Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

Nelson all’arrembaggio di Santa Cruz – parte II

tempo di lettura: 7 minuti

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVIII SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: Nelson

 

Azioni preliminari

Il 23 gennaio 1797 erano arrivati a Tenerife i bastimenti armati San José” e “Principe Fernando, della Reale Compagnia delle Filippine, diretti in Spagna con merci delle Indie Orientali e i cui comandanti avevano deciso di fermarsi a Tenerife dopo aver saputo dello stato di guerra con l’Inghilterra. Le due navi della Compagnia, ancorate quasi al di fuori della protezione delle batterie della piazza, non ammainarono alberetti, pennoni e vele, non impiegarono catene per fissare gli ancoraggi, non accettarono i distaccamenti militari offerti a loro protezione, specialmente per la notte, dal governatore e si rifiutarono di sbarcare il carico e depositarlo nei magazzini reali di Santa Cruz. Forse il generale Gutierrez ritenne che trattandosi di navi dello stato, assimilate a navi della marina con comandanti che erano nello stesso tempo capi marittimi e militari, non fosse necessario ordinare loro di prendere quelle precauzioni che sarebbero state molto opportune.

Nel marzo del 1797 Nelson, pensando fosse vantaggioso intercettare le navi spagnole di ritorno in Spagna dalle Americhe e ritenendo che il viceré della Nuova Spagna con la nave del tesoro fosse in viaggio per Tenerife, scrisse all’ammiraglio Jervis proponendogli di agire. Il 31 marzo Jervis rispose comunicandogli che aveva inviato a Tenerife le fregate Terpsicore” e “Didone per intercettare le ricche navi di Veracruz e dell’Avana della cui partenza dall’America era sicuro. In una successiva lettera Nelson rilevò come ritenesse possibile impadronirsi delle navi che, per sbarcare il proprio carico, dovevano ormeggiarsi di punta al molo del porto, tagliando gli ormeggi col vento favorevole e facendo vela senza che i difensori potessero fare nulla per impedirlo.             

Le fregate “Terpsicore” e “Didone”, nella notte tra il 17 e il 18 aprile 1797, mandarono, con le lance, degli uomini all’abbordaggio del bastimento armato “Principe Fernando”, neutralizzarono l’equipaggio, tagliarono i cavi d’ormeggio, mollarono i velacci e le gabbie e presero il mare con la preda. Per la Compagnia delle Filippine non fu una completa perdita perché, a Gibilterra, dove era arrivata la preda, riuscì a riscattare nave e carico per la somma di 175mila pesos a fronte di un valore del solo carico di tre milioni di reali.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è NELSON-SANTA-CRUZ.jpg

L’attacco inglese a Santa Cruz – Olio su tela del tinerfegno Estaban Arriaga 1995 – Museo Militare e Municipale Regionale di Tenerife

Il 26 maggio arrivò a Santa Cruz la corvetta da guerra francese “La Mutine” per fare viveri e acqua, e si ancorò in rada. All’alba del 29 maggio gli inglesi ripeterono l’azione e le barche delle due fregate inglesi presero “La Mutine”, con a bordo 113 uomini su un equipaggio totale di 145, perché parte dell’equipaggio era a terra. Il 4 giugno, furono scambiati prigionieri francesi e spagnoli da una parte e prigionieri inglesi dall’altra.

All’inizio del luglio 1797, l’ammiraglio inglese Jervis, con la marina spagnola bloccata nella baia di Cadice, valutò possibile impadronirsi delle Canarie e sottomettere l’arcipelago alla corona britannica. Sarebbe bastato catturare la capitale Santa Cruz, unica piazzaforte e porto principale dell’arcipelago per trasformarla in una base d’appoggio inglese idonea a contrastare al meglio l’attività spagnola sull’oceano Atlantico e a tagliare il traffico mercantile tra l’America e la Spagna. A quello scopo distaccò il contrammiraglio Nelson come comandante di una squadra composta da tre vascelli, tre fregate, uno sloop e una bombarda.  In seguito inviò un altro vascello appena questo arrivò dall’Inghilterra. Il 14 luglio 1797 Nelson, che aveva proposto l’impresa, partì per le Canarie alzando la sua insegna sul vascello di linea “Theseus”; pensava di andare a compiere un’operazione non particolarmente difficile.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2023-11-19-213815.png

18 e 19 luglio 1797

Durante quelle giornate, le navi inglesi navigarono dirette alle isole Canarie.

20 luglio 1797

Mentre continuava il trasferimento, Nelson convocò sulla nave  ammiraglia i comandanti delle altre navi per illustrare il piano di attacco e distribuire i compiti. Il piano prevedeva di fare avvicinare le tre fregate, che avevano il pescaggio minore rispetto a quello dei vascelli, per sbarcare le truppe d’assalto. Di notte e in silenzio, le truppe sarebbero atterrate sulla spiaggia di Valle Seco, a due miglia a NE del porto. Una volta sbarcati gli assalitori avrebbero conquistato le alture circostanti, preso il controllo delle batterie a nord-est della città e preso alle spalle il forte di Paso Alto. Le truppe sarebbero state comandate dal capitano di vascello Troubridge, comandante del vascello di linea “Culloden”, con, ai suoi ordini gli altri comandanti delle navi, ciascuno a capo dei propri uomini, dal capitano Oldfield con i fucilieri di marina e dal tenente Baynes con l’artiglieria. La forza da sbarco sarebbe stata composta dai fucilieri di marina e dai marinai, questi ultimi nel numero di duecento per ogni vascello e cento per ogni fregata più quelli che ogni comandante poteva aggiungere, tenuto conto della necessità di manovra per navi e imbarcazioni. Gli uomini raggruppati per nave, sarebbero stati trasportati dalle proprie imbarcazioni con i remi fasciati per compiere uno sbarco silenzioso e contemporaneo di uomini e pezzi d’artiglieria.

I vascelli “Culloden” e “Zealous” avrebbero preparato ciascuno una zattera con un cannone da 18 pollici, la fregata “Seahorse” avrebbe preparato una zattera con un cannone da 9 pollici. il vascello “Theseus” avrebbe fornito le cime necessarie per il traino delle zattere. Completato lo sbarco, le fregate avrebbero dato fondo nella parte NE dalla baia mentre la bombarda “Ray” avrebbe aperto il fuoco con i suoi mortai o all’eventuale scoperta delle barche o all’inizio dei combattimenti e l’avrebbe mantenuto fino alla resa del nemico. All’alba e dopo che fosse stato conseguito il controllo delle batterie costiere, i vascelli di linea si sarebbero avvicinati per iniziare un pesante bombardamento sulla città per ottenere la consegna dei tesori dei mercantili ancorati al molo o fino alla completa distruzione della città. Se ancora la città non si fosse arresa, un’altra forza da sbarco avrebbe preso il molo e, da lì, lanciato l’assalto finale. A Troubridge, capo della spedizione, fu consegnata una lettera, scritta da Nelson, perché la facesse consegnare alle autorità cittadine, dopo lo sbarco:

Ho l’onore di informarvi che sono venuto a chiedere la consegna immediata della nave Principe delle Asturie, proveniente da Manila e diretta a Cadice, appartenente alla Compagnia delle Filippine, con l’intero e completo carico ed anche tutte quelle merci e beni già sbarcati sull’isola di Tenerife, eccetto i rifornimenti essenziali per l’isola.

Articolo 1: Dovranno essere subito consegnati, i forti e le porte della città, alle forze britanniche.

Articolo 2: La guarnigione deporrà le armi, si consente agli ufficiali di tenere le spade, per essere trasferita in Spagna senza essere considerata prigioniera di guerra o restare sull’isola purché abbia un comportamento ritenuto corretto dall’ufficiale comandante.

Articolo 3: Se sarà rispettato il primo articolo, relativo alla consegna dei forti, agli abitanti non sarà richiesto di consegnare alcun tributo, neanche minimo; invece godranno, sotto la mia protezione, della completa sicurezza per le loro persone e per le loro proprietà destinate al consumo degli abitanti.

Essendo mio ardente desiderio che nessuno degli abitanti dell’isola di Tenerife abbia a soffrire a causa della mia richiesta, offro le più onorevoli e liberali condizioni; se saranno respinte, dovranno essere imputati a voi, e solo a voi dal mondo intero, gli orrori della guerra che colpiranno gli abitanti di Tenerife; posso distruggere Santa Cruz e gli altri villaggi dell’isola con i bombardamenti”.

Il 21 luglio 1797 il brigantino spagnolo ”Regina Maria Luisa” arrivò a Santa Cruz, con corrispondenza per l’isola e per l’America meridionale; il suo equipaggio parteciperà alla difesa. La flotta inglese era ancora lontana dalla costa ma si avvicinava rapidamente per arrivare nel buio della notte del 22 luglio nelle acque di Santa Cruz.

Il primo attacco

L’attuazione del piano iniziò la sera stessa del 22 luglio1797. Le tre fregate si avvicinarono all’isola, misero in mare le forze da sbarco e si ancorarono davanti alla scarpata del Bufadero, fuori dalla portata dei cannoni spagnoli. Con ventitré barche fu formata una squadra diretta alla scogliera di Valle Seco, Mentre le imbarcazioni vogavano verso terra furono avvistate dagli spagnoli, tutta la piazzaforte era sul piede di guerra; fu dato l’allarme e i cannoni spagnoli aprirono un intenso fuoco contro le imbarcazioni riuscendo a danneggiarne alcune. Le forze da sbarco non avevano fuoco di copertura se non quello della bombarda armata di mortai perché i cannoni delle fregate erano fuori tiro. Le barche trovarono correnti contrarie e non riuscendo ad avvicinarsi a terra e soggette al fuoco nemico, si ritirarono e tornarono alle navi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è NELSON-schizzo-attacco-a-valle-seco.jpg

Schizzo a penna disegnato da Nelson per illustrare l’assalto a Valle Seco – Greenwich Museo Navale

La mattina del 23 luglio, tra le 9 e le 10, la forza d’assalto comandata dal capitano di vascello Troubridge fu in grado di sbarcare, con molte difficoltà, a nord di Paso Alto e fuori dalla portata dei suoi cannoni, nella zona del Bufadero. Una volta a terra, gli inglesi, stimati dal generale Gutiérrez tra i 1200 e i 1300 uomini, iniziarono la scalata al monte Ramonal, con l’intenzione di dirigersi da lì a sud, passare Valleseco e poi alla cresta di La Altura, e attaccare alle spalle il castello di Paso Alto. La manovra delle truppe inglesi si presentava molto faticosa e complicata perché l’andamento del terreno era assai ripido e quella giornata era caratterizzata da un caldo molto intenso.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nelson-mappa-di-santa-cruz-con-i-forti-698x1024.jpg

 Piantina della città con evidenziati i forti e le batterie della parte nord

Gutierrez aveva anticipato la manovra degli inglesi e aveva sistemato sul crinale dell’Altura e a sud di quel burrone, le forze provenienti da Santa Cruz e i 160 uomini mandati da La Laguna, equipaggiati, anche, con quattro piccoli cannoni “violette” di 40 mm per fermare gli attaccanti. 

In conseguenza del fuoco spagnolo, gli inglesi furono bloccati sul terreno del Ramonal, senza riuscire a muoversi. Inoltre ai soldati spagnoli appostati sul Risco dell’Altura, non mancava l’acqua, fornita dagli acquaioli di Santa Cruz; mentre scarseggiava per gli inglesi e ciò aggravava la loro situazione. Ciò nonostante Il comandante Troubridge fece portare la lettera con l’intimazione di resa agli spagnoli. Alla fine del giorno 23, ai circa 800 tra spagnoli e francesi, che avevano il vantaggio del terreno, si opponevano circa 1.000 inglesi ma l’attuazione del piano inglese era impossibile. Resosi conto della situazione, Troubridge decise di tornare alle navi e lo fece durante la notte del 23 luglio 1797.

Fine II parte – continua

Piero Carpani

.

in anteprima uno dei cannoni spagnoli di Santa Cruz chiamato “El Tigre”, conservato nel Museo Castillo de San Cristóbal sotto Plaza de España a Santa Cruz de Tenerife. Si dice che fu un colpo di questo cannone a ferire il braccio di Nelson nel 1797 – Plaza de España 16.jpg – Wikimedia Commons

 

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

 

PARTE I PARTE II PARTE III

 

Loading

(Visited 93 times, 1 visits today)
Share
5 2 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

Chi c'é online

6 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
6 visitatori online
6 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 16 alle 12:52 am
Mese in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Anno in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x