If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La vita nel mare: cenni di oceanografia biologica

Reading Time: 5 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: ECOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: ecologia
.

Incominciamo ora a parlare della vita nel mare
Suddivisione degli organismi marini
Gli organismi marini possono essere suddivisi in pelagici, che vivono in acqua libera, e bentonici, che vivono in relazione con il fondale.

Il dominio pelagico può essere a sua volta contenere il plancton, cioè gli organismi che si lasciano trasportare dalle correnti, ed il necton, cioè organismi attivi nuotatori, come i pesci e i mammiferi marini. Il dominio bentonico comprende sia organismi sessili, che rimangono attaccati al fondale, sia organismi vagili, che si spostano in prossimità di questo.

Plancton Nécton Benthos

La distribuzione del benthos è legata a fattori fisici e chimici, come la luce, la temperatura o le sostanze disciolte nell’acqua, ed a fattori biotici cioè alle interazioni positive e negative che si instaurano tra gli organismi. I fattori ambientali, in particolare la luce e l’idrodinamismo, concorrono nelle aree costiere ad isolare zone con caratteristiche differenti tra loro.

In relazione alla profondità si possono distinguere un sistema litorale e uno profondo.
La separazione tra i due si colloca laddove la luce, che arriva sul fondo, non è più sufficiente per lo sviluppo della vita vegetale; in Mediterraneo, in condizioni normali, il sistema litorale termina intorno ai 200 metri di profondità e coincide all’incirca con la cosiddetta platea continentale, una piattaforma più o meno vasta che circonda i continenti e le isole.

Il sistema litorale mediterraneo è suddiviso in cinque piani fondamentali: adlitorale, sopralitorale, mesolitorale, infralitorale e circalitorale

Il piano adlitorale è il piano più alto sul livello medio del mare; esso viene influenzato indirettamente dall’acqua del mare sotto forma di vento salso, per capillarità o per altri fenomeni di penetrazione. Il piano sopralitorale comprende quella porzione emersa della scogliera che è bagnata solo dagli spruzzi e dalle onde più forti durante le mareggiate. L’estensione di questa zona varia moltissimo in relazione all’esposizione al moto ondoso.

Il piano mesolitorale presenta un’alternanza di immersione ed emersione; può venire a sua volta suddiviso in mesolitorale superiore, bagnato solo dal moto ondoso, e mesolitorale inferiore, sommerso durante l’alta marea.

Il piano infralitorale comprende il fondale da 0 a circa 40 metri di profondità. Due principali comunità possono essere individuate in questa zona: popolamenti a predominanza algale e praterie di fanerogame marine, cioè di piante superiori che si riproducono mediante fiori e frutti; la scomparsa delle fanerogame in profondità determina il passaggio al piano successivo.

Il piano circalitorale si estende dalla base dell’infralitorale fino al margine della piattaforma continentale, a circa 200 metri di profondità. La scomparsa della vita vegetale segna il confine tra il circalitorale ed il sistema profondo.

A tale schema generale, valido per tutto il bacino, si sovrappongono situazioni particolari legate sia a caratteristiche ambientali locali sia a interazioni biotiche, come la competizione e la predazione, che si instaurano tra organismi condividenti lo stesso spazio. Accanto ad una zonazione verticale, già di per sé variabile, possiamo quindi distinguere una distribuzione orizzontale degli organismi che si manifesta a scale spaziali variabili da pochi metri a svariati chilometri. A tutto ciò si aggiungono le modificazioni temporali dei popolamenti, legate sia ai cicli vitali degli organismi che all’evoluzione stessa degli ecosistemi. Questa variabilità nello spazio e nel tempo rende ogni tratto di costa diverso dagli altri e ogni momento irripetibile, contribuendo al fascino che il mare ha da sempre esercitato sugli Uomini.

L’ambiente costiero non comprende solo le coste vere e proprie e i mari prospicienti, ma anche quell’immediato entroterra che in qualche modo entra in relazione con il mare stesso.
Troviamo quindi compresi nella fascia costiera anche i sistemi dunali, le colline coperte dalla macchia mediterranea, i laghi e le paludi costiere. Gli ambienti costieri mediterranei sono riconducibili a tre tipologie principali, anche se ciascuna di esse può presentare un’alta variabilità di situazioni: le coste rocciose, le coste sabbiose e gli ambienti lagunari.

Classificazione del mondo vivente
A questo punto è opportuno accennare i criteri di classificazione del mondo vivente, indicata in campo scientifico con i termini “sistematica” o “tassonomia”. Essa segue il cosiddetto sistema binomiale proposto da Linnaeus nel 1758. Questo sistema prevede la “specie” come categoria di base e intesa come l’insieme di organismi con caratteristiche anatomiche e morfologiche simili e capaci di generare prole fertile.

I principi su cui si basa la classificazione sono di tipo filogenetico, ovvero essi seguono la storia evolutiva del mondo vivente. Negli ultimi decenni, la possibilità di eseguire analisi genetiche ha reso più facile comprendere le similitudini e le differenze tra categorie sistematiche e rivedere così le precedenti classificazioni basate solo su caratteri morfologici. Ciascuna specie viene indicata con due nomi latini, il primo dei quali è il genere e il secondo la specie propriamente detta.

Il genere raggruppa più specie fra loro simili. Sopra il genere abbiamo le categorie sistematiche principali ovvero la famiglia, l’ordine, la classe e il phylum fino ad arrivare al regno. 

 

Ndr. Secondo la teoria moderna  esistono sei regni: eubatteri (Eubacteria), archeobatteri (Archaeobacteria), protisti (Protista), funghi (Fungi), piante (Plantae) e animali (Animalia). Il tutto può essere raggruppato nei tre domini Bacteria, Archea e Eukarya.

Per oggi ci fermiamo qui e vi do appuntamento al prossimo articolo sulla vita nel mare.

Luigi Piazzi

lpiazzi00@gmail.com     lpiazzi@uniss.it

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 221 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
astronomia e astrofisica
Astronomia e Astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »