If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Una nuova specie estinta: il pesce palla liscio

livello elementare
.
ARGOMENTO: BIOLOGIA MARINA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: ESTINZIONE
parole chiave: estinzione

 

Il Sympterichthys unipennis è stato dichiarato dall’Unione internazionale per la conservazione della natura estinto.

Per secoli gli umani hanno creduto che l’oceano fosse così vasto che fosse impossibile creare un danno misurabile. Ora sappiamo che le attività umane possono distruggere gli habitat marini critici, inquinare pericolosamente l’acqua di mare e rendere gli ambienti marini più acidi, uccidendo su larga scala specie marine che potrebbero avere un’utilità sociale ancora da scoprire. Basti pensare alle recenti scoperte nel campo farmacologico in cui coralli e altre forme di vita marina hanno rivelato di contenere principi anti tumorali  oggigiorno utilizzati per le terapie oncologiche. Non ultimo l’impatto della pesca eccessiva che ha interrotto le catene alimentari e portato molte specie in pericolo di estinzione totale.

Lo scorso marzo il pesce palla liscio, Sympterichthys unipennis, è diventato ufficialmente il primo pesce marino ad essere dichiarato estinto, una specie  un tempo endemica nelle acque al largo della costa della Tasmania, principalmente il canale D’Entrecasteaux.

In passato, era probabilmente comune, poiché era uno dei primi pesci descritti nel sondaggio sull’Australia di François Péron, unico esemplare noto della specie. Quando e come si estinse la specie è relativamente poco chiaro, ma probabilmente potrebbe essere legata alla pesca intensiva di capesante e ostriche che si svolgeva nell’area tra il XIX e la metà del XX secolo, che dragò senza regole ogni parte del canale, distruggendo l’habitat di questo pesce bentonico.

Il pesce palla liscio apparteneva ad uno dei cinque generi dei Brachionittidi, una famiglia di pesci ossei marini dell’ordine Lophiiformes, endemici dell’Australia. Questi curiosi pesci hanno un aspetto caratteristico, soprattutto a causa della prima pinna dorsale che è posta molto anteriormente, quasi sul muso, e che è composta da tre raggi, il primo libero, cosiddetto illicio, e gli altri due distanti tra loro e uniti da una vistosa membrana. La pelle è priva di scaglie ma può avere dei dentelli ossei sparsi. Le pinne pettorali sono robuste e dotate di uno spesso peduncolo. Le dimensioni sono piccole, non superiori a 15-17 cm e questi curiosi animali bentonici si incontrano in acque poco profonde, fino a 60 metri di profondità.

Cosa hanno di particolare questi pesci decisamente curiosi?
Essi utilizzano le loro pinne pettorali e pelviche per spostarsi sul fondo marino, preferendo “camminare” lentamente con tali pinne anziché nuotare. A causa di tale caratteristica, nel loro nome compare il termine latino brachium che significa “braccio”, assieme al termine greco ichthys che significa pesce. Dunque il loro nome scientifico ha il significato di “pesce con le braccia”. Basta guardarli per capire il perchè. 

I pesciolini sono una famiglia di quattordici specie di fondo legate alla rana pescatrice di acque profonde. A differenza della maggior parte degli altri pesci, non hanno una fase larvale e non si muovono molto da adulti; questi tratti li rendono sensibili ai cambiamenti ambientali, secondo Graham Edgar, ecologo marino dell’Università della Tasmania. “Trascorrono la maggior parte del tempo seduti sul fondo del mare, spostandosi mollemente di alcuni metri se sono disturbati“, dice Edgar. “Poiché mancano di uno stadio larvale, non sono in grado di disperdersi in nuove posizioni e, di conseguenza, le popolazioni di pesci a mano sono molto localizzate e vulnerabili alle minacce“. Nel 1996, aggiunge, un’altra specie chiamata il pesce spada macchiato è stato il primo pesce marino elencato come in pericolo di estinzione nella Lista rossa dell’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN).

un’illustrazione di un ‘Chironectes’ unipennis da Cuvier originale del 1817 sulla descrizione delle specie ittiche dell’Australia

Un tempo il pesce palla liscio era abbastanza comune tanto da essere una delle prime specie di pesci descritte dagli esploratori europei in Australia. Ora questo pesce sembra essersi definitivamente estinto, visto che il frequente campionamento scientifico non ha restituito da molti anni alcun esemplare. Le linee guida della Red list definiscono una specie ufficialmente “estinta” quando “non vi è alcun ragionevole dubbio che l’ultimo individuo sia morto“. Edgar e i membri del National Handfish Recovery Team australiano sono arrivati a questa conclusione all’inizio di quest’anno e questa specie è stata purtroppo inserita nella Lista Rossa delle specie estinte. La causa della sua estinzione non è altresì chiara ma potrebbe essere legata alla pesca a strascico effettuata per la raccolta dei bivalvi.

Edgar ritiene  che anche altre specie di pesci marini potrebbero essere estinte o sono in pericolo di estinzione. “Potrebbe essere difficile immaginare il motivo per cui un piccolo organismo che occupa una piccola nicchia in un posto che pochi umani visitano potrebbe essere importante, ma … contiene un enzima di un microbo estremofilo che viene utilizzato in questo momento nei test per diagnosticare il COVID-19 “, ha affermato Katie Matthews, capo scienziato del gruppo ambientalista no profit Oceana. “La biodiversità conta, anche se non puoi vederla con i tuoi occhi”.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 84 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

15 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share