If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Alieni in acqua

Reading Time: 3 minutes

livello elementare
.
ARGOMENTO: BIOLOGIA
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: specie aliene

Resistenza agli stress ambientali e adattabilità ai nuovi habitat: sono queste le caratteristiche che rendono le specie aliene capaci di colonizzare con successo i nostri mari. Tale fenomeno, che i ricercatori osservano da quasi un quarto di secolo, desta non poche preoccupazioni. La presenza di ‘nuovi’ ospiti  rappresenta un’emergenza ambientale e una minaccia alla biodiversità. Secondo gli ultimi dati forniti dalla Società italiana di biologia marina (Sibm, dati 2017) sono oltre 200 le Non indigenous species (Nis) che vivono nei mari italiani delle oltre 800 che si trovano nell’intero Mediterraneo.

Pesci tossici, granchi tropicali, alghe infestanti popolano i nostri fondali richiamati dalle condizioni ideali per sopravvivervi, conseguenza del riscaldamento globale, ma anche del degrado e dell’ inquinamento che hanno  hanno alterato e modificato il complesso ecosistema marino. 

Circa 25 anni fa il mondo dei biologi marini e l’opinione pubblica furono scossi dalla notizia che in Mediterraneo erano stati trovati ampi prati di Caulerpa taxifolia, la cosiddetta alga killer“, spiega Vincenzo Di Martino, ricercatore dell’Istituto per i sistemi agricoli e forestali del Mediterraneo (Isafom) del Cnr. “In questi anni abbiamo potuto constatare e documentare come, a fronte di una prima ondata di colonizzazione, con il tempo l’estensione dei prati si è ridotta notevolmente, tanto da risultare assente in alcuni areali. Tuttavia, in alcune zone della fascia costiera la Caulerpa taxifolia ha effettivamente avuto la meglio su moltissime specie che non sono state capaci di far fronte alla grande plasticità adattativa di tale alga. E ciò è avvenuto in maggior misura laddove essa ha trovato fondali degradati”.

Il Mar Mediterraneo è considerato tra quelli più invasi al mondo da esemplari alieni, che giungono anche con una certa rapidità. “Le nuove specie possono diffondersi perché destinate all’acquacoltura, all’acquariofilia o come esche vive. Ma l’immissione di tali organismi può avvenire anche e tramite le navi mercantili, che ospitano sulle proprie carene (fouling) o nelle acque di zavorra (ballast water) tali esemplari”, continua Di Martino.

Portunus segnis, detto anche granchio blu nuotatore

La conformazione geografica del bacino mediterraneo poi ne favorisce la circolazione; soprattutto il Canale di Suez, recentemente raddoppiato nella sua larghezza e profondità, è una via di comunicazione aperta con il Mar Rosso e, dunque, l’Oceano Indiano; la penisola italiana e le sue isole sono un punto di transito e sosta obbligato per tutte le specie che si spostano da un settore all’altro. Tra quelle provenienti dal Mar Rosso destano molta attenzione per le eventuali conseguenze sull’economia ittica il granchio Portunus segnis, detto anche granchio blu nuotatore, e il pesce Pterois miles, conosciuto anche come pesce scorpione o pesce leone, dotato di spine dorsali, anali e pelviche velenose che possono causare punture molto dolorose.

Il granchio blu che stiamo studiando si è diffuso nelle coste orientali della Sicilia ed è molto richiesto dai cittadini extracomunitari provenienti dal sud-est asiatico e dalle nazioni rivierasche dell’Africa orientale, dove questa specie è attivamente pescata per il buon sapore delle sue carni”, conclude il ricercatore. “Il pesce scorpione, che non ha ancora raggiunto alti numeri di esemplari, potrebbe invece rappresentare un futuro problema per la popolazione ittica; è infatti un voracissimo predatore, ma al momento sembra non abbia creato scompensi tra gli stock ittici, anche se le indagini sono appena agli inizi“.

Sandra Fiore

Fonte: Vincenzo Di Martino, Istituto per i sistemi agricoli e forestali del Mediterraneo, Catania, tel. 095/6139915 , email vincenzo.dimartino@cnr.it –

print
(Visited 93 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »