If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Nuove scoperte sul meccanismo di Antikythera

Reading Time: 5 minuteslivello medio

 

ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA
PERIODO: I SECOLO a.C. 
AREA: GRECIA
parole chiave: relitto, Antikithera, meccanismo, Saros

il meraviglioso meccanismo di AntiKythera

Torniamo su quello straordinario manufatto greco antico scoperto nel 1901 nei pressi di Antikythera dai sommozzatori di spugne greche e poi portato al Museo Archeologico Nazionale di Atene. All’inizio, il suo significato era completamente sconosciuto fino a quando non si separò rivelando un insieme complesso di strutture e ruote dentate.

Questa straordinaria struttura ha portato anni di studi e controversie accademiche fino a quando è emersa la sua vera straordinaria funzione. Dopo oltre un secolo di ricerche, gran parte di questo meccanismo è stata ora compresa. Una novità recente è stata la scoperta di migliaia di caratteri di testo, nascosti all’interno dei frammenti, e non letti per oltre duemila anni.

Questa è stata realizzata grazie all’analisi accurata dei dati raccolti dal 2005 da un team di ricerca anglo-ellenico in collaborazione con il Museo Archeologico Nazionale di Atene e due società di ricerca high-tech. Un team della Hewlett-Packard (USA) utilizzò una tecnica di Polynomial Texture Mapping (PTM) per esaminare le superfici esterne dei frammenti. L’altro team della X-Tek Systems (Regno Unito) invece effettuò una tomografia computerizzata a raggi X (X-ray CT) per raccogliere dati radiografici 3D ad alta risoluzione che hanno rivelato caratteristiche interne degli 82 frammenti del meccanismo di Antikythera.

Un risultato importante fu la scoperta che il meccanismo era in grado di predire le eclissi attraverso un quadrante dedicato posto sulla piastra inferiore del dispositivo.
Si scoprì che il meccanismo era basato sull’antico ciclo di predizione delle eclissi di Saros basato su 223 mesi lunari, poco più di 18 anni. Ulteriori lavori effettuati nel 2008 rivelarono che il quadrante di Saros e le sue iscrizioni associate consentono uno schema di previsione di grande raffinatezza che prevede non solo l’occorrenza di un’eclisse in un particolare mese, ma anche l’ora del giorno dell’eclissi e le sue caratteristiche, come grandezza e colore.

Ma come ci si è arrivati?
Uno studio recente (2018), che si riassume in breve, ha dimostrato che il meccanismo si basa su glifi descrittivi inscritti intorno ad un quadrante di Saros posto sul retro del meccanismo: un glifo in un mese particolare indica la data dell’eclissi. Nel 2008 furono decifrati non solo il significato dei glifi, ma anche se l’eclissi prevista era lunare o solare, la possibile visibilità dell’eclissi ed il momento del giorno. Questi glifi di riferimento includono una lettera indice alfabetica, che si riferisce alle iscrizioni intorno al quadrante Saros, che descrivono le caratteristiche dell’eclisse.

Ma la ricerca dei ricercatori continua e, nel 2014, hanno scoperto che le caratteristiche dell’eclisse venivano elencate insieme a un gruppo di lettere indice per le eclissi a cui si applicavano. Il raggruppamento e l’ordine di questi gruppi di lettere indice sono stati risolti con un semplice modello matematico che spiegava entrambi questi gruppi e la distribuzione dei glifi attorno al quadrante di Saros, rivelando uno schema di previsione dell’eclissi di straordinaria raffinatezza.

I lavori successivi del 2016 hanno proposto un quadro completamente diverso di tutta la piastra posteriore del meccanismo di Antikythera, mettendo in discussione la sua essenziale simmetria matematica. Lo studio ha identificato un nuovo carattere di testo in uno dei gruppi di lettere indice, il che implica un’interessante revisione dello schema del 2014, pur preservandone l’elegante ricostruzione della piastra posteriore del meccanismo.

Il puntatore di Saros scorre all’estremità del mozzo, poiché un perno all’estremità del puntatore segue il solco a spirale tra le scale. Ciò significa che la fine del puntatore indica un mese specifico attorno al quadrante. Nei mesi in cui è presente un glifo, il contenuto del glifo indica il tipo di eclissi-lunare o solare, così come il tempo dell’eclisse. In particolare la lettera Σ sta per ΣEΛHNH (Selene dea della Luna), che indica un’eclissi lunare mentre H sta per HΛIOΣ (Helios dio del Sole), che indica ovviamente l’eclissi solare. Il simbolo di ancoraggio è una legatura di ω e ρ, abbreviazione di ωρα (ora), che è seguita da una lettera per un numero di ore: questo mostra l’ora del giorno dell’eclisse.

Come sono stati determinati i tipi e le posizioni dei glifi?
Una caratteristica fondamentale di questi segni è che includono una lettera alfabetica. Ciò significa che il numero di glifi negli spazi vuoti lasciati dalla mancanza di dati può essere calcolato perché le lettere dell’indice devono essere conformi all’alfabeto greco. Da ciò si può dedurre che c’erano meno previsioni solari rispetto alle previsioni lunari. Questa ipotesi era stata supposta dal famoso astronomo Claudio Tolomeo (II secolo d.C.) che, per un osservatore dell’emisfero settentrionale, ipotizzava un’asimmetria nell’osservabilità delle eclissi solari dipendente dal fatto che si verifichino a Nord o a Sud del nodo lunare. I glifi sono indicizzati da due alfabeti: il primo è composto dalle 24 lettere dell’alfabeto greco mentre il secondo ha le stesse lettere ma contrassegnate da delle barre in alto.

L’intero sistema pone una serie di domande di base. Come sono stati determinati i tipi e le posizioni dei glifi?
La spiegazione è un’applicazione di una distanza che distingue se le distanze dal nodo sono a Nord (positivo) o a Sud (negativo) dell’eclittica. La distanza dal nodo può essere considerata una misura surrogata per la latitudine eclittica, poiché l’orbita della Luna è inclinata di poco più di 5 ° rispetto all’eclittica. Questo significa che se conosciamo la distanza nodale, possiamo calcolare la latitudine dell’eclittica. Quindi, i gruppi di lettere indice corrispondono a bande di latitudine eclittica della Luna all’eclissi, analogamente alla descrizione greca antica della latitudine geografica. La latitudine eclittica della Luna all’eclissi determina in larga misura il carattere dell’eclissi.

In sintesi, il modello Eclipse Year (EYM) ha spiegato sia la distribuzione dei glifi attorno al quadrante Saros sia la struttura dei gruppi di lettere indice. L’idea è di calcolare la distanza di ogni eclisse dal punto del nodo, a nord o a sud dell’eclittica. I punti del nodo sono definiti come i punti nell’anno dell’eclisse quando il Sole si trova su uno dei nodi della Luna. Lo schema elaborato da Freeth (2014) ha prodotto un quadro convincente di come lo schema avanzato di previsione dell’eclissi sia stato realizzato sulla piastra posteriore del meccanismo di Antikythera.

Una revisione radicale di questo schema è stata proposta in Anastasiou et al. (2016). Questo documento sostiene che una piccola revisione dei gruppi di lettere dell’indice può essere giustificata dalle prove, ma questa proposta radicale è infondata e priva di credibilità. Questo non è un problema minore, dal momento che la disposizione dei gruppi di lettere indice determina l’intero layout delle iscrizioni dell’eclisse sul piatto posteriore. 

L’ipotesi di Freeth (2014) era che le iscrizioni dell’eclissi solare siano state visualizzate intorno al quadrante di Saros mentre le iscrizioni lunari intorno al quadrante metonico. In Anastasiou et al. (2016), le previsioni di eclissi solari sono visualizzate solo a destra del quadrante Saros e le iscrizioni dell’eclissi lunare a sinistra del quadrante Saros e su entrambi i lati del quadrante metonico.

Il disco di Antikythera continua a stupirci e dimostra il livello tecnologico in possesso degli ellenici di quell’epoca … un manufatto che, grazie alle capacità computazionali moderne,  potrebbe svelarci nuove soprese.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 381 times, 1 visits today)
Share

1 commento

  1. Francesco Brecciaroli Francesco Brecciaroli
    03/03/2019    

    Leggere questo articolo è un bellissimo “BUON GIORNO” in questa splendida domenica di sole! Mi piace molto! Bravissimo Andrea: regalo meraviglioso! Sapevo già delle notevoli capacità intellettuali degli antichi Greci, ma Il meccanismo di Antikythera ci sta svelando anche la loro grande capacità tecnologica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »