If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il ruolo dei traghetti italiani nell’ultimo conflitto bellico

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Traghetti
.

Dal 1901, una piccola flotta di traghetti ferroviari già assicurava il passaggio ai convogli ferroviari attraverso lo stretto di Messina e, dal 1905, tale servizio era gestito dalle Ferrovie dello Stato. Allo scoppio del secondo conflitto mondiale, questa piccola flotta contava sei unità:

nome dislocamento (non stazza) velocità
Villa (1910-1912) 932 t 12,5
Reggio (1910-1912)             932 t 12,5
Aspromonte 932 t 12,5
Messina 2200 t 12,5
Scilla 4000 t 15,5
Cariddi 4000 t 15,5

Il Scilla ed il Cariddi erano unità molto moderne e polivalenti, dotate di propulsione diesel-elettrica per limitare i consumi di gasolio, e potevano fornire elettricità ad una città di medie dimensioni in caso di necessità nonchè caricare le batterie dei sommergibili. Con i loro grandi spazi e la capacità di alloggi passeggeri, potendo imbarcare direttamente i veicoli dalle banchine, potevano quindi potenzialmente operare per appoggiare missioni di soccorso in aree costiere o come nave appoggio sommergibili e posamine. Fin dal loro varo, queste navi, abbastanza capienti e veloci, furono inscritte sui registri delle unità da militarizzare in caso di guerra e allo scoppio della seconda guerra mondiale furono armate di cannoni di piccolo calibro e mitragliere antiaeree e delle ferroguide per la posa di mine navali in ruolo antinave.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1940-imbarco-mine-su-nave-Eritrea.jpg

Furono infatti utilizzate principalmente come posamine considerato l’alto numero di ordigni esplosivi che potevano imbarcare, un numero di gran lunga superiore a quello dei posamine militari (ben 400 sui Scilla e 200 sulle altre). Tale impiego, però, rendeva ulteriormente instabili le unità, di per sé poco adatte a reggere il mare agitato a causa dello scarso pescaggio. Tuttavia, malgrado queste limitazioni, i traghetti svolsero brillantemente varie missioni di posa di torpedini nonostante molte di esse si fossero svolte lontano dalle familiari acque dello Stretto, soprattutto lungo le coste siciliane e nel canale di Sicilia. Complessivamente furono sedici missioni con la posa di 3.790 mine compiute da: Reggio, Aspromonte, Scilla e Villa.

A partire dal 1942, dopo le pesanti perdite di naviglio mercantile subite nel semestre precedente, i traghetti furono impiegati in tutt’altro genere di missioni che le consuete di posamine. In particolare, il Messina e l’Aspromonte, furono destinati al trasporto di mezzi corazzati per il progettato e mai realizzato sbarco a Malta. Per tale scopo furono dotati di una pesante passerella metallica per permettere l’imbarco dei mezzi corazzati del Regio Esercito che avrebbero dovuto trasportare e sbarcare in spiaggia anche grazie al basso pescaggio. Quindi furono requisiti per le esercitazioni preliminari allo sbarco che si svolsero a Gaeta nell’agosto del 1942. Essi facevano parte della Forza Navale Speciale, comandata dall’ammiraglio di squadra Vittorio Tur e composta da unità navali di ogni genere: motoscafi, motonavi lagunari, posamine, motozattere, cisterne militari tipo “Sesia”, piccoli piroscafi per i collegamenti con le isole minori, motovelieri da pesca, ecc..  Era previsto che il Messina trasportasse quattro carri pesanti da 52 t. o, in alternativa, otto carri medi da 26 t mentre l’Aspromonte due carri da 52 T o una ventina di carri Italiani.

Dopo la rinuncia a tentare di prendere Malta avvenne lo sbarco alleato in Marocco ed Algeria (Operazione Torch dell’8 novembre 1942) il che comportò una serie operazioni dell’Asse che coinvolsero anche i nostri traghetti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è FB_IMG_1619181776169.jpg

11 novembre 1942: meno di un mese prima della sua perdita, l’Aspromonte sbarca mezzi corazzati ed autoveicoli a Bastia, nell’ambito delle operazioni per l’occupazione della Corsica – dal sito Con la pelle appesa ad un chiodo

L’11 novembre 1942 l’Aspromonte sbarcò mezzi corazzati ed autoveicoli a Bastia, nell’ambito delle operazioni per l’occupazione della Corsica; successivamente fu destinato al trasporto di truppe e materiali per Biserta ma fu affondato il 2 dicembre 1942 dall’incrociatore Britannico HMS Aurora durante il secondo viaggio verso la Tunisia.

Analoga fine avvenne anche per gli altri traghetti. Dopo lo sbarco alleato, i traghetti furono pesantemente coinvolti nelle operazioni di evacuazione delle truppe italo tedesche dalla Sicilia, dando un grande contribuito ma al prezzo di pesanti perdite dovute alla costante minaccia aerea.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è FB_IMG_1619181879720.jpg

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è FB_IMG_1619181883126.jpg

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è FB_IMG_1619181886736.jpg

foto riprese a Reggio Calabria durante le operazioni di carico di alcuni carri Tiger per la Tunisia – foto credito da Giovan Giuseppe Mellusi L’impiego bellico dei traghetti FF.SS. dello Stretto di Messina e la ricostruzione del dopoguerra.

Il 30 aprile 1943, il traghetto Messina, mentre si trovava in un’invasatura, fu centrato da una bomba  che gli danneggiò gravemente gli assi delle eliche. Impossibilitato a muoversi autonomamente, fu rimorchiato a Taranto dove rimase fino alla proclamazione dell’armistizio, venendo riparato solo in seguito. Lo Scilla, dopo essere stato colpito da bombe ed incendiato il 9 maggio 1943 e nuovamente il 25 successivo, rimase vittima di tre bombe americane nella notte del 17 giugno. Ridotto ad un ammasso di rottami, all’alba del giorno dopo fu rimorchiato al pontile Norimberga per liberare l’invasatura, rimanendo semisommerso fino alla fine delle ostilità.  

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è FB_IMG_1619181781397.jpg

L’Aspromonte in servizio come nave da sbarco della Forza Navale Speciale, nel corso di un’esercitazione sulle coste della Toscana (photo credit Mauro Millefiorini)

Pochi giorni dopo, il 25 giugno, il Reggio affondava nella seconda invasatura della stazione marittima di Messina, colpito in pieno durante un pesante bombardamento angloamericano.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Cariddi.jpg

Agli inizi di agosto, erano in esercizio per conto delle FF.SS., ancora tre traghetti. Il Messina ai lavori nell’Arsenale di Taranto e il Cariddi e il Villa in efficienza ridotta, ma pur sempre in servizio tra le due sponde dello Stretto. La perdita di queste ultime due unità si verificò il 16 agosto 1943, qualche ora prima che gli Americani entrassero a Messina. Se ne decise, infatti, l’autoaffondamento per evitare che cadessero nelle mani del nemico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è traghetto-italiano-da-messina-3.jpg

l’evacuazione della Sicilia 

Furono comunque impiegati intensamente, il solo Villa aveva trasportato in Calabria, per sei giorni ininterrottamente, più di 40.000 soldati e qualche centinaio di automezzi contribuendo grandemente al successo dell’operazione. Finite le ostilità in Sicilia, unico traghetto superstite fu il Messina che si trovava a Taranto per riparare i gravi danni subiti nell’aprile precedente. Dopo l’armistizio fu requisito dagli Inglesi e da questi utilizzato per trasportare vagoni ferroviari tra Catania e Reggio e, successivamente, mezzi gommati militari tra le due sponde dello Stretto. Riconsegnato al Governo Italiano l’8 aprile 1944, ripristinò i collegamenti tra la Sicilia e il Continente interrotti dall’agosto precedente, facendo la spola tra Messina e Reggio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è scilla.jpg

A conflitto non ancora concluso si provvide al recupero e al ripristino delle unità affondate. I traghetti Villa e Reggio vennero facilmente messi in condizione di galleggiare, rispettivamente il 15 luglio 1944 e il 27 febbraio 1945. Per il Scilla ed il Cariddi le attività di recupero e di ricostruzione richiesero, invece, diversi anni e si conclusero solo nel dopoguerra. In sintesi, questi traghetti furono navi militarizzate poco note ma i cui equipaggi furono duramente impegnati in guerra in un ruolo spesso rilevante.

Gianluca Bertozzi

in alto, traghetto Messina in avvicinamento alla stazione marittima di Reggio Calabria, 1942

,

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 200 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »