If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

L’inquinamento marino, cause ed effetti … che fare? di Andrea Mucedola

livello elementare
.

ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: ATTUALE
AREA: OVUNQUE
parole chiave: inquinamento, emergenze ambientali, plastica

 

Sul nostro pianeta sono presenti circa un miliardo e mezzo di metri cubi di acqua di cui il 97 % è costituito dall’acqua salata dei mari mentre il restante 3 % è l’acqua dolce contenuta nei laghi, nei fiumi, nei ghiacciai e nelle falde acquifere. Queste acque si differenziano secondo le loro caratteristiche chimico e fisiche (temperatura, colore, densità, torbidità, contenuto di sali e gas disciolti, elementi chimici presenti nell’acqua e la loro composizione) e naturalmente biologiche (per la presenza di microrganismi). In base alle loro caratteristiche specifiche esse possono essere idonee all’uso alimentare ed all’impiego nell’agricoltura o nell’industria. Il loro uso a scopi alimentari è regolato da linee guida  che vengono approvate dal Ministero della Salute, secondo regole nazionali ed europee.

Un avvelenamento costante
I dati sull’inquinamento del pianeta purtroppo mostrano un progressivo avvelenamento delle riserve acquifere e del mare. Ultimo, ma solo  temporalmente, quello delle micro fibre, inferiori ad un micron  provenienti dai prodotti plastici che, sfuggendo ai sistemi di filtraggio, possono venire ingerite dagli esseri viventi con conseguenze per la salute ancora da stabilire. 

C’è molto da fare e le soluzioni non sono sempre così semplici. Vanno considerati aspetti sanitari, economici e politici che necessitano un’unità di intenti che, fino ad ora, è apparsa solo nelle dichiarazioni dei Capi di Stato.

inquinamento alto mare

inquinamento in alto mare

Ma quali sono le cause maggiori dell’inquinamento delle acque?
Quando si affronta il problema dell’inquinamento delle acque ci si riferisce principalmente alle interazioni antropiche che hanno modificato le caratteristiche originali di una falda d’acqua o del mare. Esso avviene principalmente a causa degli scarichi fognari e della acque bianche degli abitati. Non sempre è visibile, come in questa sconvolgente foto di un fiume indonesiano (considerato tra i più inquinati del mondo) ma per la maggior parte delle volte è subdolo e nel tempo comporta gravi problemi sanitari alle popolazioni. 

Pictured the Citarum of Indonesia, the world's most polluted river

Foto del fiume Citarum, in Indonesia, considerato il fiume più inquinato del mondo

Questo può avvenire quando acque inquinate si riversano, senza un adeguato trattamento di depurazione e filtrazione, nei fiumi o direttamente in mare. Può essere causato da cause accidentali per la rottura di tubature o condotte di deflusso oppure per cause di natura criminale. Qualunque sia la causa vedremo che pur essendo questi eventi tutti punibili dalla legge, spesso sfuggono alla giustizia. In pratica risulta sempre difficile trovare i colpevoli e chi ne paga le conseguenze sono i cittadini, spesso ignari delle conseguenze.

Un’altra causa di inquinamento è dovuta  a sostanze derivanti dagli scarti o dalla stessa produzione industriale che vengono disperse nei laghi o nelle condotte di deflusso. Riversandosi nel terreno, esse filtrano nelle falde e possono ritornare in superficie attraverso pozzi, canali ed i fiumi prima di raggiungere il mare; le acque contengono una grande carica inquinante, altamente nociva per la salute, ed il loro impatto sull’ambiente è complesso, duraturo e non sempre prevedibile.

Non ultima causa di inquinamento è quella derivante dall’uso massivo di fertilizzanti e pesticidi che, penetrando nel terreno delle colture, contaminano le falde acquifere sottostanti che alimentano i pozzi impiegati per t’innaffiamelo delle culture o l’uso domestico. E’ ormai noto che alcune di queste sostanze chimiche sono particolarmente pericolose per la salute dell’uomo e per la sopravvivenza di numerose specie animali.  Ad esempio, metalli pesanti (cromo, mercurio) e cloruri, se assimilati attraverso la catena alimentare, possono causare nell’uomo l’insorgenza di tumori.

A queste cause va aggiunto l’inquinamento antropico diretto derivante dalla cattiva gestione dei rifiuti solidi e dalla ineducazione civica di molti. Ancora si assistono a roghi di rifiuti  i cui fumi producono diossine che, penetrando nel terreno, lo avvelenano. Anche queste sostanze possono arrivare al mare incrementando gli inquinanti e minando gli ecosistemi.

This picture taken on December 13, 2011 shows a woman collecting a sample of the red polluted water flowing from a sewer into the Jian River in Luoyang, north China's Henan province. The cause of the river becoming apocalyptic in character was red dye being dumped into the city's storm water pipe network, by two illegal dye workshops,the Luoyang Municipal Environmental Protection Bureau said on December 14, 2011, as authorities said they were working to shut down the workshops, and to disassemble the workshops' machinery. AFP PHOTO CHINA OUT

Questa foto fu scattata il 13 dicembre 2011 e mostra una donna che raccoglie un campione dell’acqua rossa inquinata che scorre da una fogna nel fiume Jian a Luoyang, nella provincia cinese di Henan. La causa dell’inquinamento del fiume, che assunse un carattere apocalittico, fu il versamento nella rete di tubature dell’acqua della città di un colorante da parte di due officine illegali, (fonte il Luoyang Municipal Environmental Bureau 14 dicembre 2011) Le autorità intervennero immediatamente per chiudere le officine. FOTO AFP 

Versamenti chimici più o meno accidentali (se non colposi) possono avvenire anche nei fiumi (come nel 2017 in Brasile) ed a volte regalano colorazioni delle acque come in questa foto scattata lungo le rive di un fiume cinese a seguito del versamento involontario di un colorante nelle acque. La causa fu dovuta a due fabbriche illegali che riversarono il liquame in fogna causando conseguenze sanitarie importanti in una grande area geografica. Purtroppo non è solo quello che si vede che ci deve far preoccupare ma anche quello che non vediamo.

Arriviamo al mare
Ma l’inquinamento può avvenire anche in alto mare. Forme importanti di marine pollution sono causate dal versamento più o meno accidentale di idrocarburi; l’esperienza insegna che questi incidenti, pur avendo un’incidenza statistica minore se raffrontata a quella terrestre, quando avvengono provocano disastri ecologici gravissimi.

Tra i tanti eventi voglio ricordare il drammatico naufragio della petroliera greca Prestige che affondò al largo delle coste spagnole nel 2002, portando con se 77.000 tonnellate di petrolio. Il grave incidente causò una vasta marea nera che colpì una zona costiera compresa tra il nord del Portogallo e la Francia, causando un notevole impatto ambientale sulle coste.

Va sottolineato che sebbene la Prestige, di proprietà greca ma battente bandiera panamense, avesse perso in mare solo cinque mila delle settantasette mila tonnellate di “oro nero”, gli effetti sull’ambiente furono comunque devastanti. Sulla superficie del mare si formò una macchia nera lunga 37 chilometri e larga 200 metri di cui parte si riversò poi sulle coste. Si stimò che il danno provocato fu di circa 300 milioni di euro di cui 43 solo per la pulizia delle coste, 200 per i crediti agevolati e 50 di indennizzo ai sette mila pescatori durante i sei mesi  (ottimisticamente previsti) necessari per il ritorno alla normalità.

il relitto della Haven

Un altro incidente gravissimo avvenne nel Mar Ligure, nel Mar Mediterraneo, da parte  della petroliera Haven.  Era il 1991 quando, presso Arenzano-Voltri (Genova) si verificò l’affondamento della grande nave causando il versamento di migliaia di tonnellate di petrolio in mare. Dopo oltre vent’anni, l’inquinamento è ancora palpabile e cinquantamila tonnellate di greggio risultano ancora disperse sui fondali. La relazione dell’Icram (Istituto Centrale di Ricerca sul Mare), consegnato al magistrato Luigi Cavadini Lenuzzi fu chiara:
«Le ispezioni condotte hanno evidenziato che gli idrocarburi versati in mare dalla Haven hanno colpito in particolare il litorale compreso tra Vesima e Varazze … Sulle spiagge tra Arenzano e Cogoleto si è rilevata l’infiltrazione di idrocarburi nella sabbia, sino a profondità superiori a 30 centimetri … Le numerose scogliere, pennelli artificiali e opere portuali hanno costituito siti di accumulo di residui del greggio versato, solo parzialmente bonificati».

marea-nera

La situazione sulla verticale del luogo dell’affondamento è ancora più grave. Furono ritrovati sul fondo strati di catrame provenienti dal relitto ad una profondità di oltre 400 metri. Sicuramente un lento e costante inquinamento del Mar Ligure i cui effetti sono ancora presenti in molte specie ittiche bentoniche locali. Le conseguenze sanitarie ed ecologiche sull’ambiente sono forse ancora da valutare pienamente.In quel tragico mattino del 13 aprile 1991 sulla superpetroliera, a causa di un esplosione interna, si generò un incendio che creò un surriscaldamento delle cisterne interne ed ulteriori esplosioni. Dopo la fase iniziale di incendio del combustibile versato in mare, la nave venne trainata al largo di Arenzano grazie ad una fortunata serie di coincidenze (mare calmo, assenza di vento).

Haven

La maggior parte del combustibile fu esaurito dalla combustione che durò più giorni. Alla fine, il relitto affondò e si trova oggi su un fondale di circa ottantacinque metri nelle acque antistanti il comune di Arenzano (Genova). Si tratta del più grande relitto visitabile dai subacquei del Mediterraneo ed uno dei più grandi al mondo. L’affondamento causò la perdita di migliaia di tonnellate di petrolio che almeno in parte, nelle sue componenti più dense, ancora oggi permangono nei fondali marini antistanti Genova. Va sottolineato che fu solo grazie alla prontezza del Comandante della Guardia Costiera di Genova che si evitò il peggio. I mezzi anti incendio furono in grado di contenere il petrolio fuoruscito in mare (ed in fiamme) utilizzando barriere di contenimento (panne) per circoscrivere l’area e recuperare parte del greggio versato. L’incidente della Haven fu il più grave disastro ecologico nel mar Mediterraneo e si stima che nell’incidente bruciarono circa 90.000 tonnellate di petrolio.

Ma non sempre sono incidenti
6._Fuoriuscita_di_petrolioNella carrellata degli insulti ambientali che purtroppo continuano ad affliggere il nostro mare dobbiamo menzionare anche quelli intenzionali, ovvero causati dagli sversamenti volontari ed illegali da parte delle navi mercantili. Si tratta di una pratica illecita, che viene in genere effettuata nelle ore notturne, dovuta al lavaggio delle cisterne in alto mare da parte dei mercantili o allo scarico delle loro sentine in navigazione.

Tutte azioni criminali che, nonostante il continuo controllo da parte della Guardia Costiera,  necessitano una pronta segnalazione alle Autorità da parte di chi le scopre.

 

concordia_sat

rilevamento dell’incidente della Costa Concordia tramite satellite

La tecnologia ci aiuta
Per fortuna, i movimenti delle navi mercantili sono oggi costantemente ed accuratamente monitorati dai mezzi delle forze dell’ordine e, in particolare, dalle Guardie Costiere, che utilizzano per la sorveglianza navi ed mezzi aerei da ricognizione. 

Il controllo del traffico marittimo è oggigiorno facilitato da numerosi sistemi elettronici di sorveglianza come l’A.I.S., il VMS e dalle sempre più efficienti reti satellitari che saranno parte, si spera in un quanto più prossimo futuro, di una federazione di sistemi satellitari per assicurare la sicurezza marittima.

Questi sistemi consentono già oggi la valutazione costante di quella situazione marittima necessaria per l’ottimizzazione dell’impiego dei sempre troppo limitati mezzi di soccorso navali ed aerei disponibili.  Il traffico mercantile viene seguito, 24 ore su 7 giorni, allo scopo di intervenire prontamente in caso di emergenza. La sorveglianza consente, qualora si verifichino situazioni sospette come quelle del travaso illegale di acque di sentina, di agire prontamente con i mezzi anti inquinamento e procedere legalmente  sulle compagnie di navigazione punendo severamente i colpevoli.

CMS COPER 2

Sebbene le leggi  esistano e le pene siano molto severe,  il contenzioso non è sempre facile anche perché il danno in alto mare non può sempre essere valutato pienamente.

In sintesi, si tratta di un lotta senza fine per prevenire e combattere questi fenomeni criminali che colpiscono l’inconsapevole cittadino, causando ricadute sanitarie ed economiche importanti. Le forze dell’ordine fanno quello che possono ma si tratta di una guerra senza frontiere in un mare vasto e difficilmente controllabile a causa della limitatezza di mezzi a disposizione. Non si tratta quindi di un vuoto normativo ma di una effettiva carenza di Uomini e Mezzi che necessiterebbe di una maggiore attenzione a livello politico.

Le leggi ci sono
Recentemente, in Italia, è stata approvata una modifica legislativa che introduce nel codice penale nuovi delitti contro l’ambiente, nello specifico: l’inquinamento ed il disastro ambientale, il traffico ed abbandono di materiale ad alta radioattività, l’impedimento del controllo ed omessa bonifica. 

In particolare, il nuovo articolo 452-bis del codice penale, entrato in vigore il 29 maggio 2015, punisce per il reato di inquinamento ambientale, con la reclusione da 2 a 6 anni e con la multa da 10.000 a 100.000 euro, chiunque abusivamente cagioni una compromissione o un deterioramento “significativi e misurabili” dello stato preesistente “delle acque o dell’aria, o di porzioni estese o significative del suolo e del sottosuolo” o “di un ecosistema, della biodiversità, anche agraria, della flora o della fauna

Per questo tipo di reati sono inoltre previste delle aggravanti; se gli eventi lesivi derivati dal reato siano plurimi, ed a carico di più persone, può essere applicata la pena che dovrebbe infliggersi per il reato più grave aumentata fino al triplo, fermo restando tuttavia il limite di 20 anni di reclusione.

Nel caso di disastro ambientale è prevista la reclusione da 5 a 15 anni qualora si abbia un’alterazione irreversibile dell’equilibrio di un ecosistema la cui eliminazione risulti particolarmente onerosa e conseguibile solo con provvedimenti eccezionali. Il disastro ambientale è aggravato se commesso in un’area protetta (ad esempio un parco  o un A.M.P.) o sottoposta a vincolo o in danno di specie animali o vegetali protette.

 

In sintesi
La legge c’è ed ora bisogna applicarla senza sconti. Le forze dell’ordine, a cui va sempre il nostro rispetto e gratitudine, devono essere però supportate da un sempre maggiore senso civico e collaborazione dei cittadini e ricevere il giusto riconoscimento da parte della classe politica. Non li possiamo lasciare soli.

Solo per l’Italia
Per l’emergenza in mare è attivo il numero blu 1530, gratuito sul tutto il territorio italiano ed attivo 24 ore su 24 per 365 giorni all’anno.

Come usufruire del servizio?
Da 
Telefonia Mobile  o Fissa  contattando il 1530 si attiverà la Capitaneria di porto competente per giurisdizione. In caso di saturazione delle linee,  la chiamata sarà automaticamente smistata alla Centrale Operativa del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto che provvederà a raccogliere i dati e comunicarli alla Capitaneria competente.

Responsabile del servizio di Telefonia Mobile
Ufficiale Capo della Centrale Operativa CV (CP) Andrea TASSARA​
Viale dell’Arte n.16 – 00144 Roma
Tel. 0659084527 – 0659084409 – Fax. 065922738

 

​E’ per questo che è molto importante essere vigili ed informare la Guardia Costiera prontamente di ogni sospetta alterazione o inquinamento dell’ambiente.

Il futuro oggi come sempre appartiene a  noi.

Andrea Mucedola

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 23.577 times, 4 visits today)
Share

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share