If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Martin Frobisher: il Passaggio a Nord Ovest nel 1576

Reading Time: 5 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVI SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: esplorazioni, passaggio a Nord Ovest, Canada

 

Ci sono uomini che si spingono oltre quelli che vengono considerati limiti invalicabili. Martin Frobisher fu uno di questi. Tutti (o quasi) conoscono il disastroso tentativo di passaggio a nord-ovest dell’Erebus e della Terror nell’Ottocento. Quasi nessuno quello, completamente folle, pianificato dal corsaro inglese Martin Frobisher a partire dal 1560.

Martin Frobisher

Martin Frobisher nasce attorno al 1535 nello Yorkshire e, fin da giovanissimo, partecipa ad azioni di guerra di corsa in buona parte dell’Atlantico. Dal Marocco all’Islanda, fino alla Guinea, Frobisher impara tutto quanto necessario a guidare un vascello, una ciurma e, soprattutto, a ottenere denaro. La sua idea fissa – ai nostri occhi pazza e scellerata – è quella di trovare un passaggio marittimo a nord dei territori canadesi. Il famoso passaggio a nord-ovest che permetterebbe di ridurre i tempi di navigazione verso la costa occidentale dell’America del Nord e l’Oriente. Gli ci vogliono più di quindici anni, dal 1560 al 1575, per trovare il finanziamento necessario ad acquistare tre velieri e pagare 35 uomini di equipaggio, ma alla fine, nel 1576, prende il largo dal porto di Blackwall. La sua spedizione inizia sotto il peggiore degli auspici. Le onde inghiottono il veliero più piccolo dopo pochi giorni, mentre i due più grandi, gli “arcangeli” Gabriel e Michael riescono a passare la tempesta. Il Michael però è gravemente danneggiato. Trasbordato l’equipaggio, Frobisher prosegue con il solo Gabriel.

Frobisher Bay, nel 1576, il Gabriel sbarca 5 marinai a terra per cercare informazioni – Watercolour di Gordon Miller © 1999

Nell’agosto del 1576 arriva, tra mille difficoltà, all’Isola di Baffin, dove cerca di convincere alcuni Inuit a mostrargli il passaggio. Le cose con gli Inuit non vanno troppo bene, visto che cinque dei suoi uomini scompaiono, probabilmente uccisi da questi ultimi.  Martin Frobisher prende quindi le decisione di tornare indietro, anche perché il tempo inizia a peggiorare e c’è il rischio di rimanere bloccati dai ghiacci. Tornato in Inghilterra, riesce a incuriosire i suoi finanziatori con un pezzo di roccia prelevato sull’isola di Baffin. Per una serie di coincidenze, compresa la sbrigativa (o connivente?) perizia di un esperto, alcuni si convincono che la pietra contenga tracce di oro.

Oro
Il solo sentirlo nominare fa lievitare la fama di Frobisher, tanto che per la spedizione dell’anno successivo ha a disposizione 120 uomini ed una capitana, la Ayde, da 200 tonnellate. Nel 1577, il governo inglese redige un rapporto relativo a quasi 800 navi appartenenti alla flotta mercantile. Di queste, solo 131 risultano capaci di trasportare più di 100 tonnellate. Stavolta la spedizione è dedicata esclusivamente all’imbarco del minerale scoperto la prima volta. Tuttavia, non mancano i contatti con gli Inuit. E sono abbastanza freddi da entrambe le parti, perché tutti ricordano ancora cosa è accaduto ai cinque inglesi l’anno precedente.

Gli eventi precipitano per due cause principali. Per prima cosa, Frobisher organizza una sortita per rapire un interprete e utilizzarlo nel corso del viaggio. L’azione ha successo e l’unico ferito è proprio il corsaro inglese, che riceve una freccia nella natica. La seconda causa scatenante è il ritrovamento, in un campo Inuit abbandonato, degli indumenti degli inglesi scomparsi nel 1576. Si organizza quindi un secondo assalto. Questa volta, ci sono cinque morti tra gli Inuit e un ferito grave tra gli inglesi, che prendono come ostaggi una donna e un bambino. Con tre ostaggi a bordo, gli inglesi salpano e raggiungono la zona dove iniziare l’attività mineraria. Alla fine di agosto del 1577, gli uomini di Frobisher hanno imbarcato 200 tonnellate di quel minerale nero che, per qualche strana ragione, tutti reputano oro.

In Memoirs historical and topographical of Bristol and it’s neighbourhood; from the earliest period down to the present time, scritto dal Rev. Samuel Seyer nel 1821, i testimoni dell’epoca parlano di una grande curiosità di fronte a questa grande nave che entrava in porto con “minerali che si pensano molto ricchi di oro” e: “Un uomo di nome Callicho e una donna di nome Ignorth. Selvaggi che si nutrono di carne cruda. Il 9 Ottobre 1577 Callicho ha usato una sua canoa foderata di pelle per andare a caccia sul fiume. Ha colpito due papere con le frecce, e lo ha fatto anche in molti altri posti. Le colpisce anche da buona distanza e non sbaglia un colpo. Callicho e Ignorth sono morti qui nel giro di un mese.

In effetti, tutti e tre gli Inuit muoiono in poco tempo. Callicho è il primo, di polmonite. Lo segue Ignorth sei giorni dopo. Il figlio di Ignorth sopravvive per qualche settimana, affidato alle cure di una nutrice in quel di Londra, ma muore prima di poter essere portato a soddisfare la curiosità della Regina Elisabetta.  Anche se le stime sul materiale portato indietro da Frobisher sono discordanti, la Compagnia del Catai decide di puntare molto forte sul corsaro inglese.

Il terzo viaggio, quello del 1578, è il più finanziato. Per Frobisher ci sono 15 vascelli e 400 tra coloni, minatori, marinai e soldati. Il Canadian Museum of History riporta il dettaglio dei vascelli: Aid (200 tons), Thomas Allen (160 tons), Hopewell (150 tons), Anne Frances (130 tons), Francis of Fowey (130 tons), Thomas of Ipswich (130 tons), Salomon of Weymouth (120 tons), Armonell of Exmouth (100 tons), Beare Leicester (100 tons), Barke Dennis (100 tons), Emanuel of Bridgwater (100 tons), Mone of Fowey (100 tons), Judith (100 tons), Michael (30 tons), Gabriel (30 tons).

Arrivati all’Isola della Contessa di Warwick’s Island (oggi Isola di Kodlunarn), gli uomini scavano due miniere da cui iniziano a estrarre il minerale. I contatti con gli Inuit sono limitatissimi e improntati a una profonda e reciproca diffidenza. Dopo alcune settimane, il clima gelido convince i coloni a tornare a Londra. L’unica cosa che riempie le stive delle navi di Frobisher è, ancora una volta, una massa colossale (1.100 tonnellate) della pietra nera scoperta nel primo viaggio. Quando gli esperti la analizzano di nuovo, il loro responso è impietoso: pirite.

Tremendamente deluso, Martin Frobisher rimane comunque un comandante di grande esperienza. Affianca Sir Francis Drake nei raid spagnoli del 1585 e nella vittoria contro l’Invincibile Armada (1588), sotto il comando generale dell’High Admiral Howard. Nel 1594 prende parte all’Assedio di Forte Crozon. Tra i difensori francesi, c’è un giovanissimo Samuel de Champlain, che anni dopo diventerà il “Padre della Nuova Francia“. Chissà se, tra tutti i colpi di moschetto sparati dal forte, sia stato proprio quello di de Champlain a colpire Frobisher. Fatto sta che, pochi giorni dopo essere stato ferito, il corsaro e comandante inglese muore di cancrena a Plymouth.
.

Gabriele Campagnano 
Fondatore e Presidente Zweilawyer

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 319 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

22 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »