Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

L’Arsenale Militare Marittimo di Taranto compie 133 anni: avviata una valorizzazione culturale e turistica del comprensorio

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: MARINE MILITARI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MARINA MILITARE ITALIANA
parole chiave: Arsenali militari

 

L’Arsenale Militare Marittimo di Taranto fu inaugurato, alla presenza di re Umberto I di Savoia, il 21 agosto 1889, per rimediare alla sempre crescente necessità di difesa dell’Italia protesa verso il Mar Mediterraneo. I lavori di costruzione, che includevano anche l’ampliamento del Canale navigabile per il collegamento del Mar Piccolo con il Mar Grande, iniziarono nel settembre del 1883 e durarono circa sei anni.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mappa-arsenale-1889.jpg

mappa di Taranto del 1889 da cui si nota, affacciato al mar Piccolo, il nuovo Arsenale con i suoi bacini

L’Arsenale si estende oggi su di un’area di oltre 90 ettari di cui 70 scoperti, delimitata da un muro di cinta alto sette metri e lungo 3250 metri, con un fronte a mare di circa 3 km, da cui si sviluppano 4,5 km di banchine sulla sponda meridionale del Mar Piccolo. Il territorio è organizzato in quattro aree: l’area centrale dove si trova la Direzione Generale, l’area dei sistemi di combattimento a ponente e l’area della piattaforma e dei servizi a levante. È dotato di due bacini galleggianti che possono ospitare unità fino a 6000 tonnellate, e due bacini in muratura: il Benedetto Brin costruito nel 1889 e l’Edgardo Ferrati costruito nel 1916, tra i più grandi in Europa.

Il Leonardo da Vinci in bacino

L’attività di costruzione delle navi da guerra iniziò nel 1894 e per i successivi settanta anni furono molte le unità navali varate sugli scali dello Stabilimento tarantino, fino al 1967, anno nel quale la Marina Militare italiana decise di abbandonare le nuove costruzioni e destinare l’Arsenale a compiti di supporto e mantenimento in efficienza della flotta.

operai a bordo di una nave in manutenzione

Oggi, l’Arsenale Militare Marittimo di Taranto, con i suoi 1.500 dipendenti (di cui 1350 civili), è il primo stabilimento di lavoro della Difesa e la seconda realtà industriale di Taranto, dopo Alcelor Mittal. Lo stabilimento assicura il mantenimento in efficienza di circa il 70% delle unità di prima linea della Marina Militare e l’intensa attività operativa effettuata recentemente dalla Squadra Navale italiana ha comportato una forte crescita dell’esigenza manutentiva e, quindi, delle capacità dello Stabilimento tarantino.

varo motocannoniera Lampo (1960)

Le specificità delle funzioni dell’Arsenale Militare Marittimo di Taranto, legata alle peculiarità delle unità navali militari, rappresenta un patrimonio da preservare e sul quale investire, in quanto elemento fondamentale per assicurare i compiti che la Marina Militare è istituzionalmente chiamata ad assolvere. L’arsenale nel tempo ha saputo adeguare le sue capacità al progresso tecnologico di sistemi ed apparati montati a bordo, con l’adeguamento delle officine e la formazione del personale in linea con le esigenze operative delle navi della flotta militare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 260822-Arsenale-Taranto1-1.jpg

il grande bacino arsenalizio può contenere due unità maggiori alla volta

Nell’ambito degli interventi previsti dalla Legge n. 20 del 4 marzo 2015, recante disposizioni urgenti per l’esercizio di imprese di interesse strategico nazionale in crisi e per lo sviluppo della città e dell’area di Taranto, è incluso un Progetto di valorizzazione culturale e turistica dell’Arsenale Militare Marittimo di Taranto, ferma restando la prioritaria destinazione ad arsenale del complesso e le prioritarie esigenze operative e logistiche della Marina Militare.

la preziosità della forza tecnica degli arsenali andrebbe preservata

Nello specifico il progetto, mirato all’apertura alla collettività dell’Arsenale per scopi turistico-culturali legati alla cultura del mare, si articola in sei interventi, il primo dei quali è la realizzazione di un entry point, in prossimità della direzione dell’Arsenale (area del reparto manutenzione macchine da lavoro automobilistiche), da adibire a punto di accoglienza e con spazi espositivi e per attività di merchandising.

la vecchia fonderia dell’Arsenale

Segue il potenziamento delle esposizioni della mostra storico-artigiana già esistente, con espansione dell’area espositiva nell’adiacente sala a tracciare. Altri punti del progetto sono la riqualificazione delle officine “ex-lance a remi”, “piccoli motori” e “forni e fabbri” (all’interno della quale sarà esposto e visitabile un sommergibile della classe Sauro).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è siluri-Arsenale-Taranto4.jpg

Officina siluri

Ultimo intervento del progetto è l’allestimento e la valorizzazione dei percorsi di visita, che comprende ripristino di facciate degli immobili interessati dal percorso, ripristino della viabilità e attivazione di un servizio di navette elettriche. Il costo complessivo del Progetto, sulla base degli studi di fattibilità e i sopralluoghi preliminari effettuati, è stimato in circa 35 milioni di euro, comprensivi delle spese di progettazione e da svilupparsi secondo una programmazione pluriennale su quattro anni, a partire dalla firma del protocollo d’intesa tra il Ministero della Difesa e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Attualmente risultano stanziati 5,7 milioni di euro, come da delibera del CIPE del 22 dicembre 2017, pubblicata sulla G.U. del 6 aprile 2018, da intendersi così destinati: 4,3 milioni di euro per la progettazione e realizzazione dell’entry-point, 1,4 milioni di euro per lo sviluppo della progettazione degli altri 5 interventi previsti dal progetto.

La destinazione museale delle aree non più utilizzate dello stabilimento, si traduce in un valore aggiunto in termini di valorizzazione e vicinanza tra la città di Taranto e il suo Arsenale, per il quale restano prioritarie, comunque, le esigenze operative e logistiche della Marina Militare.

fonte Marina Militare italiana

articolo pubblicato originariamente su DIFESAONLINE

print
(Visited 216 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

17 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »