If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Classe Marconi, il tentativo di costruire un sottomarino nucleare italiano di Stefano Peverati

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MARINE MILITARI

parole chiave: sommergibili, sottomarini
.

Alla fine degli anni ’50 molte nazioni, sia dell’Europa occidentale che oltre Cortina di ferro, stavano conducendo studi sull’energia nucleare finalizzata all’ampliamento dei propri arsenali bellici. Il Governo di Roma era preoccupato dal dinamismo dimostrato da Bucarest e Belgrado tenendo costantemente monitorato l’istituto di ricerca di Vinca. Oltre a questo il ministro della difesa Andreotti sosteneva con forza la necessità di dotare la Marina Militare di sottomarini a propulsione nucleare da contrapporre agli ultimi modelli che i sovietici stavano mettendo in linea o ultimando. Inoltre, sempre Andreotti riteneva lo sviluppo di un sottomarino nucleare d’attacco (SSN) un passaggio d’obbligo per poter poi successivamente arrivare alla costruzione di veri e propri sottomarini d’attacco armati con missili balistici (SSBN).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è sommergibile-italiano.jpg

classe Skipjack

Si decise di sviluppare un battello fortemente ispirato agli studi sul battello sperimentale Albacore e simile alla classe Skipjack caratterizzata dal design a goccia allungata, timoni posti sulla vela e di dimensioni contenute, soluzioni che le permettevano un buon grado di agilità oltre ad essere in grado di raggiungere la velocità di 30 nodi grazie alla spinta del reattore Westinghouse S5W.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Marconi-1024x378.jpg

A seguito dell’approvazione da parte del governo Segni, la costruzione del sottomarino Guglielmo Marconi venne affidata ai cantieri navali Tosi di Taranto mentre il Centro Applicazioni Militari Energia Nucleare (CAMEN) avrebbe dovuto occuparsi del reattore, ma il cambio di amministrazione statunitense e la posizione ritenuta non troppo “strong on communism” di Roma portarono, nel luglio 1963, al rifiuto di Washington al trasferimento di materiali e know-how fondamentali per lo sviluppo di tale tecnologia, facendo scemare l’interesse per i sottomarini nucleari. In realtà la parentesi si chiuse definitivamente solo con l’adesione al patto di non proliferazione nucleare, perché una possibilità di SSN era ancora aperta e il CAMEN di San Piero a Grado continuò ad essere operativo fino alla chiusura delle centrali nucleari in Italia negli anni 80.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è sommergibile-S-505.jpg

Il sommergibile Bagnolini, SSK 505, classe Toti in fase di snorkeling

Parallelamente la Marina Militare italiana disponeva con il Programma 58 la produzione di quattro battelli della classe Toti, moderni sottomarini SSK con i quali sostituire i vecchi sommergibili Giada, Vortice ed il ricostruito Calvi (ex Bario) oltre ad affiancare gli ex statunitensi classi Gato e Balao aggiornati allo standard Guppy (Greater Underwater Propulsive Power Program).

I sommergibili Toti rappresentavano i primi mezzi subacquei di produzione nazionale del dopoguerra ed andarono a costituire la punta di diamante dei “delfini” fino alla fine degli anni 80, questi battelli vennero via via affiancati da altri battelli ex U.S. Navy delle classi Tench e Tang consegnati nell’ambito della Mutual Defense Assistance Programme all’inizio degli anni ’70. La graduale obsolescenza dei primi battelli americani e terminati i primi quattro Toti, preso atto che non ci sarebbero stati SNN, i vertici della componente sottomarina dovevano scegliere tra un Toti allungato o un battello nuovo per rinnovare la componente. Scelsero il nuovo che divenne poi la classe Sauro che gradualmente tra il 1980 e il 1989 entrò in servizio con le sue prime tre serie.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è classe-sauro.jpg

un battello classe Sauro emerge nei pressi del caccia Mimbelli

Dopo l’annullamento del fallimentare Progetto S 90 si scelse di migliorare i Sauro, impostando la 4° serie della classe Sauro per compensare l’invecchiamento dei Toti, ma risultava necessario dotarsi di moderni battelli dotati di tecnologia AIP (Air Independent Propulsion) e dopo il fallimento della ditta Maritalia, che doveva produrre il motore diesel a ciclo chiuso ovvero indipendente dall’aria, l’Italia aderì nel 1994 al German Submarine Consortium per lo sviluppo di una nuova classe di battelli denominata Type 212A intervenendo sul progetto iniziale con importanti migliorie.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è sommergibile-classe-todaro-U-212.jpg

Salvatore Todaro (S-526) classe Todaro

Questi battelli ribattezzati in patria come classe Todaro presentano importanti caratteristiche a partire dallo scafo in materiale amagnetico, accorgimenti del design volti a ridurre la segnatura acustica e celle a combustile per produrre energia dalla reazione tra idrogeno e ossigeno garantendo un notevole aumento del tempo di immersione rispetto ai precedenti battelli. Il capoclasse Salvatore Todaro (S-526) è entrato ufficialmente in servizio a inizio 2006 seguito l’anno successivo dal gemello Scirè (S-527) e fin da subito sono stati impiegati in importanti missioni addestrative (Joint Task Force Exercise) accanto ai sottomarini nucleari della U.S. Navy, dopo aver percorso le 15.000 miglia nell’Atlantico, riuscendo in una di queste simulazioni ad “affondare” il 27 luglio 2008 la portaerei USS Roosevelt (CVN-71).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ITS_Romeo_Romei_SSK_Fincantieri.jpg

Sottomarino Romei – credito Fincantieri

Sempre nello stesso periodo venne esercitata l’opzione sui due battelli della seconda serie (Venuti e Romei) entrati in servizio esattamente dieci anni dopo i primi due battelli presentando già alcune piccole migliorie alla sensoristica, un aumento dell’autonomia.

La necessità della Marina Militare di sostituire gli ultimi quattro classe Sauro ha portato allo sviluppo di una nuova versione dello U 212A denominata Near Future Submarine, la quale presenterà uno scafo leggermente allungato rispetto la versione U 212A, nuove batterie agli ioni di litio in grado di consentire maggiori prestazioni e autonomia, apparati elettronici di ultima generazione che consentiranno una riduzione dell’equipaggio a 29 unità ed infine la possibilità di essere armati con missili da crociera conferendo loro la capacità deep strike.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è classe-U-212A-near-future-submarine.jpg

Guardando al futuro, quando verrà il momento di sostituire la prima serie degli U-212A concettualmente sarebbe da ispirarsi a un battello con le stesse caratteristiche dell’U-212NFS ma di maggiori dimensioni in modo da poter ospitare almeno 6 vls come nel progetto classe Dosan Ahi Changho derivato dalla classe Sohn Won-yil (Type 214).

Poiché negli scenari nella quale si trova e si troverà ad operare la Marina Militare del futuro oltre ai tradizionali ruoli i “delfini” andranno a costituire la punta di diamante delle capacità offensive della forza armata potendo lanciare missili da crociera o, come già fanno, fungere da vettore per l’inserimento di nuclei del Gruppo Operativo Incursori trasportando i relativi mezzi di supporto. A questi compiti si aggiungono compiti che alle volte rimangono distanti dalla comune percezione dei problemi e delle priorità, quali la capacità di deterrenza e sicurezza nei bacini marittimi d’interesse nazionale e le collegate infrastrutture critiche che si sviluppano lungo i fondali marini. In questo ambito si avverte già l’orientamento della Marina Militare verso ROV e AUV per l’espletamento di questa funzione e una capacità di ricovero di diversi mezzi unmanned.

In conclusione, dopo aver ripercorso velocemente la storia dei sottomarini italiani del periodo post bellico, si può comprendere perché la Marina Militare – in virtù della posizione geografica e dell’attuale visione strategica – al momento non necessiti di battelli a propulsione nucleare. Cosa diversa è per le grandi nazioni che si affacciano sulla vastità degli oceani con immense zone economiche esclusive anche lontane dalla madrepatria che per la sorveglianza delle quali sono richieste altre tecnologie che però non tutti sono in grado di sviluppare o per lo meno richiedono elevati trasferimenti di tecnologie. Non per nulla le nazioni ad avere in linea sottomarini nucleari sono le nazioni vincitrici della seconda guerra mondiale (Stati Uniti, Regno Unito, Russia, Cina e Francia) presenti sia nella versione da attacco (SSN) che vettore di missili balistici (SSBN), a questo ristretto club si aggiungono poi India, Brasile e, nei prossimi anni, in virtù dei recenti accordi AUKUS anche l’Australia. A queste nazioni si aggiungono Pakistan, Israele, Corea del Nord e Corea del Sud che pur non possedendo battelli a propulsione nucleare sono in grado di lanciare missili dai loro sottomarini armati con testate nucleari.

Stefano Peverati

articolo pubblicato originariamente su DIFESAONLINE

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 506 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »