If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Ritorniamo a parlare della Luna quando si avvicina al suo perigeo

Reading Time: 5 minutes

.
livello elementare 
.

ARGOMENTO: NAUTICA 
PERIODO: VARI
AREA: OVUNQUE
parole chiave: luna, apogeo, perigeo, maree

 

“E’ tutta colpa della Luna, quando si avvicina troppo alla terra fa impazzire tutti”, diceva William Shakespeare.

Oggi, martedì 19 febbraio 2019, il nostro satellite naturale ci apparirà nel cielo più luminoso e brillante rispetto ad una normale Luna piena. A renderla tanto particolare è il fatto che la Luna si troverà esattamente nel punto della sua orbita più vicino alla Terra ovvero al perigeo. Quando la Luna nel suo moto intorno al nostro pianeta raggiunge il perigeo, la sua rotazione diventa più lenta rispetto al suo moto orbitale, e questo ci permette di vedere fino a otto gradi di longitudine del suo lato opposto orientale.

Se osservate con attenzione questa immagine, che ce la mostra alternata all’apogeo ed al perigeo, noterete che non si tratta solo di dimensioni diverse ma si nota che esistono delle differenze nella posizione dei suoi crateri sul disco visibile. In altre parole sembra che vengano mostrate parti normalmente non visibili. Ciò contraddice l’affermazione comune che la Luna mantiene sempre la stessa faccia verso la Terra. Questa generalizzazione non è propriamente vera in quanto la combinazione dell’eccentricità e dell’inclinazione dell’orbita della Luna fa sì che la Luna, vista dalla Terra, mostri o nasconda delle parti normalmente non visibili o visibili. Questi movimenti apparenti non sono trascurabili e ci permettono di osservare, per un certo periodo di tempo, oltre il 59% della superficie della Luna.

Movimenti reciproci
La luna ruota intorno alla Terra e, insieme ad essa ruota intorno al Sole in un movimento che viene detto di Traslazione. Se osservassimo questo moto ponendoci al polo nord celeste, per semplificarci la vita dalla stella Polare, vedremmo che a Luna ruota attorno alla Terra in senso antiorario mentre la Terra orbita attorno al Sole in senso antiorario, ed entrambe ruotano attorno al proprio asse in senso antiorario.

Essendo la Luna in rotazione sincrona essa mediamente rivolge sempre la stessa faccia verso la Terra. In certi momenti, come avvicinandoci al perigeo la velocità angolare della Luna varia. Al perigeo essa si trova nel punto più vicino alla Terra e, nel caso di luna piena, abbiamo le superlune quando essa appare fino al 14% più grande e al 30% più luminosa di come appare durante la maggior parte delle volte. In realtà, la distanza della Luna dalla Terra varia ogni mese ed è compresa approssimativamente fra 356410 km e 406740 km a causa dell’eccentricità orbitale della Luna rispetto alla Terra.

Quali sono gli effetti della luna sulla Terra?
Tralasciando l’aforisma di Shakespeare, l’effetto maggiore causato dalla attrazione gravitazionale è sull’ampiezza delle maree, ovvero la variazione tra lata e bassa marea. Immaginiamo che il nostro pianeta sia una sfera ricoperta da un oceano con una profondità uniforme. L’effetto gravitazionale della Luna deformerebbe la superficie formando un ellissoide con i punti più alti direttamente verso la Luna e sul lato opposto della Terra. Questo ovviamente non avviene nella realtà in quanto il nostro pianeta ha una forma irregolare, che rassomiglia più ad una grossa patata che ad una sfera questa idealizzazione viene realizzata solo in parte. In pratica, il periodo del flusso della marea è sincronizzato con l’orbita della Luna attorno alla Terra.

Le altezze massime di marea si formano “un poco più avanti rispetto all’asse terra-luna” a causa dell’attrito con i fondali e della dissipazione di energia dovuti ai movimenti delle grandi masse d’acqua oceaniche. Ciascun fenomeno di “alta” marea esercita una piccola attrazione gravitazionale sulla Luna. Dall’altro lato si ha l’effetto opposto, ma quello più vicino prevale, a causa della minor distanza dalla Luna. Come risultato, una parte del momento rotazionale della Terra viene gradualmente trasferito al momento orbitale della Luna, e questo fa sì che la Luna receda lentamente dalla Terra alla velocità di circa 38 millimetri all’anno.

Questo significa che la rotazione della Terra sta  gradualmente rallentando, e il giorno della Terra si allunga quindi di circa 23 microsecondi ogni anno. Questo significa che il giorno terrestre non ha mai avuto la stessa durata. Da parte sua anche il nostro satellite si sta allontanando dalla Terra spostandosi su un’orbita più lontana che provoca un “allungamento” del tempo di rotazione dagli attuali 27 a 47 giorni. Tranquilli succederà fra 50 miliardi di anni. Per chi ci sarà, la Terra e la Luna si troveranno allora in una “rotazione sincrona ed entrambe ruoteranno attorno ai propri assi impiegando lo stesso tempo, rivolgendo sempre la stessa faccia l’una all’altra. Questo solo teoricamente perché gli astronomi ritengono che tra circa 2,3 miliardi di anni l’aumento della radiazione solare avrà causato la vaporizzazione degli oceani terrestri.

Per ora accontentiamoci dello spettacolo che la Luna ci darà. 

Consigli per una bella foto
Se avete la possibilità, fotografate la Luna quando è ancora bassa sull’orizzonte ad esempio vicino a qualche monumento o edificio: la sua dimensione apparente sembrerà ancora maggiore. Utilizzate focali superiori ai 100mm per raccogliere maggiori dettagli. Impiegate un treppiede. Anche se per fotografare la luna non sono necessari tempi di esposizione lunghi, l’uso di un teleobiettivo e l’esposizione agli agenti atmosferici possono  far venire mossa la vostra foto. Impiegate il telecomando per scattare foto per non toccare la fotocamera e rischiare micro vibrazioni che su teleobiettivi lunghi fanno danni. Se non lo avete impostate lo scatto ritardato (10 secondi sono sufficienti). La Luna è un corpo celeste molto luminoso per cui non servono tempi lunghi. Se scattate in modalità di priorità di diaframmi, impostate il diaframma intorno agli f/8, regolando gli ISO al minimo e far lasciare scegliere alla fotocamera il tempo corretto. Se scattate in manuale  mantenete il valore ISO della vostra fotocamera il più basso possibile, un valore tra i 100 e 200 è ottimale, regolate i diaframmi con un’apertura di f/8 o f/11 con un tempo intorno al 1/125 secondi. I risultati vi sorprenderanno.

Buona Luna a tutti.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 317 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
astronomia e astrofisica
Astronomia e Astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »