Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

WACP, wide angle correction port: il nuovo prodotto NAUTICAM

tempo di lettura: 4 minuti

 

livello elementare
.
ARGOMENTO: FOTOGRAFIA

PERIODO: ODIERNO
AREA: MATERIALI
parole chiave: wide angle, oblò

 

Lente WACP – Wide Angle Correction Port

Lente WACP – Wide Angle Correction Port

La lente di conversione grandangolare di Nauticam (abbreviato in WACP da qui in poi) è uno dei nuovi prodotti più interessanti nel mercato della fotografia subacquea.

Perché? Bene, la ragione principale è che, come una combinazione di lenti e porte con ottiche subacquee specializzate, promette lo standard più elevato nella qualità dell’immagine.

Più specificamente è più nitido specialmente a diaframmi più aperti rispetto a qualsiasi altra lente grandangolare dietro un oblò.

Nauticam WACP con CANON 18-55

Facciamo un pò di storia
Ai vecchi tempi della pellicola, le fotocamere subacquee più usate erano quelle della gamma Nikonos. A differenza di oggi, dove i fotosub più seri usano una macchina fotografica ed una custodia separata, le Nikonos erano fotocamere e obiettivi già nati impermeabili, senza bisogno di custodie ed oblò. Nikon ha profuso molte energie a sviluppare obiettivi specifici per l’uso subacqueo per accompagnare le fotocamere Nikonos. Sì, è vero, uno dei migliori marchi di fotocamere al mondo ha investito tempo e denaro nella ricerca di obiettivi con un’ottica che avrebbe funzionato in modo ottimale sott’acqua. Sfortunatamente, nel 2001, Nikon ha ufficialmente interrotto la produzione della gamma Nikonos. In questi giorni, si può usare una fotocamera Nikon sott’acqua, ma sarà racchiusa in una custodia di un produttore diverso. Allo stesso modo, puoi usare tranquillamente gli obiettivi Nikon sott’acqua, ma sono obiettivi progettati per l’uso terrestre, sui quali dovrai aggiungere un oblò per portarli in immersione, il che, anche se si usano i migliori prodotti, ha qualche effetto sulla qualità dell’immagine (vedi nitidezza ai bordi). In effetti, quelle vecchie lenti Nikonos appositamente costruite, sono oggi tornate di moda e molto ricercate. Professionisti di alto livello, come l’equipaggio che ha filmato Blue Planet 2, utilizzano gli obbiettivi Nikonos perché offrono immagini super nitide fino agli angoli, anche in condizioni di oscurità e con aperture abbastanza aperte.


Niente funziona sott’acqua esattamente come a terra

È possibile acquistare la più costosa lente d’elite sul mercato e portarla sott’acqua per scoprire poi che diventa una lente piuttosto media. Obbiettivi che normalmente vengono snobbati dai fotografi di terra elitari sono invece apprezzati dalle loro controparti subacquee. Per cominciare, le lenti fish-eye sono l’arma giusta per la fotografia grandangolare, ma raramente utilizzate nella fotografia terrestre. Infatti, il Tokina 10-17mm è un obiettivo fish-eye da € 500 che ha raggiunto lo status di mitico per le sue prestazioni nella fotografia subacquea. Questo è stato lo status quo per un po’ di tempo, ma Nauticam ha iniziato a scuoterlo con l’introduzione del primo Wet Wide Lens 1 (WWL-1) e ora del WACP

Perché nessuno lo ha mai fatto prima?
Bene, produrre un obiettivo di alta qualità ottimizzato per l’uso in acqua è molto complicato e molto costoso.


Pro e contro
La WACP arriva in una bella borsa imbottita, perfetta per viaggiare  (Nauticam fornisce tutti i suoi prodotti di pregio con queste belle borse, il che è un bel vantaggio). La prima cosa da notare è che questo è un bel pezzo di kit. Con tre chilogrammi di peso, è già una bella fetta di bagaglio a mano.. È più pesante di un normale oblò a cupola e, a terra, è un peso importante e una nota dolente. Una volta in acqua, tuttavia, il WACP diventa magicamente facile da manipolare. A differenza delle porte a cupola piene d’aria che tendono a galleggiare verso l’alto, il WACP ha molto di peso nella parte anteriore, per cui tende ad affondare in avanti. Ciò si traduce in un moderato cambiamento dell’assetto rispetto al solito, ma non è un grosso problema.

Zoom Zoom Zoom
Il WACP è progettato per funzionare con lenti da 28mm in su. Accoppiato ad un Nikon 28-70mm, per esempio,  dà una copertura dello zoom più ampia di qualsiasi configurazione DSLR sul mercato (130° contro, ad esempio, i 126° del massiccio CANON 11-24). Inoltre, con la possibilità di zoomare, il range diventa 130˚ – 57˚. Questa è una prospettiva molto allettante in quanto, quando si copre una destinazione in un breve lasso di tempo, senza sapere cosa si incontrerà, si ha molta più flessibilità.

WACP con SONY 28-70

WACP con SONY 28-70

 

Pietro Cremone
fotografo professionista

 

 

 

.
Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

Loading

(Visited 144 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia Contemporanea
Storia contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
4 visitatori online
4 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 32 alle 09:56 am
Mese in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x