If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

L’Enciclica Laudato Sì di Papa Francesco: un forte appello per un cambiamento radicale contro il riscaldamento globale

Reading Time: 5 minutes

.
livello elementare

.

ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: NA
parole chiave: Papa Francesco, Laudato Si, protezione dell’ambiente

.

Finalmente è stata pubblicata l’enciclica Laudato Sì, la lettera papale più attesa da decenni. Un grido di accusa per finire lo sfruttamento “tirannico” della natura da parte dell’Umanità. Un documento forte che potrebbe portare ad un cambiamento radicale nella battaglia degli ambientalisti contro il riscaldamento globale.

Nella sua Enciclica Laudato Sì, il cui nome deriva dal Cantico delle creature di san Francesco, lodante il Signore per le sue meravigliose creature, Papa Francesco ha chiamato una rivoluzione etica ed economica per prevenire il cambiamento climatico e la crescente disuguaglianza sociale che ne deriverà. In questa enciclica senza precedenti sul tema dell’ambiente, il pontefice sostiene che lo sfruttamento delle risorse del pianeta ha varcato i confini naturali e il mondo deve affrontarne le conseguenze cambiando l’attuale tendenza, in altre parole attuando una  profonda rivoluzione nei cuori e nelle menti. Il tanto atteso messaggio, inviato ai 5.000 vescovi cattolici del mondo, è stato pubblicato il 24 maggio  in cinque lingue ma reso noto solo il 18 giugno. Si prevede che questa enciclica sarà giudicata come la più radicale mai fatta da un pontefice. E’ certo che farà arrabbiare sezioni dell’opinione repubblicana negli Stati Uniti d’America, approvando di fatto gli avvertimenti degli scienziati sul clima disattesi dall’attuale Governo di Trump. 

In un recente discorso, considerato come un preambolo all’enciclica, è stato detto che: “Gran parte del mondo rimane in povertà, nonostante le abbondanti risorse, mentre un’élite globale privilegiata controlla la maggior parte della ricchezza mondiale e consuma gran parte delle sue risorse. “Il pontefice di fatto ripete gli inviti a cambiare atteggiamento nei confronti della povertà e della natura. “Un sistema economico incentrato sul dio denaro ha bisogno di saccheggiare la natura per sostenere il ritmo frenetico del consumo che le è inerente“, ha detto nel 2014 ad una riunione dei movimenti sociali. “Penso che una domanda che non ci stiamo ponendo sia: l’umanità non si suicida con questo uso indiscriminato e tirannico della natura? Salvaguarda il creato perché, se lo distruggiamo, ci distruggerà. Non dimenticarlo mai.

L’enciclica va ben oltre le preoccupazioni strettamente ambientali, affermano gli addetti ai lavori del Vaticano. “Papa Francesco ha più volte affermato che l’ambiente non è solo una questione economica o politica, ma è una questione antropologica ed etica“, ha sottolineato l’arcivescovo Pedro Barreto Jimeno al Catholic News Service. Secondo il cardinale Oscar Rodríguez Maradiaga, coordinatore del consiglio cardinalizio del Vaticano, “L’enciclica affronterà la questione della disuguaglianza nella distribuzione delle risorse e temi come lo spreco di cibo e lo sfruttamento irresponsabile della natura e le conseguenze per la vita e la salute delle persone“… “L’ideologia che circonda le questioni ambientali è troppo legata a un capitalismo che non vuole smettere di rovinare l’ambiente perché non vuole rinunciare ai propri profitti“.


L’uscita pubblica dell’enciclica “Laudato Sì” è stata programmata per avere il massimo impatto pubblico in vista dell’incontro del papa con Barack Obama e del suo discorso al Congresso degli Stati Uniti e all’assemblea generale delle Nazioni Unite a settembre 2015, inteso a proporre un nuovo e forte accordo globale delle Nazioni Unite per ridurre le emissioni climatiche. Aggiungendo una dimensione morale alle argomentazioni scientifiche ben provate, Francesco spera di incentivare l’attenzione globale ad operare oltre il proprio interesse personale in preparazione del prossimo vertice sul clima a Parigi  previsto a novembre 2015.

Papa Francesco è personalmente impegnato su questa questione [climatica] come nessun altro papa prima di lui. L’enciclica avrà un impatto importante. Parlerà dell’imperativo morale di affrontare il cambiamento climatico in modo tempestivo al fine di proteggere i più vulnerabili “, ha anticipato Christiana Figueres delle Nazioni Unite. Di fatto Papa Francesco è sempre più visto come la voce del sud del mondo ed un catalizzatore per un auspicato cambiamento morale ed etico a livello degli organismi globali. Le voci sono che a settembre, ai negoziati delle Nazioni Unite a New York, spingerà per adottare nuovi obiettivi di sviluppo e definire un piano globale di 15 anni per affrontare la fame, la povertà estrema e la salute nel mondo. Il suo intervento all’assemblea generale delle Nazioni Unite è previsto il 23 settembre.

Il pensiero di Francesco non è facile e presenta la resistenza delle frange più conservatrici del Vaticano, in particolare negli Stati Uniti – dove gli scettici sul clima cattolici includono anche John Boehner, un leader repubblicano della Camera dei rappresentanti. All’inizio di quest’anno Stephen Moore, un economista cattolico, definì con parole non molto gentili il Santo Padre, un “disastro totale”, dicendo che faceva parte di “un movimento verde radicale che è al suo centro anti-cristiano, anti-popolo e anti-progresso“. Moore è stato sostenuto questo mese da scienziati e ingegneri della Cornwall Alliance for the Stewardship of Creation, che hanno scritto una lettera aperta a Francesco. L’enciclica sarà sicuramente meglio accolta nei Paesi in via di sviluppo dove vive la maggior parte dei cattolici. “Francesco ha sempre messo i poveri al centro di tutto ciò che ha detto. I paesi in via di sviluppo sentiranno la loro voce nell’enciclica”, ha detto Neil Thorns, direttore dell’advocacy presso l’agenzia cattolica per lo sviluppo, Cafod

La predica agli uccelli

affresco attributed to Giotto – 1295-1299 circa Basilica superiore di Assisi, Italy

Di fatto Papa Francesco giustamente sottolinea che non possiamo trattare la Terra solo come uno strumento di sfruttamento. Il Papa “punta a un ripensamento. Ciò che ci salverà non sarà né la tecnologia né la scienza. Ciò che ci salverà è la trasformazione etica della nostra società“, ha detto il padre carmelitano Eduardo Agosta Scarel, uno scienziato del clima che insegna alla Pontificia Università Cattolica Argentina a Buenos Aires. Sebbene Giovanni Paolo II e Benedetto XVI avessero affrontato questioni ambientali nessuno si eras mai schierato apertamente al punto di dedicare un’intera enciclica ai legami tra povertà, economia e distruzione ecologica. Un passo coraggioso che sicuramente scatenerà critiche anche nel mondo cattolico alle posizioni del Papa.

Andrea Mucedola

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 117 times, 1 visits today)
Share

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

17 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »