If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Grave crisi ecologica nel golfo del Messico, un recente report del NOAA segnala un importante aumento della dead zone

Reading Time: 6 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: EMERGENZA AMBIENTALE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA:OCEANO ATLANTICO OCCIDENTALE
parole chiave: Dead zone, aree anossiche, inquinamento

Una emergenza poco conosciuta ma i cui effetti sono purtroppo ormai visibili in molte parti del mondo è lo sviluppo di “zone morte”  ovvero aree marine dove, a causa della sproporzionata fioritura delle alghe, viene a mancare l’ossigeno che consente la vita nell’ecosistema.

La NOOA, National Oceanic and Atmospheric Administration, ha reso pubblico che nel Golfo del Messico si è formata un’immensa zona morta. In quella vasta area marina avvengono fenomeni importanti di moria di pesci e crostacei, risultato diretto delle concentrazioni mortali di vari tipi di inquinamento, di microrganismi patogeni e di fioriture algali nocive chiamate maree rosse.

Foreducators_deadzone

E’ noto che quando il fenomeno diviene molto esteso e continuo nel tempo si generano zone morte (dead zone) visibili anche ad occhio nudo. Naturalmente la zona grigia, nell’immagine, è quella in cui la vita è quasi del tutto scomparsa.

Ma come è potuto accadere?
Le piogge estremamente pesanti e lo scioglimento delle nevi hanno dilavato quantità massicce di sostanze nutritive, in particolare azoto e fosforo, dai prati, dagli impianti di trattamento delle acque reflue, da terreni agricoli e da altre aree lungo il fiume Mississippi, trasportandole  nel Golfo del Messico. Una volta nel Golfo, queste sostanze nutritive, che sono necessarie per la crescita delle piante e delle colture agricole, hanno provocato la fioritura di alghe che hanno reso difficile, se non impossibile, la sopravvivenza della vita marina locale.

2-models-for-2016-e1495199475953

modelli di simulazione del 2016

La NOAA, che ha finanziato la ricerca degli scienziati, stima che questo fenomeno ha un costo sociale rilevante, solo in perdite nella produzione di frutti di mare e di turismo, oltre 82 milioni di dollari all’anno. L’impatto potrebbe essere devastante per l’industria della pesca del Golfo, che rappresenta più del 40 per cento dei frutti di mare allevati negli Stati Uniti.  Lo stato più colpito è la Louisiana, secondo nella produzione di frutti di mare solo all’Alaska. Poiché i pesci tendono a migrare per evitare la zona morta, i pescatori sono costretti a viaggiare più lontano per pescare. Questo nuovo fattore si aggiunge ad altri ben noti legati all’inquinamento causato dall’industria petrolifera ed alla stagionalità di una zona come il Golfo del Messico da sempre fortemente colpita dagli uragani.

fish-kill-louisiana-bayou-overall_26120_600x450

Moria di pesci avvenuta a Bayou Chaland, in Louisiana nel 2010

Tutto finisce in mare
Scienziati delle Università della Louisiana e del Michigan hanno recentemente monitorizzato ed analizzato il flusso delle sostanze nutritive provenienti dalle regioni interne e riversate in mare a seguito delle recenti inondazioni. Il rapporto ha sottolineato che il fiume Mississippi, i suoi affluenti e le pianure alluvionali e il Golfo sono un sistema interno profondamente collegato in una rete fluviale complessa ed antropizzato che provoca la raccolta di residui di fertilizzanti che vengono poi trasportati in mare. La formazione di quest’area, nelle acque del Golfo del Messico, nota dalla fine degli anni ’50, è stata studiata dagli anni ’70 e, negli ultimi anni, attentamente monitorizzata dalla NOAA che ha, ad oggi, misurato una zona a rischio di quasi 23 mila chilometri quadrati,  duemila in più rispetto alle previsioni. Nel 2002 l’area morta del Golfo del Messico comprendeva circa 1900 miglia quadrate sulle 8.449 osservate. La dimensione media della zona morta negli ultimi cinque anni è stata di circa 5.806 miglia quadrate, tre volte superiore a quella iniziale. Le morie di pesce sono quindi divenute un indicativo dell’aumentare di questa emergenza.

5949a0dc67a3c.image

L’allarme era già stato lanciato nella primavera del 2013, quando l’abbondanza di precipitazioni che si era abbattuta sul Midwest americano aveva alimentato la portata dei fiumi che, a loro volta, avevano riversato in mare notevoli quantità di azoto e fosforo, utilizzati come concimi dall’industria agricola. La conseguenza era stata una proliferazione di alghe che avevano ucciso gli altri organismi marini. A distanza di tre anni questa ‘zona morta’ si sta estendendo sempre più, al largo della costa della Louisiana. Come dicevamo, a rischio non c’è solo l’habitat marino, ma la stessa industria ittica. Dall’aragosta ai granchi ed ai gamberetti, i primi effetti si vedono, con i prezzi che continuano a salire per le difficoltà a reperire la materia prima.

daedzone-fall11

immagine satellitare del Golfo del Messico dell’autunno 2011, NOOA

Queste proliferazioni possono essere raffrontate a degli squilibri interni. nel nostro corpo, quando la flora intestinale diventa squilibrata, un fungo, la Candida albicans, colonizza il tratto gastro intestinale, prendendo il sopravvento sui batteri eugenetici necessari per una corretta digestione ed assorbimento di sostanze nutritive. Se non combattuta, la candida può causare una candidiasi sistemica che, in definitiva può dare origine a molti fastidi fino ad insidiare gravemente gli organi interni. Allo stesso modo, quando il normale equilibrio di entrambi i microrganismi eugenetici e patogeni di un area marina viene mutato, si proliferano le invasioni pericolose di batteri, le fioriture di alghe tossiche (mucillagini) e altri abitanti microscopici che compromettono la nostra salute. Un rapporto dell’organizzazione ambientalista statunitense Mighty Earth ha confermato la fonte di inquinamento ovvero le grandi quantità di tossine e nitrati presenti nei concimi, nei fertilizzanti e in altre sostanze nutritive usate dall’industria agricola che favoriscono la crescita record di alghe e fitoplancton. A causare la profonda ipossia è il processo di iper formazione delle alghe. Le alghe consumano ossigeno durante la notte per il processo noto come respirazione cellulare. Quando le alghe muoiono, affondano sul fondo dell’oceano e vengono decomposte  dai batteri che usano l’ossigeno dell’acqua e ne abbassano ulteriormente il livello. Questi due processi, la crescita eccessiva di alghe e la decomposizione delle alghe, creano aree con ossigeno molto basso (aree ipossiche). I pesci e altri organismi marini hanno bisogno dell’ossigeno per sopravvivere per cui la vita marina o abbandona la zona o muore, e l’area ipossica diventa una zona morta. Senza ossigeno si riducono anche le capacità riproduttive e, con esse, le quantità e qualità del pescato.

5949a0dc67a3c.image

Secondo il NOOA, nel solo mese di maggio 2017, nei fiumi Mississippi e Atchafalaya, a causa delle piogge, sono state sversate oltre 22 mila tonnellate di fosforo.

Influenza dell’industria della carne rossa
In un mercato come quello americano, che privilegia una alimentazione ricca di carni rosse, il problem diventa ancor più sensibile. Sempre nel rapporto di Mighty Earth, si trova che gran parte dell’inquinamento del Golfo del Messico da concimi e fertilizzanti proviene dalle enormi quantità di mais e soia che vengono utilizzate per allevare gli animali da macello. Secondo l’associazione, che ha confrontato i dati della catena di approvvigionamento dei produttori di carni e mangimi negli Stati Uniti con quelli sulla concentrazione di nitrati, tra le aziende più inquinanti vi sono i grandi nomi dell’industria della carne, già imputati di primo piano da parte degli ambientalisti per il loro ruolo nel riscaldamento globale. Non dimentichiamo che il 74 % delle emissioni dei gas serra è composto da  metano, generato  dai microorganismi che sono coinvolti nel processo di digestione animale, e dal protossido di azoto attraverso la decomposizione del letame. Altro fattore coinvolto è la deforestazione per la trasformazione di grandi aree in nuovi pascoli per poter soddisfare l’aumento della domanda di carne rossa.

zona-morta

La zona morta del Golfo del Mexico nel luglio 2017. Le diverse colorazioni indicano i livelli di ossigeno. (Courtesy of N. Rabalais, LSU/LUMCON). Per maggiori informazioni seguite il link https://gulfhypoxia.net/

Si può fare qualcosa? 
In sintesi, un emergenza ecologica che sta portando gravi effetti non solo sul lato biologico ma anche su quello economico. Oltre 200 aree con diverse dimensioni sono state dichiarate “dead zone” nell’ultimo lavoro delle Nazioni Unite sullo stato degli oceani. Le fasce fortemente inquinate, che vanno da 2 a 75.000 chilometri quadrati di superficie, sono aumentate del 34% rispetto a 5 anni fa e con un tasso di crescita del 14% nel 2030. Per fortuna il danno può essere riparato. Ad esempio il Mare del Nord, dopo la riduzione del 37% dell’azoto dei fertilizzanti indirettamente rilasciati nel fiume Reno, tra il 1985 e il 2000, il mare è ritornato ad essere vivo. Come sempre dipende solo da noi. Bisogna fare scelte consapevoli e ecocompatibili se vogliamo assicurare un futuro alle nuove generazioni. Ma forse questo concetto deve essere ancora maturato negli Stati Uniti e, intanto, il golfo del Messico sta morendo.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 399 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »