Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

La lunga strada per decifrare ENIGMA

Reading Time: 8 minutes

.

livello medio

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: incrociatore leggero tedesco Magdeburg, Arthur Scherbius, ENIGMA, Rejewski, U boot, Kriegsmarine, cifratura

 

La battaglia dell’Atlantico durante la seconda guerra mondiale, iniziò nel 1939 a seguito del blocco navale alleato della Germania, annunciato il giorno dopo la dichiarazione di guerra, e il successivo contro-blocco della Germania. Una battaglia senza esclusioni di colpo che vide contrapposti gli U-Boot e altre navi da guerra della Kriegsmarine tedesca contro le unità della Royal Navy e degli altri alleati, in protezione dei convogli provenienti dall’altro lato dell’Atlantico. Conoscere i movimenti dei mezzi tedeschi era diventata una priorità e l’Ammiragliato britannico decise di catturare a tutti i costi un modello della macchina cifrante ENIGMA in dotazione alle unità tedesche dell’ammiraglio Dönitz.
.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SCHERBIUS-BREVETTO.jpg

brevetto della cifrante ENIGMA di Arthur Scherbius, presentato il 24 gennaio del 1928 – US National Archives 1928 US patent 1,657,411 di Arthur Scherbius (deceduto 1929) File:Scherbius-1928-patent.png – Wikimedia Commons

.
La nascita di ENIGMA

La crittografia è una scienza matematica complessa, sviluppata sin dall’antichità da matematici e menti eccelse per studiare sempre nuovi sistemi di cifratura per proteggere le corrispondenze segrete dei loro signori. Il requisito di riservatezza divenne nel tempo una necessità comune e le tecniche di protezione sono oggi alla base della sicurezza informatica applicata nelle comunicazioni militari ma anche nelle transazioni commerciali bancarie. La trattazione della materia sarebbe troppo lunga per poterla raccontare in pochi articoli per cui, per chi volesse approfondire, suggerisco la lettura del libro Codici e Segreti di Simone Singh [1] che tratta l’argomento in maniera chiara ed esaustiva dalle origini ai giorni nostri. 

Mi concentrerò su ENIGMA, una macchina cifrante di successo inventata nel 1818 dall’ingegnere tedesco Arthur Scherbius in grado di generare una codifica automatica polialfabetica dei messaggi. In realtà, il suo principio di funzionamento non era innovativo in quanto era una versione elettromeccanica del disco cifrante di Leon Battista Alberti, un sistema di cifratura inventato secoli prima dal famoso architetto italiano. Per aumentare la pervietà della cifratura, Alberti aveva ideato una macchina composta da due dischi di rame di diametro diverso che riportavano lungo le loro circonferenze le lettere di un alfabeto in sequenza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-CIFRATURA-800px-Alberti_cipher_disk.jpeg

disco cifrante di Leon Battista Alberti; ad ogni lettera del disco esterna corrispondeva la lettera cifrata in quello interno – Fonte: De componendis cifris – Autore Augusto Buonafalce – the image has been prepared on March 18, 2008 Alberti cipher disk.JPG – Wikimedia Commons

.
I dischi, liberi di ruotare indipendentemente, mettevano in relazioni lettere diverse; ad esempio, alla lettera A del disco esterno poteva corrispondere la Y nel disco interno, e via di seguito.

La chiave, in questo caso, sarebbe stata semplicemente una lettera la Y (A su Y) e si sarebbe ottenuta una semplice sostituzione monoalfabetica, in cui ogni lettera del testo in chiaro sarebbe stata sostituita, nel testo cifrato, dalla lettera che si trovava un certo numero di posizioni dopo nell’alfabeto (un metodo di cifratura si dice inventato da Giulio Cesare).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cifratura-di-Caesare.png

Un sistema tutto sommato semplice da decifrare che però poteva essere reso più complicato utilizzando una cifratura polialfabetica. Ad esempio, nella prima riga, abbiamo l’alfabeto in chiaro, nella seconda abbiamo la prima lettera della chiave (una sequenza alfabetica delle lettere al contrario ovvero da Z a A), nella terza un alfabeto in cui la prima lettera è una N e poi prosegue sempre al contrario terminando con una O.

Nel nostro esempio, il cifratore decide di usare questi due alfabeti (Z e N) per la cifratura che sarà quindi polialfabetica, impiegando come riferimento alternato i due alfabeti.

Alfabeto chiaro A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Alfabeto ‘Z’ Z Y X W V U T S R Q P O N M L K J I H G F E D C B A
Alfabeto ‘N’ N M L K J I H G F E D C B A Z Y X W V U T S R Q P O

Nell’esempio, la chiave di cifratura “ZN” sarà usata per cifrare la parola “CIFRA”.  Cifreremo quindi la prima lettera “C” impiegando l’alfabeto Z, poi la seconda “I” questa volta utilizzando l’alfabeto N, per la “F” si tornerà all’alfabeto Z … e via così fini al termine della parola o della frase.

Chiave Z N Z N Z
Testo chiaro C I F R A 
Testo cifrato X F U W Z 

La stessa cosa poteva essere fatta con i dischi rotanti di Alberti, facendo combaciare le lettere nei diversi dischi in maniera alternata. Aumentando il numero delle chiavi (ovvero degli alfabeti), aumentava ovviamente la complessità di decifrazione.

La macchina cifrante di Arthur Scherbius, che venne chiamata ENIGMA, era quindi in grado di generare una codifica automatica polialfabetica dei messaggi introdotti, impiegando codici che, per aumentare la complessità,  venivano cambiati quotidianamente.

 ENIGMA consisteva, in estrema sintesi, in tre elementi principali:
– una tastiera, per inserire il testo in chiaro;
– un’unità che trasformava il testo dalla lettera originale alla lettera cifrata (attraverso uno scambiatore, detto anche rotore)
– un visore che indicava quale lettera inserire nel messaggio criptato. 

In parole semplici, ENIGMA faceva ruotare lo scambiatore in maniera automatica di un 26esimo di giro (per un alfabeto composto di 26 lettere) per cui la cifratura cambiava automaticamente dopo ogni lettera. Impiegando più scambiatori la complessità di cifratura numerica naturalmente aumentava.

Va compreso che la forza di ENIGMA non dipendeva dal dispositivo elettromeccanico ma dal suo settaggio all’inizio della cifratura.  Questo comportava che, per decifrare i messaggi, bisognava prima scoprire la chiave giornaliera tra milioni di miliardi possibili di combinazioni.

I Tedeschi impiegavano una chiave giornaliera, cambiata ogni giorno alla mezzanotte, ed inviavano prima del messaggio una seconda chiave, diversa per ciascun messaggio. Questo rendeva quindi impossibile la decifrazione con i metodi manuali in uso all’epoca.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Bundesarchiv_Bild_146-2007-0221_Kleiner_Kreuzer_Magdeburg-1024x622.jpg

Kleiner Kreuzer SMS Magdeburg (cartolina) – autore ignoto – Fonte Sammlung von Repro-Negativen (Bild 146) Bild 146-2007-0221 Bundesarchiv Bild 146-2007-0221, Kleiner Kreuzer Magdeburg.jpg – Wikimedia Commons

.La corsa per la decifrazione
Il caso aveva voluto che nel 1914, l’incrociatore leggero tedesco Magdeburg, in missione di posa di mine navali nel mar Baltico, durante una manovra evasiva, a causa dell’oscurità e della fitta nebbia, urtò il basso fondale nei pressi dell’isola di Osmussaar, rimanendo incagliato; i tentativi di disincaglio e rimorchio furono inutili e la nave fu bersagliata dal fuoco degli incrociatori russi. Il comandante Habenicht diede l’ordine di abbandonare la nave e di attivare le cariche per l’autoaffondamento. I Russi riuscirono però a prendere possesso del relitto, rinvenendo tra le braccia del cadavere  di un sottufficiale tedesco tre libri contenenti le chiavi di cifratura del sistema di codifica delle comunicazioni radio della flotta tedesca. Grazie a quel ritrovamento, i Russi furono così in grado di decifrare, anche se in parte, i messaggi della flotta del Kaiser. Conoscendo la superiorità britannica nel campo crittografico, Mosca inviò una copia dei codici alla Marina britannica. Questo contribuì non poco alle sorti del conflitto e, dopo la guerra, il controspionaggio tedesco dovette ammettere che l’intercettazione dei cifrari aveva contribuito pesantemente alla loro perdita.

Una lezione acquisita che segnò un punto a favore per la macchina ideata da Scherbius. Nonostante il costo della cifrante, nei due decenni seguenti le forze armate del Reich acquisirono 30.000 macchine cifranti ENIGMA di diverso tipo e le distribuirono ai comandi militari ma anche alle ambasciate. Una dotazione che non passò inosservata ai servizi segreti di tutto il mondo e che comportò un aumento degli sforzi per decifrare il traffico cifrato. In realtà, a causa del numero enorme di combinazioni ottenibili, i risultati risultarono scarsi (se non nulli) sempre a causa della necessità di conoscere i codici che venivano cambiati ogni giorno.
.

Il metodo teorico della decifrazione del primo sistema ENIGMA si deve alla Polonia
I migliori nel campo si rivelarono i crittografi polacchi del Biuro Szyfròw che, negli anni ‘30, grazie all’aiuto dello spionaggio francese, dopo una brillante operazione di corruzione di un funzionario tedesco, ottennero degli importanti documenti segreti inerenti ENIGMA che permisero di realizzare una replica della versione militare. Un passo avanti ma ancora non sufficiente a causa delle diverse possibilità offerte dalle chiavi di cifratura, un numero enorme praticamente non decifrabile in tempi brevi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Marian_Rejewski.jpg

Marian Adam Rejewski, matematico e crittografo polacco, nel 1932 riuscì  per la prima volta a decifrare i messaggi tedeschi criptati con la macchina Enigma ideata da Arthur Scherbius. Rejewski si avvalse delle preziose informazioni segrete passate dai francesi ai polacchi, ottenute da un traditore tedesco,  nome in codice Asche, in realtà Hans-Thilo Schmidt, in cambio di denaro –  Fonte: Stanisław Strumph Wojtkiewicz (1978) Sekret Enigmy – autore foto non noto –  File:Marian Rejewski.jpg – Wikimedia Commons

.
Un passo avanti lo realizzò il matematico polacco, Rejewski che realizzò una macchina in grado di trovare “autonomamente e rapidamente” le possibili 17.576 posizioni dei rotori della macchina cifrante. In pratica automatizzando il meccanismo di decrittazione precedentemente frutto di prove interminabili con carta e matita.

La decifrante di Rejewski necessitava di sei macchine, lavoranti in parallelo, per rappresentare tutti i possibili assetti di ENIGMA.  Questo consentiva all’epoca di decifrare la chiave giornaliera in un paio di ore. Le singole unità erano chiamate “bombe”, un soprannome datogli per il ticchettio che emettevano passando da un assetto all’altro durante le operazioni di calcolo. In parole semplici, le “bombe” consentivano l’automazione del processo di analisi crittografica in opposizione all’automazione del processo crittografico fornito da ENIGMA.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Bomba_realizzata-da-Rejewki-561x1024.jpg

Schema della apparecchiatura crittografica di Rejewski in seguito chiamata Bomba. Per chiarezza, viene mostrato solo un set di tre rotori (1) mentre in realtà, ce ne erano sei. I rotori erano mossi da un motore elettrico (2) con il numero 3 gli interruttori delle lettere. Sebbene le prestazioni risultarono per l’epoca eccezionali, il costo delle macchine era elevato e pochi si potevano permettere una spesa simile.

La capacità della macchina di decifrazione realizzata da Rejewski funzionò fino al 1938 quando i Tedeschi modificarono la sicurezza di ENIGMA portando le originali combinazioni da 6 a 60. In pratica, sarebbe stato necessario avere 60 “bombe” per poter coprire la capacità di calcolo necessaria. Ma non finì qui; poco dopo i Tedeschi aumentarono nuovamente la complessità del sistema, arrivando ad un numero di chiavi di 159 miliardi di miliardi.

Fine I parte – continua 

Andrea Mucedola


in anteprima: un modello Enigma – Fonte National World War II Museum, New Orleans – autore  ironypoisoning
National WWII Museum Dec 2015 – Enigma machine up close.jpg – Wikimedia Commons

          

Riferimenti

[1] Simon Singh, Codici & segreti, Rizzoli editore, Milano, 1999, ISBN 88-17-86213-4

Alberti, Leon Battista, Dello scrivere in cifra, (De componendis cyfris) trad. it. di M. Zanni. Prefazione di David Kahn, Galimberti Tipografi Editori, Torino 1994

Hugh Sebag-Montefiore, Enigma: The Battle for the Code, 2000, ISBN 0-7538-1130-8

Władysław Kozaczuk, Enigma: How the German Machine Cipher Was Broken, and How It Was Read by the Allies in World War Two, University Publications of America, 1984, ISBN 0-89093-547-5.  

F. H. Hinsley, et alii, British Intelligence in the Second World War: Its Influence on Strategy and Operations, volume 2, London, 1981

Winterbotham, Frederick. The Ultra Secret. London: Weidenfeld and Nicolson, 1974. ISBN 0-297-76832-8

http://www.uboatarchive.net/U-110A/U-110 GreenockReport.htm

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
.

PARTE I PARTE II

PARTE III PARTE IV

print
(Visited 301 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli per tutti

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico e non a fini di lucro, che pubblica articoli di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x