Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Caccia ai sommergibili tedeschi lungo le coste americane: operazione Teardrop – parte III

Reading Time: 7 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: Sommergibili, Ops Teardrop, Gruppe Seewolf

 

Il 23 aprile, il Grossadmiral Doenitz inviò l’ordine di sciogliere il Gruppe Seewolf, ordinando di attaccare indipendentemente il naviglio degli Alleati lungo la costa orientale degli Stati Uniti. A causa delle difficoltà di comunicazione Doenitz non sapeva però che tre dei sei sottomarini originali del Gruppe Seewolf erano già stati affondati.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è U-853-crew.gif

U-853

Nella stessa data, si pensa che l’U-853 silurò la motovedetta PE-56, classe Eagle, assegnata alla Naval Air Station Brunswick, Maine, mentre stava rimorchiando dei bersagli di esercitazione per i bombardieri dell’USN. Il comandante, quattro ufficiali e 44 marinai persero la vita. Un ufficiale e dodici membri dell’equipaggio furono raccolti circa 30 minuti dopo dal USS Selfridge (DD 357) che sganciò nove cariche di profondità, senza risultato, su un contatto sonar vicino. Alcuni sopravvissuti riferirono dell’avvistamento di una torretta. Nel giugno 2001 la Marina degli Stati Uniti cambiò la sua valutazione originale che affermava che la nave era stata affondata dall’esplosione di una caldaia

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è USS-PE-56.jpg

Motovedetta PE 56 – Verso mezzogiorno del 23 aprile 1945, la USS PE-56 (comandante Lt James Early, USNR) si spezzò in due e affondò dopo una pesante esplosione a centro nave, mentre rimorchiava obiettivi per esercitazioni di bombardieri della US Navy a 3 miglia a sud-sud-est di Cape Elizabeth, nel Maine – photo credit USN

L’amara storia dell’U-546
Nella zona di operazioni era presente anche l’U-546 la cui storia merita un paragrafo a se stante. Il sommergibile, un battello tipo IXC/40, era alla sua quarta missione in Atlantico ma non aveva nessun affondamento al suo attivo. Sotto il comando del Kapitänleutnant Paul Just, il 24 aprile, l’U-546 avvistò un bersaglio decisamente pagante, la portaerei USS Core.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è paul-just-kapitanlieutennat-u-586.jpg

Kapitänleutnant Paul Just

Durante la manovra di attacco, nel tentativo di penetrare lo schermo navale, il battello tedesco fu scoperto a distanza ravvicinata dal caccia di scorta USS Frederick C. Davis (DE-136), classe Edsall, armato con tre cannoni singoli da 3 pollici/calibro 50 mm, un binato da 40 mm, otto singoli da 20 mm, un lanciatore triplo per siluri da 21 pollici, un hedgehog e otto scarica bombe di profondità laterali e due poppieri. Un caccia che aveva partecipato alle operazioni di sbarco ad Anzio, Italia, nel 1944, fornendo supporto antiaereo e navale per sei mesi. Sotto il comando del capitano di corvetta James R. Crosby, l’unità aveva conquistato un’ottima reputazione. Quella mattina, dopo aver inizialmente individuato, a circa 2000 iarde di distanza, il sommergibile perse il contatto al sonar proprio a causa del suo generatore di rumore, acceso per disturbare eventuali siluri. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è USS-Frederick-C.-Davis.jpg

USS Frederick C. Davis – credit USN

Il sommergibile ne approfittò subito lanciando un siluro T-5 dal suo tubo di poppa a una distanza di 650 iarde e colpendo il USS Frederick C. Davis sul lato sinistro di prua. L’esplosione fu devastante e uccise il Comandante e quasi tutto il personale presente in plancia nonché molti a prua. In pochi secondi le sale macchine e diversi compartimenti dell’equipaggio furono allagati e gli incendi trasformarono l’area del ponte in un inferno. Solo un ufficiale di guardia nella centrale operativa sopravvisse. Il ponte del quadrato ufficiale saltò in aria, uccidendo tutti gli ufficiali che erano ancora a colazione. Nove minuti dopo, la nave si spezzò in due e in sei minuti la parte prodiera affondò. Nonostante i tentativi di salvare il resto della nave, cercando disperatamente di ristabilire la tenuta stagna dello scafo,  la nave affondò.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è lundemberg.jpg

una foto del guardiamarina Lundemberg, uno dei pochi sopravvissuti all’affondamento dell’USS Frederick C. Davis

I sopravvissuti dell’equipaggio riuscirono a mettere in sicurezza quasi tutte le bombe di profondità ma due esplosero quando la poppa affondò, uccidendo molti dei sopravvissuti che erano in acqua. Dei 192 membri dell’equipaggio 126 persero la vita nell’affondamento. Molte informazioni su quei drammatici momenti furono descritte dal guardiamarina Lundberg, il più giovane di tre ufficiali superstiti, che dopo la guerra, divenne uno dei più famosi e prolifici storici navali presso lo Smithsonian Museum of American History.

Dopo quel drammatico evento incominciò la caccia al sommergibile tedesco. Il comandante dello schermo navale, F.S. Hall, ordinò immediatamente ai cacciatorpediniere USS Hayter (DE-212) e USS Neunzer (DE-150) di perseguire il sottomarino e al USS Flaherty (DE-135) di salvare i sopravvissuti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è USS-Frederick-C.-Davis-NAUFRAGHI.jpg

un naufrago dell’USS Frederick C. Davis raccolto dal USS Flaherty – foto da “United States Destroyer Operations in World War 11” di Theodore Roscoe

Quando l’USS Flaherty si avvicinò al relitto del USS Frederick C. Davis, che stava ormai affondando, rilevò il sommergibile nelle immediate vicinanze, ed incominciò subito la sua caccia. Iniziò un gioco del gatto con il topo, con lanci di bombe di profondità da parte delle navi americane sopraggiunte e manovre diversive da parte del sommergibile. Il battello lanciò invano le sue Pillenwerfer, dispostivi di inganno (decoy) costituiti da contenitori di idruro di calcio che, reagendo con l’acqua di mare, creavano una nuvola di bolle di idrogeno, per ingannare le navi in superficie sulla sua reale posizione.

Di fatto, era solo questione di tempo. In zona erano ormai presenti nove unità statunitensi che continuavano a lanciare alla cieca le loro bombe di profondità. Anche l’U-546 non aveva idea di dove fossero le navi statunitensi. Nel primo attacco era stato danneggiato ed il rumore prodotto dalle sue pompe principali, per controllare le falle, oscurava il suo idrofono. Alle 18:10, un attacco del USS Flaherty provocò una nuova falla nello scafo a pressione dell’U-546, creando danni al ponte e danneggiando le batterie (che provocarono la fuoriuscita di cloro all’interno del battello). 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Surviving-U-546-crewmembers-in-inflatable-rafts-float-among-Second-Barrier-Force-destroyer-escorts-24-April-1945-Photo-taken-from-Hubbard-DE-211-U.S.-Navy.jpg

i naufraghi dell’U-546 vengono raccolti dalle navi americane

La situazione era ormai compromessa e, dopo un secondo attacco, il comandante Just decise di combattere in superficie. Alle 18:38, l’U-546 emerse e lanciò un siluro contro il Flaherty mancandolo. Nell’eccitazione, anche il caccia lanciò due siluri che non andarono a segno. Ormai non c’erano più speranze ed il sommergibile, sotto il fuoco incrociato di quattro unità (Pillsbury, Keith, Neunzer e Varian) fu colpito ripetutamente dai cannoni nemici ed incominciò ad affondare. Nonostante l’inferno di fuoco il Kapitänleutnant Paul Just e 32 membri dell’equipaggio riuscirono a salvarsi e furono raccolti dalle navi statunitensi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Zajaty-Kapitanleutnant-Just-USS-Bogue..jpg

il Kapitanleutnant Paul Just e sopravvissuti furono raccolti dal USS Bogue

I naufraghi tedeschi furono portati a bordo della portaerei di scorta USS Bogue (CVE-9), il 24 aprile 1945, dove si chiusero immediatamente in un assoluto silenzio. Il 27 aprile, all’arrivo alla base americana di Argentia, Terranova, il comandante dell’U-546, il primo ufficiale e altri sei membri dell’equipaggio, considerati “specialisti”, furono separati dall’equipaggio, e sottoposti ad um rigido isolamento.

La pagina oscura
Nonostante le proteste di alcuni ufficiali della Marina americana, tra cui il capitano di corvetta Leonard A. Myhre, comandante dell’USS Varian, che era stato incaricato di consegnareo i Tedeschi ad Argentia, gli ufficiali tedeschi furono ripetutamente picchiati con manganelli di gomma e sottoposti a torture da parte di due agenti provenienti dal Centro di interrogatorio congiunto esercito-marina di Fort Hunt, Virginia. Le violenze continuarono anche dopo il loro trasferimento a Fort Hunt, fino al loro rilascio che avvenne il 12 maggio. In quei giorni uno dei prigionieri si suicidò. Si cercò di coprire questo crimine di guerra ma le testimonianze di militari americani presenti agli interrogatori crearono un certo imbarazzo. In seguito Philip K. Lundeberg scrisse, nel suo libro “Il trattamento dei sopravvissuti e dei prigionieri di guerra, in mare e a terra”, che il pestaggio e la tortura dei sopravvissuti dell’U-546 fu però una “singolare atrocità”, motivata dalla necessità di ottenere rapidamente informazioni su potenziali attacchi di missili balistici contro gli Stati Uniti da parte dei sommergibili tedeschi.

Cosa successe ai sommergibili tedeschi dopo la resa incondizionata?
Alle 02:41 del 7 maggio 1945, sotto la direzione dell’ammiraglio Doenitz, il generale tedesco Alfred Jodl firmò l’atto di resa militare senza condizioni delle forze tedesche, atto che entrò in vigore il giorno successivo. Una curiosità. Il generale Dwight D Eisenhower, comandante supremo alleato in Europa, accettò la resa ma Josef Stalin volle una cerimonia separata, che il giorno successivo fu firmata a Berlino dal Feldmarschall Wilhelm Keitel.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è U-249.jpg

trasbordo del personale del U 249, un sommergibile Type VIIC, primo battello a consegnarsi dopo la resa, su di un’unità britannica. La foto fu scattata al suo arrivo nel porto di Weymouth. Fonte : Rickard, J da http://www.historyofwar.org/Pictures/pictures_U-249_waymouth.html

L’8 maggio 1945, l’ammiraglio britannico Harold R. Burrough diede ordine a tutti gli U-Boot in mare (ce n’erano ancora 49 in mare) di emergere immediatamente e di ottemperare alla resa. Il primo sottomarino ad emergere fu l’U-249, al largo delle Isole Scilly all’ingresso occidentale del Canale della Manica. I Tedeschi consegnarono 181 sottomarini ma (secondo lo storico Samuel Eliot Morison) 217 furono affondati dai loro stessi equipaggi per non farli cadere in mano nemica. La maggior parte dei 118 U-Boot di nuova generazione di Tipo XXI e XXIII, che erano stati appena completati, furono affondati. Ci torneremo presto.

Andrea Mucedola

 

Fonti
Hunter-killer : U.S. escort carriers in the Battle of the Atlantic, Blood, William T. , Naval Institute Press, Annapolis, 1983

The Type IXC/40 boat U-546German U-boats of WWII di Helgason, Guðmundur
U-boat Archive – U-546 – Draft Interrogation Report
Operazione Teardrop Revisited di Philip K. Lundeberg, in To Die Gallantly: The Battle of the Atlantic, a cura di Timothy J. Runyan e Jan M. Copes Boulder, CO: Westview Press, 1994;
Il trattamento dei sopravvissuti e dei prigionieri di guerra, in mare e a terra di Philip K. Lundberg, in International Journal of Naval History, vol. 13, Numero 1, Aprile 2013;
Storia delle operazioni navali degli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale, vol. X: Victory in the Atlantic, di Samuel Eliot Morison, Boston: Little, Brown and Co., 1956; 

 

PARTE I PARTE II PARTE III

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 395 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »