If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Le statue subacquee di Jason deCaires Taylor

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare
.
ARGOMENTO: ARTE SUBACQUEA
PERIODO: XXI SECOLO

AREA: OCEANI
parole chiave: statue, ambientalismo, protezione degli oceani

 

Jason deCaires Taylor è uno scultore britannico, ambientalista, fotografo ed istruttore subacqueo, che si è specializzato nell’installazione di parchi subacquei “abitati”, si fa per dire, da gigantesche sculture sottomarine. Ormai le sue opere sono diffuse in tutti gli oceani come messaggi immobili di speranza per la loro sopravvivenza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è decaires-great-barrier-1024x683.jpg

le grandi strutture della Coral Greenhouse nella barriera corallina australiana

In  collaborazione con gli scienziati della James Cook University e dell’Australian Institute of Marine Science, deCaires Taylor ha trascorso anni ad ottenere le autorizzazioni per installare la prima barriera corallina artificiale nelle acque della Great barrier australiana. Il risultato è la Coral Greenhouse, una raccolta di sculture sottomarine iperrealistiche ispirate ai giovani della comunità. Sono questi giovani che l’autore spera sposino il loro ruolo di conservatori di questo prezioso ecosistema. Ormai le sue opere popolano i fondali di mezzo mondo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Jason-deCaires-Taylor-Coral-Greenhouse-Great-Barrier-Reef-4-713x1024.jpg

la Coral Greenhouse

Nel 2020, dopo cinque anni di preparazione, è stato inaugurato il museo sottomarino di Cannes, il suo primo lavoro in Europa e nel Mediterraneo. Il parco comprende sei sculture di grandi volti ispirati alla gente del posto. Di fatto essi sono stati scelti in seguito a dei veri e propri casting, organizzati dal consiglio comunale della città. L’artista ha poi realizzato degli stampi in gesso dei prescelti per la realizzazione delle opere che giaceranno per sempre sotto le acque del Mediterraneo, visibili dal vivo solo dai subacquei.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cannes-decaires.jpg

le grandi statue di Cannes

Questa non è la sua prima opera. Come ho premesso, le sue statue sono state posate in tutti gli oceani per lanciare messaggi di speranza per l’Umanità. Mentre i gruppi di sculture possono essere visti concettualmente come delle opere museali, secondo l’autore ogni singola scultura contiene un messaggio personale. Prima che vengano gradualmente ricoperti dalla crescita della vita marina si possono osservare figure singole o in gruppo intente a fare azioni quotidiane. Testimonianze di una Umanità che vive sopra le onde e spesso non si rende conto dell’impatto che ciascuna delle sue azioni può avere sull’ambiente.

Il grande museo subacqueo di Cancun
Recentemente, lo scultore britannico ha terminato le sue ultime sculture in cemento (febbraio 2021) che sono state posizionate nelle acque calde di Cancun, Messico, insieme alle oltre 500 già presenti. Il museo monumentale subacqueo di Cancun, chiamato MUSA (Museo Subacuatico de Arte),  il più grande museo di scultura subacquea del mondo, l’Underwater Museum Cancún, situato al largo della costa tra Cancún e Isla Mujeres, in Messico. Esso si è arricchito negli anni di numerose statue e strutture, rendendolo un luogo unico. Per molte delle sue opere deCaires ha usato cemento, acciaio e coralli vivi che sono stati impiantati nel cemento, rendendo di fatto viventi queste opere d’arte. Ecco alcune delle sue ultime opere, in attesa di poterle un giorno vedere sott’acqua.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è d-caires-no-turning-back.jpeg

No Turning back

No Turning Back” ritrae una forma femminile solitaria situata appena sotto la superficie del mare a bassa profondità in modo da poterla vedere facilmente anche dagli amanti dello snorkeling. La sua schiena ricurva è stata ideata per meglio catturare i raggi della luce solare che filtrano dall’alto, ondeggianti come le onde sulla superficie del mare dei Caraibi. L’opera vuole rappresentare un grido di dolore per la perdita dell’80% delle barriere coralline.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è the-listener.jpg

The listener

La scultura del listener è stata posizionata a circa tredici piedi di profondità nel sito del museo a Punta Nizuc. La statua è ricoperta di orecchi (in cemento). Una curiosità, all’interno della statua è stato installato un registratore acustico ecologico, sviluppato congiuntamente dall’Università delle Hawaii e dalla National Oceanic and Atmospheric Administration; da allora ha registrato clip di 30 secondi ogni 15 minuti. Una banca dati straordinaria sui suoni della barriera.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è decaires-the-speaker.jpeg

The Holy Man

Questa statua rappresenta una figura umana in piedi davanti ad un leggio, Dal suo corpo si propagano oltre duecento frammenti di Acropora Prolifera, una specie ibrida di staghorn coral che fa parte dei coralli a corna di alce. Forse deCaires vuole rappresentare il dolore dell’essere umano, sottoposto ai tanti dolori della vita, come spine che lo affliggono nel suo processo ascetico verso una vita minore.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è de-caires-vein-man.jpeg

Vein Man

Vein Man” è un’imponente struttura composta da tubolari, colonizzata dalla struttura calcarea dei coralli di fuoco. Il vuoto interno ospita il corallo, il cui nome latino millepora significa mille pori che ricorda da vicino la struttura della pelle umana. L’opera vuole anche essere uno spazio in cui rifugiarsi per le specie ittiche giovanili. Essa fa riferimento alle reti di trasporto del corpo umano e all’intima connessione tra il mondo naturale e noi stessi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è decaires-fire.jpeg

Man on Fire

La seconda scultura della serie “Man on Fire” non può essere più appropriata. Essa raffigura una figura solitaria in “fiamme”. Alla statua  umana sono state fissate delle “spine” in acciaio inossidabile per favorire il  popolamento dei coralli di fuoco (Millepora alcicornis). Questa specie di corallo a crescita rapida, giallo brillante, oltre al suo caratteristico aspetto prende il nome dalla capacità di infliggere al tatto una dolorosa ustione alla pelle umana. I subacquei che lo hanno provato sanno cosa vuol dire. Usando del cemento marino nero a pH neutro, la statua raffigura un messaggio drammatico di protesta per la perdita degli habitat marini naturali. Nel corso del tempo si prevede che il corallo di fuoco avvolgerà la statua con una patina gialla brillante.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è decaires-light-man.jpeg

Resurrection

Usando due ventagli formati da grandi rami di corallo di una gorgonia viola (Gorgonia flabellum), salvati dalla barriera corallina dopo una violenta  tempesta, “Resurrection” rappresenta una forma femminile alata che sembra decollare dal fondo del mare. La statua è orientata in modo che l’orientamento del corallo a ventaglio sia, non a caso, perpendicolare alle correnti marine locali, per favorirne la sopravvivenza (che può così estrarre meglio i nutrienti dalla colonna d’acqua). La statua rappresenta il concetto di rinascita in contrapposizione alla statua del No Turning back. Una speranza di resurrezione affinché la specie umana si renda conto dei propri errori e proceda in una direzione positiva alla sua sopravvivenza.

Ambienti suggestivi che popolano gli oceani e che, prima o poi, saranno ricoperti dalle creature del mare, rendendo delle strutture inanimati elementi pulsanti dell’universo mare.

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 161 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

22 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »