Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

Le forze navali speciali di Hamas attaccano nuovamente Israele

tempo di lettura: 6 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MEDIORIENTE
parole chiave: Hamas, incursioni, forze speciali
.

Il conflitto aperto tra Israele e Hamas è ormai un tragico dato di fatto. Mentre la comunità internazionale si dibatte sulla legittimità delle modalità di operazioni svolte dall’IDF nella striscia di Gaza, gli attacchi continuano incessanti da entrambe le parti seminando morte e distruzione.

Sui media spesso si disquisisce in maniera superficiale sui metodi impiegati senza ricordare che i conflitti armati hanno anch’essi le loro regole stabilite, oltre che dal diritto consuetudinario, anche dal diritto internazionale umanitario; in particolare, esistono regole accettate dai Paesi che le hanno ratificate che sono contenute sia nelle Convenzioni di Ginevra del 1949 sia in due Protocolli addizionali del 1977. La difficoltà giuridica nello stabilire ciò che è “legittimo” in questo caso è molto complessa tenendo conto che lo stato palestinese legittimo, la cui qualifica di Stato è ancora controversa, ha ratificato sia le Convenzioni di Ginevra del 1949 che i Protocolli addizionali del 1977 mentre lo stato di Israele solo quelle di Ginevra. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è PALESTINA-WIKIMEDIA-Gaza_War_18.07.2014.jpg

immagine di repertorio: Bombardamento della città di Gaza, 18 luglio 2014 – Autore Muhammad Al-Falistini Gaza War 18.07.2014.jpg – Wikimedia Commons

Un altro problema è la determinazione se Gaza continui a far parte dello stato palestinese (che ha sede in Cisgiordania), posizione non accettata dalla Corte suprema di Israele che, nonostante il ritiro del 2005, considera la Striscia ancora un territorio occupato. Quale che siano le ragioni, le ostilità con Hamas potrebbero essere qualificate come un conflitto armato internazionale o interno.  

Al di là delle legittimità reciproche, internazionalmente vi è una comune preoccupazione sia per una possibile intensificazione del conflitto sia per le conseguenze sulla popolazione della striscia di Gaza il cui numero di vittime civili sta aumentando in maniera preoccupante. Purtroppo al dolore del momento si somma la semina di un odio profondo, sia da una parte che dall’altra, che non farà che alimentare i conflitti futuri nell’area.

Dal settore marittimo
Nel panorama degli ultimi giorni voglio segnalare due eventi avvenuti sul mare e dal mare che ritengo debbano essere noti e correttamente interpretati.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-USA-WIKIMEDIA-USS_Carney_engages_Houthi_missiles.jpg

Il cacciatorpediniere lanciamissili classe Arleigh Burke USS Carney (DDG 64) ha ingaggiato tre missili Houthi e un numero imprecisato di droni Houthi nel Mar Rosso, il 19 ottobre. Carney è schierato nell’area operativa della 5a flotta degli Stati Uniti per contribuire a garantire la sicurezza marittima e stabilità nella regione del Medio Oriente – Foto della Marina degli Stati Uniti dello specialista di comunicazione di massa di seconda classe Aaron Lau USS Carney engages Houthi missiles.jpg – Wikimedia Commons

La scorsa settimana droni e missili da crociera da attacco terrestre Houthi sono stati intercettati in mar Rosso dal cacciatorpediniere lanciamissili USS Carney (classe Arleigh Burke). Nonostante la destinazione finale di questi missili sia sconosciuta, essi hanno una portata di oltre 2.000 chilometri (circa 1.240 miglia) per cui potrebbero essere in grado di colpire obiettivi in Israele. Per quanto concerne i droni, gli Houthi hanno una vasta gamma di droni kamikaze a lungo raggio, acquisiti con l’assistenza iraniana, già impiegati in attacchi precedenti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IRAN-Hoveyzeh_cruise_missile.jpg

Hoveyzeh cruise missile all’esibizione della difesa Eqtedar 40 a Tehran – autore Hossein Mersadi Hoveyzeh cruise missile.jpg – Wikimedia Commons

In particolare, sono considerati particolarmente insidiosi i missili cruise iraniani Hoveyzeh (or Soumar) e lo Shahed 136, un drone esplosivo pesantemente impiegato anche dalla Russia in Ucraina, che ha un raggio di azione maggiore di 2,500 chilometri.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IRAN-Shahed_136_rendering.png

L’HESA Shahed 136 è una munizione circuitante progettata dall’azienda aeronautica iraniana Shahed e costruita dalla Iran Aircraft Manufacturing Industries Corporation (HESA). In servizio dal 2021, quest’arma, nota anche con il nome russo Geran-2, è stata progettata per colpire bersagli a terra, eludendo le difese aeree, in un raggio di circa 2500 km dal sito di lancio con guida GPS o manuale – autore IdmentalShahed 136 rendering.png – Wikimedia Commons

E’ difficile dire se sia il preludio di un allargamento del conflitto o semplicemente azioni di “simpatizzanti” della causa di Hamas come nel caso delle azioni di fuoco effettuate recentemente dagli Hezbollah sul confine libanese.

 

Un secondo evento, che ha riguardato sempre il campo marittimo, è avvenuto martedì sera (24 ottobre) da parte di incursori appartenenti alle forze di Hamas contro una base israeliana. Hamas ha dichiarato “Una forza di uomini rana affiliati alle Brigate Al-Qassam è riuscita a infiltrarsi via mare e via terra sulle spiagge di ‘Zikim’ a sud di Ashkelon occupata, e ora si stanno verificando scontri armati con l’esercito di occupazione in quella zona“, un comunicato pubblicato su Telegram intorno alle 20:30, ora locale (13:30 EST).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è PALESTINESI-HAMAS-FROGMEN-1024x656.jpg

Immagine di propaganda di squadre di “frogmen” appartenenti alle battaglioni Qassam di Hamas سی و یک سالگی حماس؛ پیشرفت چشمگیر از فلاخن و سنگ تا معادله بازدارندگی – تسنیم (tasnimnews.com)

In risposta Israele ha ribadito, sempre su Telegram:
Oggi, le forze navali dell’IDF hanno individuato una cellula terroristica di Hamas che usciva da un tunnel sulla costa della Striscia di Gaza e tentava di infiltrarsi nel territorio israeliano via mare, vicino a Zikim” … “La Marina israeliana, l’IAF e i soldati di terra hanno colpito i terroristi e hanno contrastato il loro tentativo di infiltrazione. Aerei da combattimento dell’IDF e soldati della marina hanno colpito il tunnel e il magazzino di armi utilizzato dai terroristi nella Striscia di Gaza.

Un’azione che non sorprende in quanto la milizia di Hamas ha da tempo creato un’unità navale dotata di battelli veloci e subacquei con il compito di operare occultamente in territorio israeliano per attaccare le basi dell’IDF. Secondo le fonti aperte, Hamas avrebbe acquistato equipaggiamenti, compresi scooter subacquei commerciali, sul mercato commerciale mentre gli istruttori, con probabile istruzione nel mondo civile, hanno nel tempo studiato e perfezionato tattiche di attacco occulto. Non è la prima volta, nel luglio 2014, durante l’invasione israeliana di Gaza, quattro agenti di Hamas armati di armi automatiche, esplosivi e granate, nuotarono occultamente fino a riva vicino al Kibbutz Zikkim, sulla costa meridionale di Israele, e cercarono di distruggere un carro armato israeliano prima di essere uccisi. Secondo un portavoce delle IDF, Daniel Hagari, nell’ambito dell’organizzazione palestinese è stato creato nel tempo un reparto di sommozzatori incursori composto da centinaia di uomini, divisi in singole unità da cinque a quindici persone, in possesso di equipaggiamenti commerciali di superficie e subacquei ad uso civile ma anche di piccoli mezzi veloci per operazioni occulte di sabotaggio ed attacco ad obiettivi israeliani.

Secondo Shaul Chorev, un ammiraglio israeliano in pensione, a capo del Centro di ricerca sulla politica e la strategia marittima dell’Università di Haifa, Israele negli ultimi anni è sempre più preoccupato della possibilità di Hamas di effettuare attacchi marittimi occulti contro bersagli militari, in particolare il sistema di difesa Iron Dome utilizzato per abbattere i razzi lanciati dai militanti a Gaza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ISRAELE-Iron_Dome_in_Operation_Protective_Edge-1024x684.jpg

una batteria del sistema Iron Dome intercetta dei razzi lanciati da Gaza e diretti sulla città di Ashdod – autore Israel Defense Forces Iron Dome in Operation Protective Edge.jpg – Wikimedia Commons

La Marina israeliana ha già sventato con successo molteplici tentativi di infiltrazione di Hamas via mare, sia durante che dopo la recente incursione nel sud di Israele all’inizio di questo mese. Ciononostante l’uso del mare, come canale di infiltrazione, rappresenta una sfida complessa che spesso può eludere anche le tecnologie di sorveglianza più moderne e sofisticate.

Nel frattempo continua il gioco degli ostaggi, un mezzo per prendere tempo con la speranza che altri gruppi si uniscano contro lo stato di Israele. Per il momento l’intervento dell’IDF è stato ritardato grazie ai tentativi internazionali di mitigare l’ennesimo spargimento di sangue tra le due parti in cui le vittime, come sempre, sono spesso innocenti civili. La tensione è alta e, ora più che mai è necessaria un’azione urgente per affrontare la crisi umanitaria e cercare una strada percorribile verso una soluzione accettabile tr ale due parti in quel tormentato territorio.

Andrea Mucedola

.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

Loading

(Visited 240 times, 1 visits today)
Share
5 1 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
5 visitatori online
5 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 15 alle 12:00 am
Mese in corso: 27 alle 01-03--2024 02:29 pm
Anno in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x