Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

Dietro le quinte di un Dive Show

tempo di lettura: 4 minuti

.

ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: METODO
parole chiave: organizzazione

 

Per un appassionato di subacquea andare ad un dive show è come per un bambino andare in un negozio di dolci: attratti dalle tante novità, pronti a toccare con mano quell’attrezzatura che abbiamo visto in qualche rivista specializzata, contenti di rivedere amici ed interessati a partecipare a qualche convegno e conferenza.

Ma cosa accade prima? Come si organizza un evento che spesso coinvolge espositori da ogni parte del mondo?
La partecipazione alle fiere della subacquea è quasi sempre programmata da un anno all’altro. Aziende ed espositori, infatti, devono avere il tempo di organizzarsi. Oltre a prenotare lo stand, le cui dimensioni variano in funzione del materiale che si vuole presentare ma anche del budget disponibile, occorre trovare l’alloggio, i voli, organizzare il trasporto dei materiali e pubblicizzare con buon anticipo la propria partecipazione per attirare potenziali clienti. Pianificare lo stand è uno dei punti più importanti per assicurarsi un buon impatto visivo. Occorre definire che tipo di grafica si vuole usare, identificare l’illuminazione migliore per esaltare i prodotti presentati, avere uno spazio per ricevere i clienti, scegliere “strategicamente” la propria posizione rispetto agli altri stand. In molte fiere quest’ultima importante decisone è facilitata dagli organizzatori che definiscono “aree tematiche” per gli espositori. Ad esempio, una zona per i diving che offrono viaggi, un’altra per le didattiche e altre ancora per i produttori e rivenditori. Una volta che le dimensioni dello stand sono state definite si passa alla scelta dell’attrezzatura da esporre.

La scelta dovrebbe coprire tutte le tipologie offerte con particolare attenzione ai prodotti che si vogliono evidenziare di più. Sebbene la programmazione cominci con molto anticipo bisogna anche essere flessibili a cambiamenti dell’ultimo minuto. Un nuovo prodotto che non è pronto come previsto e che deve essere sostituito, qualche nuova richiesta da un cliente importante, un avvicendamento del personale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Show_room_before-1024x767.jpg

Uno dei nodi logistici cruciali è come movimentare i materiali. Ovviamente le necessità di un produttore di maschere sono molto diverse da quelle di un produttore di bombole in termini di pesi e mezzi di trasporto. Per le fiere all’estero bisogna anche considerare gli obblighi doganali ed eventuali permessi di trasporto. Una volta che la parte burocratica ed amministrativa è risolta si passa alla fase operativa. Di solito gli espositori arrivano in fiera almeno un giorno prima dell’apertura al pubblico. Questo è il minimo necessario per montare lo stand e preparare i materiali. Lo spazio fieristico, all’inizio dei lavori, è quasi sempre rappresentato da un ambiente coperto di notevoli dimensioni ma praticamente privo di rifiniture. Il pavimento è diviso nei vari settori, le posizioni degli stands sono marcate da codici e numeri. All’inizio è difficile orientarsi ma dopo qualche tempo si capisce la struttura della fiera e si crea una specie di “mappa locale” del proprio stand in relazione agli altri.  Le ore che precedono l’apertura al pubblico sono caratterizzate da un’intensa attività. Col passare del tempo i vari stand prendono forma. È interessante vedere come strutture anche complesse siano stivate in contenitori relativamente piccoli e vengano montate come in un puzzle tridimensionale. Se da una parte gli espositori sono al lavoro sui propri stand, dall’altra il personale fieristico continua a preparare gli spazi comuni. Il pavimento viene coperto con tappeti, imballaggi e rifiuti vengono prontamente rimossi, si installano cartelli e si sistemano le indicazioni necessarie per orientare il pubblico nel dedalo di stand e corridoi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è stand_DS-1024x768.jpg

Finalmente si arriva alla fatidica ora dell’apertura. Le aspettative di tutti sono elevate. Quanto pubblico ci sarà? Si riusciranno a stringere accordi interessanti? I nuovi prodotti presentati verranno apprezzati? Nei prossimi giorni si capirà se il tempo e le risorse investite hanno dato i frutti sperati. La giornata di un espositore inizia di solito presto. Tipicamente ci si incontra con gli altri colleghi nella sala colazione dell’albergo, tra un cappuccino ed una pasta si pianificano gli impegni. Una volta in fiera le ore passano veloci; si descrivono i prodotti, si discutono accordi commerciali si cerca di presentare al meglio la propria produzione. Quando, finalmente, si chiudono le porte per la giornata bisogna risistemare lo stand e prepararlo per la prossima apertura prima di rientrare in albergo. Durante la cena si discute dei risultati della giornata appena trascorsa e si pianifica la prossima prima di rientrare in camera per il meritato, spesso breve, riposo. Le giornate si ripetono in questo modo per i giorni della fiera fino al giorno di chiusura. Ancora una volta lo spazio fieristico subisce una profonda trasformazione con gli stand che “scompaiono” nei contenitori e l’intenso via vai dei mezzi di trasporto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Show_room_after-1-1024x768.jpg

Una volta rientrati in sede è il momento dei bilanci. Siamo riusciti ad attrarre nuovi clienti? Abbiamo concluso qualche accordo utile? Siamo soddisfatti del nostro lavoro? Quali che siano le risposte non c’è molto tempo per analizzarle. Bisogna iniziare a prepararsi per la prossima fiera che, come sempre, speriamo sia un altro successo. 

Giorgio Caramanna

 

tutte le foto sono di proprietà dell’autore – photo credit @Giorgio Caramanna

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 87 times, 1 visits today)
Share
5 1 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
7 visitatori online
7 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 16 alle 12:24 am
Mese in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Anno in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x