If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Salviamo le balene dall’ignavia

Reading Time: 5 minutes

.
livello elementare 

ARGOMENTO: ECOLOGIA
PERIODO: ODIERNO
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: balene, Commissione Internazionale per la caccia alle balene (IWC)
.

I media di tutto il mondo hanno riportato la scelta giapponese di abbandonare nel 2019 la Commissione Internazionale per la caccia alle balene (IWC), istituita nel 1946. In realtà il paese del Sol Levante, più volte sospettato di poca chiarezza, non aveva mai smesso di cacciarle con il pretesto, poco credibile, della ricerca scientifica (ammessa dalle norme internazionali contro le lobby delle baleniere). Nel 2014, l’Australia aveva presentato alla Corte di Giustizia dell’Aja una denuncia delle violazioni alla moratoria del 1986 che ne impedisce la caccia. Nonostante la diffida dei giudici internazionali, il Giappone aveva comunque deciso di continuare la caccia per sostenere la produzione di carne di balena, considerata pregiata per il suo mercato. Questa scelta apparve alla Commissione non comprensibile in quanto il consumo in Giappone è sceso da circa 200 mila a cinque mila tonnellate l’anno.

Sebbene molti nipponici considerano questa carne contaminata, a causa della presenza di metalli pesanti accumulati nei loro tragitti negli oceani, la loro scelta caparbia sembra quindi essere legata alla volontà di voler accomodare le richieste interne di lobby politiche e di élite.

La decisione del Giappone di uscire dal IWC non è che uno dei forti contrasti interni che ha comportato il fallimento dell’ultima riunione tenutasi a Florianópolis in Brasile. Degno di nota il rifiuto di quattro Stati (Norvegia, Islanda, Russia e Corea del Sud) su 66 di crearne una nell’Atlantico meridionale, in aggiunta  a quelle già esistenti nell’Oceano Indiano e intorno all’Antartide. Di fatto quei quattro paesi, dopo trent’anni dalla messa al bando della caccia commerciale alle balene, sono quelli che continuano a violarne il divieto adducendo motivi legati alla loro tradizione.

Questi mammiferi marini, appartengono all’ordine dei cetacei, e si suddividono in misticeti e odontoceti. Tra i misticeti troviamo le balene, mentre tra gli odontoceti i delfini e le orche. Diverse specie di cetacei sono oggi a rischio estinzione, ma fortunatamente esistono in tutto il mondo organizzazioni per la loro difesa. Per assurdo, il loro rischio di estinzione non deriva solo dall’azione predatoria dell’Uomo ma degli effetti collaterali di attività umane come le ricerche petrolifere (perpetuate in zone tipicamente ricche di cibo), la diffusione delle microplastiche e le interazioni fisiche ed acustiche con le navi.

La balena azzurra
Tra le balene la regina è sicuramente la balenottera azzurra (Balaenoptera musculus) che può raggiungere i 34 metri di lunghezza con un peso di 150 tonnellate. Le balene blu appartengono a un gruppo di balene, a volte chiamate rorquali dalla parola norvegese røyrkval che significa “balena rugosa”. Esse sono infatti caratterizzate dalle numerose pieghe nella loro pelle.

Gli antenati di queste balene erano in possesso di zampe e camminavano sulla terra; in seguito si avventurarono in acqua per trovare cibo, persero i denti ed incominciarono a nutrirsi filtrando le loro prede attraverso i fanoni. Gli scienziati ritengono che, da un punto di vista evolutivo,  esse raggiunsero queste dimensioni in un periodo relativamente recente, forse solo negli ultimi 3 milioni di anni quando incominciarono a colonizzare tutti i mari spingendosi dalle alte latitudini alle acque più calde nella loro incessante ricerca di nutrimento. 

fanoni sono delle lamine presenti nella bocca di alcune specie di balena usati come filtro per espellere l’acqua dalla bocca trattenendo i piccoli animali di cui si nutrono. wikipedia

A differenza dei mammiferi dentati (odontoceti), le balene azzurre sono prive di denti e  possiedono fanoni, sottili e semirigidi, che crescono dalla parte superiore della bocca della balena. Le piastre che li compongono sono allineate l’una con l’altra e sono costituite da cheratina, la stessa proteina che forma negli umani le unghie ed i capelli. Con i fanoni filtrano il krill, un insieme di diverse specie di creature marine invertebrate appartenenti all’ordine degli Euphausiacea. Questi piccoli crostacei, che vivono in tutti gli oceani del mondo, con particolare concentrazione nelle acque fredde e polari, compongono lo zooplancton, cibo primario di balene e grandi pesci. Essi sono l’alimento principale nella dieta di centinaia di specie animali antartiche che senza il krill scomparirebbero.

Krill antartico, Con il termine krill si indicano diverse specie di creature marine invertebrate appartenenti all’ordine Euphausiacea. Questi piccoli crostacei, che vivono in tutti gli oceani del mondo, con particolare concentrazione nelle acque fredde e polari, sono importanti organismi che compongono lo zooplancton, cibo primario di balene, mante, squali balena, pesce azzurro e uccelli acquatici. da wikipedia

Questo alimento, dagli anni ’70 ad oggi,  si è ridotto dell’80% a causa del surriscaldamento terrestre. Con lo scioglimento dei ghiacci vengono infatti a mancare le alghe dei ghiacci di cui si nutrono.

Balena blu (Balaenoptera musculus), California. Questa immagine di una balena blu, Balaenoptera musculus, è stata creata digitalmente.

Le balene blu possono comunicare su lunghe distanze con suoni estremamente acuti e modulazioni acustiche che noi non possiamo percepire. Questi suoni sembra abbiano funzioni sociali avanzate. Esse sembrano raggiungere la maturità sessuale intorno ai nove anni e danno alla luce dei piccoli, si fa per dire, lunghi da 6 a 7 metri del peso di circa 2.700 chilogrammi. I piccoli restano con la madre fino a quando non hanno circa 2 o 3 anni.

Gli scienziati stimano che le balene blu possano vivere fino a 80-90 anni. Uno dei motivi per cui le balene blu sono in grado di vivere così a lungo è la loro mancanza di predatori naturali, tranne … gli esseri umani.  Sebbene gli esemplari giovanili possono essere occasionalmente attaccati dalle orche, di fatto la caccia a cui furono sottoposte li decimò per secoli. Oggi la principale minaccia sono i cambiamenti climatici, l’inquinamento marino, il rumore prodotto dall’Uomo e il traffico marittimo. Secondo l’Unione internazionale per la conservazione della natura e delle risorse naturali (IUCN), la popolazione mondiale delle balene blu sembra sia  in aumento,  stimata tra 10.000 a 18.000 in tutto il mondo.

Questo fattore non deve porci in errore. La loro caccia, sebbene vietata dalla moratoria internazionale, continua ad avvenire per … futili motivi. La loro carne contiene tossine e veleni e non ci sono ragioni per perseguire la caccia dei cetacei. Il loro presunto aumento è stato usato da alcuni Paesi per cercare di legittimare una caccia inutile a dimostrazione della stupidità della nostra specie. 

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

print
(Visited 266 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
astronomia e astrofisica
Astronomia e Astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »