Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

La casistica delle punizioni navali dal XVIII – XIX secolo – parte II

Reading Time: 5 minutes

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: CULTURA MARINARA
PERIODO: XVII – XIX SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Disciplina

 

La casistica delle infrazioni era sterminata e comportava anche colpe obiettivamente lievi come il non salutare per distrazione, la malavoglia nell’eseguire un ordine o il non mantenere il silenzio quando era prescritto. Si può invece essere d’accordo sulle pesanti sanzioni per colpe considerate molto gravi come il non osservare le debite  cautele nel maneggio delle polveri e delle fiamme libere, le assenze che non ricoprissero gli estremi della diserzione, il dormire o distrarsi durante i turni di guardia (che per un ufficiale erano puniti sempre con gli arresti di rigore) o abbandonare il posto senza permesso.

Alcune infrazioni erano tipiche dell’epoca velica come il passeggiare sul cassero sopravento, trovarsi o sedersi in certi punti della nave riservati agli ufficiali superiori o al personale di guardia ed erano puniti i sottufficiali che si presentavano privi del berretto e senza giunco in mano, emblema della loro autorità, di cui volentieri facevano uso sferzando i subordinati poco zelanti.

Vi era molta attenzione a proposito dell’ordine dell’uniforme e della propria persona che riguardava anche il personale civile imbarcato che non portava la divisa ma che  doveva essere sempre decentemente vestito (4). L’entità del castigo spettava al giudizio di chi infliggeva le punizioni, ma la normativa era vaga ed eccetto pochi casi la  scelta fra queste era sostanzialmente arbitraria. Incorrevano nello stesso tipo di sanzione, generalmente, tanto gli ufficiali che l’equipaggio anche se in certi casi per gli ufficiali la colpa veniva aggravata: così, come già detto, il dormire o abbandonare il posto di guardia o non essere in ordine con l’uniforme comportava sempre gli arresti di rigore, mentre per i gradi inferiori le sanzioni erano più miti. Molte infrazioni erano previste solo per la bassa forza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-PUNIZIONI-Black-list_men_mustering_for_water_grog._HMS_Chesapeake.jpg

Punizione nella Marina britannica durante i giorni di navigazione, inflitta ai marinai giudicati colpevoli di negligenza o ubriachezza. Consisteva nel diluire la quantità giornaliera di grog (water grog) con sei parti di acqua invece delle normali tre. Si trattava di una punizione caduta in disuso intorno agli inizi del XX secolo. Tratto da un album di sessantacinque opere su carta che documentano la spedizione di Masters del 1857-1861 dall’Inghilterra al Sud-Est asiatico con i Royal Marines, a bordo della HMS Chesapeake – Autore Lt. Col. William Godfrey Rayson Masters R.M. black-list men, mustering for water grog. HMS Chesapeake.jpg – Wikimedia Commons

In primo luogo va ricordata l’ubriachezza e il testo si preoccupa di precisare che … non si fa menzione degli ufficiali, Guardie Marina e Allievi mentre non è da supporre che si possano avvilire al punto di rendersi colpevoli di tale degradevole mancanza.

Lo stesso principio valeva anche per le risse. Venivano puniti solo i guardiamarina e i marinai per “non tenere in ordine il proprio posto”, e  “vendere effetti di vestiario”, mancanze che non potevano essere imputate agli ufficiali perché costoro avevano  alloggi privati e  pagavano di tasca propria l’abbigliamento  di cui quindi potevano disporre.

Viceversa venivano puniti sempre con gli arresti, anche di rigore, solo gli ufficiali e i guardiamarina, che avevano a disposizione entrambi un proprio quadrato, quando facevano a tavola discorsi atti a turbare la morale o intorpidare il buon regime della gamella.

Agli ufficiali era proibito fumare per le strade cittadine i locali pubblici mentre – se non si tratta di un’omissione – alla bassa forza era permesso farlo liberamente e comunque a bordo non c‘erano restrizioni per il fumo, a parte le ovvie precauzioni.

Una mancanza che getta una luce inedita sulla vita di bordo era quella commessa da chi usava la cucina per cucinarsi o cuocersi qualcosa. Non che fosse vietato, ma bisognava richiedere il permesso al sottufficiale incaricato della sorveglianza del servizio. Probabilmente questa abitudine era tollerata in considerazione della monotonia del rancio, spesso insufficiente per l’appetito dei giovani e, chi poteva, integrava le razioni con qualcosa acquistato a terra o ricavato con la pesca.

Venivano puniti, anche con il rimprovero in pubblico e fino agli arresti di rigore, l’ufficiale o il sottufficiale colpevoli di usare modi o parole ingiuriose verso gli inferiori di grado, specialmente se dirette a intaccare l’onore personale o quello del paese della nascita, ma naturalmente era vietato anche ai marinai pronunciare fra loro parole ingiuriose o in disprezzo del servizio.

Infine esistevano anche alcune sanzioni che oggi potremmo definire “amministrative” previste per coloro che avevano determinate  incombenze: vi erano multe o ritenzioni dallo stipendio per coloro che non rispettavano le norme contabili, i rendiconti o la tenuta del giornale o dei documenti di bordo, oppure erano responsabili di errori o ritardi nella corresponsione delle paghe. E’ ovvio che poteva rendersi colpevole solo il ristretto numero di coloro che sapevano leggere e scrivere, partendo quindi dal Primo Luogotenente, cioè dal comandante in seconda e finendo con i sottufficiali di grado più elevato.
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-ORDINE-DI-PUNIZIONE-EVANGELISTI.png

Modulo di punizione – dalle “Istruzioni provvisorie per il servizio dei bastimenti da guerra della Marina di S.M.”

Era infine considerata una colpa grave il matrimonio senza permesso: per gli ufficiali e i sottufficiali “brevettati” esso doveva essere richiesto al Re mentre per il personale dei restanti gradi veniva informalmente concesso dai propri superiori. Nel primo caso la trasgressione comportava una comunicazione al Ministro cui spettava una decisione che poteva arrivare alla revoca dall’impiego mentre il malcapitato veniva posto agli arresti in attesa di questa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-MANUALE-ESECUZIONE-PENA-AI-FERRI.png

Modalità per l’esecuzione della pena dei ferri secondo il Codice di disciplina della Regia Marina del 1893

Per l’equipaggio c’erano i ferri e la prigione con in aggiunta il divieto di essere visitati dalle loro donne ed è da notare che al proposito il testo non usa la parola …. moglie (5).

Guglielmo Evangelista

 

Note

  • Anche Giuseppe Garibaldi, arruolatosi nella Marina Sarda nel 1833 ed imbarcato sulla fregata Euridice, confessa nelle sue memorie: la mia missione colà era di fare de’ proseliti alla rivoluzione ed io me ne era disimpegnato della miglior maniera.
  • La pena dei ferri sopravvisse a lungo anche dopo l’abolizione delle altre punizioni corporali che avvenne, almeno formalmente, in tutte le marine europee poco dopo la metà del XIX secolo. Il “Regolamento di disciplina per i militari indigeni dei Regi Corpi di truppe coloniali” del 1937 ancora prevedeva per costoro la pena dei ceppi.
  • In base al Codice Penale militare i Consigli di guerra avevano il potere di condannare alla reclusione fino a vent’anni, ai lavori forzati che potevano essere anche a vita, ai colpi di verga (fino a milleottocento!) e nei casi più gravi in tempo di guerra alla morte col laccio sulle forche o alla fucilazione nella schiena.
  • Su tutte le navi imbarcavano i Commessi ai viveri, rappresentanti l’impresa appaltatrice dei rifornimenti, incaricati della conservazione e del consumo dei prodotti. Durante le campagne di istruzione imbarcavano anche cuochi e famigli delle Scuole di Marina.
  • Furono numerose le disposizioni che regolarono il matrimonio dei militari. La legge italiana del 31 luglio 1871 stabiliva che un ufficiale era tenuto a chiedere il permesso del Re e a dimostrare di avere una rendita non inferiore a 2000 o 1200 lire annue a seconda del grado. Per i sottufficiali il permesso veniva dato dal Ministro della Marina e la rendita doveva essere almeno di 400 lire. Tali rendite potevano essere sostituite da un uguale importo portato in dote dalla moglie e queste somme, all’epoca, corrispondevano sostanzialmente alle paghe di un tenente e di un operaio.

Guglielmo Evangelista

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 310 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli per tutti

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli specialistici

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x