If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Architettura e Nautica: analogie e parallelismi …adattamento evolutivo e genesi di una “specie”

Reading Time: 8 minutes

.
livello medio
.
ARGOMENTO: ARCHITETTURA NAVALE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: sviluppo navale
.

Come può una barca, pur di piccole dimensioni, accogliere anche per lunghi periodi persone prive di cultura del mare ed abituate a spazi casalinghi?
La risposta viene da lontano, dai pionieri e padri dell’avanguardia che della ricerca e sperimentazione ne subivano il fascino e la trasformavano in creatività.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è architettura-nvaale-1-1024x385.png

“… a un uomo nudo in vacanza non serve molto più di un letto, servizi, un tetto e la vista del sole che risplende sul mare”. Le Corbusier

Da questa consapevolezza, credo, si trovi la risposta e il senso nella definizione di uno spazio ”ad uso diportistico“. Le Corbusier, con la sua machine à habiter e le sue unità minime di abitazione, è stato un teorico di selezione delle necessità minime dell’abitare; introdusse il concetto di “equipaggiamento casalingo”,  attrezzando la casa in maniera efficiente, lasciando libera la maggiore quantità di spazio possibile, codificando i concetti basilari e prestandoli anche alla nautica moderna insieme alle sue lezioni  geometriche, spaziali ed ergonomiche.

Il Cabanon (1951) di Le Corbusier si costituisce come un minimum architettonico irriducibile, insemplificabile, grande appena quattordici metri quadrati (come la cabina di un treno o di una nave), dove ogni elemento è ridotto al massimo dell’essenzialità e studiato con estrema precisione secondo i dettami aurei e antropocentrici del Modulor.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è le-cabanon-1024x480.png

Il Cabanon rappresenta l’atto di nascita di quella che diventerà 20 anni dopo la ricerca e la tendenza nel design della nautica di serie da diporto dagli anni 70 fino ad oggi. Poi il tema delle contaminazioni, del trasferimento tecnologico da altri settori industriali, dell’adattamento funzionale hanno sempre costituito per la pratica del design un terreno di ricerca e sperimentazione estremamente fertile. Dai grandi padri del passato ad oggi si trova la lectio magistralis del concepimento architettonico
contemporaneo. E ancora il tema dell’ospitalità, dello stare, dell’ottimizzazione, delle soluzioni salvaspazio, dove ritroviamo i parallelismi e le analogie tra il mondo dell’architettura e quello della nautica. 

La barca nasce principalmente come mezzo necessario per attraversare le acque, per trasportare uomini e mercanzie di terra in terra. Per motivi commerciali, di guerra, di conquista e d’esplorazione nascevano e non certo per diporto e piacere. Ai passeggeri non era mai assicurata una traversata sicura e confortevole. Gli spazi interni della nave dovevano essere ottimizzati per contenere merci e attrezzature, e come tali … erano trattati anche gli esseri umani a bordo. Spesso questi mezzi, soprattutto nell’antichità, non contemplavano nemmeno l’utilizzo della coperta. Gli equipaggi e i rari passeggeri, per lo più commercianti, erano costretti ad adeguarsi alle peggiori condizioni e ai rischi che una traversata di questo tipo comportava. Questo tipo di approccio alla navigazione non cambia fino all’avvento di carene più ampie e chiuse e di tipologia differente, ma le condizioni erano pur sempre precarie: scarse condizioni igieniche e spazi interstiziali per le cuccette rendevano il viaggio una cosa ancora non da turisti e il prezzo da pagare era alto, sia in termini economici sia per la salute.

Le condizioni cambiano quando si comincia a intravedere una possibilità ludica nel viaggiare in barca, soprattutto a vela; con l’avvento di quello che sarebbe diventato lo “yachting”, sport riservato a pochi ed a chi poteva destinare un’imbarcazione solamente al piacere, escludendo finalità commerciali. Si iniziava ad intendere lo stare per mare come un attività ricreativa. Nuove disposizioni di spazi interni e non più solo di servizio e stive ma si cominciavano a inventare modi per godere della brezza e dei panorami marini.

Il navigare inteso come svago, come attività sportiva, svilupperà negli anni 80 – 90 progetti di imbarcazioni con una nuova dimensione mettendo al centro l’uomo e il corpo, la modularità e l’ergonomia, il funzionalismo, la prefabbricazione, riprendendo le lezioni di alcuni dei padri  dell’architettura moderna e sperimentazione (Le Corbusier, Prouvè, Pierre Chaureau, Buck Fuller). 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è maison-citrohan-le-corbusier-1024x444.png

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è whicita-1024x479.png

Wichita house completata e bidone contenitore, 1946 Buckminster Fuller Institute

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è casa-pieghevole-buckminster-fuller-institute-1024x366.png

Casa pieghevole, Buckminster Fuller Institute

Nel 1948, Fuller ed i suoi allievi ebbero l’idea di una casa pieghevole, lunga 25 piedi e alta e larga 8 piedi, da poter trainare come una roulotte e delle dimensioni di una barca. Una volta dispiegata, avrebbe potuto ospitare confortevolmente sei persone, con camera da letto, soggiorno, cucina e perfino due bagni. Sfortunatamente, mancavano muri e tetto. Il sogno delle case costruite in serie fu incentivato dall’avvento della plastica: probabilmente i primi prototipi furono realizzati in Francia nel 1956, da Coulon, Schein e Magnant, e seguiti da molti altri. Ionel Schein raccomandava l’uso di questo materiale rivoluzionario per tre ragioni principali: la loro qualità di implementazione, la loro leggerezza e rapida riproducibilità. Per Schein, infatti, l’architettura plastica è l’architettura della vita!

Anche nel settore nautico del diporto si comincia a sperimentare la Plastica. Nel 1957 il giovane ingegnere Michel Dufour scopre un nuovo materiale: il Poliestere.  È così che nasce l’idea della costruzione di una barca a vela in poliestere e nel 1964 si lancia nella progettazione di una barca a vela trasportabile, la “Sylphe”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nautica-da-diporto-plastica-1024x316.png

Sylphe

Nel 1968 l’architetto finlandese Matti Suuronen presentò il prototipo di una casa di poliestere a forma di UFO, di 8 metri di diametro e 4 d’altezza, sorretta da zampe regolabili, trasportabile in elicottero ovunque. Si chiamava “Futuro” per 8 persone e per i climi gelidi finlandesi, ovviamente con camino. “Il perfetto disegno della nave spaziale riflette l’architettura del domani. L’era della plastica sta per iniziare”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è hotel-futuro-1024x358.png

Matti Suuronen 1965

Sfortunatamente il vertiginoso aumento del prezzo del petrolio nel 1971 pose fine al sogno delle case di plastica ma … non nella nautica che iniziò una produzione di massa senza precedenti nella storia.  Il disegno d’interni delle barche, sino agli anni ‘90, si basava su una regolarizzazione della forma del guscio stesso (grazie all’imbonaggio), ma con il tempo si è iniziato a estendere il modulo civile stereometrico al mondo delle barche abbandonando il principio di adattamento salvaspazio ed introducendo sempre più il gusto e la volontà terrestre del committente.

La Forma segue (sempre) la Funzione? 1896 Louis Sullivan

Che sia l’aquila in volo, o il fiore di mela aperto, il cavallo da lavoro faticoso, il cigno allegro, la quercia ramificata, … forma segue sempre la funzione, e questa è la legge … È la legge che pervade di tutte le cose organiche e inorganiche, di tutte le cose fisiche e metafisiche, di tutte le cose umane e tutte le cose superumane, di tutte le vere manifestazioni della testa, del cuore, dell’anima, che la vita è riconoscibile in la sua espressione, quella forma segue sempre la funzione. Questa è la legge.

Nel 1908, l’architetto austriaco Adolf Loos scrisse un saggio allegorico intitolato “Ornament and Crime” in reazione all’eccessivo ornamento usato dagli architetti della Secessione di Vienna. La tesi moralista di Loos e la massima di Sullivan furono adottate dal 1900 come principi di una nuova espressione figurativa, condizionando per quasi mezzo secolo l’architettura e il modo di rappresentarsi sia in ambito terrestre che navale: nasce il movimento moderno o International Style!

Protagonisti come Le Corbusier, Mies, Gropius, Wright, Aalto, Michelucci, Gio Ponti, Albini, supportati dal CIAM (congressi internazionali) diedero vita, forma e sostanza, dalle ceneri dell’Art Nouveau e della Secessione, al più grande rinnovamento culturale della storia dell’architettura e del design e a tutti gli “ismi” del 900: Neoplasticismo, il Bauhaus, il Costruttivismo, il Razionalismo italiano, Funzionalismo … a cui, ancora oggi, si trae ispirazione garantendosi un consenso, elitario e di massa, nella ritualità di vestirsi in questo rassicurante e collaudato “Stile Internazionale “!

Nel 1936 fu coniato negli USA il termine INTERNATIONAL STYLE, con il quale spesso viene denominato tutto il movimento moderno. Oggi la funzione ha prevalso e trasgredito sulla forma al punto che le funzioni che danno forma alle barche (da diporto) riflettono le esigenze e le mode di una utenza sempre più nuova, che uscendo dall’esclusività dell’aristocrazia, hanno fatto saltare quei riferimenti noti di una cultura nautica classica.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è goletta-joseph-conrad-1916.png

1916 goletta in acciaio “ Joseph Conrad “ 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2016-nave-a-avel-a-A-Philippe-Starck.png

2016 nave a vela “A” di Philippe Starck 

E’ ormai da tempo in discussione il mantenimento di quei tipici e riconoscibili aspetti formali e volumetrici di un recente passato, la percezione chiara di quello “spazio marino”, o “stile marino”, oggi sempre più terrestre e urbano! Declinando lentamente quel valore consolatorio che, credo, avevano le barche rispetto alla vita, si sono perse le apparenti certezze di una geometria nota, rispettata, rassicurante e riconducibile a tradizioni storiche, aprendosi così al nuovo, al diverso instabile e spesso disarmonico, al disordinato e alla libertà degli spazi eccessivi in cui l’Uomo moderno vuole vivere e confrontarsi.

Le barche appaiono, si mostrano e quindi ci parlano con propri codici ognuno dei quali attraverso la storia e l’evoluzione ci trasmette una serie di messaggi e quindi informazioni funzionali, stilistiche e strutturali.

La circolarità di tre principi regolatori (Utilitas, come utilità nella funzione – Firmitas, come solidità nella statica e nei materiali – Venustas, come bellezza ed estetica) ha garantito e assicurato che una barca fosse degna di appartenere al mondo elitario guidandone la conformazione basata essenzialmente sull’armonia delle parti (solida, utile e bella).

Subentra oggi l’Indeterminatezza, la Leggerezza, la Trasformabilità, l’Immaterialità, la  Multimedialità, la Sensorialità, l’Elettronica, la Vetroresina e lo Sbandamento … in tutti i sensi!!

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Ochulus.png

Oculus Schopfer Yachts (Usa)

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è black-cat.png

“Blackcat” Malcolm McKeon

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è archinaute-ka-studio.png

“Archinaute” KA Studio

Assistiamo oggi ad una produzione di barche di massa a prezzi accessibili, alla conquista ed allo strapotere nell’industria nautica della vetroresina stampata e … controstampata, la produzione di serie, il fascino di una moda, di appartenenza a uno status sociale e quella di un’utenza nuova che spesso arriva ad acquistare, impreparata culturalmente e tecnicamente, barche di serie usate o nuove di medie/grandi dimensioni (12 – 15 mt) per la crociera in famiglia, con baglio massimo a poppa, pozzetti e volumi giganti, doppia timoneria e con l’indispensabile requisito della vivibilità e comodità, come a casa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è dufour-410gl.png

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Dufour-410-gl-poppa.png
Dufour 410 gl

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è hanse-548-1.png

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è hanse-centro-nave.pngHanse 548

Si vedono sempre più spesso galleggiare gusci terrazzati con grandi nastri di luce, scafi senza scafi, murate svetrate fino al galleggiamento, prue rovesce e tughe virtuose e connesse a gradinate poppiere palladiane, ringhiere al posto di battagliole e tanto altro materiale insolito con soluzioni prese in prestito e trasferite dall’edilizia e adattate al mare, spesso e volentieri troppo facilmente. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è zaha-adid-jazz.jpg

Jazz di Zaha Adid

A Londra è stata presentata una nuova linea di mega yacht disegnata dall’architetta e designer irachena naturalizzata britannica Zaha Hadid, prima donna a ricevere il Premio Pritzker nel 2004  e il Premio Stirling nel 2010 e nel 2011. Hadid, scomparsa nel 2016, fu una delle capofila e massime esponenti della corrente decostruttivista e disegnò, per il cantiere tedesco Blohm+Voss, il “Jazz”, un mega yacht della lunghezza di ben 128 metri, caratterizzato da un “esoscheletro” dalle forme sinuose che lascia spazio ad innumerevoli giochi di luce. 

Sacha Giannini

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 148 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »