono essere generati dalla radiazione naturale presente in natura che può essere causata sia da sorgenti terrestri che extraterrestri. Ad esempio i raggi cosmici che, interagendo con le rocce e l’acqua del mare, danno origine a radionuclidi.

In parole semplici, i radionuclidi sono atomi i cui nuclei sono instabili; l’energia in eccesso all’interno del loro nucleo viene rilasciata attraverso un processo chiamato decadimento radioattivo. Oltre ai fattori naturali, questo fenomeno può avvenire in maniera artificiale, ad esempio quando vengono prodotti nelle esplosioni nucleari, nelle collisioni generate tra particelle negli acceleratori e nei processi di fissione all’interno di reattori nucleari. Storicamente si sono diffusi nell’ambiente anche a seguito di esplosioni nucleari quali le bombe di Hiroshima e Nagasaki, ma anche in esperimenti come quelli nel deserto del Nevada e nell’atollo di Bikini. Non vanno dimenticati poi i tristemente famosi incidenti ai reattori nucleari di Černobyl’ e Fukushima. La loro emivita, ovvero il periodo in cui la loro carica radioattiva si dimezza (tempo di decadimento), va da pochi giorni a migliaia di anni (come nel caso del carbonio 14 usato per la datazione dei reperti). L’emivita dei radioisotopi è un’unità di misura diffusa nella pratica sperimentale in quanto è molto semplice misurare un dimezzamento dell’attività radiativa e confrontarla col tempo ipotizzato.

modelizzazione della nube di Chernobyl

Una serie di misurazioni anomale
Lassina Zerbo, segretario esecutivo dell’Organizzazione del trattato per la messa al bando dei test nucleari, ha rivelato che le concentrazioni dei radionuclidi cesio-134, cesio-137 e rutenio-103 sono aumentate in alcune parti della Finlandia, della Scandinavia meridionale e dell’Artico. Zerbo ha delineato un’area russa, contrassegnata in arancione su una mappa, da cui potrebbe aver avuto origine la radiazione.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, in risposta alla notizia diffusa dai media, ha affermato che non esiste nessun allarme in merito alle particelle nucleari rilevate sul Mar Baltico.” Abbiamo un sistema di monitoraggio della sicurezza dei livelli di radiazioni assolutamente avanzato e non ci sono allarmi di emergenza”, ha ribadito Peskov ai giornalisti. Secondo fonti ufficiali russe, le due centrali elettriche nord-occidentali del paese – una vicino alla città di San Pietroburgo e l’altra vicino a Murmansk, nel nord – funzionano normalmente e non sono stati segnalati incidenti relativi al rilascio di radionuclidi al di fuori delle strutture di contenimento.

Di fatto i sensori svedesi hanno rilevato livelli di isotopi più alti del solito, sebbene comunque con livelli innocui per la salute, che potrebbero essere stati prodotti da una fissione nucleare, probabilmente da qualche parte “sul o vicino al Mar Baltico”. I funzionari dei paesi nordici della rete di controllo, riferisce sempre Associated Press, ritengono che l’aumento della radioattività nel Nord Europa possa indicare un “elemento combustibile” che si sia danneggiato in una centrale nucleare russa.

22/23 giugno 2020, stazione SEP63 RN #IMS Svezia ha rilevato 3 isotopi Cs-134, Cs-137 e Ru-103 associati con fissione nucleare con livelli più alti del normale (anche se non dannosi per la salute umana). La possibile regione di origine nelle 72 ore precedenti il ​​rilevamento è mostrata in arancione sulla mappa. allegata a Twitt di Lassina Zerbo del 26 giugno 2020

L’Istituto nazionale per la salute pubblica e l’ambiente dei Paesi Bassi ha affermato di aver esaminato gli ultimi dati dei paesi nordici e ha riferito che “questi calcoli mostrano che i radionuclidi (isotopi radioattivi) provengono dalla direzione occidentale Russia …

Quale è il loro impatto sulla salute? E’ necessario mantenere in funzione reti di monitoraggio ambientale sui livelli di radioattività?
Sebbene il loro livello sia considerato in genere non pericoloso per gli esseri umani, sono sempre dei sottoprodotti di una fissione nucleare. La presenza incontrollata nell’ambiente di questi isotopi radioattivi può essere assorbita dagli organismi viventi, rappresentando un rischio più o meno grave dipendentemente dal tipo di radiazioni e dalla dose attribuita ai vari tessuti, in quanto le radiazioni possono alterare o danneggiare la struttura delle molecole biologiche più importanti. A seguito dell’incidente nucleare di Chernobyl, furono istituite reti globali di stazioni di monitoraggio per la sorveglianza della radioattività atmosferica che consentono oggi di monitorare la presenza di livelli anomali di questi isotopi radioattivi.

Allarmi di fughe radioattive dalla Russia non sono rari. Negli ultimi anni, un’altra nube misteriosa radioattiva proveniente dal territorio russo si diffuse sull’Europa e, più recentemente, nel 2017, un pennacchio contenente 1.000 volte i livelli normali di rutenio 106 fu rilevato in Europa. Valori anomali di radioattività furono riscontrati in alcune specie di funghi commestibili anche sulle Alpi italiane dove ne fu vietata la raccolta e vendita per un certo periodo. 

La Russia ha negato qualsiasi coinvolgimento, sebbene uno dei più grandi impianti nucleari del mondo, l’Associazione di produzione Mayak della Federal State Unitary Enterprise (FSUE) a Ozersk, in Russia. fosse indiziato di aver rilasciato accidentalmente in atmosfera i radionuclidi. Uno studio del 2019, pubblicato da Nature communications,  stimò un rilascio di 250 TBq dell’isotopo 106Ru e affermò che la modellazione atmosferica indicò che la nuvola aveva avuto origine negli Urali meridionali della Federazione Russa.

In sintesi, sebbene questo rilascio sia minimale, è importante mantenere in vita questi centri di monitoraggio in quanto un incidente nucleare può diventare un serio pericolo per l’umanità ed avere conseguenze a lungo termine per l’ambiente.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

.

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

print
(Visited 92 times, 2 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

6 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share