Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Nell’epoca di internet, le bandiere del codice internazionale dei segnali godono ancora di ottima salute

tempo di lettura: 7 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: NAUTICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: bandiere
 

Le avete studiato ai corsi di nautica o forse vi siete solo incuriositi vedendole a riva sugli alberi delle imbarcazioni: sono le bandiere usate dal codice internazionale dei segnali per trasmettere informazioni o, più semplicemente, per identificarsi.

Il codice internazionale
Il primo codice internazionale fu progettato nel lontano 1855 dal British Board of Trade (BBT) e  pubblicato nel 1857  in due parti: la prima conteneva i segnali universali e internazionali e la seconda i soli segnali britannici. Diciotto diverse bandiere di segnalazione furono utilizzate per creare oltre 70.000 possibili messaggi. Il codice fu revisionato dal BBT nel 1887 e fu modificato nel corso della Conferenza internazionale di Washington del 1889. Il codice fu usato anche dai militari nella battaglia di Tsushima quando i sopravvissuti della flotta russa inviarono il messaggio XGA (“mi arrendo”) agli ufficiali nipponici. Nella stessa battaglia i giapponesi impiegarono un loro codice, sempre basato sulle bandiere. Fu alzata la bandiera Zulu che, come da accordi precedenti significava ‘Il destino dell’Impero si basa sul risultato di questa battaglia. Che ogni uomo faccia il suo meglio‘. A seguito della vittoria di Tsushima, il segnale ‘Zulu’ è entrato a far parte della tradizione della Marina Imperiale Giapponese ma non solo .. ancor oggi i  marinai usano dire BZ per congratularsi per un azione, non necessariamente bellica, particolarmente riuscita.

flags01

Dopo la prima guerra mondiale, alla Conferenza internazionale di radiotelegrafia di Washington del 1927 il codice venne preparato in sette lingue (inglese, francese, italiano, tedesco, giapponese, spagnolo e norvegese). Nel 1930, alla conferenza di Madrid venne istituito anche un comitato per la revisione permanente del codice, introducendo un vocabolario per la nascente aviazione ed una sezione medica completa con l’assistenza e per suggerimento dell’Office international d’hygiene publique. Fu anche inserito un certo numero di segnali per le comunicazioni tra navi ed armatori, agenti marittimi, scali per le riparazioni, ed altre strutture marittime. Lo strumento divenne quindi sempre più articolato e vicino alle esigenze dei traffici marittimi che ormai avevano preso il sopravvento su quelli terrestri.

Dopo il secondo conflitto mondiale, la Conferenza Amministrativa delle Radiocomunicazioni della International Telecommunication Union (ITU) suggerì che il codice internazionale dei segnali dovesse rientrare nelle competenze della Inter-Governmental Maritime Consultative Organization (IMCO), che poi divenne l’attuale IMO.

copertina_CODICE_DEI_SEGNALINel gennaio 1959 la prima assemblea dell’IMCO decise che l’organizzazione dovesse assumere tutte le funzioni svolte dal comitato permanente per l’International Code of Signals. Fu avviata una nuova revisione ed il codice fu tradotto anche in greco e russo. Il codice fu ulteriormente aggiornato nel 1964 tenendo conto delle raccomandazioni della Convenzione internazionale per la sicurezza della vita in mare (SOLAS) del 1960 e della Conferenza amministrativa delle radiocomunicazioni di Ginevra del 1959  e fu finalmente adottato nel 1965. Una curiosità: il codice prevedeva la possibilità di scambiare i segnali tramite le bandiere segnaletiche, a lampi di luce con l’uso dei simboli Morse, a voce con l’uso del megafono, con l’uso di simboli, per via Radiotelegrafica e Radiotelefonica (RTF) ed a  braccia con bandiere o senza bandiere.

Le bandiere segnaletiche
Conoscere il significato delle bandiere è molto importante per tutti i naviganti. Esse indicano situazioni in atto o di pericolo che non possono essere ignorate. Tenete sempre conto che l’inosservanza dell’esposizione può avere risvolti legali anche molto gravi. Si pensi al natante che vedendo una bandiera alfa a riva dei un imbarcazione (subacqueo in immersione) non si allontana e mette a rischio la vita dello stesso.

Le bandiere di segnaletica vanno sempre posizionate in alto. Qualora siano più di una, devono essere poste verticalmente, dall’alto verso il basso, e divise in più gruppi opportunamente distanziati fra loro al massimo dello spazio occupato da quattro bandiere. Per rispondere ad un segnale si antepone al messaggio la cosiddetta bandiera “intelligenza” che ha anche la funzione di virgola (o di punto) nei numeri decimali. L’impiego delle bandiere nautiche offre vari metodi di codifica dei segnali. Esse possono essere impiegate singolarmente o poste in sequenza per trasmettere informazioni più complesse. In alcuni campi possono avere significati anche diversi come, ad esempio, nelle gare veliche nelle quali le bandiere assumono altri significati rispetto a quelli standard: ad esempio, la bandiera che sta per P indica una partenza imminente, mentre quella che sta per S significa “corsa abbreviata – short time”.

Vediamole insieme 

Lettera radiofonia bandiera significato comune
A ALFA  900px-Alpha_flag.svg “Ho un sommozzatore in immersione; tenersi bene a distanza e procedere a bassa velocità.”
B BRAVO 900px-Bravo_flag.svg “Sto caricando, scaricando o trasportando materiale pericoloso.”
C CHARLIE 900px-Charlie_flag.svg  “Affermativo”
D DELTA 900px-Delta_flag.svg “Tenersi a distanza; sto manovrando con difficoltà.”
E ECHO 900px-Echo_flag.svg  “Sto accostando a dritta.”
F FOXTROT 900px-Foxtrot_flag.svg “Sono in avaria; comunicate con me.”
G GOLF 900px-Golf_flag.svg “Richiedo un pilota.”
In caso di pescherecci che operano nelle vicinanze significa: “Sto issando le reti”
H HOTEL 900px-Hotel_flag.svg  “Ho un pilota a bordo.”
I INDIA 900px-India_flag.svg  “Sto accostando a sinistra”
J JULIET 900px-Juliet_flag.svg “Ho un incendio a bordo e trasporto merci pericolose: mantenetevi lontano da me.”
oppure: “Sto perdendo merci pericolose.”
K KILO 900px-Kilo_flag.svg “Desidero comunicare con voi.”
L LIMA  Lima_flag.svg Questo è uno dei segnali che assume un significato molto differente se usato in mare o i in porto.
In porto: “La nave è in quarantena” 
In mare: “Fermate immediatamente la vostra nave.”
M MIKE  900px-Mike_flag.svg “La mia nave è ferma e senza abbrivio”
N NOVEMBER  900px-November_flag.svg  “Negativo” è il contrario della bandiera CHARLIE
O OSCAR  900px-Oscar_flag.svg  “Uomo in mare!”
P PAPA  900px-Papa_flag.svg In porto: “Tutti devono rientrare a bordo, la nave sta per salpare.”
In mare può essere usata dai pescherecci per comunicare “Le mie reti si sono impigliate in un ostacolo.”
Q QUEBEC  900px-Quebec_flag.svg “La mia nave è indenne e chiedo libera pratica.”
R ROMEO  900px-Romeo_flag.svg E’ un segnale per indicare una specifica procedura (ad esempio un rifornimento in mare).
S SIERRA  900px-Sierra_flag.svg (1) “Le mie macchine stanno andando indietro.”
T TANGO  900px-Tango_flag.svg  “Mantenetevi lontano da me, sono impegnato in operazioni di pesca a due battelli.”
U UNIFORM  900px-Uniform_flag.svg “State andando verso un pericolo.”
V VICTOR 900px-Victor_flag.svg  “Richiedo assistenza.”
W WHISKHEY  900px-Whiskey_flag.svg  “Richiedo assistenza medica.”
X X-RAY  900px-Xray_flag.svg “Sospendete quello che state facendo e fate attenzione ai miei segnali.”
Y YANKEE  Yankee_flag.svg  “La mia ancora sta arando.”
Z ZULU  900px-Zulu_flag.svg Richiedo un rimorchiatore.”
Se usato da pescherecci significa: “Sto calando le reti.”
       
 Intelligenza    ICS_Answer.svg E’ una bandiera di segnaletica speciale che ha diversi significati : – separa la parte intera dalla parte decimale di un numero;
– indica che si sta rispondendo ad un messaggio o che si è compreso il messaggio appena ricevuto;
– se issata dal trasmittente, indica la fine della comunicazione
       

Ecco  una selezione di alcuni tra i bi-lettere più comuni:

bl 1 bl 2 bl 3 bl 5 bl 6

Ecco le bandiere numeriche che indicano i numeri da 0 a 9 corredate del loro segnale Morse.

numeri

A proposito del codice Morse (quello usato per lanciare il famoso e tragico SOS), è stato per lungo tempo considerato lo standard per la codifica delle informazioni, grazie alla possibilità di inviare in aria segnali alfanumerici relativamente brevi per comunicare tra navi in mare e stazioni terrestri. Esso rimase lo standard internazionale per le comunicazioni marittime fino al 1999, prima di essere soppiantato dalle comunicazioni digitali.

I segnali delle Bandiere sono radicati nella tradizione marinaresca e nella praticità dell’uso e, nonostante i progressi della tecnica, rimarranno un sistema di comunicazione fra i marinai finché l’Uomo navigherà.

Chiudiamo con un BZ a tutti

900px-Bravo_flag.svg 900px-Zulu_flag.svg

 

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

Loading

(Visited 1.916 times, 1 visits today)
Share
5 1 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

22 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
22 visitatori online
22 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 24 alle 08:37 am
Mese in corso: 65 alle 12-05--2024 04:06 pm
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x