Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Attacco dal mare contro obiettivi Houthi nello Yemen: cosa sta succedendo?

tempo di lettura: 6 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MAR ROSSO
parole chiave: traffico mercantile, Houthi, Operazione Prosperity Guardian
.

Le notizie degli ultimi giorni mostrano una recrudescenza della crisi nel mar Rosso meridionale con un coinvolgimento maggiore delle forze della coalizione a guida statunitense per controbattere gli attacchi da parte degli Houthi al traffico mercantile internazionale proveniente o dirigente verso il canale di Suez. Una svolta significativa si era verificata intorno a Capodanno, quando gli elicotteri della Marina americana avevano affondato tre imbarcazioni Houthi per legittima difesa, il primo scontro diretto tra la marina degli Stati Uniti e gli Houthi dall’inizio del conflitto. Come avrete sentito nelle cronache televisive internazionali, il 9 gennaio delle unità della Marina americana avevano abbattuto 21 tra missili e droni lanciati dallo Yemen dai miliziani Houthi contro il traffico marittimo internazionale. Un “attacco complesso” che i militanti filo iraniani avevano scatenato a seguito della guerra di Israele contro Hamas nel territorio di Gaza, un conflitto tutt’altro che locale che di fatto alza l’asticella dei già traballanti equilibri regionali facendo presagire la possibilità di una crisi molto più ampia dove gli attori, più o meno dichiarati, recitano la loro parte ben oltre il mar Rosso. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-01-12-181105.png

situazione del traffico mercantile nel mar Rosso meridionale il 12 gennaio 2024 MarineTraffic: Global Ship Tracking Intelligence | AIS Marine Traffic

Di fatto alla tragedia di una guerra sanguinosa che miete nello Yemen tante vittime innocenti, si uniscono interessi geopolitici ed economici delle potenze regionali che, al di là delle rivalità interne al mondo arabo, tra sciti e sunniti, complicano la già intricata geopolitica dell’area. I lanci di droni e missili sono stati dichiarati dagli Houthi “effettuati in solidarietà con il popolo palestinese” e, di fatto, si integrano con le azioni anti israeliane di Hamas e degli Hezbollah nell’area mediorientale. Al pericolo degli attacchi effettuati con missili e droni è stato segnalato anche quello delle mine navali che stanno mietendo già molte vittime tra i pescatori civili. Dopo l’attacco alle basi Houthi nello Yemen si sono già visti i primi effetti effetti sul commercio mondiale; secondo ISPI il costo per inviare un container da 40 piedi da Shanghai a Genova è quasi quadruplicato, da 1.400 a 5.200 dollari. E questa differenza alla fine la pagheremo noi nei prossimi mesi.
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è AUMENT-COSTI-ASSICURATIVI-MARITTIMI-MAR-ROSSO-TG.2024.01.12-2048x2048-1-1024x1024.jpg

In sintesi un pasticciaccio mediorientale che vede, nella complessità del conflitto yemenita, un evidente rischio per il transito del traffico marittimo nel mar Rosso e, in ricaduta, per le economie mondiali. 

Breve riassunto della situazione
La prima serie di attacchi dal mar Rosso iniziò poco dopo l’inizio della guerra tra Israele e Hamas, quando gli Houthi incominciarono a prendere di mira navi commerciali ritenute di interesse per il governo israeliano. L’8 gennaio gli Houthi eseguirono un abbordaggio sulla nave Galaxy Leader, di proprietà della Galaxy Maritime Ltd dell’Isola di Man, collegata alla Ray Car Carriers legata all’uomo d’affari israeliano Abraham Ungar. Poche ore dopo, alle 21:15 di martedì 9 gennaio, avvenne il lancio di 18 droni d’attacco, due missili da crociera ed un missile balistico antinave diretti verso le rotte marittime internazionali nel Mar Rosso meridionale dove stavano transitando numerose navi mercantili. Le armi furono intercettate con successo da due cacciatorpediniere statunitensi e da aerei da combattimento F-18 della portaerei USS Dwight D. Eisenhower. Sulla scena era presente anche l’HMS Diamond, un cacciatorpediniere della Royal Navy britannica che fa parte dell’operazione Prosperity Guardian, una task force multinazionale per salvaguardare la navigazione in questa via marittima, considerata tra le più critiche del mondo. La coalizione partecipante all’operazione è composta da numerosi paesi occidentali ma non dall’Italia e dalla Francia che, pur essendo presenti con unità navali nell’area in compiti di sicurezza marittima, hanno deciso di non aderire.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è YEMEN-CENTCOM_12_January_2024-1-1024x683.jpg

Un aereo da caccia F / A-18 della Marina americana decolla di notte prima degli attacchi aerei yemeniti del 2024 – autore aeronautica militare americana CENTCOM 12 January 2024-1.jpg – Wikimedia Commons

In una dichiarazione congiunta degli Stati Uniti e di molti altri paesi avevano condannato i continui attacchi degli Houthi, avvertendo: “Gli Houthi si assumeranno la responsabilità delle conseguenze se dovessero continuare a minacciare vite umane, l’economia globale e il libero flusso del commercio in i corsi d’acqua critici della regione”. Di fatto l’attacco Houthi sta rappresentando un’azione precisa e indiscutibile contro le forze navali partecipanti all’operazione Prosperity Guardian e il traffico mercantile internazionale e, nei giorni scorsi, il segretario generale dell’ONU Antonio Guterres si era detto “molto preoccupato” per il “rischio di un’escalation del conflitto più ampio in Medio Oriente”.

La risposta non si è fatta purtroppo attendere e, il 12 gennaio, unità navali statunitensi e aerei britannici hanno attaccato obiettivi strategici houthi nella capitale Sana’a e nel porto di Hodeida sul Mar Rosso. Dalle notizie trapelate sulla stampa internazionale, nella fase iniziale degli attacchi si sarebbero verificate almeno 4 esplosioni nella capitale e 5 nella città portuale dove sarebbero stati colpiti sistemi radar, e piattaforme di lancio missilistiche e dei droni.
L’attacco sarebbe stato condotto da numerose navi e da un sottomarino, l’USS Florida, con missili Tomahawk Land Attack Missile (TLAM), un’arma tattica ormai collaudata ed affidabile per la sua precisione (i primi impieghi si ebbero negli anni ’90 del secolo scorso). Si tratta di un missile da crociera che può essere lanciato da unità navali e sottomarini che, una volta in aria, raggiunge una velocità di circa 800 km orari e può colpire obiettivi a 2500 km di distanza. La sua caratteristica è la precisione garantita da una serie di sistemi basati sul GPS militare, mappe TERCOM (Terrain Contour Matching) e DSMAC (Digital Scene-Matching Area Correlator), un sistema che utilizza immagini memorizzate per il controllo della navigazione. Nella fase finale, il missile scende ad un’altitudine di 30-40 metri per sfuggire ai radar nemici e colpisce il bersaglio. L’attacco statunitense del 12 gennaio è stato condotto anche con l’impiego di quattro jet Typhoon britannici, decollati dalla base aerea britannica di Akrotiri, Cipro, riforniti in volo da due aerei cisterna Voyager.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è YEMEN-CENTCOM_12_January_2024-2.jpg

lancio di un missile Tomahawk da un’unità statunitense contro obiettivi houthi, 12 gennaio 2024 – Fonte USN CENTCOM 12 January 2024-2.jpg – Wikimedia Commons

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, con un comunicato ha affermato che i raid sono “una risposta diretta agli attacchi senza precedenti che gli Houthi hanno condotto contro navi nel Mar Rosso. Questi attacchi hanno messo in pericolo personale degli Usa, civili impegnati sulle navi e i nostri partner“. Queste azioni “hanno messo a rischio il commercio e minacciato la libertà di navigazione. Questi attacchi mirati sono un chiaro messaggio, gli Stati Uniti e i partner non tollereranno attacchi al nostro personale né consentiranno a soggetti ostili di mettere in pericolo la libertà di navigazione lungo le rotte commerciali più critiche a livello mondiale“.

Contemporaneamente, il premier britannico Rishi Sunak ha dichiarato che “il Regno Unito difenderà sempre la libertà di navigazione e il libero flusso degli scambi commerciali“, ed ha aggiunto. “Abbiamo intrapreso azioni difensive limitate, necessarie e proporzionate insieme agli Stati Uniti con il supporto non operativo di Paesi Bassi, Canada e Bahrein“, contro obiettivi legati agli attacchi contro le navi, “per colpire le capacità militari degli Houthi e proteggere il trasporto marittimo globale“. Sunak ha evidenziato che gli Houthi si sono resi responsabili di “una serie di attacchi pericolosi e destabilizzanti contro le navi commerciali nel Mar Rosso, minacciando il Regno Unito e altre navi internazionali, causando gravi interruzioni a una rotta commerciale vitale e facendo salire i prezzi delle materie prime. Tutto questo non è tollerabile“.

Una situazione complessa che vede la Russia richiedere la convocazione immediata del consiglio di sicurezza dell’ONU, la Turchia parlare di reazione spropositata, l’Iran fomentare la situazione e la Cina che ha espresso “preoccupazione” per l’aumento dell’instabilità in un’area troppo vicina ai suoi interessi sul territorio africano invitando le parti alla moderazione per prevenire un ulteriore allargamento del conflitto. Continueremo a seguire questa storia, purtroppo da tempo scritta, che ci riguarda molto più da vicino di quanto possiamo pensare, per i risvolti economici che ne deriverebbero a seguito del blocco di un’area vitale per il traffico marittimo commerciale.

Andrea Mucedola
.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
.

Loading

(Visited 322 times, 1 visits today)
Share
5 1 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
7 visitatori online
7 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 20 alle 12:08 am
Mese in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Anno in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x