If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Fukushima, una storia infinita

Reading Time: 3 minutes

La zona della prefettura di Fukushima in Giappone è stata nuovamente colpita da un terremoto di magnitudo 6,9. L’epicentro è stato identificato al largo dell’isola di Honshu ed ha innescato onde di tsunami che hanno riportato alla memoria  i ricordi drammatici del devastante terremoto e seguente tsunami del 2011 che colpì Fukushima provocando un disastro di cui ancora oggi non siamo in grado di valutare gli effetti.

tsunami-2011

onde di tsunami a seguito del terremoto del 2011

Il terremoto del 2011, che ebbe una magnitudo 9.0,  fu uno dei peggiori che abbia mai colpito il Giappone, ed uccise più di 20.000 persone causando onde di tsunami alte fino a 12 metri. Le onde sommersero in parte la centrale nucleare di Fukushima Daiichi innescando una fusione nucleare. Forti scosse che sono state percepite anche a Tokio, 100 miglia più a sud di Fukushima. I palazzi hanno oscillato per almeno 30 secondi. Inutile dire che la scossa tellurica di martedì 22 ottobre ha innescato un allarme tsunami a Fukushima e Miyagi ed  il governo ha  invitato la popolazione a raggiungere le alture più elevate per sottrarsi alle possibili onde, inizialmente stimate di tre metri di altezza. Parlando alla CNN, un residente della prefettura di Fukushima ha riferito che dopo le prime scosse tutti avevano temuto il peggio. “Sono andato alla mia azienda per verificare che fosse ancora in piedi e prodotti fossero tutti intatti, poi sono andato a casa per l’evacuazione”, ha detto Kazunari Ogawara, “l’azienda mi era stata spazzata via dallo tsunami del 2011, la mia paura era che sarebbe successo di nuovo e che avremmo dovuto ripartire da zero.” Per fortuna, poche ore dopo, gli allarmi sono stati ritirati. Tre persone sono rimaste ferite mentre più di 1.900 case sono state danneggiate.

giapppone-muro-anti-tsunami

muro anti-tsunami costruito nella zona di Fukushima

Una delle preoccupazioni principali è stata naturalmente la centrale nucleare di Fukushima Daiichi che  subì  un crollo catastrofico nel 2011 e dove esiste ancora una zona di esclusione in cui i livelli di radiazione sono considerati ancora pericolosi per gli esseri umani. Un portavoce della Tokyo Electric Power Company Inc. (TEPCO) ha detto alla CNN che dopo la scossa di martedì, nel vicino impianto di Fukushima Daini, un sistema di pompe di raffreddamento si è momentaneamente interrotto ma la quantità presente di acqua ha consentito di  mantenere il raffreddamento del reattore e  non sono state riportate anomalie o cambiamenti nei livelli di radiazione.

a-tidal-surge-is-seen-in-sunaoshi-river-after-tsunami-2016

onde di marea risalgono il fiume Sunaoshi dopo lo tsunami del 22 marzo 2016

Onde di Tsunami hanno risalito il fiume Jessica Turner, una geofisica del USGS ha detto alla CNN che il terremoto era stato molto più piccolo di quello di cinque anni fa anche se è probabile ci saranno altre scosse di assestamento. Di fatto ben otto scosse di assestamento di magnitudo 5.4 sono state registrate cinque ore dopo dal sisma iniziale.

Nel frattempo, un terremoto di magnitudo 5.6 ha colpito anche una zona a circa 200 chilometri a nord-est della capitale della Nuova Zelanda, Wellington. Non ci sono state notizie di morti o feriti. Un sismologo neozelandese, Hugh Glanville, ha riportato che i due terremoti “non sono direttamente correlati, ovvero uno non ha causato l’altro ma sono entrambi il risultato di cambiamenti nella Placca del Pacifico”.

print
(Visited 109 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »