Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Vintage Video: Cousteau’s Rediscovery of the World – “acque di fuoco – Fire waters”

Reading Time: 3 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: VIDEO
PERIODO: XX SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: Tahiti, Bora Bora
.

coulombe (41)

le acque della Polinesia francese viste da Smartshot … un paradiso da difendere e preservare dalla pazzia umana … il documentario di oggi ce le racconta con gli occhi del secolo scorso … SAVE THE OCEAN

Tahiti … acque di fuoco
Nel documentario di oggi “Tahiti: l’eau de feu“, o Fire waters, girato nel 1988, Cousteau viaggia tra le 130 isole della Polinesia Francese, sparse nel Pacifico centro-meridionale. Il video dovrà essere visto cliccando sul link youtube.

Il comandante Cousteau ci accompagnerà dapprima alle Isole della Società dove scopriremo uno degli ultimi rifugi della tartaruga di mare. Poi ci accompagnerà più a Est, a Fakarawa e Marokao che ci daranno un terribile esempio della forza distruttiva dei tifoni che interessano quest’area. Navigando verso le isole australi scopriremo cos’è un hot spot e faremo tappa sull’isola di Rapa. Purtroppo, una realtà meno idilliaca e terrificante ci accoglierà nella visita all’atollo di Mururoa, sede del Centro di Sperimentazione Nucleare francese del Pacifico.

Mururoa
L’atollo di Mururoa è quanto rimane di un vulcano estinto che si estende sotto il livello del mare fino a una profondità di 3000 metri. Il lento sprofondamento del vulcano, al ritmo di un millimetro all’anno, ha permesso la graduale crescita dei coralli nella zona di acque poco profonde, mentre la cima emersa del vulcano veniva erosa.

PH277-Sirius-Moruroa

esperimento nucleare PH277-Sirius Moruroa

All’interno del vulcano, ad una profondità di circa 500 metri, sono stati effettuati nel trentennio 1966-1996 ben 179 esperimenti nucleari di cui 41 atmosferici e 138 sotterranei. È stato calcolato (citazione su wikipedia) che ogni esplosione creò una sfera di roccia fratturata da 200 a 500 metri di diametro, a seconda dell’energia della bomba; per dare un’idea, la potenza accumulata dal 1975 a Mururoa corrisponde allo scoppio di 200 bombe del tipo impiegato di Hiroshima.

Nonostante il governo francese abbia dichiarato che la zona della Polinesia francese sia priva di ogni rischio ambientale e di inquinamento da radiazioni, l’accesso all’atollo è ancora vietato.

L’incidenza di tumori nella zona è relativamente elevata. Uno studio compiuto da un organismo ufficiale francese, l’Aven, che si batte da anni per il riconoscimento dei danni alla salute umana provocati dagli esperimenti nucleari, ha dichiarato che la posizione del ministero della Difesa francese (e del governo), su quelli che hanno sempre definito “esperimenti puliti“, non è sopportabile.

Bora Bora
Ma il viaggio di Cousteau non poteva chiudersi se non con la visita all’atollo di Bora Bora, in quel mare straordinario che da sempre richiama, nell’immaginario collettivo, l’ultimo paradiso. Situato a 250 km a nord-ovest di Tahiti, Bora Bora sorge al centro di una laguna, circondata a nord ed a est da due lunghi motu (rilievi sabbiosi sul livello dell’oceano con un’altezza che va da poche decine di centimetri fino a qualche metro, sul margine delle barriere), chiamati Motu Mute e Motu Piti Aau. A nord-est la barriera affiora con altri piccoli motu separati da brevi tratti di mare di poca profondità, e con l’isolotto di Tevairoa.

Infine a sud-ovest sorge un altro motu, Motu Toopua. Tra quest’ultimo e Tevairoa si trova un altro piccolo isolotto, Teavanui, in prossimità del quale è presente l’unico punto in cui la barriera corallina si interrompe e consentendo alla laguna di comunicare con l’Oceano. Per il resto la barriera corallina cinge Bora Bora come una diga, e questo avviene anche a sud, dove non affiorano dall’acqua motu o isolotti. Questa caratteristica la rende unica.

coulombe (25)

photo Smartshot, Tahiti

Certo che, negli anni in cui fu girato il documentario, Cousteau non immaginava la creazione dei vortici di plastiche e l’imbiancamento delle barriere coralline che stanno ormai minacciando anche questi ultimi atolli. Ma godiamoci questo documentario (seguite il link su Youtube) e cerchiamo di essere positivi, sperando nel futuro.

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 413 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

22 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »