If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Ritrovato in Myanmar un piccolo granchio di cento milioni di anni perfettamente conservato nell’ambra

Reading Time: 6 minutes

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: BIOLOGIA
PERIODO: CIRCA 100 MA
AREA: DIDATTICA

parole chiave: Granchi, Cretaceo
.

Recentemente sulla rivista Science Advances è stata pubblicata una notizia curiosa: la scoperta avvenuta nel 2015 di un granchio fossilizzato inglobato nell’ambra. Questo antichissimo crostaceo si è perfettamente conservato e, secondo i riceratori, potrebbe essere tra i primi esempi di granchio che, nel Cretaceo, occupava un habitat d’acqua … dolce.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è granchio-immortale-nellambra-1024x710.jpg

Cretapsara athanata Luque gen. et sp. nov., un granchio eubrachiurano dall’aspetto moderno in ambra birmana. (Da A a D) Olotipo LYAM-9. (A) Campione intero di ambra con inclusione di granchio nella vista ventrale. (B) Primo piano del carapace ventrale. (C) Campione intero di ambra con inclusione di granchio nella vista dorsale. (D) Primo piano del carapace dorsale. Le frecce bianche in (B) e (D) indicano la quinta gamba sinistra staccata o il pereopode. Foto di L.X. Figure di J.L.

I ricercatori hanno chiamato la nuova specie Cretaspara athanata,  da “Cret” per l’era geologica in cui viveva (il Cretaceo) e “aspara” in ricordo dei leggendari spiriti del sud-est asiatico delle nuvole e dell’acqua in omaggio al suo stile di vita anfibio e luogo di scoperta e infine “athanata” che significa “che vince la morte”. Un nome decisamente impegnativo per il piccolo granchio legato al fatto che, nonostante la sua vetustà, si è mantenuto in perfette condizioni, tali da poterlo definire immortale  … ma andiamo per ordine.

Viviamo in un mondo di artropodi ma non ce ne accorgiamo
Si tratta di un artropode, ovvero di un animale appartenente al Phylum degli artropodi, da una parola greca che significa semplicemente “che ha zampe articolate”.  Un Tipo animale molto diffuso che comprende circa i 5/6 delle specie animali finora classificate. Si pensa che essi si siano originati in origine in ambienti marini; ancora oggi un grandissimo numero di artropodi abita i mari e gli oceani ma altre specie si sono adattate alle acque dolci e alla vita aerea. Fra di essi troviamo gli aracnidi e gli insetti che ebbero un grande successo nel colonizzare gli ambienti terrestri, adattandosi a condizioni anche estreme e in certi casi modificando la loro capacità di locomozione. Ad esempio gli insetti che acquisirono la possibilità di volare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è fossili-artropodi-Chengjiang.jpg

I resti più antichi sono stati ritrovati in Cina, nel giacimento cinese di Chengjiang, dove sono state ritrovate lunghe catene di artropodi che risalgono almeno a 525 milioni di anni. Una struttura particolare che farebbe pensare che si tratti di una forma remotissima di un comportamento cooperativo forse per una migrazione di massa.

Gli artropodi sono tra i tesori che sono spesso stati ritrovati all’interno dell’ambra, una resina fossile che anticamente era prodotta in grande quantità dal Pinus succinifera. Fossilizzandosi si solidificava conservando resti vegetali ed animali tra cui gli artropodi e, molto più raramente, vertebrati. La sua bellezza traslucida, di un colore che può variare dal giallo al rossiccio, al bruno fino ad arrivare al verde e al blu dell’ambra dominicana e dell’isola di Giava, la rendeva ricercata sin dall’età della pietra, ed ornamenti d’ambra sono stati rinvenuti nelle tombe micenee e celtiche. La tradizione le attribuiva poteri medicamentosi, forse collegati con le sue proprietà elettrostatiche per cui l’ambra, se strofinata, si elettrizza. La presenza di animali al suo interno le aggiungeva certamente un tocco magico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è amber_insect_daniel.jpg

insetto all’interno dell’ambra

Secondo Javier Luque, ricercatore post-dottorato presso l’Università di Harvard e co-autore dello studio citato, la scoperta di un granchietto acquatico all’interno dell’ambra non è un evento comune. Il piccolo crostaceo. delle dimensioni di circa due millimetri di diametro, è certamente un esemplare minuscolo ma si è squisitamente conservato. Lo si può osservare nei minimi particolari e, grazie alla ricostruzione tridimensionale, è stato possile scoprire molti dettagli della sua morfologia altrimenti nascosti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è granchio-immortale-in-ambra-ricostruito-3D-923x1024.jpg

ricostruzione 3D del Cretapsara athanata Luque gen. et sp. nov. olotipo LYAM-9. (da A a E) Mesh 3D estratta da dati micro-CT ricostruiti in VGSTUDIO MAX, elaborata in MeshLab e visualizzata utilizzando Autodesk Maya: (A) dorsale, (B) ventrale, (C) laterale destro, (D) obliqua postero-dorsale, (E) obliqua vista antero-ventrale, che mostra gli artigli di uguali dimensioni e quattro paia di zampe sottili simili per forma e dimensioni, con P5 leggermente più piccolo delle altre zampe. (F e G) Dettagli del carapace dorsale (F) e ventrale (G), che mostrano dettagli dei grandi occhi e delle orbite, piccole antenne e una piccola colonna orbitale esterna acuta [(F) freccia spessa], due piccole spine anterolaterali (F, frecce sottili), un margine posterolaterale che porta almeno quattro tubercoli piccoli ed equidistanti (F, piccole frecce), margine posteriore dritto, snelle coxe dei pereopodi, un tipico eterotreme eubrachiurano sterno (G), e un pleone ridotto e ripiegato con le prime pleoniti esposte dorsalmente. Quinto pereopode sinistro riattaccato digitalmente. bcg, solco branchiocardiaco; ca, carpus; cg, solco cervicale; cx, coxa; da, dattilo; ib, ischiobasis; ma, manus o palmo di artiglio; P1, artigli o cheliped; da P2 a P5, pereopodi o gambe da 2 a 5; po, pollex o propodi cheliped a dito fisso; pr, propodus. Immagini di E.G.C. Figura di J.L.

 

Luque e il suo team hanno utilizzato un tipo di scansione a raggi X chiamata micro-CT per creare un modello digitale 3D del granchio al fine di studiarne la fisiologia in dettaglio. Sulla base della forma delle zampe e del carapace, hanno determinato che il piccolo crostaceo apparteneva allo stesso lignaggio dei moderni granchi “veri”. Il termine veri non è un rafforzativo in quanto non tutti i granchi sono tecnicamente dei granchi, perchè appartenenti a gruppi diversi. I cosiddetti falsi granchi – tra cui granchi eremiti, granchi reali ed i granchi di porcellana – appartengono al gruppo Anomura e possono essere distinti da quelli veri (gruppo Brachyura) per il fatto che camminano su tre paia di zampe piuttosto che su quattro come i “veri” granchi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è granchio-immortale-branchie-950x1024.jpg

ricostruzioni 3D di Cretapsara athanata Luque gen. et sp. nov. holotype LYAM-9 e delle sue branchie. (A) Una singola fetta di micro-TC, sezione coronale vicino alla base dei gambi oculari. (B) Mesh 3D estratta da dati micro-CT ricostruiti in VGSTUDIO MAX, remeshed in MeshLab e visualizzata utilizzando Autodesk Maya (vedi Materiali e metodi); vista dorsale che mostra la posizione delle branchie. (C) Vista obliqua laterale destra. (D) Primo piano di (C) che mostra le branchie destra (in basso) e sinistra (in alto) viste dal lato destro. (E e F) Primo piano delle branchie di destra viste dall’interno (E) e dall’esterno (F). Notare le lamelle branchiali e i vasi afferenti/efferenti. Immagini di E.G.C. Figura di J. L. dallo studio citato

Gli scienziati ritengono che si siano evoluti in modo indipendente attraverso varie fasi, un processo chiamato carcinizzazione.

I primi granchi apparvero circa 200 milioni di anni fa nel primo Periodo Giurassico e sperimentarono una nuova evoluzione nel Cretaceo, chiamata dai biologi della “rivoluzione del granchio“. Il granchio appena scoperto risale tra i 95 milioni ed i 105 milioni di anni fa, collocandosi esattamente nel mezzo di quel processo di diversificazione. Questa scoperta fa pensare che il granchio vivesse in parte sulla terra e in parte in acqua dolce, dal momento che le conifere che producevano quella resina ambrata non potevano sopravvivere in prossimità di ambienti di acqua salata.

I ricercatori ritengono che le acque salmastre, i sistemi di estuari e la zona intertidale, che sono di transizione tra gli habitat marini aperti e quelli completamente terrestri e d’acqua dolce, debbano aver svolto un ruolo cruciale nell’evoluzione dei granchi terrestri e d’acqua dolce durante la rivoluzione dei granchi del Cretaceo. Di fatto questo piccolo crostaceo sembra colmare ordinatamente un vuoto nella documentazione fossile tra i granchi marini e quelli d’acqua dolce.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
.
,

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 87 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »