Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La vita ed il mistero del tesoro di Captain William Kidd

Reading Time: 6 minutes


livello elementare 
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVII SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: pirateria

 

Il tesoro di Kidd
Sembrerebbe che parte del favoloso tesoro appartenente al famigerato Captain William Kidd sia stato ritrovato in Madagascar. Sarà vero? Ma chi era Captain Kidd? La vera storia di questo corsaro del XVII secolo merita di essere raccontata perché supera la miglior sceneggiatura di un libro di avventura.

William Kidd fu un controverso e spietato corsaro scozzese, assunto dalla Corona inglese per attaccare le navi straniere (soprattutto francesi) con una patente di corsa. Nato a Dundee, Scozia, nel 1645, dopo aver lavorato con molti equipaggi corsari, si fece, per cosi dire, un nome nel ramo. L’ambizioso Kidd salpò quindi per l’America per rifarsi una nuova vita e, soprattutto, alla ricerca di ricchezze; a New York, conobbe e sposò una ricca vedova ma, soprattutto, instaurò molte amicizie importanti che gli servirono per finanziare la sua particolare attività.

Kiddcomm

Il contratto di corsa di William Kidd

Il primo contratto di corsa di William Kidd
Quando la tensione tra Inghilterra e Francia si trasformò in una vera e propria guerra, Kidd fu  incaricato, come Privateer (altro termine legale per corsaro), di proteggere le navi inglesi nei Caraibi dagli attacchi dei feroci bucanieri francesi. Nel 1695, tornato in Inghilterra per ricevere una commissione reale per la sua attività di corsaro conobbe l’ambiguo e corrotto Richard Coote Earl Bellomont, che era stato nominato governatore di New York. Nel maggio 1696, Captain Kidd salpò con l’Adventure Galley, una nave da 34 cannoni con un equipaggio ridotto di 80 uomini (la nave ne poteva portare 160). La nave era una fregata di 38 metri di lunghezza che poteva raggiungere la velocità di 16 nodi a vele spiegate e 3 nodi a … remi. Era infatti un vascello leggero ibrido che consentiva entrambe le propulsioni. La propulsione a remi era spesso usata anche in battaglia per facilitare l’arrembaggio.

Richard Coote Earl Bellomont

Nel 1697, fu raccomandato a Richard Bellomont di assumere William Kidd come corsaro nella lotta alla pirateria. L’incontro fra i due fu produttivo e Bellomont fece approvare il piano di impiego per il rilasciò a Kidd da parte della Corona inglese di una nuova lettera di corsa. Da parte sua Bellamont stanziò 6.000 sterline, di cui 1.000 di tasca sua, affinché Kidd potesse meglio equipaggiare la sua nave. Sotto la sua direzione e sostegno finanziario, Kidd poté operare nelle Indie Occidentali con il patto che il bottino sarebbe stato condiviso tra Kidd, i suoi uomini e naturalmente i suoi sostenitori. Con il senno del poi, gli storici pensano che ci fosse un patto occulto fra i due, che prevedeva una spartizione a due  delle ricchezze catturate. Forse non si saprà mai, ma di fatto Bellomont fu in seguito rimosso dal suo incarico per la sua eccessiva benevolenza verso i pirati che venivano catturati (in cambio di cospicue somme di denaro).

images (4)

l’Adventure Galley, nave da 34 cannoni e 80 uomini di equipaggio

Inizialmente Kidd fu incaricato di catturare le navi francesi e pirate che navigavano a largo delle coste del Madagascar, un punto di sosta per molti pirati. Prima di partire, nei primi mesi del 1697, il corsaro assunse una banda di marinai specializzati a New York di rinforzo al suo equipaggio. A questo punto la storia navale si mescola alla leggenda e si basa su testimonianze, spesso di parte e non provabili, che non fanno certo chiarezza.  Il viaggio di corsa della Adventure Galley fu lungo e ricco di bottini, e non solo di navi francesi, accrescendo la sinistra fama del Capitano. 

bios_william_kidd_2

l’impiccagione di Kidd

In realtà Kidd non si faceva molti problemi e arrembava qualsiasi nave incontrava. Il Capitano riferiva che tutto l’oro catturato era stato catturato solo a bordo delle navi francesi e dei pirati da lui arrembate. Nel gennaio 1698 la sua fortuna cambiò quando incrociò il Quedagh, un mercantile armeno da cinquecento  tonnellate che trasportava un ricco tesoro di oro, seta, spezie ed altre ricchezze di proprietà in buona parte di un ministro indiano alla corte del Gran Moghul. La nave fu assalita e dopo un terribile combattimento, Kidd catturò il più grande tesoro pirata di tutti i tempi.

Il ministro indiano, colpito nei propri interessi, presentò subito una denuncia di pirateria alla East India Company, la grande e influente società di trading inglese. Grazie all’influenza politica del Gran Moghul, la denuncia fu immediatamente valorizzata e la stella di Kidd incominciò a tramontare. L’ultimo viaggio della sua nave, l’Adventure Galley, fu verso l’isola di  Santa Maria.

In seguito Kidd riferì che la sua ” gally was very leaky,  probably because of a rotten hull. La nave giunse all’isola di Santa Maria il primo di aprile, accompagnata dalla ex Rouparelle ora chiamato November e dal Quedagh rinominato Adventure Prize. All’arrivo in rada parte dell’equipaggio, scontento della suddivisione del bottino della Quedagh,  si ammutinò e si imbarcò sulla nave di un’altro pirata Robert Culliford affondando la November. Kidd restò con solo tredici uomini sulla Adventure Prize mentre la sua compagna di mille avventure, la Adventure Galley, irrimediabilmente danneggiata nel combattimento, incominciò ad imbarcare lentamente. Uno dei membri dell’equipaggio riportò che Kidd vista l’impossibilità di recuperarla portò la Adventure Galley in secca e la incendiò.

Il corsaro salpò quindi per i Caraibi ed arrivò poi a Boston dove però una sorpresa lo attendeva. Al suo arrivo Kidd fu immediatamente arrestato e trasferito a New York dove venne processato per direttissima, l’8 maggio del 1701. Il tribunale lo condannò a morte e decise di trasferirlo a Londra per un’impiccagione solenne. Durante il processo, gli ex membri del suo equipaggio testimoniarono (in cambio della propria libertà) che Kidd era colpevole ed aveva fatto un patto con altri pirati a Saint Mary.

kiddInoltre, testimoniarono che avevano visto il capitano Kidd prendere una tazza di rum e lime e giurare di essere fedele alla causa dei pirati violando il patto di corsa. Naturalmente nel processo Kidd negò: “Questo è solo ciò che questi testimoni dicono“. Interrogato sul suo favoloso tesoro disse di averlo seppellito in un’isola dei Caraibi. Considerando che i preziosi ritrovati sulla sua nave furono stimati in solo 30.000 sterline, l’equivalente di circa 10 milioni di sterline di oggi, è presumibile che il resto del tesoro sia stato nascosto dal pirata prima di essere catturato. Al termine del processo Kidd fu riconosciuto colpevole di pirateria e, alla presenza di una grande folla, impiccato il 23 maggio 1701.

Colpevole?
Certamente si ma con la sua morte sparì anche un importante e pericoloso testimone degli intrighi del perfido Bellemont. Le cronache dell’epoca raccontano che durante l’esecuzione la corda del boia si spezzò e Kidd cadde a terra ancora vivo; fu quindi ricondotto su per i gradini del patibolo per la seconda volta ma questa volta la corda lo mantenne forse spezzandogli il collo. Dopo l’esecuzione, il suo corpo venne immerso nel catrame e appeso ad una catena per due anni lungo una sponda del Tamigi, come monito per potenziali futuri pirati.

3803

Capt Kidd nasconde il suo tesoro

Un tesoro nascosto che gli è sopravvissuto
Nessuno conosce il luogo dove il tesoro del capitano William Kidd sia stato nascosto. Durante il processo Kidd disse di averlo seppellito nei Caraibi ma dove non fu mai rivelato. Forse un ultimo tentativo di salvare la sua vita in cambio di tanti preziosi? Kidd non aveva forse capito che Bellemont aveva amici potenti e molto da perdere. Il pirata doveva morire, costi quel che costi. Ad oggi, nessuno ha trovato tracce del favoloso tesoro. Con l’ultimo respiro di Kidd sotto il ponte di Londra la sua posizione andò perduta, forse per sempre. Ma le sorprese non mancano mai. Recentemente si è sparsa la voce che nelle acque dell’isola di Santa Maria sia stata trovata parte del suo “tesoro”, una grande barra d’argento. Nei fangosi fondali del porto, è stata infatti segnalata la carena di un vascello che potrebbe essere la sua sfortunata nave, bruciata ed affondata nel 1699. La barra è stata ritrovata da Barry Clifford, un cercatore di tesori nordamericano, che ha affermato di credere che ci siano molte altre barre nascoste nel relitto. Una squadra dell’UNESCO, organismo culturale delle Nazioni Unite, ha visitato il sito per verificare le affermazioni di Clifford ed ha dichiarato che il lingotto “argento” da lui ritrovato non è d’argento ma solo una barra costituita dal 95% di piombo. I ricercatori non si danno per vinti e la ricerca del tesoro di Kidd continua.

Andrea Mucedola

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 2.031 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

9 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »