Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

Recensione: La geopolitica anglosassone: dalle origini ai nostri giorni di Federico Bordonaro

tempo di lettura: 5 minuti

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: SAGGI
parole chiave: Geopolitica

 

La geopolitica anglosassone: dalle origini ai nostri giorni (Guerini, 2023) di Federico Bordonaro non è solo una storia del pensiero geopolitico anglo-americano dalle sue origini di fine Ottocento ai giorni nostri ma è anche un’acuta riflessione su come i concetti geopolitici classici siano tornati di grande attualità e ispirano, magari in modo “celato”, la politica internazionale e le strategie nazionali di sicurezza delle più importanti potenze mondiali.

Bordonaro ne valorizza, dopo un lungo percorso di analisi, la forza analitica che alla luce del conflitto tra Russia e Ucraina assumono una rilevanza particolare e ne legittimano la forza interpretativa. Tramontato il sogno della fine della storia di Fukuyama memoria, torna la guerra, il riarmo e lo scontro tra le grandi potenze protagoniste dello scenario mondiale. E gli Usa ribadiscono le priorità strategiche – sostiene l’autore – in opposizione alle potenze della massa continentale eurasiatica, Russia e Cina, ricalcando in qualche modo il pensiero della geopolitica classica ed in particolare di Mackinder; una strategia fondata sulla necessità per la potenza marittima di dominare lo spazio di terra fra Germania e Russia e i relativi mari chiusi il Baltico e il Mar Nero.

L’obiettivo è quello di indebolire la potenza russa ed isolare la Cina e di impedire la costituzione di un’aggregazione di potere in grado di sfidare la potenza americana.

Nell’idea di una non piccola fetta della classica politica americana anche qualcosa di più, come dimostra la politica estera attuata dalla amministrazione in carica. In due saggi pubblicati rispettivamente nel 2018 e 2020 sulla rivista Foreign Affairs il capo dell’attuale amministrazione americana offre una sintesi magistrale dell’utilizzo dei concetti della geopolitica classica. Molti degli elementi enunciati faranno poi parte della strategia nazionale di sicurezza degli USA pubblicata nell’ottobre del 2022. La geopolitica classica si prende una rivincita.

I documenti ufficiali statunitensi descrivono il ruolo degli Stati Uniti caratterizzato da quattro elementi che, sebbene siano interpretati da ciascuna presidenza in modo differente, rimangono comunque dei pilastri della politica estera e ne caratterizzano dal secondo dopo guerra la configurazione. In estrema sintesi:

leadership globale;
– difesa e la promozione dell’ordine liberale internazionale;
– difesa e la promozione della libertà, della democrazia e i diritti umani;
– prevenzione che emergano poteri egemonici in Eurasia.

L’ultimo di questi elementi è enunciato quindi come caratterizzante il ruolo degli Stati Uniti, sebbene alla classe politica americana non piace dichiararlo apertamente.

I presupposti teorici del pensiero strategico USA si basano sull’assunto che la geografia mondiale influenzi la strategia e questa, in ultima analisi, disegni la configurazione delle forze armate. Pertanto si constata, come aveva a suo tempo fatto Zbigniew Brzezinski, un politologo statunitense d’origine polacca che ricoprì l’incarico di Consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Jimmy Carter, che molte delle risorse e delle attività economiche così come la popolazione non sono localizzate in Occidente, ma in altri continenti ed in particolare in Eurasia.

L’Eurasia è il supercontinente assiale del mondo. Una potenza che dominasse l’Eurasia eserciterebbe un’influenza decisiva su due delle tre regioni economicamente più produttive del mondo: l’Europa occidentale e l’Asia orientale. Uno sguardo sulla mappa suggerisce anche un Paese dominante in Eurasia comanderebbe quasi automaticamente il Medio Oriente e l’Africa … il potere potenziale dell’Eurasia mette in ombra persino quello dell’America … La strategia degli Stati Uniti è quindi di assicurarsi che nessuno Stato o combinazione di Stati ottenga l’abilità di espellere gli Stati Uniti o anche solo diminuire il loro ruolo … in Eurasia”.

In risposta a questo dato evidente della geografia, la classe politica statunitense ha deciso ormai da diverse decadi di porsi l’obiettivo, come elemento chiave della politica sicurezza, di impedire l’emergere di poteri egemonici regionali in Eurasia in grado di contrastare la potenza egemone.

Questa strategia si basa su due presupposti:

–  la concentrazione di popolazione e di risorse naturali in Eurasia può dare origine ad un’aggregazione potenziale di potere tale da costituire una sfida esistenziale per gli USA;

– l’Eurasia non ha la capacità di creare un proprio ordine in grado di impedire l’emergere di un egemone regionale. Pertanto, l’Eurasia ha necessità di assistenza da parte di paesi esterni per evitare che emerga un egemone.

Impedire l’emergere di un potere vuol dire preservare l’ordine in Eurasia in modo che nessun potere prenda il sopravvento su altri o che si creino “aree di influenza”. Viene enunciato come un principio positivo dettato dalla preoccupazione di evitare un’affermazione delle autocrazie o di squilibri di potere in cui uno più forte si impone sull’altro più debole. La logica di questo ragionamento è ricalcata nel documento di Strategia Nazionale di sicurezza del 2022 in cui si legge:” Gli Stati Uniti sono una potenza con interessi globali. Siamo forti in una regione se siamo in grado mantenere un impegno assertivo in un’altra. Se qualche area regionale entra nel caos o viene dominata da una potenza ostile, questo fatto incide negativamente sui i nostri interessi.” Concetto che il Presidente Biden ha ribadito il 21 settembre 2023 all’Assemblea generale dell’ONU.

Insomma, ci troviamo di fronte alla messa in pratica dei principi teorici della geopolitica classica. Negli anni 80/90 Zbigniew Brzezinski, nel libro The great Chessboard, teorizzò che senza il controllo dell’Ucraina la Russia avrebbe perso il ruolo di potenza in Europa. Quindi, se si fosse voluto indebolire la Russia, si sarebbe dovuta impegnarla e contrastarla in Ucraina. Inserito in un quadro di competizione euro-asiatica, il conflitto russo-ucraino offre chiavi interpretative più efficaci della semplice teoria che attribuisce all’imperialismo russo la responsabilità principale.

Insomma, questi riferimenti alla recentissima attualità dimostrano come il libro sia ricco di concetti, categorie e teoriche che aiutano gli studiosi di geopolitica ad interpretare le dinamiche che stanno attraversando le vicende dell’Eurasia. Il libro di Bordonaro aiuta il lettore a superare modelli euristici il cui potere esplicativo è spesso legato alla necessità di propaganda piuttosto che al rigore scientifico.

Alberto Cossu
Vision & Global Trends. International Institute for Global Analyses

articolo pubblicato originariamente su La geopolitica anglosassone – Analisi Difesa

 

Nota sull’autore del saggio

Federico Bordonaro ha insegnato geopolitica e storia dell’Europa orientale nelle Università Webster (Vienna) e La Sapienza (Roma). È specialista di problemi di sicurezza europea, dei rapporti politico-strategici fra Russia e Occidente e del pensiero geopolitico occidentale. Ha pubblicato, con Maria Romana Allegri e Giuseppe Anzera, La potenza incompiuta. Scenari di sicurezza europea nel XXI secolo (Roma 2005), e numerosi saggi di storia e geopolitica su riviste italiane e straniere, tra cui il saggio prefazione a Phil Kelly, Saggi scelti di geopolitica classica (Callive, 2023)

La geopolitica anglosassone. Dalle origini ai nostri giorni di Federico Bordonaro – Terza edizione aggiornata ISBN: 9788881074808
Edizioni Guerini associati

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

Loading

(Visited 75 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
10 visitatori online
10 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 26 alle 10:55 am
Mese in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Anno in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x