If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La VII flotta della USN ha svelato i risultati dell’inchiesta sull’incidente del USS Connecticut

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: MARINE MILITARI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO

parole chiave: USS Connecticut, USN

 

La notizia di un nuovo incidente subacqueo ad un sottomarino d’attacco nucleare della Marina degli Stati Uniti ha fatto il giro del mondo. Inevitabilmente sono iniziate le supposizioni più ardite: da uno scontro con un battello o un drone cinese, in un’area oceanica in cui la tensione è decisamente alta, a quelle più semplici ovvero l’urto del battello contro una montagna sottomarina.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è uss-connecticut.jpg

Le dichiarazioni ufficiali hanno chiarito da subito che il sottomarino USS Connecticut mentre era in attività di pattugliamento in acque internazionali nel Mar Cinese Meridionale, aveva subito un urto che, fortunatamente, non aveva avuto serie conseguenze. Il sottomarino a propulsione nucleare era ancora pienamente operativo e undici marinai erano stati feriti a seguito dell’incidente. In particolare, due marinai hanno riportato ferite moderate e altri nove (alcune fonti hanno parlato di dieci) hanno riportato ferite lievi come graffi e lividi, ma tutti sono stati trattati a bordo del sottomarino.

In una breve dichiarazione che fornisce pochi dettagli sull’incidente accaduto, il comando della VII flotta degli Stati Uniti, di base nel Pacifico, ha dichiarato che il USS Connecticut dopo l’incidente è rimasto in “condizioni sicure e stabili” e che l’impianto di propulsione nucleare del sottomarino non è stato interessato. Il battello si è poi diretto navigando in superficie verso il porto di Guam per eseguire le riparazioni necessarie. Sulla causa i funzionari hanno detto che non erano ancora chiare le cause della collisione  ma che non si trattava di un altro sottomarino. Tra le ipotesi il relitto di una nave affondata, un container perso in mare o un altro oggetto sconosciuto.

Il 1 novembre un nuovo rapporto della 7a Flotta degli Stati Uniti ha comunicato che il sottomarino avrebbe urtato una formazione rocciosa sottomarina sconosciuta. Un evento che non sarebbe il primo in quelle acque. Nel 2005, il sottomarino d’attacco nucleare USS San Francisco urtò con violenza una montagna sottomarina, accartocciando la sua prua e causando il ferimento di 137 membri dell’equipaggio, incluso uno che in seguito si rivelò fatale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è uss-san-francisco-prua.png

gli esiti della collisione dell’USS San Francisco contro una formazione rocciosa sommersa

Quel giorno, l’8 gennaio 2005, l’USS San Francisco si trovava a circa 360 miglia a sud-est di Guam, viaggiando ad una velocità di circa 30 nodi. Le carte nautiche utilizzate dall’equipaggio della nave non riportavano nessun ostacolo sommerso. Di fatto, il battello nucleare urtò frontalmente un pinnacolo sottomarino. Fortunatamente nonostante si fosse imbattuto su una roccia alla velocità di 30 nodi ed a una profondità di 525 piedi, il San Francisco non affondò, e non ebbe nessun danno o malfunzionamento del reattore. Ancora più incredibilmente, il sottomarino fu in grado di dirigersi in porto alla base dell’isola di Guam.

Cosa è successo all’USS Connecticut?
Dalle immagini disponibili in rete, non sembrano esserci danni importanti assolutamente al Connecticut (o all’altro sottomarino, se è per questo), né esiste alcun tipo di infrastruttura di supporto intorno ad un’area del sottomarino che potrebbe essere stata danneggiata.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è uss-connecticut-in-porto-1024x577.jpg

il USS Connecticut in riparazione a Guam

Non si notano evidenti problemi sulla vela, sulla parte superiore della prua o sulla cupola del sonar, cosa che indicherebbe un impatto frontale maggiore simile a quello del USS San Francisco. Sembra più probabile che la collisione sia avvenuta lateralmente, al di sotto della linea di galleggiamento superficiale, o sul fondo del suo scafo. Ciò può precludere l’ipotesi di una collisione frontale diretta o dall’alto. Il sottomarino potrebbe aver quindi “strusciato” violentemente con lo scafo la sommità di una delle tante montagne sottomarine che popolano gli oceani, danneggiando le casse di zavorra, cosa che ha costretto poi l’emersione ed il transito prudenziale in superficie fino a Guam.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è comandane-del-Connecticut-1024x728.jpeg

Cmdr Cameron Aljilani

Il comandante del Connecticut Cmdr Cameron Aljilani, l’ufficiale in seconda Lt.Cmdr. Patrick Cashin e il sottufficiale al sonar al momento dell’evento Cory Rodgers sono stati rimossi dalle loro posizioni dal comandante della 7a flotta degli Stati Uniti Vice Ammiraglio Karl Thomas. Il provvedimento è stato dovuto al fatto che “un processo decisionale prudente e l’aderenza alle procedure richieste nella pianificazione della navigazione, nell’esecuzione del team di guardia e nella gestione del rischio avrebbero potuto prevenire l’incidente“. In pratica sembrerebbe che l’evento possa essere stato dovuto ad una cattiva gestione del sottomarino.

 

Gli eventi di sottomarini che collidono mentre sono sommersi non sono così rari come si potrebbe pensare. Le montagne sottomarine sono a volte resti di vulcani sottomarini estinti, spesso a forma di cono, ma alcuni – chiamati guyot – possono avere delle sommità estese e piatte. Gli scienziati ritengono che vi siano più di 100.000 montagne sottomarine tra i 1.000 ed i 3.000 metri di altitudine dal fondo dell’oceano, ma secondo il NOOA la mappatura è minore dello 0,1%. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è guyot.jpg

Un’immagine sonar di un guyot, o montagna sottomarina, nell’Artico. Utilizzando un ecoscandaglio multibeam, gli scienziati NOAA possono mappare e produrre una visualizzazione dai dati raccolti sul fondo dell’oceano.

Oltre al caso del USS San Francisco del 2005 ci sono eventi legati a discutibile addestramento o non rispetto delle procedure di emersione. Proprio nel febbraio 2021, il sottomarino giapponese Soryu ha urtato una nave da carico mentre affiorava nell’Oceano Pacifico. Nel 2016, il sottomarino d’attacco nucleare della Royal Navy britannica HMS Ambush classe Astute ha subito una collisione subacquea con una petroliera commerciale al largo delle coste di Gibilterra. E questi sono alcuni degli eventi noti. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è HMS-Ambush-damaged-Gibraltar-1024x491.jpg

I danni alla vela del HMS Ambush classe Astute dopo la collisione in mare nei pressi di Gibilterra

Il futuro del Connecticut
L’USS Connecticut è ora ancora a Guam per le prime riparazioni, supervisionato dal Naval Sea Systems Command, dal personale del Puget Sound Naval Shipyard e dal tender per sottomarini USS Emory S. Land (AS-39). La USN ha comunicato che, appena in grado di navigare in sicurezza, il sottomarino si trasferirà a Bremerton, Washington, per completare le riparazioni.
.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

 

 

print
(Visited 310 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »